DDL Zan, Letta rilancia: “La battaglia continua, per noi è una missione”. Ma perché non andare oltre?

Parole apprezzate e apprezzabili che ahinoi cozzano con l'attuale realtà politica, perché in Senato i numeri continuano a non esserci.

DDL Zan, Letta rilancia: "La battaglia continua, per noi è una missione". Ma perché non andare oltre? - ENRICO LETTA - Gay.it
epa03683945 Italian Prime Minister Enrico Letta holds a press conference with French President Francois Hollande (not seen) after their meeting at the Elysee Palace, in Paris, France, 01 May 2013. EPA/YOAN VALAT
3 min. di lettura

Nel fine settimana è andata in scena l’Agorà “I diritti delle persone Lgbtqi+ nell’Italia che vogliamo”, promossa da Sergio Lo Giudice e Angelo Schillaci d’intesa con il Dipartimento Diritti del PD. Un’occasione di “ascolto” dopo la brusca battuta d’arresto imposta dal Senato della Repubblica al DDL Zan, costretto a sei mesi di stop dopo il sì alla tagliola diventato realtà a fine ottobre.

Enrico Letta, segretario Pd, si è preso l’impegno di una legge contro l’omotransfobia, da approvare il prima possibile. “La nostra battaglia continua: voglio assicurare tutti. Oggi il tema di confronto è anche di livello europeo. E allora il nostro impegno deve salire di tono ancora di più, ad ogni livello”, ha sottolineato Letta. “Questa battaglia è una missione che sentiamo importante per tutti noi, che travalica i confini del nostro ambito politico perchè è anche un tema di modernizzazione della società”.

Quanto accaduto in Senato“, ha continuato Letta, “è solo la tappa di una battaglia che arriverà al risultato positivo. La società è lì, più avanti. Noi saremo con questo grande avanzamento in una logica nazionale e europea. La battaglia è diventata una grande battaglia europea. L’Europa ci indica la strada su tanti temi ma su questo vive una battaglia durissima, con la sfida lanciata dalla Corte costituzionale e dal governo polacco e ungherese sul diverso concetto dei diritti, sull’uguaglianza e sulla famiglia”. “Se oggi il tema del confronto è di livello europeo, il nostro impegno deve salire ancora di più di tono”.

Parole apprezzate e apprezzabili che – ahinoi – cozzano con l’attuale realtà politica, perché in Senato i numeri continuano a non esserci. Lega, Forza Italia, Fratelli d’Italia e Italia Viva hanno imposto una linea sul DDL Zan che Pd, 5 Stelle, LeU e movimento LGBTQIA+ reputano inaccettabile e invalicabile. Tra due mesi, dinanzi all’eventualità Mario Draghi al Quirinale, potremmo andare a nuove elezioni o incontro ad un nuovo governo a guida Marta Cartabia, vicinissima a Comunione e Liberazione e in passato dichiaratamente più volte contraria ai nostri diritti. L’eventualità di un futuro governo di centrodestra, poi, allungherebbe ulteriormente i tempi nei confronti di una legge di pura e semplice civiltà, che l’Italia rischierebbe di abbracciare non prima del 2030.

Non a caso Andrea Ostellari, presidente leghista della commissione Giustizia del Senato, ha subito replicato stizzito al segretario Pd. “Letta non ha ancora capito che se la maggioranza del Senato ha bocciato il ddl Zan la colpa è principalmente sua. Dopo aver rifiutato per mesi il confronto proposto da Salvini e dal centrodestra e soprattutto ignorando le richieste della Santa Sede e di quanti chiedevano di modificare quel testo, ora vuole alzare nuovamente i toni. Il centrodestra in commissione Giustizia ha un testo pronto per la discussione. Noi ci siamo, senza imposizioni e bandiere ideologiche“. Un testo, quello presentato dal centrodestra, già ampiamente ritenuto inaccettabile perché da molti considerato un attacco alla legge Mancino, nonché volutamente privo dell’identità di genere tra le aggravanti prese in esame.

Ma anche Alessandro Zan, sempre dall’Agorà “I diritti delle persone Lgbtqi+ nell’Italia che vogliamo”, ha rilanciato l’ipotesi di ripresentare il DDL contro l’omotransfobia ad aprile, quando scadranno i sei mesi imposti dalla tagliola. “Dovremmo arrivare a un tentativo fino all’ultimo minuto della legislatura. Dobbiamo cercare di capire come affrontare questo percorso. La via è stretta, una missione impossibile, ma dobbiamo fare tutti i tentativi possibili”. “Letta ha proposto di organizzare nel territorio nazionale 5 Agorà nelle maggiori città italiane dopo l’elezione del presidente della Repubblica per coinvolgere le persone, soprattutto i non iscritti e le nuove generazioni, e utilizzare la partecipazione alle Agorà per costruire un percorso che stimoli la politica e il Parlamento a riprendere in mano questa battaglia che non è solo nostra ma di tutto il Paese“, ha concluso il deputato Pd, portavoce di un progetto che in questo finire di legislatura ai più appare semplicemente irrealizzabile.

