DDL Zan in Senato, Letta: “Approviamolo, sì a modifiche mantenendo ciò che è fondamentale e importante”

A sei mesi dallo stop in Senato il Pd ha ridepositato un testo identico a quello precedente, chiedendo al Parlamento "di recuperare la ferita inferta al Paese" lo scorso ottobre.

ascolta:
0:00
-
0:00
DDL Zan in Senato, Letta: "Approviamolo, sì a modifiche mantenendo ciò che è fondamentale e importante" - DDL Zan senato - Gay.it
3 min. di lettura

Come annunciato nelle scorse settimane, il testo della legge contro l’omotransfobia, misoginia e abìlismo è stato ripresentato in Senato. Depositato, per ora, a poco più di sei mesi dalla tagliola che a Palazzo Madama aveva frenato il DDL, obbligandolo ad uno stop di 180 giorni. In conferenza stampa il segretario Pd Enrico Letta, Simona Flavia Malpezzi, Monica Cirinnà e Alessandro Zan hanno motivato questo ritorno in Senato con un testo identico a quello precedente, approvato alla Camera ma fermato dall’altro ramo del Parlamento. Nel farlo hanno anche lanciato le imminenti Agorà del Pd, che da nord a sud affronteranno proprio il tema dei diritti civili.

Quell’applauso di scherno, liberatorio, è impresso nella nostra memoria“, ha ricordato il segretario Pd Enrico Letta in riferimento ai senatori di centrodestra che esultarono al cospetto del sì alla tagliola. “Oggi vogliamo annunciare che la battaglia da noi politicamente mai abbandonata riprende con il deposito del DDL Zan nella sua versione originale. Il nostro obiettivo non è una bandiera, ma arrivare ad una legge che sia in grado di raggiungere l’obiettivo principale, ovvero difendere dai crimini d’odio”. “Essere di nuovo in Parlamento significa anche essere aperti ad una discussione con le altre parti politiche che abbiano voglia di arrivare ad una conclusione positiva. Crediamo che sia possibile e anche doveroso approvarlo entro la fine della legislatura. Sarebbe una sconfitta per il Paese se non portassimo a termine l’approvazione del DDL entro la fine della legislatura. Vogliamo arrivare ad una maggioranza che possa votare il DDL Zan con eventuali modifiche, che siano comunque in grado di mantenere tutto ciò che è fondamentale e importante”.

Letta ha rimarcato la distanza tra quei senatori che hanno stoppato il DDL Zan e la maggioranza degli italiani, che sondaggi alla mano sono favorevoli ad una sua approvazione, per poi lanciare le 3 specifiche Agorà aperte a tutti coloro che credono in questa legge. Il 14 maggio a Milano, il 21 maggio a Palermo e il 28 maggio a Padova. A detta del segretario Pd, qualcosa sarebbe cambiato rispetto allo stop in Senato dello scorso ottobre.

“Riteniamo che questo provvedimento vada oltre le logiche di maggioranza. Offriamo a tutto il Parlamento la possibilità di recuperare una ferita inferta al Paese dal Senato. Per noi il campo dei diritti è prioritario, fondamentale. Rispetto a sei mesi fa è cambiato il fatto che in quel momento c’è stato un precipitare della situazione che ha portato molti a non capire l’effetto che quel voto avrebbe avuto. Spero che oggi ci sia una maggiore disponibilità, non mettiamo ultimatum. Non ci muoviamo in una logica di sfida, ma di offerta a questo Senato”.

Va detto, che in 10 mesi appena di legislatura bisognerebbe passare il voto al Senato e anche alla Camera, con tempi sempre più stringenti e complicati da gestire.

Ripartiamo con l’iter del testo Zan perché il tema dei diritto è fondativo, valoriale, per il Partito democratico, i diritti sono il futuro del partito democratico“, ha precisato Monica Cirinnà, madrina delle unioni civili. “Sullo Zan faremo di tutto nonostante questa brutta e strana maggioranza. Faremo una legge per tuti per proteggere dai crimini di odio”. “La comunità trans è la più colpita e la più discriminata, ha bisogno di protezione”. “Per noi ottenere una legge è fondamentale. La riproponiamo così come è uscita dalla Camera perché per noi quello era un testo di mediazione buono, e anche perché speriamo in un miracolo. Chi l’ha già votata alla Camera potrebbe ripensarci e rivotarla in Senato, in modo tale che la 3a possibile lettura alla Camera vada più veloce”.

