Il Pd si è “murgizzato”: l’attacco al candidato Majorino e allo schwa inclusivo da parte de Il Giornale

Un articolo di Massimiliano Parente su Il Giornale si fionda all’attacco dei manifesti inclusivi per le regionali in Lombardia

ascolta:
0:00
-
0:00
Majorino schwa Gay.it
3 min. di lettura

Può un candidato elettorale provare ad essere inclusivo senza che la Destra immediatamente si scagli all’attacco? La risposta è no. È quasi tempo di elezioni regionali, che si terranno il 12 e 13 febbraio – subito dopo un Festival di Sanremo che già è più queer che mai e più criticato che mai sempre dagli amici sovranisti –, e Pierfrancesco Majorino è il candidato scelto dal Partito Democratico per correre alla presidenza della regione Lombardia.

Lo scrittore ed europarlamentare ha iniziato una campagna elettorale all’insegna del “cambiare tutto”, per costruire per i cittadini lombardi una regione più funzionale e ordinata. All’interno del suo programma ci sono anche iniziative per quelli che sono alcuni dei grandi temi sociali che riguardano inclusione e lotta alla discriminazione. Questa parte è quella che è piaciuta un po’ meno agli ambienti di Destra e Majorino è stato pesantemente attaccato da un articolo di Massimiliano Parente pubblicato il 22 gennaio su “Il Giornale”.

Il capo d’accusa vede Majorino colpevole di essere stato “murgizzato” per aver introdotto lo schwa nei manifesti elettorali del Pd in Lombardia. In realtà, si tratta solo di due manifesti che annunciano un incontro per la “presentazione dellə candidatə giovani”, intervistati dallo stesso Majorino e da Cathy La Torre. Parente, scrittore, si è lanciato in un’arringa volta a dissacrare lo schwa e il suo utilizzo, facendolo diventare un elemento introdotto e usato solo dal movimento femminista, di cui prende la scrittrice Michela Murgia come esempio simbolico.

Le precisazioni sul fatto che lo schwa sia in realtà diventato parte integrante del linguaggio della comunità LGBTQIA+ per una questione di inclusione della fluidità di genere è in questo momento superfluo, soprattutto quando si grida a un complotto sociale organizzato proprio dalle femministe. Scrive infatti Parente su “Il Giornale”: «Leggete bene, hanno usato la schwa […] l’orribile simbolo usato dalle femministe murgiche e anche l’unico apporto della Murgia e delle femministe schwastiche che la seguono alla letteratura italiana».

Tra parentesi, proprio tra le parole “schwa” e “orribile”, Parente si lascia andare anche a un piccolo commento il quale, più che leggersi come una sarcastica battuta, è molto più indicativo della poca conoscenza del layout di una tastiera del diretto interessato. Chiosa infatti Massimiliano Parente: «(io ho dovuto fare copia e incolla da Google perché sulla mia tastiera maschilista la schwa non c’è, neppure nei simboli di Word, Microsoft resisti)».

Davvero lo schwa fa così paura? Ed era davvero necessario coniare il termine “schwastica”, che in modo riduttivo definiamo di poco gusto e offensivo nei confronti di più parti? E sì, è un termine che viene ripreso in più punti dell’articolo su “Il Giornale”, con cui si fa di tutta l’erba un fascio e si uniscono “scwhastiche” e asterischi, la “h” e la “y” di Cathy La Torre e la “j” nel cognome di Majorino come se fossero questi tutti i mali del mondo.

Che poi, tutto questo accanimento nei confronti dello schwa è davvero ridicolo e l’attacco al tentativo di inclusione dei manifesti del Pd non regge nemmeno quando Parente cita l’esperimento della giornalista Flavia Fratello, che non è riuscita a leggere ad alta voce un articolo di Michela Murgia scritto con lo schwa, «perché leggendolo viene fuori una pronuncia mezzo napoletana senza che però faccia ridere come Massimo Troisi». Certo, viene da dire, l’uso dello schwa si sta ancora costruendo e trasformando e per il momento è chiara solo la sua funzione nello scritto.

