Close di Lukas Dhont, una dolorosa sinfonia emotiva tra carezze d’amore e schiaffi di omofobia

4 anni dopo il folgorante Girl, il 31enne Lukas Dhont torna al cinema con un altro straordinario film.

ascolta:
0:00
-
0:00
Close di Lukas Dhont, una dolorosa sinfonia emotiva tra carezze d'amore e schiaffi di omofobia - close lukas dhont - Gay.it
4 min. di lettura

Close di Lukas Dhont, una dolorosa sinfonia emotiva tra carezze d'amore e schiaffi di omofobia - poster close lukas dhont - Gay.it

31 anni appena, Lukas Dhont è senza ombra di dubbio uno degli astri nascenti della cinematografia internazionale. Nel 2018 esordiente con Girl, sbancò Cannes con Queer Palm, Caméra d’or e premio Fipresci. Nel 2022 è tornato sulla Croisette con Close e al debutto in Concorso si è portato a casa un più che meritato Grand Prix Speciale della Giuria, puntando ora gli Oscar del 2023. Il tema dell’accettazione di sè puntualmente segnata dal bullismo adolescenziale già abbracciato in Girl torna con Close prepotentemente in scena grazie all’amicizia fraterna tra Leo e Remi, tredicenni da sempre inseparabili.

Dormono insieme fianco a fianco, giocano e fantasticano tutti i pomeriggi, corrono in bici come pazzi, ridono e scherzano, guardandosi intensamente tra silenzi imbarazzati che ingenuamente parrebbero non cogliere quel sentimento inedito e reciproco, sconosciuto, fino a quel momento mai espresso. Poi tutto improvvisamente cambia con il primo anno di scuola, tra nuovi compagni di classe che da subito chiedono loro se siano una coppia. Se siano fidanzati. Alle domande si sommano gli sfottò, gli insulti omofobi, che fanno sorgere crepe fino a quel momento mai neanche lontanamente prese in considerazione. Leo si chiude in sè stesso, sfugge da quell’immagine e si allontana da Remi, che non capisce cosa stia accadendo, perché l’amico di una vita ora lo eviti, fino alle più estreme e drammatiche delle conseguenze.

Close di Lukas Dhont, una dolorosa sinfonia emotiva tra carezze d'amore e schiaffi di omofobia - close - Gay.it

È un’opera dolcissima e al tempo stesso devastante, quella scritta e diretta da Dhont, bellissima e così delicata, dinanzi ad un tema tanto drammatico e dal facile ricatto morale. Un coming of age che riporta al cinema di Céline Sciamma, segnato dagli sguardi tra i protagonisti e dai grandi e azzurri occhi di un debuttante a dir poco stupefacente. Eden Dambrine, adolescente su cui Dhont poggia l’intero peso del film, affidandosi ciecamente a lui, al suo riuscire straordinariamente a trattenere emozioni, fino ad un pianto liberatorio che arriva solo e soltanto dinanzi ad un braccio rotto, come se ci volesse un dolore fisico per giustificare delle lacrime da cuore spezzato, da abbandono, amicizia infranta e senso di colpa, da identità probabilmente rifiutata.

Con Close, presentato alla Festa del Cinema di Roma nella sezione autonoma Alice nella Città, Dhont ha buttato giù una partitura emotiva che cresce costantemente di scena in scena, raccontando la storia di un’amicizia che appariva indistruttibile, inattaccabile, fino all’arrivo di una tossica mascolinità che si fa largo sin dai banchi di scuola, travolgendo i due protagonisti. Perché le parole fanno male, il più delle volte ancor più di un pugno. L’esuberante Léo fatica a digerire l’etichetta di omosessuale appena accennata al suo primo giorno in classe, iniziando così a fare sport considerati ‘virili’ come l’hockey sul ghiaccio e il calcio, allontanandosi dal dolce e più riflessivo Remi, interpretato da un altrettanto bravissimo Gustav De Waele, sorriso abbagliante che nasconde fragilità mai esplicitate e tenerezza nello sguardo.

Close di Lukas Dhont, una dolorosa sinfonia emotiva tra carezze d'amore e schiaffi di omofobia - close lukas dhont foto - Gay.it

L’orientamento sessuale dei due 13enni non diventa mai l’asso centrale della pellicola, perché da loro stessi ancora probabilmente mai del tutto colto e perché è proprio l’accettazione di quell’etichetta, propria e altrui, a segnare l’esistenza di due famiglie, di una madre che non riesce a capire, di un padre che fatica ad andare avanti, di un ragazzino che si nasconde dietro un tormento indicibile, chiudendosi a riccio all’interno di un’armatura scura che possa proteggerlo dal lacerante dolore. Quella profonda amicizia per anni vissuta con assoluta spensieratezza e innocenza da parte di Leo e Remi viene improvvisamente intaccata dalla maliziosa ed esplicitata rilettura dei compagni di classe, che a parole evidenziano bruscamente ciò che gli stessi Leo e Remi non hanno ancora forse del tutto colto, perché nient’altro che pre-adolescenti che giocano tra i colorati campi in fiore con un bastone di legno, sfiancandosi di corse e risate.

