Emma Dante a Teatro con un Cristo né uomo né donna

La regista presenta I Dialoghi delle Carmelitane portando sul palco un'arte libera e senza censure.

ascolta:
0:00
-
0:00
Emma Dante I DIALOGHI DELLE CARMELITANE
DIALOGHI DELLE CARMELITANE
2 min. di lettura

Per Emma Dante l’arte deve mostrare tutto. Nel suo teatro non vuole nascondere il lato più orribile ‘sotto il tappeto come la polvere‘, ma raccontarlo in piena libertà e controllo del suo mezzo creativo: lo ribadisce in ‘I dialoghi delle Carmelitane‘, messa in scena tratta dall’anomala opera di Francis Poulenc, che il prossimo 27 Novembre inaugurerà la nuova stagione del Teatro dell’Opera di Roma.

emma dantte
Emma Dante

Lo spettacolo riprende la storia originale del 1988 integrandola con gli elementi classici del teatro fisico di Dante, dove “non succede davvero nulla” e a comunicare sono il ritmo, il linguaggio, la musica, e la gestualità ripetuta del corpo. Con direzione musicale di Michele Mariotti e un cast composto da Corinne Winters, Anna Caterina Antonacci, Emoke Barath, Ewa Wesin, l’opera ripercorre la storia di sedici suore fanatiche, innamorate del loro Dio a tal punto da rifiutarsi di rinunciare ai propri voti e venir giustiziate nella Francia del 1794.

Una storia d’amore non canonica, la definisce Danes in un’intervista con il Corriere della Sera, dove l’innamoramento non è tra un lui e una lei ma con un Dio che conduce alla morte. Raccontando queste donne che ‘andarono al patibolo felici’, la regista ha l’obiettivo di cogliere il lato più libero e brutale dell’arte, senza scendere a compromessi: “ Il fanatismo diventa poesia, è un gesto poetico più legato all’amore che al delirio” spiega al Corriere “L’arte riesce a trasformare il gesto più politico in qualcosa di universale, di onirico. Non significa che è meno realistico”.

Un’opera, anche stavolta retta dalle sue protagoniste femminili che pur di fortificare la propria devozione, sono a disposte a portare i mattoni sui piede e sopportare dolore fisico ogni giorno. “La zoppìa è una conseguenza della penitenza” spiega nell’intervista.

sorelle macaluso
Simona Malato in ‘Le Sorelle Macaluso’ (2020, secondo film di Emma Dante tratto dalla sua stessa opera teatrale

Tutto in nome di un Dio che farà più rumore del solito, rappresentato come una figura né uomo né donna, androgina e incatalogabile dentro nessun binario di genere: “È il Cristo delle Carmelitane” racconta al Corriere “A loro immagine e somiglianza, al di sopra dei generi, quando viene deposto dalla croce, Cristo diventa uno, o una, di loro“. Una provocazione che non intimorisce la regista, ma al contrario è il motore di ogni sua opera, sopra e fuori il palco (oltre ai lavori teatrali, ha lavorato al cinema con Via Castellana Bandiera nel 2013 e il recente Le Sorelle Macaluso, presentato alla 77esima Mostra del Cinema di Venezia nel 2020).

Dante celebra un’arte che non vuole restare bloccata, svincolata da ideologie e tutt’altro edulcorata: “Siamo nel mondo della censura dell’arte, mentre l’arte è il territorio della libertà e non dovrebbe conoscere censure” dice al Corriere “Se sulla croce metto in luce un corpo ambiguo, non dev’essere mortificato. Credo nella provocazione, anche forteSe urta la sensibilità non mi importa nulla”.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Cannes 2024, Xavier Dolan presidente di giuria Un Certain Regard - Xavier Dolan - Gay.it

Cannes 2024, Xavier Dolan presidente di giuria Un Certain Regard

News - Federico Boni 1.3.24
Andrea Bossi con la sua amica Serena - foto dal canale TikTok pubblico di Serena

Andrea Bossi, l’omicidio di un ragazzo queer, ucciso soltanto per un pugno di gioielli?

News - Giuliano Federico 2.3.24
Ghana legge anti LGBTI approvata dal parlamento

Ghana, il parlamento approva la legge anti-LGBTI, il Presidente Akufo-Addo firmerà?

News - Giuliano Federico 28.2.24
Francesco Panarella

Francesco Panarella e il morbo di Kienbock: “Recitare mi ha salvato la testa”

Culture - Luca Diana 28.2.24
Rooy Charlie Lana

Vergognarsi e spogliarsi lo stesso: intervista con Rooy Charlie Lana, tra desiderio e non binarismo

Culture - Riccardo Conte 29.2.24
Eurovision 2024, Il Regno Unito vuole la vittoria con Dizzy di Olly Alexander. Il video ufficiale - olly alexander - Gay.it

Eurovision 2024, Il Regno Unito vuole la vittoria con Dizzy di Olly Alexander. Il video ufficiale

Culture - Redazione 1.3.24

Leggere fa bene

sony

Ancora non sapevate che Miley Cyrus fosse bisessuale?

Culture - Redazione Milano 4.9.23
taylor-swift-persona-dell-anno-2023

Taylor Swift è la Persona dell’Anno per Time: un brindisi a un 2023 straordinario

Musica - Francesca Di Feo 7.12.23
mean girls

È il 3 Ottobre, Buon Compleanno Mean Girls!

Cinema - Riccardo Conte 3.10.23
(variety)

Emerald Fennell vuole provocarci (senza farci vergognare)

Cinema - Riccardo Conte 16.11.23
FOTO: SONJA FLEMMING/CBS

Grammy 2024, Annie Lennox omaggia Sinead O’Connor e chiede il cessate il fuoco: “Pace nel mondo!” – VIDEO

Culture - Redazione Milano 5.2.24
Paola Cortellesi ospite speciale all'Università Luiss Guido Carlo di Roma (foto: LaRepubblica)

Il discorso di Paola Cortellesi contro gli stereotipi: “Biancaneve faceva da colf ai nani”

Culture - Redazione Milano 11.1.24
Max Peiffer Watenphul. Dal Bauhaus all'Italia

Max Peiffer Watenphul e la scena queer mai più dimenticata della scuola Bauhaus

Culture - Redazione Milano 30.11.23
Ariana Grande (Billboard)

Nel nuovo singolo di Ariana Grande c’è un po’ di Madonna?

Musica - Redazione Milano 10.1.24