Europride 2022 a Belgrado, la libertà europea ha vinto sui sovranisti: ecco com’è andata – VIDEO

6000 poliziotti per fermare gli estremisti di destra: l'Unione Europea e gli attivisti hanno fatto di tutto per dar vita al primo evento LGBTI+ europeo nei Balcani.

ascolta:
0:00
-
0:00
europride belgrado
europride belgrado
3 min. di lettura

Tra minacce di cancellazione a pochi giorni dal via, l’arresto di oltre 60 militanti di estrema destra e un clima tutt’altro che sereno, l’EuroPride di Belgrado si è svolto in “forma ridotta” il 17 settembre, sotto il cielo uggioso di una città ultramilitarizzata.

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da GAY.IT 🇪🇺🌍 (@gayit)


Per la premier serba Ana Brnabic, dichiaratamente lesbica, era necessario garantire la maggiore sicurezza possibile in previsione di probabili incidenti. L’Europride a Belgrado è infatti il primo a tenersi in territorio Balcanico.

Noi crediamo che questo sabato sia d’importanza storica per la comunità Lgbtiq della Serbia e della regione” ha dichiarato il comitato organizzatore, invitando i manifestanti a fare appello al proprio legittimo diritto di “disobbedienza civile”

Migliaia di persone, attivisti e allies della comunità LGBTQIA+ hanno partecipato coraggiosamente, unendosi alla marcia per le strade della capitale serba, e, sebbene si prevedesse il peggio, non vi sono stati particolari incidenti se non qualche scontro con gli oppositori – prontamente soppresso dalle forze di polizia.

Secondo il Ministero degli Interni Serbo, quasi 6000 poliziotti in uniforme antisommossa, accompagnati dal personale di sicurezza, hanno circondato la parata e marciato insieme ai partecipanti nell’area intorno alla Corte Costituzionale, nel cuore di Belgrado.

Europride 2022 a Belgrado, la libertà europea ha vinto sui sovranisti: ecco com'è andata - VIDEO - europride belgrado resoconto 2 - Gay.it

A poche ore dalla partenza, il ministro Aleksandar Vulin aveva lanciato un monito durissimo a chiunque intendesse disrompere la parata: “Non tollereremo alcun tipo di violenza nelle strade di Belgrado, men che meno marce illegali di oppositori”.

Secondo le principali agenize di stampa Europee, oltre 60 oppositori anti-LGBTQIA+ sono stati arrestati a seguito degli scontri durante la parata, che non hanno comunque raggiunto l’obiettivo di disperdere l’Europride e intimidire i partecipanti.

 

Un gruppo di circa venti persone è stato visto marciare esponendo simboli sacri e icone religiose, tentando poi di scavalcare il cordone della polizia e raggiungere il cuore dell’EuroPride.

Gli oppositori avrebbero volutamente calpestato le bandiere arcobaleno, organizzato sessioni di preghiera e lanciato pesanti invettive contro i partecipanti. Le forze dell’ordine, tuttavia, sarebbero riuscite a disperdere gli oppositori in pochi minuti.

I media serbi hanno riportato altri incidenti lievi, tra cui un gruppo di oppositori subito dispersi dalla polizia in tenuta antisommossa vicino alla Slavija Square. Anche qui, l’obiettivo era quello di raggiungere il cuore della parata e intimidire i partecipanti.

L’incidente che ha destato forse più preoccupazione è stato quello che ha coinvolto un gruppo di hooligans vicino a Sava Temple: qui, gli oppositori avrebbero lanciato esplosivi e tentato di accendere molotov per lanciarle alla polizia. L’azione, comunque, è stata subito interrotta dalla polizia.

Sono qui per difendere le tradizioni serbe, la fede e la cultura che i sodomiti vogliono sovvertire” avrebbe dichiarato Andrej Bakik, a capo di un gruppo di oppositori che ha marciato “pacificamente” in parallelo all’Europride circondato da un cordone di polizia.

Le minacce di cancellazione dell’Europride

A fine Agosto, il presidente serbo Aleksandar Vucic aveva annunciato la cancellazione dell’Europride di Belgrado. Vucic si era dichiarato “estremamente preoccupato” per la sicurezza dei manifestanti, a seguito delle pesanti pressioni subite dai militanti di estrema destra e dagli esponenti integralisti della Chiesa Ortodossa.

In questa occasione, aveva fatto scandalo la facilità con cui Vucic aveva ceduto alle minacce dei gruppi oppositori.

Comprendo che i diritti della comunità LGBTQIA+ nei Balcani siano, proprio in questo momento, sotto attacco e minacciati. Non è un atto di codardia cedere alle pressioni: semplicemente, a un certo punto, bisogna scendere a un compromesso”.

