Nel Caravaggio di Michele Placido la dibattuta omosessualità del Maestro è ancor meno di un’Ombra

Annunciato come "film scandalo", l'Ombra di Caravaggio ha tristamente ricordato "l'auto-censura" tv Rai del 2008. Nulla a che vedere con il capolavoro di Derek Jarman del 1986.

ascolta:
0:00
-
0:00
Nel Caravaggio di Michele Placido la dibattuta omosessualità del Maestro è ancor meno di un'Ombra - lombra di caravaggio3 - Gay.it
5 min. di lettura

Nel Caravaggio di Michele Placido la dibattuta omosessualità del Maestro è ancor meno di un'Ombra - lombra di caravaggio6 1 - Gay.it

Michelangelo Merisi, pittore maledetto da tutti conosciuto come Caravaggio, da sempre affascina cinema e televisione. Dall’Amedeo Nazzari del 1941 all’Alessio Boni del 2008, passando per il Gian Maria Volonté del 1967 e l’indimenticabile Nigel Terry del 1986, diretto da Derek Jarman. Ora è Michele Placido, qui regista e attore nei panni del potente (e ambiguo) Cardinale Del Monte, ad indagare sulla vita e sulla misteriosa morte dell’artista, interpretato da un selvaggio e impetuoso Riccardo Scamarcio. Nel 2020 Placido annunciò un “film scandalo” su Merisi, da lui riletto come “Pasolini”, in funzione proprio della dibattuta e presunta omosessualità dell’artista.

Peccato che nel corso delle due ore di pellicola il regista si limiti a seminare semplici allusioni sulla chiacchierata bisessualità del pittore, mostrato in tutto e per tutto come tombeur de femmes, sciupafemmine con una disdicevole passione per i ragazzi più giovani. Un po’ quanto già visto in Rai nella criticata miniserie del 2008, che dipinse un Caravaggio convintamente eterosessuale. Intervistato da Ciak, lo stesso Placido ha ammesso di non essersi spinto troppo, per pudore, nelle scene omoerotiche di questo nuovo biopic, limitandosi a mostrare un solo bacio, sul finale, al famoso Francesco Boneri, meglio conosciuto con il soprannome di Cecco del Caravaggio, storico allievo, modello e soprattutto amante del Merisi da lui felicemente rappresentato in più e più opere.

Nel Caravaggio di Michele Placido la dibattuta omosessualità del Maestro è ancor meno di un'Ombra - lombra di caravaggio4 - Gay.it

L’Ombra di Caravaggio, ricchissima co-produzione italo-francese, esplora l’intricata e “maledetta” esistenza di Caravaggio, vera popstar del suo tempo, raccontato nelle sue profonde contraddizioni e nelle oscurità del suo tormento. Ribelle e inquieto, devoto e scandaloso, indipendente e trasgressivo, il Caravaggio di Placido è un’artista dal talento assoluto, una rockstar ante litteram costretta ad affrontare gli inquietanti risvolti di una vita spericolata, con le sue mille donne e i suoi demoni, tra genio e sregolatezza.

Ritenuto responsabile di un omicidio durante una rissa e condannato a morte per decapitazione, Caravaggiò passò anni in fuga, a Napoli prima e a Malta successivamente sotto la protezione dei Colonna pur di scampare alla pena capitale, per poi morire ad appena 38 anni, il 18 luglio 1610, affaticato e malato di febbre alta. Nel corso dei secoli si è dibattuto sulla sua morte, a quanto pare causata da brucellosi o saturnismo, dovuto alla presenze di piombo e arsenico nei colori impiegati per le opere d’arte. C’è poi chi, a conclusione di una rilettura di documenti dell’archivio di Stato e dell’Archivio Vaticano, parla di omicidio da parte di emissari dei cavalieri di Malta, con il tacito assenso della Curia Romana. Versione cavalcata proprio da Placido, secondo cui Papa Paolo V decise di commissionare a un agente segreto del Vaticano una vera e propria indagine, per capire se concedere la grazia che il pittore chiedeva dopo la sentenza di condanna a morte.

