DDL Zan, riparte la battaglia: “Mercoledì 27 aprile lo ripresentiamo in Senato”

Scaduto lo stop di 6 mesi, l'annuncio di Alessandro Zan: "Se c'è la volontà politica, nulla è impossibile. Ho visto leggi discusse e approvate in poche settimane".

ascolta:
0:00
-
0:00
DDL Zan, riparte la battaglia: "Mercoledì 27 aprile lo ripresentiamo in Senato" - Alessandro Zan - Gay.it
Alessandro Zan
3 min. di lettura

Il 27 ottobre scorso il Senato ‘stoppava’ il DDL Zan, tra gli indecenti applausi della destra. Quello ‘stop’, che si pensava potesse essere una pietra tombale sulla legge contro l’omotransfobia, misoginia e abilismo, scadrà ufficialmente il 27 aprile, ovvero mercoledì prossimo. Un embargo di sei mesi figlio di una tagliola votata segretamente ormai prossimo alla scadenza, con il deputato Pd Alessandro Zan che ha annunciato l’imminente ritorno in Senato del suo provvedimento.

“Riprende la battaglia contro l’omotransfobia: Il ddl Zan sarà ripresentato dalle senatrici e dai senatori del Pd, mercoledì prossimo”, ha tuonato Zan a Giovanna Casadio de LaRepubblica. E non ci saranno modifiche, perché sarà riproposto “lo stesso testo, perché è quello che aveva avuto il via libera alla Camera a larga maggioranza, voluto da Pd, M 5 Stelle, Leu e anche da Italia Viva e da una parte di Forza Italia”.

Ma dinanzi ad un’identica maggioranza come si può immaginare un finale diverso, sei mesi dopo quel 27 ottobre che vide i senatori della Repubblica fermare il DDL? “Oggi la situazione è diversa“, sottolinea Zan. “La Lega è molto in difficoltà, e i trascorsi legami con Putin stanno logorando Salvini e le sue posizioni sovraniste. Siamo nel pieno di una guerra in Europa, dunque – togliendo i “benaltristi” che ci saranno sempre – la questione dei diritti è urgente e centrale. E mentre il Parlamento è inadempiente sulle leggi di civiltà come questa, che riguarda i crimini d’odio, le persone continuano ad essere oggetto di discriminazione e violenze non per quello che fanno, bensì per quello che sono, semplicemente perché esistono. La parità dei diritti è uno dei principi cardine della Costituzione, laddove recita che la Repubblica rimuove gli ostacoli alle disparità“.

Certo è che mancano solo undici mesi alla fine della legislatura, eppure Zan è sicuro che se ci fosse “la volontà politica, nulla è impossibile. Ho visto leggi discusse e approvate in poche settimane”. Peccato che il Governo non abbia mai fatto campagna nei confronti della legge contro l’omotransfobia, perché ddl parlamentare, con il premier Mario Draghi che a riguardo non ha mai espresso un’opinione. Ma il Partito Democratico sarebbe pronto ad accettare modifiche al DDL Zan, dopo averle a lungo giustamente rifiutate?

Alla Camera il ddl Zan è stato frutto di molte modifiche“, ha ricordato il deputato Pd. “Non è vero che da parte del segretario del Pd, Enrico Letta o da parte mia ci siano state posizioni rigide. La mediazione è il sale della democrazia. Non abbiamo però accettato che fosse tolta dal testo l’identità di genere che, secondo la stessa Corte costituzionale, è un diritto inviolabile delle persone. Togliere quel principio avrebbe avuto come effetto la discriminazione nei confronti delle persone transgender, e il ddl sarebbe risultato palesemente incostituzionale. Però ci sono possibilità di mediazione su altri articoli. Se c’è la volontà di portare a casa una legge, gli spazi di compromesso ci sono”.

Nel frattempo, il 14, il 21 e il 28 maggio a Milano, a Palermo e a Padova sono previste tre Agorà a sostegno della legge, per tornare a riempire anche le piazze d’Italia, senza dimenticare quell’Onda Pride che da nord a sud, isole comprese, chiederà a gran voce una legge contro l’omotransfobia.

