Marco Mengoni, il Supereroe Guerriero che ha travolto il Circo Massimo

Una giornata indimenticabile per Marco Mengoni e i 60.000 al suo cospetto, adoranti e festanti nell'infernale catino del circo romano.

ascolta:
0:00
-
0:00
Marco Mengoni, il Supereroe Guerriero che ha travolto il Circo Massimo - Marco Mengoni il Supereroe Guerriero che ha incantato il Circo Massimo - Gay.it
4 min. di lettura

Marco Mengoni, il Supereroe Guerriero che ha travolto il Circo Massimo - MengoniCircoMassimo - Gay.it

60.000 persone accalcate nel catino del Circo Massimo di Roma in uno dei weekend più caldi di sempre. Marco Mengoni ha concluso il suo trionfale tour negli stadi nella Capitale, emozionandosi al cospetto di una spianata di fan, di umanità, a dir poco incredibile. In poco più di 10 anni, con otto dischi pubblicati e due Sanremo conquistati, il cantante di Ronciglione è riuscito a costruirsi pezzo dopo pezzo una carriera che ha pochi eguali tra i coetanei, maturando sensibilmente in questo eccezionale 2023, che l’ha rivisto trionfare all’Ariston per poi planare di nuovo all’Eurovision.

Scaletta monster da 26 canzoni per Marco, con Drusilla Foer guest star a sorpresa (registrata) e ospiti Samuele Bersani, Ariete, Bresh, Gazzelle ed Elodie, accompagnata sull’enorme palco da Crazy in Love di Beyoncé prima di scatenarsi con Pazza Musica, singolo estivo della coppia di amici. Nel pomeriggio, ad allietare le decine di migliaia di persone già accalcate all’interno dell’antico circo romano, i dj set di Crookers, Dardust, Estremo, Mace e Whitemary. Il concertone ha preso forma con Cambia un Uomo, brano del 2021 estratto da Materia (Terra), per poi snocciolare Esseri Umani, No Stress, Mi Fiderò, Muhammad Alì, Voglio, Psycho Killer, Il Meno possibile, Credimi Ancora, Chiedimi come Sto Luce, Proteggiti da Me, Due Nuvole (ripubblicata in duetto don Ariete), L’Essenziale, Pazza Musica, l’ormai iconica Due Vite cantata a squarciagola da 60.000 ugole, Fiori d’Orgoglio, Sai che, Hola, Ti ho voluto bene veramente, Ancora una volta, Guerriero, Ma Sta Sera, Pronto a Correre, Io Ti Aspetto e Proibito, brano in cui Marco canta un amore tra due uomini. Un brano anticipato da queste parole:

È l’ultima data di questo tour estivo in Italia e voglio ricordare una cosa molto importante a tutti, prima di iniziare la prossima canzone: amore, proibizione, limitazione… non esistono queste due parole in amore. L’amore è libero e lo sarà sempre”.

“Ho perso tantissimo tempo, non ho verbalizzato i miei sentimenti con delle persone che purtroppo non ho più la possibilità di vedere. Se anche voi state facendo questo errore non perdete tempo, dite ti amo, ti amo alle persone che amate. Subito”, ha precisato Marco dal palco, per poi cantare Guerriero, meraviglioso singolo del 2015, con una bandiera Progress Pride tra le mani. Esattamente come capitato a Liverpool, quando Mengoni salì sul palco dell’Eurovision Song Contest con la medesima bandiera, anche al Circo Massimo il cantante ha voluto portare con sè l’Orgoglio LGBTQIA+, indossandolo sul finale di canzone come se fosse un mantello, il mantello rainbow di un supereroe della musica che si è più volte emozionato dinanzi a simile spettacolo.

Marco ha versato una lacrima durante il collegamento in diretta con il Tg1, alle 20:30, ha pianto abbracciato a Samuele Bersani sulle note della “Ancora una Volta“, e si è più volte fermato ad ammirare estasiato, senza parole, la meraviglia di un Circo Massimo stracolmo, in grado di cantare per quasi 3 ore di concerto, concluso con spettacolari fuochi d’artificio e un altro dj set che ha fatto scatenare Mengoni, sul palco in versione cubista, divertito e sfrenato insieme a tutta la troupe che gli ha permesso di riempire stadi su stadi.