La risposta alla dichiarazione del leader serbo da parte degli organizzatori dell’Europride e dalla Corte Europea è arrivata subito: la cancellazione di un evento Europeo per la comunità LGBTQIA+ è una diretta violazione della Convenzione per i Diritti Umani, nella fattispecie in ambito di protezione delle minoranze sessuali. Gay.it aveva intervistato Goran Miletic del Belgrado Pride, che in un botta e risposta video ci aveva spiegato come e perché fosse necessario e doveroso andare avanti, nonostante il tentativo dei sovranisti di ostacolare e impedire lo svolgimento di un Europride nel cuore dell’Unione Europea. Qui l’intervista in formato testuale, integrale. In fondo alla pagina l’intervista video.

La decisione di cancellare l’Europride è quindi stata prontamente ritirata a fine Agosto, e l’evento ha visto la luce giovedì 15 settembre invece che il 12, anche grazie a un intervento congiunto di oltre 20 ambasciate su territorio serbo che hanno incalzato le autorità.

La Serbia non è sicuramente uno dei paesi più accoglienti per la comunità LGBTQIA+: il matrimonio tra persone dello stesso sesso è illegale, e l’omofobia è ancora profondamente radicata a causa della pesante influenza della chiesa ortodossa. Qualche passo avanti, però, c’è stato.

Anche grazie all’Unione Europea, alla quale la Serbia ha fatto richiesta di adesione.

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da GAY.IT 🇪🇺🌍 (@gayit)

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Victoria De Angelis dei Maneskin, vacanza romantica e baci social con l'amata Luna Passos (FOTO) - Victoria De Angelis dei Maneskin vacanza romantica e baci social con lamata Luna Passos FOTO - Gay.it

Victoria De Angelis dei Maneskin, vacanza romantica e baci social con l’amata Luna Passos (FOTO)

News - Redazione 9.4.24
Marco Mengoni per un noto brand di gioielli

Marco Mengoni è un gioiello, ma la verità è che tutti guardano un’altra cosa

Musica - Emanuele Corbo 10.4.24
Ma Ricky Martin si è eccitato sul palco del Celebration Tour di Madonna? (VIDEO) - Ricky Martin sale sul palco del Celebration Tour di Madonna - Gay.it

Ma Ricky Martin si è eccitato sul palco del Celebration Tour di Madonna? (VIDEO)

Musica - Redazione 9.4.24
Raffaella Carrà - la sua casa a Via Nemea 21 a Roma è in vendita

La casa di Raffaella Carrà a Roma Nord è in vendita, ma nessuna piazza ha il suo nome

Musica - Mandalina Di Biase 11.4.24
Papa Francesco Dignitas Infinita - Chiesa Cattolica - Vaticano

Il documento del Vaticano che mette l’intera comunità LGBTI ai margini: teoria gender, surrogata, bambini e altre mistificazioni reazionarie

Culture - Giuliano Federico 8.4.24
Giovanni Donzelli foto instagram @giovadonze

Giovanni Donzelli di Fratelli d’Italia, outing di sua moglie che spiega “È un marito etero”

Culture - Mandalina Di Biase 9.4.24

Leggere fa bene

africa-burundi-lapidare-omosessuali

Africa, il presidente del Burundi invita la popolazione a lapidare gli omosessuali

News - Francesca Di Feo 2.1.24
Odio LGBTIAQ social network

L’odio social verso la comunità LGBTQIA+ ha conseguenze nella vita reale, ma Meta, X e TikTok non fanno abbastanza per arginarlo

News - Francesca Di Feo 25.1.24
governo-sunak-lgbtqia

Regno Unito: come la destra del governo Sunak distrugge decenni di progressi LGBTIQ+

News - Francesca Di Feo 23.10.23
giugno 2021

Trento, violenza omofoba. Due giovani aggrediti e minacciati con un coltello

News - Redazione 3.11.23
Marius Madalin Musat e Jonathan Bazzi

Jonathan Bazzi “Cos’ha Milano di inclusivo e anticlassista?”, aggredito in Porta Venezia con il suo compagno Marius Madalin Musat

News - Redazione Milano 4.1.24
grecia-chiesa-ortodossa-scomunica-matrimonio-egualitario

Grecia, la Chiesa Ortodossa minaccia di scomunicare i parlamentari che hanno votato per il matrimonio egualitario

News - Francesca Di Feo 8.3.24
angelo duro omosessuale

Il monologo di Angelo Duro intriso di omofobia: gay che dovrebbero picchiare omofobi, r*cch*oni eccetera – VIDEO

Culture - Redazione Milano 31.10.23
telefono Insulti froci checche scarti omofobia roma gay help line

“Fr*ci di m*rda, scarto della società”: a Roma insulti a coppia gay dopo la disdetta di una prenotazione

News - Redazione Milano 19.10.23