Tanti Auguri Ferzan Ozpetek, regista che ha raccontato la comunità LGBT

Nel giorno del suo 62esimo compleanno ricordiamo il genio di Ferzan Ozpetek, regista eclettico che non ha bisogno di presentazioni.

Ferzan Ozpetek
5 min. di lettura

Ci sono registi e ci sono sceneggiatori che sono nati per raccontare storie. E poi c’è Ferzan Ozpetek. Oggi, il mondo del cinema e della tv ha a disposizione di una vasta scelta di  narratori di talento, e uno di questi è proprio il regista de Le Fate Ignoranti. Nel giorno del suo 62esimo compleanno, è cosa giusta ricordare il genio che c’è dietro a tanti successi cinematografi che hanno scritto una pagina tutta nuova della cinematografia LGBT made in Italy.

Il regista fin dal suo esordio è stato capace di mettere in scena storie semplici e oneste ma di grande impatto visivo ed emozionale, e scavando a fondo nei sentimenti umani, ha aperto una lunga parentesi su quello che è il mondo arcobaleno. Una particolarità che lo ha reso celebre in Italia ma anche nel resto del mondo. 13 i film all’attivo, 3 i romanzi pubblicati per Mondadori, 2 le regie teatrali a cui ha preso parte, tanti i riconoscimenti per il suo talento sconfinato. Ferzan Ozpetek resta uno dei registi più promettenti della nostra modernità, che sfugge dai stilemi di genere, realizzando film di rara bellezza in bilico tra realtà e magica  finzione.

Tanti Auguri Ferzan Ozpetek, regista che ha raccontato la comunità LGBT - Ferzan Özpetek @Riccardo Ghilardi - Gay.it

Ferzan Ozpetek e il sogno di studiare cinema in Italia

Nato in Turchia nel quartiere di Fener il 3 febbraio del 1959, è figlio di una famiglia borghese del luogo. Per Ozpetek non è stato facile raggiungere i suoi obbiettivi. Il padre voleva a tutti i costi che il figlio proseguisse gli studi negli Stati Uniti, ma il giovane voleva fuggire a Roma per studiare Storia del Cinema alla Sapienza. In questo, per fortuna, ha sempre avuto l’appoggio della madre.

Riesce nel suo intento e si trasferisce in Italia. Completerà il suo percorso di studi frequentato corsi di Storia dell’Arte e del Costume all’Accademia Navona, insieme a quelli di Arte Drammatica. I primi lavori  come aiuto-regista arrivano ad inizio degli anni ’80 con Scusate il ritardo, film diretto e interpretato da Massimo Troisi. Per proseguire con Il tenente dei carabinieri e Anche i commercialisti hanno un’anima di Maurizio Ponzi. E prima del suo debutto da regista, ha lavorato insieme a Ricky Tognazzi in Vite Spezzate.

Bagno Turco è il primo lungometraggio in cui Ferzan Ozpetek debutta dietro la macchina da presa. E il successo è stato fulminante. Arrivato nel sale cinematografiche nel lontano 1997, il film è stato presentato nella Quinzaine Des Rèalisateurs al Festival del Cinema di Cannes. Oltre alla kermesse francese, Bagno Turco è stato proiettato in altre rassegne internazionali, ammaliando il pubblico e la critica.

Co-prodotto con Italia, la Spagna e la Turchia, il lavoro di Ozpetek è stato apprezzato proprio perché il regista è stato  capace di raccontare la nostra modernità attraverso gli usi e costumi delle terre d’Oriente. E poi, in Bagno Turco (in cui spunta nel cast Alessandro Gassmann)  affiorano tutti i temi principali e cari a Ferzan che, con lo scorrere del tempo, diventeranno i suoi marchi di fabbrica: come i dilemmi di vita e le scelte di cuore, i rapporti intra-familiari e l’omosessualità.

