Bielorussia: dalle rivolte di questi giorni alla vita ‘nascosta’ della comunità LGBT

Il Paese non riconosce alcun diritto alle persone LGBT. Sono spettri, anche quando sono le vittime di vili attacchi.

bielorussia
Il presidente della Bielorussia Lukashenko.
2 min. di lettura

La Bielorussia e in particolare il suo presidente (o dittatore), Aleksander Lukashenko, stanno dando il meglio di sé, in questi giorni. Le elezioni del 9 agosto lo hanno riconfermato ancora una volta, come accade dal 1994. Ma questa volta, i brogli sono palesi e la popolazione non ci sta più. Ed è scesa in piazza a protestare.

E mentre la Polizia ha caricato i manifestanti, arrestandoli e torturandoli secondo molte testimonianze, Lukashenko sembra non preoccuparsene, almeno esteriormente. Ma sa bene che le manifestazioni stanno bloccando l’economia del Paese, il mondo intero lo guarda, arriveranno presto delle sanzioni. E sa bene che deve prendere tempo. Per questo ha aperto a nuove elezioni (ma dopo alcune riforme costituzionali).

Ma Aleksander Lukashenko dal 1994 gioca con la Bielorussia. E con i suoi abitanti. Anche quelli LGBT.

La Bielorussia e il dittatore Lukashenko non sono affatto clementi con la nostra comunità. Le persone LGBT devono rimanere nascoste. Nel 2012, Lukashenko ha ribattuto al ministro degli Esteri tedesco (apertamente omosessuale) Guido Westerwelle “meglio dittatore che gay“. Un presidente che non ha alcuna intenzione di pensare alle persone LGBT, che in Bielorussia è come se non esistessero. Nessuna tutela, nessun riconoscimento. L’omosessualità, sebbene legale proprio dal 1994, è considerata dalla maggioranza una malattia psichiatrica. Se decidi di vivere la tua sessualità alla luce del sole, devi abituarti a molestie, discriminazioni e botte.

Dall’inesistenza della comunità LGBT agli attacchi nella Bielorussia omofoba

Lo stato è contro la comunità LGBT. I siti dedicati vengono periodicamente oscurati, nel 2003 un hacker ha bloccato diversi siti LGBT, inviando minacce di violenza fisica ad alcuni attivisti. Dal 1998 al 2002, era presente anche una rivista LGBT, bloccata poi dal Comitato Editoriale di Stato.

Dal 1999 al 2009, molti attivisti hanno cercato di organizzare una parata e degli incontri. Ma solamente 4 eventi si sono potuti tenere, nonostante le interferenze della Polizia e di gruppi di vandali omofobi, pronti a distruggere il duro lavoro delle associazioni (non riconosciute a livello statale).

Insomma, se da una parte la politica non intende fare nulla a favore della comunità LGBT, dall’altra lo Stato cerca addirittura di eliminarla, facendola sopravvivere a stento, di nascosto. Sono inesistenti per l’esercito, per la donazione del sangue. Una vita nascosta, che porta a un tasso di suicidio molto alto, senza nemmeno un aiuto psicologico per chi sceglie quella via. Ma per la Bielorussia, non ha importanza.

La testimonianza di Andrei

In una testimonianza, Andrei Zavalei ha raccontato cosa significa vivere in Bielorussia da omosessuale.

Andrei ha passato parte della sua vita nascosto. La paura di essere picchiato e magari ucciso non gli consentiva di sentirsi al sicuro. Solo nel 2014 è riuscito a uscire allo scoperto, conscio di quello che gli sarebbe successo. Perché proprio in quell’anno?

Per Mikhail Pishevski. Un ragazzo omosessuale. Viene picchiato, davanti a un locale, a maggio del 2014. Una furia cieca, che lo riduce in fin di vita. Resta in coma un mese, subisce un delicato intervento alla testa. Poi, rimane paralizzato. Funzioni vitali minime. Il suo corpo non ce la fa più nell’ottobre del 2015.

Per questo omicidio, il responsabile è condannato a 2 anni e 8 mesi, ma farà solamente 11 mesi di carcere.