Non abbiamo dimenticato l’occasione persa per dare al Paese una legge contro i crimini di odio“, ha rilanciato la senatrice Simona Flavia Malpezzi. “Per questo, abbiamo deciso di ripresentare al Senato il ddl Zan e siamo aperti al confronto con tutte le forze politiche che, come noi, vogliono approvare una legge di civiltà. Sono, soprattutto, i più giovani a chiedere una risposta alla politica. Abbiamo il dovere di farlo. Siamo convinti che tutto si possa tenere insieme, dall’impegno per stare vicini alle famiglie e alle imprese, al tema dei diritti. Teniamo insieme tutto perché fa parte del dna del Partito Democratico“.

“Il Parlamento, in questi ultimi mesi di legislatura, dimostri che l’Italia sta dalla parte dell’Occidente dei diritti, della democrazia e della libertà“, ha concluso Alessandro Zan. “Questa è una legge completa che si occupa delle diverse forme di violenza e discriminazione. Finché c’è legislatura c’è speranza. Una legge contro i crimini d’odio esiste in tutta Europa tranne che in Italia, Ungheria e Polonia e l’Italia non può diventare l’Ungheria di Orban“.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Lux Pascal, la sorella di Pedro Pascal nel cast di Summer War. Sarà il suo primo film dopo il coming out - Lux Pascal e Pedro - Gay.it

Lux Pascal, la sorella di Pedro Pascal nel cast di Summer War. Sarà il suo primo film dopo il coming out

News - Redazione 23.2.24
Foto: SchiDechDaily

Parità di genere nella Preistoria? Le donne erano cacciatrici come gli uomini (e anche meglio!)

News - Redazione Milano 20.2.24
GLORIA! (2024)

Le ragazze ribelli di Gloria! Tutto sul primo sovversivo film di Margherita Vicario

Cinema - Redazione Milano 22.2.24
Ricky Martin: "Se avessi fatto coming out nel 1999 credo che non avrei avuto lo stesso successo" - Ricky Martin per GQ - Gay.it

Ricky Martin: “Se avessi fatto coming out nel 1999 credo che non avrei avuto lo stesso successo”

Culture - Redazione 23.2.24
Roberto Vannacci

Roberto Vannacci avrebbe truffato lo Stato secondo l’indagine della procura militare

News - Giuliano Federico 24.2.24
@giorgiominisini_

Giorgio Minisini contro gli stereotipi: perché essere maschio alfa, quando puoi stare bene? – L’intervista

Corpi - Riccardo Conte 21.2.24

I nostri contenuti
sono diversi

L’oblio oncologico è legge: un dialogo con l’attivista Laura Marziali - Sessp 11 - Gay.it

L’oblio oncologico è legge: un dialogo con l’attivista Laura Marziali

Corpi - Federico Colombo 28.12.23
padova-congresso-nazionale-arco-stonewall

Dallo Stonewall Inn a Padova: due ospiti d’eccezione per il terzo Congresso Nazionale ARCO

News - Francesca Di Feo 12.12.23
Rainbow Awards 2023, la 2a edizione dedicata a Michela Murgia. Tra i premiati Elly Schlein, Gualtieri ed Emma Bonino - Rainbow Awards 2023 - Gay.it

Rainbow Awards 2023, la 2a edizione dedicata a Michela Murgia. Tra i premiati Elly Schlein, Gualtieri ed Emma Bonino

Culture - Federico Boni 8.11.23
Roma, via libera del Comune a finanziamenti per sportelli d'ascolto e centri antidiscriminazione LGBTQIA+ - roma - Gay.it

Roma, via libera del Comune a finanziamenti per sportelli d’ascolto e centri antidiscriminazione LGBTQIA+

News - Redazione 19.12.23
L'estate italiana dell'omobitransfobia, Zan: "Il Governo Meloni è corresponsabile, chi lo nega è complice" - alessandro zan - Gay.it

L’estate italiana dell’omobitransfobia, Zan: “Il Governo Meloni è corresponsabile, chi lo nega è complice”

News - Federico Boni 8.9.23
Modifica legge federale Stati Uniti Gay.it

2023, l’anno nero per i diritti LGBTQIA+ negli Stati Uniti d’America

News - Redazione 27.12.23
uganda-carceri-torture-detenut-lgbtqia

Uganda, torture aberranti verso lǝ detenutǝ LGBTQIA+: sanzioni dagli USA

News - Francesca Di Feo 11.12.23
Rishi Sunak, bufera sulle parole transfobiche del premier inglese. L’attacco di Sam Smith - VIDEO - Rishi Sunak - Gay.it

Rishi Sunak, bufera sulle parole transfobiche del premier inglese. L’attacco di Sam Smith – VIDEO

News - Redazione 6.10.23