Emile Dequenne, Léa Drucker e Kevin Janssens completano un cast in stato di grazia, a conferma dell’invidiabile capacità di Dhont nel condurre i propri attori, giovani o adulti che siano, all’interno di un quadro che ritrae sentimenti contrastanti, rappresentantivi di una generazione ancora oggi segnata dal bullismo, frenata dall’odio gratuito, dallo sfottò da branco, da un’omologazione che si tramuta in derisione se non pubblicamente ostentata. L’identità è al centro di un dramma che abbraccia la paura di sè e del giudizio altrui, fragilità  e rimpianti, l’elaborazione di una perdita, disperazione e perdono.

Visivamente potente, diretto con grazia e straordinariamente emozionante, Close, in arrivo in Italia nel 2023, è senza ombra di dubbio uno dei migliori film dell’anno.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Fedez annuncia apertura canale OnlyFans

Fedez cede a OnlyFans e apre il suo canale: “Mi consigliano di ripulirmi l’immagine e faccio il contrario”

News - Emanuele Corbo 21.6.24
Calciatori Gay Coming Out - Rosario Coco di Out Sport spiega perché non bisogna forzare

Calciatori gay in Nazionale, calciatori gay ovunque: perché non bisogna forzare

Lifestyle - Giuliano Federico 20.6.24
Ivan Codrian per @theshamelessfund

Jonathan Bailey lancia l’associazione di beneficenza LGBTQ+ “The Shameless Fund”

Culture - Luca Diana 21.6.24
Studente delle Filippine sgrida il Papa: "Smetta di usare un linguaggio omofobo. Fa male" (VIDEO) - Papa Francesco e Jack Lorenz Acebedo Rivera - Gay.it

Studente delle Filippine sgrida il Papa: “Smetta di usare un linguaggio omofobo. Fa male” (VIDEO)

News - Redazione 21.6.24
Tormentoni Queer estate 2024

Estate 2024, quali sono i tormentoni queer? La playlist di Gay.it

Musica - Luca Diana 4.6.24
Libri LGBTQIA+, le novità: di euforia, di santi, diavoli, altricorpi e femminielli - Matteo B Bianchi3 - Gay.it

Libri LGBTQIA+, le novità: di euforia, di santi, diavoli, altricorpi e femminielli

Culture - Federico Colombo 22.6.24

I nostri contenuti
sono diversi

Jacob Elordi candela Saltburn Barry Kehogan

Saltburn, arriva la candela con l’odore di Jacob Elordi ed è un fetish puntuale

Cinema - Redazione Milano 4.1.24
Rosso, bianco e sangue blu 2, il sequel è ufficiale. Tornano Nicholas Galitzine e Taylor Zakhar Perez - foto Rosso bianco e sangue blu 2 - Gay.it

Rosso, bianco e sangue blu 2, il sequel è ufficiale. Tornano Nicholas Galitzine e Taylor Zakhar Perez

Cinema - Redazione 10.5.24
"How to have sex", l’esordio di Molly Manning Walker: il mondo ci vuole espertə come adulti e inconsapevoli come bambini - Matteo B Bianchi 1 - Gay.it

“How to have sex”, l’esordio di Molly Manning Walker: il mondo ci vuole espertə come adulti e inconsapevoli come bambini

Cinema - Federico Colombo 17.4.24
I film LGBTQIA+ della settimana 15/21 gennaio tra tv generalista e streaming - film lgbt gennaio - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 15/21 gennaio tra tv generalista e streaming

Cinema - Federico Boni 15.1.24
I film LGBTQIA+ della settimana 27 maggio/2 giugno tra tv generalista e streaming - queer film - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 27 maggio/2 giugno tra tv generalista e streaming

Culture - Federico Boni 27.5.24
Liarmouth, Aubrey Plaza di The White Lotus nel primo film di John Waters dopo 20 anni - Aubrey Plaza - Gay.it

Liarmouth, Aubrey Plaza di The White Lotus nel primo film di John Waters dopo 20 anni

Cinema - Redazione 28.2.24
Ferzan Ozpetek al lavoro su un nuovo progetto: "Ci saranno tante attrici, tante donne" - Ferzan Ozpetek - Gay.it

Ferzan Ozpetek al lavoro su un nuovo progetto: “Ci saranno tante attrici, tante donne”

Cinema - Redazione 15.4.24
Lovers 2024, ospiti Paolo Camilli, Annagaia Marchioro e Guglielmo Scilla. In anteprima Lil Nas X: Long Live Montero - Lil Nas X - Gay.it

Lovers 2024, ospiti Paolo Camilli, Annagaia Marchioro e Guglielmo Scilla. In anteprima Lil Nas X: Long Live Montero

Cinema - Redazione 19.3.24