E allora perché continuare a parlarne, rischiando di illudere una comunità che attende da decenni una legge che la tuteli da violenze e insulti? Mantenere attivo il dibattito nei confronti di una legge contro l’omotransfobia appare doveroso, ma tanto varrebbe iniziare a pianificare un manifesto sui diritti LGBTQIA+ in funzione della prossima legislatura e che sappia andare oltre il DDL Zan, iniziando ad abbracciare matrimonio egualitario, le adozioni e tutte quelle istanze che il movimento da tempo presenta alla politica nazionale, incapace di ascoltare e puntualmente accartocciata su quell’insostenibile “bla bla bla” che a quasi 7 anni dalle unioni civili è nuovamente tornato ad essere assordante.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

15 persone famose che non sapevi fossero non binarie - 10 persone famose che non sapevi fossero non binarie - Gay.it

15 persone famose che non sapevi fossero non binarie

Corpi - Gio Arcuri 13.5.24
Sethu, è uscito il suo primo album "Tutti i colori del buio"

Sethu e i colori del buio: “Canto per tendere una mano a me stesso e agli altri, dopo Sanremo la depressione” – Intervista

Musica - Emanuele Corbo 17.5.24
Essere gay e candidarsi come sindaco in provincia, attacchi omofobi a Riccardo Vannetti: "La risposta è l'educazione alle diversità" - INTERVISTA - riccardo vannetti - Gay.it

Essere gay e candidarsi come sindaco in provincia, attacchi omofobi a Riccardo Vannetti: “La risposta è l’educazione alle diversità” – INTERVISTA

News - Francesca Di Feo 17.5.24
Giornata omobitransfobia Girogia Meloni

Giornata contro l’omobitransfobia, le parole di Meloni e il post propaganda di Atreju

News - Giuliano Federico 17.5.24
queer palm, festival di cannes, i vincitori

Festival di Cannes. Tutti i film vincitori della Queer Palm dal 2010 ad oggi

Cinema - Gio Arcuri 17.5.24
Sarah Toscano, Amici 23

Sarah Toscano vince Amici 23: è lei la popstar del futuro

Culture - Luca Diana 19.5.24

I nostri contenuti
sono diversi

Chi è Marilena Grassadonia candidata alle Elezioni Europee con Verdi e Sinistra Italiana - grassadonia - Gay.it

Chi è Marilena Grassadonia candidata alle Elezioni Europee con Verdi e Sinistra Italiana

News - Redazione 6.5.24
Donald Trump e il trionfo in Iowa, cosa succede ora con le primarie repubblicane? - Donald J. Trump - Gay.it

Donald Trump e il trionfo in Iowa, cosa succede ora con le primarie repubblicane?

News - Federico Boni 17.1.24
Argentina, trionfa l'ultradestra di Milei. Chi è la vicepresidente Victoria Villarruel, ultracattolica "anti-gender" - Argentina trionfa lultradestra di Milei. Chi e la vicepresidente Victoria Villarruel 2 - Gay.it

Argentina, trionfa l’ultradestra di Milei. Chi è la vicepresidente Victoria Villarruel, ultracattolica “anti-gender”

News - Federico Boni 20.11.23
Alessandro Zan Elezioni Europee PD Collegio Nord Est Nord Ovest

“Contro i neofascismi, per un’Europa antifascista” Alessandro Zan candidato PD alle Elezioni Europee

News - Redazione Milano 23.4.24
liz truss diritti lgbtq rights

Regno Unito, l’ex premier Liz Truss vuole vietare la transizione di genere ai minori di 18 anni

News - Redazione 4.12.23
attivista-politica-trans-uccisa-messico

Messico: uccisa a colpi di pistola la politica e attivista trans pronta a candidarsi al Senato

News - Francesca Di Feo 16.1.24
monza-mozione-famiglie-arcobaleno-pd

Monza, la giunta PD spiega perché ha bocciato la mozione a favore delle famiglie arcobaleno

News - Francesca Di Feo 5.1.24
gran-bretagna-giovani-trans

Scozia, 1 giovane trans su 3 non si sente al sicuro negli spazi pubblici

News - Francesca Di Feo 12.4.24