Natascia Maesi, presidente Arcigay: “Il gioco è sempre più tentativo di cambiare la realtà”

Al festival IN/VISIBIL3: gioco e videogioco come occasioni per allenare le nostre pratiche queer.

ascolta:
0:00
-
0:00
gioco videogame lgbt queer_
gioco videogame lgbt queer
2 min. di lettura

“Ho la sensazione che il gioco sia sempre meno una fuga dalla realtà e sempre più un tentativo di trasformare la realtà, di agire sulla realtà in modo se vogliamo radicale, tentando di sovvertirne alcune regole sistemiche e strutturali che ci opprimono come persone LGBTQIA+”. Così Natascia Maesi, presidente nazionale di Arcigay, ha iniziato il suo intervento nel panel di apertura del festival IN/VISIBILЗ – elaborazioni intersezionali per il mondo ludico, organizzato il 13 e 14 aprile a Firenze da Daniele Bonaiuti, Mario Di Bernardo, Stefano Di Bernardo, Marco Spelgatti, Mattia Belletti, Letizia Vaccarella e Maura Saccà.

Nel 2023 Gay.it ha premiato la prima edizione di IN/VISIBILЗ come miglior evento dedicato al rapporto tra giochi e comunità LGBTQIA+. La seconda edizione del festival ha ulteriormente espanso la discussione in quell’ottica intersezionale che vede varie lotte e varie discipline incrociarsi e collaborare, e infatti il suo tema è stato “contaminazioni”.

Natascia Maesi presidente di Arcigay è intervenuta al festival di gioco e videogioco queer IN/VISIBIL3
Immagine per gentile concessione di IN/VISIBILЗ.

“La dimensione del gioco sta prendendo molto piede in Arcigay” ha notato Maesi, che ha discusso insieme alla critica videoludica Giulia Martino e alla ricercatrice transdisciplinare Isabella Pinto. E l’interesse delle comunità LGBTQIA+ per gioco e videogioco verrebbe dal fatto che questi ambienti, in cui certe soggettività per lungo tempo non sono state previste, stanno diventando “uno spazio di resistenza”. “Il gioco diventa un atto politico, giocare diventa un modo per allenare il pensiero divergente e le proprie pratiche queer” ha detto Maesi. Maesi parla di “pratiche queer” perché non sta parlando di queer e queerness pensando unicamente a orientamenti sessuali o identità di genere che sfuggano alle regole delle società ciseteronormate. E non sta pensando ai giochi queer meramente come giochi che abbiano personaggi appartenenti ai mondi LGBTQIA+, anzi sottolinea i limiti di questo approccio incentrato sulla rappresentazione. Un approccio che facilmente diventa un’operazione di facciata (il cosiddetto rainbow washing) da parte della grande industria.

Riprendendo i concetti della queer theory, e citando esplicitamente la discussione su cosa sia queer fatta da Michele Murgia nel suo libro postumo Dare la vita (Rizzoli, 2024), Maesi parla di queerness non come un’identità definita ma come qualcosa che sfugge proprio all’identificazione, come “una postura, obliqua, trasversale, anche un po’ scomoda”. Queerness come insieme di pratiche che quindi, continua il ragionamento Maesi, possono essere adottate anche da chi non fa parte delle comunità LGBTQIA+ e possono essere esplorate e allenate, magari proprio attraverso il gioco, che per sua natura è costruito di meccaniche e relazioni. Il rischio è perdere il legame tra mondo LGBTQIA+ e queerness ma, ha concluso la presidente di Arcigay, “io credo che sia possibile provare a condividere questa parola, che il mondo eterocisnormato si faccia contaminare da questa queerness. O almeno me lo auguro, sennò non farei attivismo”.

Natascia Maesi presidente di Arcigay è intervenuta al festival di gioco e videogioco queer IN/VISIBIL3

Immagine per gentile concessione di IN/VISIBILЗ.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Piper, Lamoglia, Ghali e altri - Specchio Specchio - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Piper, Lamoglia, Ghali e altri

Culture - Redazione 23.5.24
Paola e Chiara singolo estivo Festa totale

Paola e Chiara, arriva il singolo “Festa totale”: “Il nostro grido d’amore forte e libero”

Musica - Emanuele Corbo 20.5.24
Cannes 2024, ecco i 17 film LGBTQIA+ in corsa per la Queer Palm - Block Pass - Gay.it

Cannes 2024, ecco i 17 film LGBTQIA+ in corsa per la Queer Palm

Cinema - Federico Boni 17.5.24
Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe - cover wp - Gay.it

Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe

News - Lorenzo Ottanelli 20.5.24
Bari, il sindaco Decaro unisce civilmente due vigilesse in alta uniforme: "Solo l'amore conta" - Bari il sindaco Decaro unisce civilmente due vigilesse in alta uniforme - Gay.it

Bari, il sindaco Decaro unisce civilmente due vigilesse in alta uniforme: “Solo l’amore conta”

News - Redazione 24.5.24
Cannes 2024, Vivre, Mourir, Renaitre è il nuovo film queer di Gaël Morel con Victor Belmondo e Théo Christine (VIDEO) - Cannes 2024 Vivre Mourir Renaitre 3 - Gay.it

Cannes 2024, Vivre, Mourir, Renaitre è il nuovo film queer di Gaël Morel con Victor Belmondo e Théo Christine (VIDEO)

Cinema - Redazione 22.5.24

I nostri contenuti
sono diversi

napoli-arcigay-im-queer-any-problem

Napoli, scontro interno tra associazioni LGBTIAQ+, Arcigay accusa il collettivo I’m Queer Any Problem?

News - Francesca Di Feo 1.2.24
Lorenzo Gasperini, ex consigliere leghista condannato per diffamazione contro Arcigay Livorno - Arcigay Livorno - Gay.it

Lorenzo Gasperini, ex consigliere leghista condannato per diffamazione contro Arcigay Livorno

News - Redazione 8.3.24
glaad-gaming-report

Il 17% dellǝ appassionatǝ di videogames è queer, ma l’industria ci rappresenta? Il rapporto di GLAAD

Culture - Francesca Di Feo 14.2.24
La Lega Nazionale Dilettanti in campo contro l’omofobia: "L'amore per il pallone la batte" - Campagna social contro lomofobia 1200x686 copia - Gay.it

La Lega Nazionale Dilettanti in campo contro l’omofobia: “L’amore per il pallone la batte”

Corpi - Redazione 16.5.24
L'attrice transgenere Hunter Schafer e lo sviluppatore di videogiochi Hideo Kojima di Kojima Productions, con cui collabora per il videogioco horror OD realizzato insieme al regista Jordan Peele

Hunter Schafer diventa protagonista del videogioco horror di Jordan Peele e Hideo Kojima

Culture - Matteo Lupetti 12.12.23
@spartaco._

Il mondo gamer raccontato da Jessica G. Senesi: tra autoironia e inclusività

News - Riccardo Conte 1.2.24
Main art da Mediterranea Inferno di Eyeguys Lorenzo Redaelli e Santa Ragione, videogioco gay LGBRQIA+ vincitore ai premi Independent Game Festival Awards

Il videogioco LGBTQIA+ italiano Mediterranea Inferno vince uno dei più importanti premi del settore

News - Matteo Lupetti 25.3.24
Migliori videogiochi gay LGBTQIA+ del 2023: Roller Drama

I migliori videogiochi LGBTQIA+ del 2023

Culture - Matteo Lupetti 7.12.23