Una vita di successi e di sperimentazioni

Quello di Ozpetek è un mondo pieno di luci e colori. Non vince mai il bianco o il nero, ma è in quella sfumatura di grigio che si nota la sua vena artistica più bella e pura. Il suo è un mondo multi-razziale, multi-culturale e multi-colore, in cui non vince mai la ‘normalità’, ma a trionfare sono i sentimenti e la gioia di vivere.



Lui è un regista che è capace anche di sperimentare, di spaziare su più generi senza mai perdere le sue caratteristiche. A Bagno Turco seguirà Harem Suare, che è ambientato proprio nella sua città Natale, ma è nel 2001 che Ferzan Ozpetek raggiunge l’apice grazie a quella favola dolce-amara de Le Fate Ignoranti. Qui è dove Margherita Buy si mostra al meglio delle sue potenzialità, e qui è dove Stefano Accorsi si rivela come uno degli attori più talentuosi del nostro tempo.

Il film ancora oggi è una vera e propria colonna portante per la cinematografia LGBT, uno dei pochi che ha raccontato la comunità in un caleidoscopio di vizi e virtù. Successo non solo di pubblico ma anche di critica, dato che ha vinto 4 Globi D’Oro e 4 Nastri D’argento. Da qui in poi è un susseguirsi di grandi prove, una più intimistica dell’altra.

Mine Vaganti: un cult senza precedenti

Segue La Finestra di Fronte con Giovanna Mezzogiorno e Raoul Bova, e poi nel 2004 dirige Cuore Sacro che, di fatto, è il film che ha ottenuto il minor successo. E poi arriva Saturno Contro, la pellicola che lancerà Ambra Angiolini nel firmamento delle star. Celebre anche per quel bacio appassionato tra Favino e Argentero. Con il passaggio alla Fandago, Ferzan Ozpetek non ferma il suo percorso di crescita, e porta sul grande schermo Mine Vagati, quello che ad oggi è stato definito di uno dei suoi film più belli (oltre che di successo).



Con Alessandro Preziosi e Riccardo Scamarcio nel cast, il regista racconta il disgregarsi di una famiglia del profondo sud tra conflitti e vecchi rancori. Un evergreen che ha superato ben oltre lo schermo, arrivando persino a teatro in un adattamento degno di nota, che conserva lo spirito del film.

Dirige inoltre il criptico Magnifica Presenza e il voyeuristico Allacciate le Cinture, in cui trionfa la fisicità Francesco Arca. Fino a Rosso Istanbul. Questo è stato uno dei suoi film più intimi ed è il secondo che ha girato nella sua terra di origine, solo con attori turchi, e soprattutto è basato sul suo primo romanzo pubblicato.

La ‘napoletanità’ secondo Ferzan



Fino ad arrivare a Napoli Velata. Ozpetek cede al noir eclettico e di stile per raccontare una storia verace che affonda le mani nel cuore più brillante della Napoli di oggi, e affida il racconto a una Mezzogiorno in stato di grazia e a un bellissimo Alessandro Borghi. L’ultimo film in ordine di produzione è La Dea Fortuna. Qui Ferzan Ozpetek racconta con caducità (e un pizzico di perbenismo) il percorso di una coppia allo sbando, logorata dal tempo e da scelte sbagliate, in una favola in cui l’amore nonostante le difficoltà vince sempre su tutto.

Abile narratore, questo è vero, ma anche abile registra. Capace di catturare l’essenza dei suoi personaggi, Ferzan Ozpetek  ha il pregio di saper raccontare la vita di tutti noi, facendo leva su insicurezze, paure, sogni e speranze. Con i suoi film è come vivere in una confort zone. Si conosce già il fine ultimo, ma è il percorso il cammino più bello.  Di recente ha pubblicato il suo terzo romanzo dal titolo Come un respiro, e qualche settimana fa è tornato dietro la macchina da presa per un divertente spot pubblicitario della Pasta De Cecco, in cui spunta Claudia Gerini e Can Yaman, divo delle soap turche. Si vocifera che, presto, l’attore prenderà parte a uno dei prossimi film di Ozpetek.