Ma dinanzi ad una guerra nel cuore dell’Europa e alla crisi economica che ne consegue, il benaltrismo della destra è già pronto a riprendere forma. “Ma è proprio questo il momento di ribadire l’importanza di una legge di civiltà perché l’Italia è uno dei grandi Paesi dell’Occidente e difende i diritti, la democrazia e la libertà“, ha risposto Zan. “Voglio ricordare che il patriarca Kirill, molto vicino a Putin, per giustificare la guerra all’Ucraina ha usato l’argomento della crociata contro l’Occidente e la comunità Lgbt +“.

Tutto tristemente vero, per quanto da molti già dimenticato.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Giovanni Donzelli foto instagram @giovadonze

Giovanni Donzelli di Fratelli d’Italia, outing di sua moglie che spiega “È un marito etero”

Culture - Mandalina Di Biase 9.4.24
BigMama Concertone Primo Maggio 2024

BigMama inarrestabile diventa conduttrice per il Concertone del Primo Maggio

Musica - Emanuele Corbo 15.4.24
Emma Marrone e Nicolò De Devitiis, Le Iene

Emma Marrone a Le Iene: “Mi piacerebbe diventare madre. Ho 39 anni e tutti gli strumenti per esserlo”

Culture - Luca Diana 16.4.24
Angelina Mango è pronta per l'Eurovision Song Contest che si terrà a maggio in Svezia

Perché Angelina Mango può vincere Eurovision 2024

Musica - Emanuele Corbo 11.4.24
100% Italia, Dario e Giorgio sono tornati per Il Torneo dei Campioni. E volano in semifinale - Dario e Giorgio - Gay.it

100% Italia, Dario e Giorgio sono tornati per Il Torneo dei Campioni. E volano in semifinale

News - Redazione 17.4.24
“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Bad Bunny, Leto, Scilla, Carta, Camilli e altri - Specchio specchio delle mie brame la sexy gallery social vip - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Bad Bunny, Leto, Scilla, Carta, Camilli e altri

Culture - Redazione 16.4.24

I nostri contenuti
sono diversi

Alessandro Zan intervistato da Report a proposito del suo ruolo nell'ambito dell'organizzazione del Padova Pride Village

Inchiesta di Report su Alessandro Zan e il Padova Pride Village

News - Redazione Milano 10.12.23
Roberto Vannacci: "Avances da uomini in discoteca, senza saperlo ho corteggiato una donna trans" ( VIDEO) - Roberto Vannacci - Gay.it

Roberto Vannacci: “Avances da uomini in discoteca, senza saperlo ho corteggiato una donna trans” ( VIDEO)

News - Redazione 13.3.24
governo-sunak-lgbtqia

Regno Unito: come la destra del governo Sunak distrugge decenni di progressi LGBTIQ+

News - Francesca Di Feo 23.10.23
romania-unioni-civili

Romania in ritardo sul riconoscimento delle coppie omo, cresce l’estrema destra: l’allarme dellə attivistə

News - Francesca Di Feo 18.12.23
Elon Musk: "Chiedo ai gay di avere figli per il proseguimento della civiltà". Per la gioia di Meloni e Salvini - Giorgia Meloni a Montecitorio con Elon Musk - Gay.it

Elon Musk: “Chiedo ai gay di avere figli per il proseguimento della civiltà”. Per la gioia di Meloni e Salvini

News - Redazione 25.3.24
albania-diritti-lgbtqia

Albania, tutte le promesse non mantenute dal governo in ambito di diritti LGBTQIA+

News - Francesca Di Feo 5.1.24
Erika Hilton è la seconda deputata trans del Brasile.

“Avete il potenziale per cambiare”, così parla Erika Hilton, deputata trans* del Brasile

News - Redazione Milano 5.12.23
cover-meloni-africa

Vertice Italia-Africa e Piano Mattei: il Governo Meloni stringe accordi con 23 paesi che criminalizzano l’omosessualità

News - Francesca Di Feo 29.1.24