«Fa ridere invece un partito come il Pd abbia pensato di farci i manifesti elettorali», commenta in conclusione Massimiliano Parente su “Il Giornale”, e invece fa più ridere come un semplice simbolo che altro non vuole se non far sentire tuttə rappresentatə anche nella lingua italiana possa essere motivo di tanto astio, tanto da scriversi un pezzo di polemica di cui si poteva anche fare a meno.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Rosso, bianco e sangue blu 2? Taylor Zakhar Perez alimenta le speranze di un sequel - Rosso bianco e sangue blu - Gay.it

Rosso, bianco e sangue blu 2? Taylor Zakhar Perez alimenta le speranze di un sequel

Cinema - Redazione 26.2.24
And Just Like That 3, ecco quando andrà in onda. Confermato l'addio a Che Diaz - And Just Like That 2 Che Diaz avrà molto più spazio nella nuova stagione - Gay.it

And Just Like That 3, ecco quando andrà in onda. Confermato l’addio a Che Diaz

Serie Tv - Redazione 28.2.24
I film LGBTQIA+ della settimana 26 febbraio/3 marzo tra tv generalista e streaming - film queer - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 26 febbraio/3 marzo tra tv generalista e streaming

News - Federico Boni 26.2.24
Roberto Vannacci Paola Egonu Matteo Salvini

Vannacci sospeso dall’Esercito Italiano, Egonu lo querela, Salvini lo difende

News - Giuliano Federico 28.2.24
Gloria e la felice rappresentazione di una coppia gay, con annesso bacio da unione civile (senza censura) - Gloria bacio gay - Gay.it

Gloria e la felice rappresentazione di una coppia gay, con annesso bacio da unione civile (senza censura)

Culture - Federico Boni 28.2.24
Lewsi Hamilton rainbow

F1, il Bahrain vuole vietare la bandiera LGBTI+, cosa farà Hamilton in Ferrari?

Lifestyle - Redazione Milano 26.2.24

Hai già letto
queste storie?

decreto genitori

Corte d’Appello smentisce il decreto Salvini sulle carte d’identità dei minori: “Applicare la dicitura “genitori””

News - Redazione 15.2.24
Milano, il Comune riconosce la carriera alias ai suoi dipendenti - Carriera Alias - Gay.it

Milano, il Comune riconosce la carriera alias ai suoi dipendenti

News - Redazione 27.12.23
Romania, il premier Ciolacu chiude alle unioni civili: "La nostra società non è pronta" - Marcel Ciolacu - Gay.it

Romania, il premier Ciolacu chiude alle unioni civili: “La nostra società non è pronta”

News - Redazione 24.11.23
elezioni-argentina-reazioni-comunita-lgbtqia

“L’Argentina rischia la regressione come l’Italia, ma non passeranno”: la comunità LGBTQIA+ Argentina e l’elezione di Javier Milei – INTERVISTA

News - Francesca Di Feo 27.11.23
L'estate italiana dell'omobitransfobia, Zan: "Il Governo Meloni è corresponsabile, chi lo nega è complice" - alessandro zan - Gay.it

L’estate italiana dell’omobitransfobia, Zan: “Il Governo Meloni è corresponsabile, chi lo nega è complice”

News - Federico Boni 8.9.23
Steven Miles, il pornodivo bisessuale, Proud Boy e trumpiano, condannato a 24 mesi di carcere per l'assalto a Capitol Hill - Steven Miles - Gay.it

Steven Miles, il pornodivo bisessuale, Proud Boy e trumpiano, condannato a 24 mesi di carcere per l’assalto a Capitol Hill

News - Redazione 20.2.24
roccella-teoria-del-gender

Il Consiglio d’Europa all’Italia: “Gli attacchi alla comunità LGBTQIA+ sono violazioni dei diritti umani”

News - Federico Boni 19.12.23
Pro Vita, un 2023 segnato dall'ossessione gender. Ripercorriamo 12 mesi di attacchi alla comunità LGBTQIA+ - 22I Figli non si comprano22 i manifesti di Pro Vita contro la GPA invadono le citta dItalia - Gay.it

Pro Vita, un 2023 segnato dall’ossessione gender. Ripercorriamo 12 mesi di attacchi alla comunità LGBTQIA+

News - Federico Boni 6.12.23