https://www.instagram.com/p/CKldocDjaRw/

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Amadeus, Sanremo Giovani 2023

Sanremo verso Mediaset, Amadeus in onda sul NOVE già a fine agosto con tre programmi

Culture - Mandalina Di Biase 18.4.24
“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Bad Bunny, Leto, Scilla, Carta, Camilli e altri - Specchio specchio delle mie brame la sexy gallery social vip - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Bad Bunny, Leto, Scilla, Carta, Camilli e altri

Culture - Redazione 16.4.24
Challengers, recensione. Il travolgente ed eccitante triangolo omoerotico di Luca Guadagnino - TIRE TOWN STILLS PULL 230607 002 RC - Gay.it

Challengers, recensione. Il travolgente ed eccitante triangolo omoerotico di Luca Guadagnino

Cinema - Federico Boni 12.4.24
Svezia transizione 16 anni transgender

Svolta storica anche in Svezia, l’età per la transizione si abbassa a 16 anni, approvata la legge sull’autodeterminazione

News - Francesca Di Feo 18.4.24
FEUD 2: Capote Vs. The Swans arriva su Disney+. La data d'uscita della serie di Ryan Murphy e Gus Van Sant - Feud Capote vs. The Swans - Gay.it

FEUD 2: Capote Vs. The Swans arriva su Disney+. La data d’uscita della serie di Ryan Murphy e Gus Van Sant

Serie Tv - Redazione 19.4.24
Guglielmo Scilla, intervista: "Mi sconsigliarono di fare coming out. Potessi tornare indietro lo farei prima" - Guglielmo Scilla foto - Gay.it

Guglielmo Scilla, intervista: “Mi sconsigliarono di fare coming out. Potessi tornare indietro lo farei prima”

Culture - Federico Boni 18.4.24

I nostri contenuti
sono diversi

Madonna, Baz Luhrmann e il biopic sull'icona del pop che forse non è del tutto morto - Madonna e Julia Garner - Gay.it

Madonna, Baz Luhrmann e il biopic sull’icona del pop che forse non è del tutto morto

Cinema - Redazione 1.12.23
c'è ancora domani

Per fortuna c’è ancora Paola Cortellesi

Cinema - Riccardo Conte 14.11.23
raffaella-carra-opera-lirica

David 2024, c’è anche “Raffa” tra i candidati per il miglior documentario

Cinema - Redazione 26.1.24
L'ipnotico bacio di Andrew Scott e Paul Mescal nella prima clip di All of Us Strangers - Estranei. VIDEO - Lipnotico bacio di Andrew Scott e Paul Mescal nella prima clip di All of Us Strangers Estranei. VIDEO - Gay.it

L’ipnotico bacio di Andrew Scott e Paul Mescal nella prima clip di All of Us Strangers – Estranei. VIDEO

Cinema - Redazione 20.12.23
Andrea Di Luigi

Chi è Andrea Di Luigi? Età, carriera e vita privata dell’attore del film “Nuovo Olimpo”

Cinema - Luca Diana 3.11.23
marina cicogna gay it

Addio a Marina Cicogna, la donna più queer, androgina e anticonformista del cinema

Cinema - Chiara Zanini 4.11.23
Tutto ciò che mai avremo: Saltburn, la queerness e l’ossessione di classe - Sessp 16 - Gay.it

Tutto ciò che mai avremo: Saltburn, la queerness e l’ossessione di classe

Cinema - Federico Colombo 2.1.24
Berlino 2024, i vincitori del Teddy Award. All Shall Be Well miglior film LGBTQIA+ - All Shall Be Well - Gay.it

Berlino 2024, i vincitori del Teddy Award. All Shall Be Well miglior film LGBTQIA+

Cinema - Federico Boni 26.2.24