Marco ha cantato 13 anni di carriera con picchi vocali a dir poco eccezionali e cambi di look continui in grado di esaltarne la fisicità, finalmente abbracciata dal diretto interessato, scopertosi affascinante,  piacente, sex symbol, tanto da mandare in visibilio i fan del Circo Massimo, tra gonne e pantaloncini corti, paillettes e pantaloni di pelle, smanicati e giacche indossate senza t-shirt, a petto nudo.  Tra i 60.000 del pubblico più generazioni a confronto, perché Mengoni piace a tutti. Grandi e piccini, genitori con figli e nipoti, uomini e donne che lo seguono da oltre 10 anni, da quando stravinse X Factor. Al mio fianco c’era una signora delle Marche poco più che 50enne che solo quest’anno l’aveva già visto 3 volte. Insieme a lei 3 colleghe, tutte pazze di Mengoni. Hanno cantato tutto dall’inizio alla fine. Un mio amico è venuto con madre, sorella, padre e madre, perché dal primissimo Re matto Tour del 2010 l’hanno sempre visto tutti insieme, ad ogni suo live romano. Sono letteralmente cresciuti insieme a lui e alla sua musica. È come se Marco fosse un altro figlio, un altro fratello, uno di famiglia.

In poco più di due lustri Mengoni si è costruito un patrimonio musicale che va al di là dei dischi e dei brani scritti, cantati e pubblicati, avendo sfondato il muro dell’empatia, della semplicità, della sincera simpatia e vicinanza al proprio pubblico, che non l’ha mai abbandonato e negli anni si è moltiplicato, tanto da riuscire a realizzare un sogno che sembrava inimmaginabile. Riempire il Circo Massimo ad appena 34 anni.  Una giornata particolare che Mengoni difficilmente dimenticherà, al pari dei 60.000 presenti che hanno definitivamente certificato il suo essere “numero 1” tra i big della musica italiana.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Marco Mengoni (@mengonimarcoofficial)

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Marco Mengoni (@mengonimarcoofficial)

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Marco Mengoni (@mengonimarcoofficial)

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Marco Mengoni (@mengonimarcoofficial)

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Ghana legge anti LGBTI approvata dal parlamento

Ghana, il parlamento approva la legge anti-LGBTI, il Presidente Akufo-Addo firmerà?

News - Giuliano Federico 28.2.24
Alberto De Pisis

Alberto De Pisis, tra carriera, amori e speranze per il futuro: “Mi piacerebbe diventare papà” – intervista

Culture - Luca Diana 28.2.24
Si conoscono da bambini ad una festa, 26 anni dopo si sono fidanzati. La bellissima storia di Kenny e Aaron - La bellissima storia di Kenny e Aaron - Gay.it

Si conoscono da bambini ad una festa, 26 anni dopo si sono fidanzati. La bellissima storia di Kenny e Aaron

Culture - Redazione 29.2.24
Rooy Charlie Lana

Vergognarsi e spogliarsi lo stesso: intervista con Rooy Charlie Lana, tra desiderio e non binarismo

Culture - Riccardo Conte 29.2.24
Liarmouth, Aubrey Plaza di The White Lotus nel primo film di John Waters dopo 20 anni - Aubrey Plaza - Gay.it

Liarmouth, Aubrey Plaza di The White Lotus nel primo film di John Waters dopo 20 anni

Cinema - Redazione 28.2.24
Federico Massaro, Grande Fratello

Grande Fratello, il percorso di Federico Massaro dopo l’uscita di Vittorio Menozzi

Culture - Luca Diana 27.2.24

I nostri contenuti
sono diversi

Spotify Wrapped 2023, ecco i brani, i dischi e gli artisti più ascoltati in Italia e nel mondo - Spotify Wrapped 2023 - Gay.it

Spotify Wrapped 2023, ecco i brani, i dischi e gli artisti più ascoltati in Italia e nel mondo

Musica - Redazione 29.11.23
Reneé Rapp in Mean Girls (2024)

Regina George di Mean Girls è queer? Risponde Reneé Rapp

Cinema - Redazione Milano 16.1.24
L'attrice transgenere Hunter Schafer e lo sviluppatore di videogiochi Hideo Kojima di Kojima Productions, con cui collabora per il videogioco horror OD realizzato insieme al regista Jordan Peele

Hunter Schafer diventa protagonista del videogioco horror di Jordan Peele e Hideo Kojima

Culture - Matteo Lupetti 12.12.23
“Mahmood, lei che Belva si sente?” - Mahmood a Belve - Gay.it

“Mahmood, lei che Belva si sente?”

Culture - Redazione 11.9.23
Joker: Folie à Deux , ecco Lady Gaga e Joaquin Phoenix nelle nuove immagini ufficiali - Joker 2 Folie a Deux - Gay.it

Joker: Folie à Deux , ecco Lady Gaga e Joaquin Phoenix nelle nuove immagini ufficiali

Cinema - Redazione 27.12.23
Loredana Bertè, icona queer e maestra di coraggio - Sessp 22 - Gay.it

Loredana Bertè, icona queer e maestra di coraggio

Musica - Federico Colombo 22.1.24
lana

Lana Del Rey venera il demonio? La cantautrice risponde

Musica - Riccardo Conte 9.10.23
Mahmood vestito da suora canta "I Will Follow Him" da Sister Act con Fiorello a Viva Rai2

Mahmood vestito da suora canta I Will Follow Him da Sister Act a Viva Rai2. VIDEO

News - Redazione 13.11.23