DDL Zan, Porpora Marcasciano denuncia: “Contattata da Italia Viva per spaccare il fronte del movimento”

"Il movimento LGBT+ è più unito che mai in questo periodo storico", ha sottolineato con orgoglio la storica presidente del MIT.

DDL Zan, Porpora Marcasciano denuncia: "Contattata da Italia Viva per spaccare il fronte del movimento" - Porpora Marcasciano - Gay.it
3 min. di lettura

Porpora Marcasciano è una delle colonne del movimento LGBT italiano, presidente del Movimento Identità Trans (MIT), scrittrice, attivista.

Nel pieno del dibattito politico sul DDL Zan, e alla vigilia dello sbarco al Senato della Legge contro l’omotransfobia, misoginia e abilismo, Porpora ha denunciato quanto sarebbe accaduto con alcuni “personaggi illustri ed eminenti” di Italia Viva, che avrebbero contattato non solo Marcasciano ma anche altre persone LGBT con il solo intento di “spaccare il fronte del movimento, che mai come in questi anni è stato così forte e unito“.

D’altronde Italia Viva vorrebbe sedersi ad un tavolo per ‘mediare’ con Forza Italia e Lega, accettando l’esclusione dell’identità di genere dal DDL Zan. Di fatto, cancellare le persone trans da qualsivoglia tutela. Intervistata da FanPage, Porpora ha duramente criticato questa eventualità.

Non dimentichiamoci che l’Italia è al primo posto in Europa per omicidi e crimini contro le persone trans, ed eliminare quella dicitura avalla tutto questo. ‘Identità trans’ è stata consigliata a Italia Viva dalle Terf per mantenere intatta ‘l’integrità della donna’, ma con identità trans si dice tutto e non si dice nulla. Le persone trans in Italia non cambiano nome, aspetto, documenti, in un giorno, non è uno scherzetto. Ci sono tribunali dietro, perizie, psicologi e psichiatri. Se una persona non è in questo percorso, non lo è ancora, o altro, non rientra in nessuna categoria.

Marcasciano è netta, nel sottolineare come la destra nazionale (e non solo quella) si sia ora attaccata proprio all’identità di genere, pur di affondare il DDL Zan. “Al blocco leghista e di destra, che possiamo anche comprendere perché hanno valori diversi dai nostri, si è aggiunto poi il giochino del potere“, ha denunciato Porpora. “Mi riferisco a Italia Viva e Matteo Renzi, che in questo è molto bravo. Pur di essere al centro si è unito a quella parte di destra, foraggiato anche dal femminismo della differenza, le cosiddette Terf (Trans-exclusionary radical feminism, ndr), che sono di principio contro le persone trans. C’è stata quindi questa collusione tra destre, parte del fondamentalismo cattolico, parte del femminismo e Matteo Renzi. Una miscela tragica. Si sono impuntati sull’identità di genere, che riguarda la percezione di sé e del proprio essere, e che in tutti i trattati scientifici è chiamata in questo modo“.

Marcasciano attacca a test a bassa le cosiddette “femministe essenzialiste“, minoranza nel movimento che negli ultimi mesi ha animato una battaglia a dir poco cruenta, soprattutto in Italia, contro le persone trans. “Invito tutti ad andare a leggere le loro posizioni, fanno rabbrividire: ci considerano patologiche – anzi patologici secondo loro – e disturbate psicologicamente. Danno per scontato che il genere riguardi solo maschi e femmine. Io la domanda la pongo a tutti: noi, sotto quale cappello ci inseriamo se non è l’identità di genere?”, si è domandata Porpora.

Il Ddl ZAN così com’è modificato non lo faremo comunque passare, perché diremo no, e come noi lo faranno molti politici“, insiste Marcasciano. “Il movimento LGBT+ è più unito che mai in questo periodo storico. Poi faremo i dovuti conti politici, sociali, culturali, su quanto sta succedendo e succederà. In questi giorni io e altre rappresentanti del mondo trans, siamo state contattate in maniera sotterranea da aree politiche di Italia Viva, per mediare. Questo vuol dire due cose: sono in difficoltà e sentono il peso della responsabilità che si stanno prendendo. E la mediazione per loro sarebbe togliere dal Ddl Zan ‘identità di genere’ e farla diventare ‘identità trans’. Questo è l’ammorbidimento che chiedono“.

Un ammorbidimento che le associazioni LGBT nazionali hanno già rispedito al mittente. “Non riusciranno a spaccare il movimento, non riusciranno ad affossare questa legge“, ha esultato sui social Monica Cirinnà, con il Senato da oggi chiamato alla discussione. Tra i primi a parlare, come promesso nei giorni scorsi, proprio Matteo Renzi.

