Omofobia di Stato: eliminata mamma Michela dal certificato di Giulia, 9 mesi

L'ordinaria storia di persecuzione che cancella una famiglia omogenitoriale. E siamo soltanto agli inizi.

ascolta:
0:00
-
0:00
giulia michela viola bergamo famiglia arcobaleno pma gpa
giulia michela viola bergamo famiglia arcobaleno pma gpa
2 min. di lettura

A Bergamo il tribunale ha deciso di eliminare una mamma dal certificato di nascita di una bambina di 9 mesi di nome Giulia. Il certificato riportava i nomi di Michela e Viola, le sue due mamme. Ora il nome di Michela è stato rimosso e Giulia, per lo Stato Italiano, ha una sola mamma.

Giulia è stata concepita mediante procreazione medicalmente assistita (PMA), con fecondazione eterologa – donazione di gameti, in questo caso spermatozoi – effettuata in Spagna per volontà delle sue due mamme. Ma è stata Viola a portare avanti la gravidanza, quindi per lo Stato Italiano Michela non è sua madre.

Allo Stato Italiano non importa che Viola e Michela si amino e che Giulia sia la figlia del loro amore.

La PMA in Italia è concessa solamente alle coppie eterosessuali. Lo Stato Italiano dichiaratamente discrimina le coppie omosessuali e consente la tecnica della fecondazione eterologa soltanto alle coppie eterosessuali.

La decisione del tribunale di Bergamo è tra le prime a portare a fondo le conseguenze di una catena di azioni di natura giuridica e politica, innescata dalla sentenza della Cassazione dello scorso dicembre, nella quale si suggerisce di aderire alla stepchild adoption, dunque ad un’adozione lunga e costosa, considerata per altro di serie B in quanto “speciale“, anziché avere un semplice e immediato certificato di registrazione all’anagrafe.

La sentenza della Cassazione del dicembre 2022, inerente alla storia di due padri gay trentini che avevano invece adottato la GPA, ha attivamente sollecitato e messo in opera il Governo Meloni, che legittimamente ha inviato l’ormai famosa lettera del ministro Piantedosi al sindaco di Milano Sala. Proprio ieri si è appreso che la procura di Padova ha fatto richiesta di verifica su 33 certificati di nascita di bambini figli di coppie di donne. Presumibilmente i 33 certificati saranno segnalati al tribunale che, come accaduto a Giulia a Bergamo, potrebbero essere annullati, con conseguente cancellazione di una delle due mamme, per ciascuno dei 33 bambini. Neanche le raccomandazioni dell’Unione Europea, che dieci giorni fa ha chiesto agli stati membri di riconoscere i figli di coppie omogenitoriali, hanno fermato la catena di decisioni per disgregare le famiglie arcobaleno.

Da qualche giorno Giulia ha una sola mamma per lo Stato Italiano. Michela è, secondo l’Italia, un’estranea per Giulia. Se Michela vuole andare a prendere Giulia al nido, dovrà avere una delega da Viola, tanto per fare un solo ed unico esempio pratico (per provare a preservare la nostra dignità, evitiamo di elencare questioni di vita pratica davanti a uno Stato che cancella famiglie dai suoi registri, poiché la notizia è così abominevoli che parlare di deleghe, gite scolastiche e visite ospedaliere ci risulta umiliante).

Siamo soltanto agli inizi di una procedura che molte procure e molti tribunali italiani si apprestano ad adottare, in conseguenza di una precisa volontà politica: usare il vuoto normativo e sfruttarlo per mettere in atto una vera e propria cancellazione del diritto alla genitorialità per le persone omosessuali.

Nel paese che non ha saputo legiferare per una legge di aggravante verso l’odio omobitransfobico (ddl Zan affossato tra risate e applausi dei senatori della scorsa legislatura), il vuoto di legge sulle famiglie arcobaleno è l’ulteriore dimostrazione di una persistente omobitrasnfobia di Stato, che l’estrema destra di Fratelli d’Italia, Lega e Forza Italia non manca di piegare alla propria volontà di potenza.

Si tratta di una vera e propria persecuzione messa in atto dal Governo Meloni grazie al vuoto legislativo di cui tutta la politica italiana è responsabile. Sinistra inclusa.

 

Foto di repertorio, di Tim Bish su Unsplash

 

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Jakub Jankto coming out

Jakub Jankto: “Agli altri calciatori gay dico di fare coming out. Non abbiate paura, non succede nulla”

Corpi - Redazione 17.4.24
Concerto Primo Maggio Lista Cantanti

Chi ci sarà al Concerto del Primo Maggio 2024: Achille Lauro, LRDL, Malika Ayane, Rose Villain e con Mace potrebbe esserci Marco Mengoni

Musica - Redazione Milano 17.4.24
Challengers Guadagnino Josh O Connor Mike Faist Zendaya

Challengers, lo sceneggiatore Justin Kuritzkes: “Il tennis è davvero omoerotico”

Cinema - Mandalina Di Biase 15.4.24
“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Bad Bunny, Leto, Scilla, Carta, Camilli e altri - Specchio specchio delle mie brame la sexy gallery social vip - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Bad Bunny, Leto, Scilla, Carta, Camilli e altri

Culture - Redazione 16.4.24
Mahmood è in tour in Europa per presentare l'album "Nei letti degli altri"

Mahmood più libero che mai sul palco, il suo tour strega l’Europa e “Tuta gold” conquista il triplo disco di platino

Musica - Emanuele Corbo 9.4.24
Angelina Mango è pronta per l'Eurovision Song Contest che si terrà a maggio in Svezia

Perché Angelina Mango può vincere Eurovision 2024

Musica - Emanuele Corbo 11.4.24

Leggere fa bene

famiglie arcobaleno in camper itinerante a Curno

Il camper itinerante di Famiglie Arcobaleno ha fatto tappa a Curno: il resoconto della giornata

News - Giorgio Romano Arcuri 20.3.24
mammeamodonostro-intervista

Il viaggio di Giada e Iris continua: benvenuto Giulio, il fiore più bello sbocciato nelle avversità

News - Francesca Di Feo 7.2.24
Buone notizie Italia 2022 Gay.it

Corte di Appello di Brescia: i figli hanno il diritto a vedere riconosciuti entrambi i genitori

News - Redazione 9.2.24
famiglie-arcobaleno

Padova, colpo di scena dalla Procura: si può tornare alla Corte costituzionale per difendere l’uguaglianza di tutte le famiglie

News - Redazione 14.11.23
La Petite, arriva in Italia il film sulla GPA: "Divieti imposti in nome di una morale senza sfumature" - La Petite cover - Gay.it

La Petite, arriva in Italia il film sulla GPA: “Divieti imposti in nome di una morale senza sfumature”

Cinema - Redazione 17.1.24
Venerdì 5 aprile ore 12 a Roma flashmob contro il DDL Varchi "GPA reato universale" del governo Meloni - famiglie arcobaleno parlamento - Gay.it

Venerdì 5 aprile ore 12 a Roma flashmob contro il DDL Varchi “GPA reato universale” del governo Meloni

News - Redazione 4.4.24
famiglia omogenitoriale francesca roberta emanuele

Per l’Italia Emanuele non può avere due mamme? Arriva la sentenza di Padova

News - Redazione Milano 30.10.23
Sepoltura coppie gay Mario Seghezzi Martinengo

Il sindaco leghista che apre alla sepoltura congiunta per coppie omosessuali

News - Redazione Milano 5.1.24