Nel Caravaggio di Michele Placido la dibattuta omosessualità del Maestro è ancor meno di un'Ombra - lombra di caravaggio - Gay.it

Merisi non seguiva le regole dettate dal Concilio di Trento, che tracciava le coordinate esatte nella rappresentazione dell’arte sacra, utilizzando prostitute, ladri e vagabondi per i propri dipinti sacri. Era ossessionato dal vero e dalla sua autentica rappresentazione. Un qualcosa di sacrilego, amato e venerato dal popolo ma contestato dal Vaticano, tanto affascinato quanto spaventato dall’arte del pittore. L’Ombra del titolo della pellicola non è altro che il nome di questo devoto investigatore, interpretato da un monoespressivo Louis Garrell, che avvia le proprie attività di inchiesta e spionaggio per indagare su Michelangelo, da sempre vittima dei propri tormenti, della propria arte, che all’epoca rivoluzionò il mondo della pittura.

Placido ha realizzato un Caravaggio in stile Sherlock Holmes di Guy Ritchie, rendendolo il più possibile contemporaneo, ad uso e consumo di un pubblico assetato di docu-crime, thriller e misteri, edulcorando solo e soltanto il lato omosessuale dell’artista. Un’auto-censura inspiegabile, alle soglie del 2023, che va ben oltre la rappresentazione sessuale. Perché Placido spoglia donne e uomini, seminando amplessi e nudità ad ampio raggio. Ma solo e soltanto di stampo eteosessuale. Una visione democristiana di un uomo che viene mostrato in tutte le sue mille sfaccettature, tranne una. Quella evidentemente più complessa da inquadrare per Placido, 76 anni e sentirli tutti.  L’unica castigatezza che il regista si concede è legata al Caravaggio non eterosessuale, cedendo al minimo indispensabile, alle briciole di pane su una tavola imbandita di ogni leccornia, ad un casto bacio finale e ad accuse di pederastia a mezza bocca, all’interno di un set che ha abbracciato anche Isabelle Huppert (nei panni di Costanza Colonna), Micaela Ramazzotti, Tedua, Vinicio Marchioni, Lolita Chammah, Alessandro Haber e Carlo Gabardini, eccentrico e bohemién Onorio Longhi.

Michele D’Attanasio, già due David vinti, lavora con efficacia sulla fotografia che doverosamente spazia tra il lume di candela e il chiaroscuro caravaggesco, con le scenografie di Tonino Zera, il trucco di Luigi Rocchetti e i costumi Carlo Poggioli a dare credibilità ad un’Italia di fine 1500 inizio 1600, laida, violenta, viziosa e carnale, piegata alla devozione nei confronti della potente Curia romana a sua volta assediata dalla dottrina di Martin Lutero.

L’Ombra di Caravaggio oscilla tra alti e bassi, con potenti scene (Giordano Bruno interpretato dal sempre ottimo Gianfranco Gallo su tutti) che si alternano a momenti più tipicamente televisivi, ridando forza al crudo mito di un uomo che diede forma alla pittura moderna, pennellando meraviglie tra uno scandalo e l’altro, un arresto e una condanna, una prostituta da trasformare in Maria Maddalena e un ragazzo con cui giacere. Aspetto, quest’ultimo, che Placido ha volutamente e dichiaratamente omesso, gettando un’ombra sul film e sulla memoria di un gigante della storia dell’arte.

Nel Caravaggio di Michele Placido la dibattuta omosessualità del Maestro è ancor meno di un'Ombra - lombra di caravaggio7 1 - Gay.it

Nel Caravaggio di Michele Placido la dibattuta omosessualità del Maestro è ancor meno di un'Ombra - DSC0261 Huppert Foto Credit Luisa Carcavale - Gay.it

Nel Caravaggio di Michele Placido la dibattuta omosessualità del Maestro è ancor meno di un'Ombra - DSC5358 Scamarcio Foto Credit Luisa Carcavale - Gay.it

Nel Caravaggio di Michele Placido la dibattuta omosessualità del Maestro è ancor meno di un'Ombra - DSC1844 Placido Foto credit Luisa Carcavale - Gay.it

Nel Caravaggio di Michele Placido la dibattuta omosessualità del Maestro è ancor meno di un'Ombra - DSC3532 Huppert Foto Credit Luisa Carcavale - Gay.it

Nel Caravaggio di Michele Placido la dibattuta omosessualità del Maestro è ancor meno di un'Ombra - DSC2183 Garrel Foto credit Luisa Carcavale - Gay.it

