Regno Unito, il Governo blocca la legge scozzese sull’autodeterminazione e pensa ad un nuovo divieto contro le terapie riparative

È la prima volta che una legge scozzese viene bloccata perché apparentemente in contrasto con una legge del Regno Unito.

ascolta:
0:00
-
0:00
Regno Unito, il Governo blocca la legge scozzese sull'autodeterminazione e pensa ad un nuovo divieto contro le terapie riparative - terapie conversione messico - Gay.it
Tratto dal film Boy Erased
3 min. di lettura

Dopo cinque anni di promesse mai mantenute, il governo del Regno Unito sarebbe pronto a vietare le pericolosissime “terapie di conversione”.

Il nuovo divieto, che dovrebbe essere annunciato questa settimana, renderà illegale l’indecente pratica, come riferito da ITV News. Lo scorso anno, prima che cadesse il suo governo, Boris Johnson aveva annunciato un contestatissimo divieto che non avrebbe contemplato le persone trans, che sarebbero quindi rimaste in balia di teorie che millantano “riparazioni” sul fronte dell’orientamento sessuale e dell’identità di genere.

Jayne Ozanne, attivista da anni in lotta per far approvare simile divieto, si è detta sollevata” dagli ultimi sviluppi. “Finalmente, dopo quasi 5 anni, otterremo il divieto legislativo che ci è stato promesso da tanto tempo”, ha detto a ITV. Ozanne si è comunque detta “preoccupata che si possano creare grosse scappatoie riguardo al fatto che qualcuno possa presumibilmente” acconsentire all’utilizzo di “pratiche religiose“.

L’ipotesi è che la legge possa essere approvata entro fine 2023. ITV riferisce che a Downing Street sarebbero rimasti stupiti dal sostegno trasversale che ha abbracciato il divieto totale, compresi il niet da parte di alcuni membri del partito conservatore.

Precedentemente era stato riferito che Rishi Sunak, premier dalla scorsa estate, avesse sospeso i lavori per il divieto alle “terapie di conversione”, con alcune dichiarazioni transfobiche a peggiorare la situazione. La promessa di vietare le “terapie di conversione” nel Regno Unito risale al lontano 2018, per bocca dell’allora primo ministro Theresa May.

Nel 2021, dopo non pochi ritardi, il disegno di legge è finalmente finito nel discorso della Regina Elisabetta, come punto programmatico del governo. Peccato che Johnson, nel 2022, abbia deciso di cavalcare un’eventuale legge zoppa e discriminatoria, ad escludere le persone trans.

Caduto Johnson tutto si è nuovamente arenato, fino alla potenziale svolta di inizio 2023. Nel frattempo Paesi come Grecia, Francia e Canada hanno ufficialmente vietato le terapie di conversione, mentre a inizio gennaio il ministro irlandese Roderic O’Gorman ha promesso un divieto totale entro il 2024. In Italia, purtroppo, tutto tace.

Lo stesso governo del Regno Unito ha nel frattempo bloccato la legge scozzese sull’autodeterminazione.

I ministri inglesi affermano che il disegno di legge sarebbe in conflitto con la tutela all’uguaglianza in vigore in tutta la Gran Bretagna. È la prima volta che una legge scozzese viene bloccata perché in contrasto con una legge del Regno Unito.
La prima ministra scozzese Nicola Sturgeon ha definito tale decisione un “attacco frontale” al parlamento scozzese, annunciando una dura opposizione. Sturgeon ha ribdito che i ministri scozzesi “difenderanno” il disegno di legge, avvertendo che se il veto dovesse avere successo sarebbe il “primo di molti”. Il governo di Nicola Sturgeon ritiene che l’attuale processo di determinazione per una persona transgender sia troppo difficile e invasivo, causando angoscia a un gruppo di minoranza già emarginato e vulnerabile. 
L’annuncio inglese è stato accolto con rabbia dalla segretaria scozzese per la giustizia sociale Shona Robison, che ha definito “oltraggiosa” la decisione di bloccare il disegno di legge. “Questo è un giorno oscuro per i diritti trans e un giorno oscuro per la democrazia nel Regno Unito”, ha tuonato. 
Il disegno di legge sul riconoscimento del genere, approvato il mese scorso  dal parlamento scozzese, semplificherebbe il processo per cambiare genere legale. Il disegno di legge abbasserebbe l’età in cui le persone possono richiedere un certificato di riconoscimento di genere (GRC) – un documento legale che conferma un cambiamento di genere – da 18 a 16 anni. Eliminerebbe anche la necessità di una diagnosi medica di disforia di genere, con i richiedenti che dovranno aver vissuto il sesso acquisito per tre mesi anziché due anni – o sei mesi se hanno 16 o 17 anni. 