Nell’attesa Davide Faraone, capogruppo IV al Senato, ha ribadito dagli studi di Agorà la necessità di un accordo:

Da parte nostra c’è la volontà di trovare l’intesa per evitare l’ostruzionismo e la roulette russa dei voti segreti: siamo davvero a un passo dal trovare una sintesi indispensabile a portare a casa la legge”. “Faccio appello a tutte le forze politiche: si metta da parte lo scontro che nulla ha a che fare con la legge Zan, non possiamo fare campagna elettorale sulla pelle delle persone. IV si preoccupa solo di mettere in sicurezza le persone dall’odio omotransfobico. Siamo partiti dalla Lega che non voleva la legge e arrivati alla possibilità di un’intesa , Pd e grillini sono rimasti su posizioni ideologiche. È incredibile che ci si rifiuti di mettersi seduti a cercare l’intesa. Il tema non è farsi perdonare la permanenza al governo con Lega e Fi, il Pd la smetta di pensare al suo posizionamento politico e si occupi solo di allargare i diritti delle persone.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
Franzc Dereck 13.7.21 - 12:50

I.V. è il tipico esempio di piccola gente che vive e prospera nell'intrigo politico. Mi ricordano Craxi ed i " socialisti" suoi solidali che si sono arricchiti con un portafogli elettorale del tre per cento e facendo pendere l'ago della bilancia secondo i loro sporchi interessi personali.Per nemesi storica il papà di Bobo e di Stefania è morto nell'esilio dorato di Hammamet! Auguri al prossimo !

Trending

Chi è Karla Sofía Gascón, prima attrice trans a trionfare a Cannes e presto in un film con Vladimir Luxuria - Karla Sofia Gascon 1 - Gay.it

Chi è Karla Sofía Gascón, prima attrice trans a trionfare a Cannes e presto in un film con Vladimir Luxuria

Cinema - Redazione 27.5.24
Stefano De Martino

Stefano De Martino, da ballerino di Amici a volto di punta della nuova Rai

Culture - Luca Diana 27.5.24
Elezioni europee: "Io Voto! E porto la comunità LGBTIQ+ al voto", la campagna di Arcigay

Elezioni europee: “Io Voto! E porto la comunità LGBTIQ+ al voto”, la campagna di Arcigay

News - Gay.it 28.5.24
Culattone, checca, finocchio e gli altri: origine e storia degli insulti contro i gay - cover insulti - Gay.it

Culattone, checca, finocchio e gli altri: origine e storia degli insulti contro i gay

News - Redazione 28.5.24
Papa Francesco Dignitas Infinita - Chiesa Cattolica - Vaticano

Papa Francesco e l’attacco ai seminaristi gay, le reazioni della comunità LGBTQIA+ italiana

News - Redazione 28.5.24
Marco Mengoni e Angelina Mango, arriva il duetto

Marco Mengoni duetta con Angelina Mango nell’album “poké melodrama”: svelati tutti gli ospiti

Musica - Emanuele Corbo 27.5.24

I nostri contenuti
sono diversi

pro-vita-manifesti-como-brescia

Pro Vita e Famiglia, nuovi manifesti “anti-gender” a Como e Brescia: la risposta di Arcigay

News - Francesca Di Feo 6.1.24
Thailandia verso il matrimonio egualitario

Thailandia, ad un passo il sì definitivo del Parlamento al matrimonio egualitario

News - Federico Boni 21.12.23
Buone notizie Italia 2022 Gay.it

Padova, Tribunale respinge ricorso della Procura contro le famiglie arcobaleno

News - Redazione 5.3.24
Lino Guanciale in "Ho paura torero": un’occasione sprecata - Sessp 19 - Gay.it

Lino Guanciale in “Ho paura torero”: un’occasione sprecata

Culture - Federico Colombo 15.1.24
romania-unioni-civili

Romania in ritardo sul riconoscimento delle coppie omo, cresce l’estrema destra: l’allarme dellə attivistə

News - Francesca Di Feo 18.12.23
discorso-d-odio-politici-europei

Discorso d’odio anti-LGBTQIA+ in crescita nelle aule istituzionali europee: “I diritti umani sono in discussione”

News - Francesca Di Feo 1.3.24
Ron DeSantis abbandona le primarie, appoggia Trump e Biden stanzia 700.000 dollari a favore dei ragazzi trans - Ron DeSantis Trump Biden - Gay.it

Ron DeSantis abbandona le primarie, appoggia Trump e Biden stanzia 700.000 dollari a favore dei ragazzi trans

News - Redazione 22.1.24
Trace Lysette (ELLE)

Con o senza Oscar, Trace Lysette ha già vinto per la comunità trans*

Cinema - Redazione Milano 5.1.24