Lo stand up di Mae Martin, tra ottimismo e comici transfobici

Mae Martin ci fa ridere parlando di tutto e riuscendo nella nobile impresa di farci sentire meno solə

ascolta:
0:00
-
0:00
mae martin
mae martin
2 min. di lettura

Mae Martin non ha paura di raccontare le storie più imbarazzanti della sua vita: da quando suo padre le ha detto in quale stanza della casa l’hanno concepitə al siparietto ridicolo dopo aver incrociato per caso l’ex fidanzata fino al soprannome che le hanno dato in rehab.

Se ancora non avete idea di chi sia, su Netflix vi aspettano Feel Good, miniserie in due stagioni ispirata liberamente dalla sua vita personale, e SAP (tradotto: linfa), stand up comedy uscita lo scorso martedì, dove in 1 ora 13 minuti Martin condivide retroscena quotidiani che non ci sogneremmo mai di dire ad alta voce dentro una stanza piena di sconosciuti.

Al contrario, lə comicə trentacinquenne (che un anno fa si vociferava avesse un flirt con Elliot Page) oscilla tra privato e universale, andando ben oltre la lamentela sterile dell’ennesimə millenial incasinatə.

Dalla disforia di genere che fa capolino insieme alla pubertà alla tossicodipendenza a soli dodici anni, Martin scherza su una forma di ribellione ‘egocentrica e sbagliata’, che avrebbe imparato molto dalle nuove generazioni. “Non stanno solo su TikTok” dice Martin “Protestano contro il cambiamento climatico e smantellano il binarismo di genere. Cosa facevo io? Strisciavo in un vicolo chiedendo: qualcuno ha degli acidi? È un comportamento inutile”.

Tra i dolori degli Novanta e compagne di scuola che vogliono sapere a tutti i costi quale Spice Girl sei (ma tu vorresti solo rispondere Nick Carter), Martin paragona la sua identità di genere a Lumiére della Bella e La Bestia: “Immaginate che ad un’estremità dello spettro ci sia Gaston con la sua mascolinità estrema” dice in SAP “All’altra estremità c’è Belle che ha la sindrome di Stoccolma,  e poi nel mezzo c’è il candelabro, no? Io mi rivedo in Lumière. Empatizzo con Lumière. Più diamo spazio a Lumière, più Belle e Gaston si divertono”.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Mae Martin (@hooraymae)

Attraverso l’improbabile (ma perfettamente calzante) metafora, Martin risponde direttamente a tutti quei comici uomini – nello specifico, David Chapelle, Ricky Gervais, Louis CK, e Joe Rogan – che prendono in giro le persone trans* in un periodo storico “in cui i diritti sono appesi ad un filo e si sta tornando indietro“.

Quando fai parte deal comunità trans, può sembrare una sconfitta in partenza” ha spiegato Martin a Rolling Stone “Perché appena inizi a parlarne, le persone rispondono subito ‘Ugh, stanno sempre a piagnucolare”.

Ma nei suoi spettacoli, Martin ha trovato la cifra per riuscire a far ridere il pubblico e al contempo controbattere alle battute transfobiche dei colleghi, riuscendo nella nobile impresa di tirarci su di morale.

“In generale, lo spettacolo parla di come cerchiamo di restare, in ogni modo, ottimisti davanti un’enorme parete di cattive notizie davanti a noi tutto il tempo” dichiara a The Advocate Channel “Mi auguro aiuti le persone a sentirsi meglio e meno sole”.

 

 

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Eurovision 2024 Eden Golan October Rain

Boicottare Eurovision 2024 e la partecipazione di Israele? “October rain” di Eden Golan va esclusa?

Musica - Redazione Milano 27.2.24
Marco Mengoni e Mahmood una canzone insieme

Marco Mengoni e Mahmood, una canzone insieme

Musica - Mandalina Di Biase 23.2.24
“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Evans, Keoghan, Bailey e altri - Specchio 8 - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Evans, Keoghan, Bailey e altri

Culture - Redazione 23.2.24
@giorgiominisini_

Giorgio Minisini contro gli stereotipi: perché essere maschio alfa, quando puoi stare bene? – L’intervista

Corpi - Riccardo Conte 21.2.24
I film LGBTQIA+ della settimana 26 febbraio/3 marzo tra tv generalista e streaming - film queer - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 26 febbraio/3 marzo tra tv generalista e streaming

News - Federico Boni 26.2.24
Ricky Martin: "Se avessi fatto coming out nel 1999 credo che non avrei avuto lo stesso successo" - Ricky Martin per GQ - Gay.it

Ricky Martin: “Se avessi fatto coming out nel 1999 credo che non avrei avuto lo stesso successo”

Culture - Redazione 23.2.24

Hai già letto
queste storie?

2023: Le cose da portate con noi

10 cose che vogliamo portarci nel 2024

Culture - Redazione Milano 27.12.23
Grecia, l'Alessandro Magno bisessuale di Netflix finisce in parlamento: "Deplorevole, inaccettabile e antistorico" - Alessandro Magno - Gay.it

Grecia, l’Alessandro Magno bisessuale di Netflix finisce in parlamento: “Deplorevole, inaccettabile e antistorico”

Serie Tv - Redazione 21.2.24
La caduta della casa degli Usher, la miniserie horror inaspettatamente LGBTQIA+ di Mike Flanagan - La caduta della casa degli Usher - Gay.it

La caduta della casa degli Usher, la miniserie horror inaspettatamente LGBTQIA+ di Mike Flanagan

Serie Tv - Redazione 16.10.23
transgender Harli Marten su Unsplash

Pazienti trans e gender diverse: le 10 Raccomandazioni Assisi per un’oncologia più inclusiva

Corpi - Francesca Di Feo 21.10.23
@bellaramsey

Bella Ramsey presta il volto alla linea di moda per persone non binarie

Culture - Redazione Milano 8.11.23
Elite 7, André Lamoglia orgoglioso di interpretare un ragazzo bisessuale: “Inclusività e rappresentazione fondamentali” - Elite 7 Andre Lamoglia orgoglioso di interpretare un ragazzo bisessuale - Gay.it

Elite 7, André Lamoglia orgoglioso di interpretare un ragazzo bisessuale: “Inclusività e rappresentazione fondamentali”

Serie Tv - Redazione 20.9.23
Ti Porto Con Me, arriva su Netflix l'acclamato film queer messicano - I Carry You with Me - Gay.it

Ti Porto Con Me, arriva su Netflix l’acclamato film queer messicano

Cinema - Redazione 11.12.23
Nicolas Maupas

Nicolas Maupas: “È una bella rivincita dare volto a personaggi maschili fragili”

Culture - Luca Diana 4.1.24