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Paola Turci e Francesca Pascale sarebbero in crisi

Paola Turci e Francesca Pascale hanno sciolto la loro unione civile

News - Redazione 18.7.24
Omar Rudberg, la "salatissima" vacanza social della star di Young Royals - Omar Rudberg 0 - Gay.it

Omar Rudberg, la “salatissima” vacanza social della star di Young Royals

Culture - Redazione 17.7.24
Rocco Barocco attacca il Pride

Rocco Barocco, lo stilista apertamente gay attacca il Pride

News - Mandalina Di Biase 17.7.24
Rocco Barocco attacca il Pride

Rocco Barocco, lo stilista apertamente gay attacca il Pride

News - Mandalina Di Biase 17.7.24
spiagge gay italiane spiagge queer lgbtqia

Speciale Spiagge 2024: 100 spiagge gay in Italia da non perdere

Viaggi - Redazione 1.7.24
Vladimir Luxuria Isola dei Famosi 2024

Palinsesti Mediaset 2024/2025. Vladimir Luxuria non condurrà più l’Isola dei Famosi. Verissimo incontra Amici

Culture - Redazione 17.7.24

I nostri contenuti
sono diversi

La California in difesa dei bambini LGBTQIA+ approva il Safety Act, ed Elon Musk scappa in Texas con X e Tesla - Elon Musk - Gay.it

La California in difesa dei bambini LGBTQIA+ approva il Safety Act, ed Elon Musk scappa in Texas con X e Tesla

Cinema - Redazione 18.7.24
Simone Pillon cancellato su X per omofobia scrive ad Elon Musk: "Pensavo avessi cacciato i censori LGBT" - Simone Pillon censurato su X per omofobia scrive ad Elon Musk - Gay.it

Simone Pillon cancellato su X per omofobia scrive ad Elon Musk: “Pensavo avessi cacciato i censori LGBT”

News - Redazione 27.6.24
pride bandiera arcobaleno rainbow flag Pic by Jose Pablo Garcia, Unsplash.

Pride Month 2024, in un mese oltre 40 attacchi a simboli LGBTQIA+ in 21 Stati USA

News - Redazione 2.7.24
G7 ospitato dall'Italia a Fasano, la presidente del consiglio Giorgia Meloni scatta un selfie - credit photo: LaPresse

G7, nel testo rispuntano i diritti LGBTIAQ+, censurati “orientamento sessuale, “identità di genere” e “aborto”

News - Redazione Milano 14.6.24
Francia, il ministro della giustizia si scusa per le leggi omofobe passate. Primo via libera al risarcimento - Parigi rainbow Pride - Gay.it

Francia, il ministro della giustizia si scusa per le leggi omofobe passate. Primo via libera al risarcimento

News - Redazione 14.3.24
molise-pride-francesco-roberti

Molise, il presidente regionale Francesco Roberti attacca il Pride: “Vanno lì vestiti come pagliacci”. La risposta di Arcigay.

News - Francesca Di Feo 24.6.24
Claudia Sheinbaum prima donna presidente del Messico, qual è la sua posizione sui diritti LGBTQIA+? - Claudia Sheinbaum 1 - Gay.it

Claudia Sheinbaum prima donna presidente del Messico, qual è la sua posizione sui diritti LGBTQIA+?

News - Redazione 4.6.24
Alessandro Zan, è boom preferenze. Quasi 180.000 voti, eletto all'Europarlamento - Alessandro Zan - Gay.it

Alessandro Zan, è boom preferenze. Quasi 180.000 voti, eletto all’Europarlamento

News - Redazione 10.6.24