Nel Caravaggio di Michele Placido la dibattuta omosessualità del Maestro è ancor meno di un'Ombra - DSC5747 Scamarcio Foto Credit Luisa Carcavale - Gay.it

Nel Caravaggio di Michele Placido la dibattuta omosessualità del Maestro è ancor meno di un'Ombra - DSC5790 Scamarcio Ramazzotti Foto Credit Luisa Carcavale - Gay.it

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Dennis Gonzalez, il nuotatore artistico fresco di trionfo europeo che ha sconfitto anche l'omofobia - Dennis Gonzalez - Gay.it

Dennis Gonzalez, il nuotatore artistico fresco di trionfo europeo che ha sconfitto anche l’omofobia

Corpi - Redazione 13.6.24
Mahmood RA TA TA - Il velo e anche la tuta sono del brand palestinese Trashy Clothing

Mahmood fa “RA TA TA” con un velo palestinese che ha un significato

Musica - Mandalina Di Biase 13.6.24
Tiziano Ferro ospite di Voci Parallele

Giuni Russo “Voci Parallele”: Tiziano Ferro, Irene Grandi e tutti gli ospiti del concerto in ricordo di un’artista immensa

Musica - Emanuele Corbo 12.6.24
Mahmood Ra Ta Ta e marijuana

Mahmood RA TA TA, bimbi senza mamma, una faccia mulatta e la marjuana

Musica - Emanuele Corbo 14.6.24
Prisma 2 Andrea Daniele scena sesso Lorenzo Zurzolo Mattia Carrano 01

Prisma 2, spoiler: la scena di sesso tra Andrea e Daniele non è gay, Bessegato: “Non sono una coppia gay”

Serie Tv - Mandalina Di Biase 11.6.24
Tormentoni Queer estate 2024

Estate 2024, quali sono i tormentoni queer? La playlist di Gay.it

Musica - Luca Diana 4.6.24

I nostri contenuti
sono diversi

Trace Lysette e Colman Domingo celebrati da The Human Rights Campaign per il loro attivismo LGBTQIA+ - Colman Domingo e Trace Lysette - Gay.it

Trace Lysette e Colman Domingo celebrati da The Human Rights Campaign per il loro attivismo LGBTQIA+

Culture - Redazione 5.2.24
I film LGBTQIA+ della settimana 8/14 gennaio tra tv generalista e streaming - film tv gennaio - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 8/14 gennaio tra tv generalista e streaming

Culture - Redazione 8.1.24
I film LGBTQIA+ della settimana 19/25 febbraio tra tv generalista e streaming - film 2024 - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 19/25 febbraio tra tv generalista e streaming

Cinema - Federico Boni 19.2.24
Lovers Film Festival 2024 a Torino dal 16 al 21 aprile al grido "il Cinema ti muove e ti commuove" - image006 - Gay.it

Lovers Film Festival 2024 a Torino dal 16 al 21 aprile al grido “il Cinema ti muove e ti commuove”

News - Redazione 18.1.24
The Visitor, recensione. Il Teorema politico, depravato e sovversivo di Bruce LaBruce - OFF The Visitor 05 - Gay.it

The Visitor, recensione. Il Teorema politico, depravato e sovversivo di Bruce LaBruce

Cinema - Federico Boni 18.4.24
Scream 7 sarà diretto dal suo creatore Kevin Williamson. E torna Neve Campbell! - Scream - Gay.it

Scream 7 sarà diretto dal suo creatore Kevin Williamson. E torna Neve Campbell!

Cinema - Redazione 13.3.24
Challengers, recensione. Il travolgente ed eccitante triangolo omoerotico di Luca Guadagnino - TIRE TOWN STILLS PULL 230607 002 RC - Gay.it

Challengers, recensione. Il travolgente ed eccitante triangolo omoerotico di Luca Guadagnino

Cinema - Federico Boni 12.4.24
Will & Harper, il doc on the road con Will Ferrell che racconta la transizione della sua amica Harper Steele - Will ill e Harper - Gay.it

Will & Harper, il doc on the road con Will Ferrell che racconta la transizione della sua amica Harper Steele

Cinema - Redazione 22.1.24