New York, entro fine 2022 alloggi separati per le persone trans* nei rifugi per i senzatetto

Lo storico accordo siglato grazie ad una donna trans* che ha combattuto da sola, in strada, dopo essere stata vittima di discriminazione.

New York, entro fine 2022 alloggi separati per le persone trans* nei rifugi per i senzatetto - 53 - Gay.it
Queer Liberation March, New York City, 27 giugno 2021 (foto di Alessandro Casiraghi)
3 min. di lettura

Entro fine 2022 New York City dovrà fornire alloggi separati e dedicati per le persone senzatetto trans* e di genere non binario nei rifugi cittadini di quattro distretti. Tutto nasce da un atteso accordo con Mariah Lopez, attivista della Strategic Transgender Alliance for Radical Reform (STARR). La Grande Mela ha quindi meno di un anno per mettere a disposizione almeno 30 posti letto per le persone trans in tutta la città, tra le sedi di Brooklyn, Bronx, Queens e Manhattan. I letti, che dovranno avere accesso a servizi igienici e docce monoposto o bagni privati, potranno essere collocati sia in nuove pensiline dedicate, sia in unità separate all’interno di strutture ricettive esistenti.

L’accordo include anche un impegno da parte della città ad aggiungere in futuro ancora più posti letto per le persone trans, se necessario. Lopez e i suoi avvocati riceveranno specifici rapporti dalla città sui progressi effettuati, monitorando le eventuali denunce per molestie e visitando i rifugi designati per valutarne le condizioni. L’accordo arriva al culmine di una battaglia legale lunga quattro anni che Lopez ha condotto per lo più da sola, senza l’aiuto di un avvocato. Parte del contenzioso è stato intrapreso mentre viveva per strada, dopo essere fuggita dal sistema di accoglienza della città nel 2017. I termini dell’accordo con New York City sono stati riportati per la prima volta da Xtra Magazine.

È stata una tale lotta arrivare a questo punto“, ha detto Lopez a WNYC/Gothamist, specificando come durante la battaglia legale durata anni abbia tratto ispirazione da iconiche attiviste trans* come Marsha P. Johnson e Sylvia Rivera. Lopez aveva brevemente vissuto con Rivera prima della sua morte, nel 2002 a Transy House, rifugio di Brooklyn per giovani trans in fuga. “Niente di tutto questo cambierà se questo caso svanisce e io mi arrendo”, si era detta. Isaac McGinn, portavoce del Dipartimento dei servizi per i senzatetto della città, ha confermato i cambiamenti politici e sociali che il dipartimento sta attuando. “Ringraziamo Mariah Lopez per la sua leadership su questo tema e, mentre portiamo avanti il nostro lavoro, intendiamo continuare ad ascoltare il feedback da parte di partner e sostenitori, con l’obiettivo condiviso di garantire l’ambiente più inclusivo per tutti”.

Lopez, 36 anni, è diventata una senzatetto dopo la morte di una zia con cui viveva. Successivamente è entrata nel sistema dei senzatetto della città ed è stata presto trasferita alla Marsha’s House, rifugio dedicato alla comunità LGBTQ. Ma una volta qui ha incontrato un ambiente tutt’altro che accogliente. Il personale, a suo dire, la scambiava regolarmente o usava il pronome sbagliato per descriverla. L’avrebbero più volte chiamata  “fr*cio” e avrebbero fatto pressioni su di lei e altri residenti del rifugio per atti sessuali, con la minaccia di trasferirli in un rifugio diverso se non si fossero concessi. Le condizioni del rifugio erano così demoralizzanti, ha detto Lopez, che è tornata in strada e alla prostituzione per sopravvivere. Un parente l’ha aiutata ad affittare una stanza diversi mesi dopo. All’epoca,  Mariah disse che si chiedeva ripetutamente: “Cosa farebbe Sylvia?“, riferendosi all’iconica Rivera. “Andrò alla corte federale“, si rispose con coraggio. E così ha intrapreso una battaglia durata anni.