Andrei, in ricordo di Mikhail, ha deciso di lottare. È pronto a subire tutte le discriminazioni e le violenze, ma vuole fare qualcosa per la sua Bielorussia. Perché vuole che il suo sia un Paese civile.

Una Bielorussia gay-friendly, insomma. È chiedere troppo?

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Sethu, è uscito il suo primo album "Tutti i colori del buio"

Sethu e i colori del buio: “Canto per tendere una mano a me stesso e agli altri, dopo Sanremo la depressione” – Intervista

Musica - Emanuele Corbo 17.5.24
queer palm, festival di cannes, i vincitori

Festival di Cannes. Tutti i film vincitori della Queer Palm dal 2010 ad oggi

Cinema - Gio Arcuri 17.5.24
15 persone famose che non sapevi fossero non binarie - 10 persone famose che non sapevi fossero non binarie - Gay.it

15 persone famose che non sapevi fossero non binarie

Corpi - Gio Arcuri 13.5.24
Cannes 2024, ecco i 17 film LGBTQIA+ in corsa per la Queer Palm - Block Pass - Gay.it

Cannes 2024, ecco i 17 film LGBTQIA+ in corsa per la Queer Palm

Cinema - Federico Boni 17.5.24
Sergio Mattarella 17 maggio giornata internazionale contro omofobia transfobia bifobia

17 maggio, Mattarella contro l’omobitransfobia: “Non è possibile accettare di rassegnarsi alla brutalità”

News - Redazione 17.5.24
Essere gay e candidarsi come sindaco in provincia, attacchi omofobi a Riccardo Vannetti: "La risposta è l'educazione alle diversità" - INTERVISTA - riccardo vannetti - Gay.it

Essere gay e candidarsi come sindaco in provincia, attacchi omofobi a Riccardo Vannetti: “La risposta è l’educazione alle diversità” – INTERVISTA

News - Francesca Di Feo 17.5.24

Continua a leggere

Salerno, aggressione omofoba al grido "ricchi*ne, uomo di merd*, clandestino di merd*” - Omofobia 10 - Gay.it

Salerno, aggressione omofoba al grido “ricchi*ne, uomo di merd*, clandestino di merd*”

News - Redazione 3.5.24
pro-vita-manifesti-como-brescia

Pro Vita e Famiglia, nuovi manifesti “anti-gender” a Como e Brescia: la risposta di Arcigay

News - Francesca Di Feo 6.1.24
Emanuele Pozzolo il post omofobico ai tempi dell'approvazione delle unioni civili. Nella foto insieme a Giorgia Meloni che lo scelse nelle liste elettorali del 25 Settembre 2022.

Emanuele Pozzolo, scelto da Meloni: ecco il post omofobico contro le unioni civili

News - Redazione Milano 3.1.24
Insulti a Carolina Morace dopo l'annuncio della candidatura alle europee: "Pedofila devi stare in carcere" - Carolina Morace - Gay.it

Insulti a Carolina Morace dopo l’annuncio della candidatura alle europee: “Pedofila devi stare in carcere”

News - Redazione 2.5.24
Russia LGBTQI+ Repressione 2023 - foto di Politico.com (2015)

Russia, irruzione della polizia nei bar e club LGBT di Mosca, arresti

News - Redazione Milano 2.12.23
orban ungheria

Come l’Ungheria è diventata illiberale, Orban e l’attacco alla democrazia

News - Lorenzo Ottanelli 1.2.24
Enzo Miccio e il potente monologo contro l'omofobia: "Siate fieri, sempre, perché siete unici e autentici" (VIDEO) - Enzo Miccio - Gay.it

Enzo Miccio e il potente monologo contro l’omofobia: “Siate fieri, sempre, perché siete unici e autentici” (VIDEO)

Culture - Redazione 24.4.24
Torino, in 20 aggrediscono la drag La Myss: "È stato di sicuro un attacco a sfondo omofobo" - la myss - Gay.it

Torino, in 20 aggrediscono la drag La Myss: “È stato di sicuro un attacco a sfondo omofobo”

News - Redazione 9.1.24