Oltre all’accordo storico per fornire alloggi alle persone trans, il personale dei rifugi dovranno firmare accordi di non discriminazione e ricevere una formazione educativa su come interagire rispettosamente con le persone trans e di genere non binario. Lopez e il suo team legale presso il Center for Constitutional Rights e la LGBTQ+ Advocacy Clinic di Harvard Law, che sono subentrati in suo aiuto, monitoreranno i progressi del Dipartimento dei servizi per i senzatetto sugli impegni presi per i prossimi cinque anni.

Abbiamo molto lavoro davanti a noi per assicurarci che la città rimanga sulla buona strada“, ha detto Lopez, aggiungendo: “Se riesci a trovare un alloggio per qualcuno, puoi cambiare la sua fottuta vita“.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Jakub Jankto coming out

Jakub Jankto: “Agli altri calciatori gay dico di fare coming out. Non abbiate paura, non succede nulla”

Corpi - Redazione 17.4.24
La Rappresentante di Lista, "Paradiso" è il nuovo singolo

La Rappresentante di Lista ci porta in “Paradiso” con il nuovo singolo. Ascolta l’anteprima

Musica - Emanuele Corbo 16.4.24
100% Italia, Dario e Giorgio sono tornati per Il Torneo dei Campioni. E volano in semifinale - Dario e Giorgio - Gay.it

100% Italia, Dario e Giorgio sono tornati per Il Torneo dei Campioni. E volano in semifinale

News - Redazione 17.4.24
Angelina Mango è pronta per l'Eurovision Song Contest che si terrà a maggio in Svezia

Perché Angelina Mango può vincere Eurovision 2024

Musica - Emanuele Corbo 11.4.24
Giovanni Donzelli foto instagram @giovadonze

Giovanni Donzelli di Fratelli d’Italia, outing di sua moglie che spiega “È un marito etero”

Culture - Mandalina Di Biase 9.4.24
Bradley Riches di Heartstopper annuncia il fidanzamento con Scott Johnston: "Ti amo immensamente" - heartstopper bradley riches engagement - Gay.it

Bradley Riches di Heartstopper annuncia il fidanzamento con Scott Johnston: “Ti amo immensamente”

Culture - Redazione 11.4.24

I nostri contenuti
sono diversi

20.000 specie di Api, recensione. Tra identità, corpo e genere, tu chiamala con il suo vero nome - AH 20000speciediapi foto3 - Gay.it

20.000 specie di Api, recensione. Tra identità, corpo e genere, tu chiamala con il suo vero nome

Cinema - Federico Boni 7.12.23
Orlando Pride 2023, in 200.000 a sfidare Ron DeSantis con una ragazzina trans di 11 anni in prima fila - Dempsey Jara Orlando Pride - Gay.it

Orlando Pride 2023, in 200.000 a sfidare Ron DeSantis con una ragazzina trans di 11 anni in prima fila

News - Redazione 24.10.23
Frankenstein Guillermo del Toro

Una lettura mostruosa dei corpi queer

Culture - Federico Colombo 31.10.23
salerno transgender

Salerno, ecco l’Ambulatorio di Medicina di Genere per persone transgender e non binarie: intervista

Corpi - Francesca Di Feo 10.11.23
uomini-transgender-gravidanza

Uomini transgender e gravidanza, perché parlare di rischi? Parola al dottor Converti, presidente di Amigay

News - Francesca Di Feo 24.1.24
Hunger Games, Hunter Schafer e la rappresentazione trans nel prequel - Hunger Games Hunter Schafer e la rappresentazione trans nel prequel - Gay.it

Hunger Games, Hunter Schafer e la rappresentazione trans nel prequel

Cinema - Redazione 15.11.23
A un ragazzo trans è stato vietato di interpretare il protagonista maschile in "Oklahoma!" - A un ragazzo trans e stato vietato di interpretare il protagonista maschile in 22Oklahoma22 - Gay.it

A un ragazzo trans è stato vietato di interpretare il protagonista maschile in “Oklahoma!”

Culture - Redazione 9.11.23
Trace Lysette e Colman Domingo celebrati da The Human Rights Campaign per il loro attivismo LGBTQIA+ - Colman Domingo e Trace Lysette - Gay.it

Trace Lysette e Colman Domingo celebrati da The Human Rights Campaign per il loro attivismo LGBTQIA+

Culture - Redazione 5.2.24