Remembrance Sunday: il Regno Unito riconosce i veterani LGBTQ+

Per la prima volta, un gruppo di 24 veterani LGBTQ+ ha partecipato alle commemorazioni che si sono tenute a Londra. Ma quale trattamento riserva l'esercito alla nostra comunità?

Remembrance Sunday: il Regno Unito riconosce i veterani LGBTQ+ - esercito 1 - Gay.it
2 min. di lettura

Nel 2000, la Corte Europea per i Diritti Umani ha sciolto il divieto per le persone LGBTQ+ di arruolarsi nell’esercito. Nel Regno Unito, l’omosessualità è stata parzialmente discriminata negli ambienti militari fino al 1967, anno in cui il divieto entrò in vigore e per decenni i soldati che difendevano il Paese non potevano essere interni alla comunità LGBTQIA+. Per poter servire dovevano nascondere a tutti il proprio orientamento sessuale.

Per questo motivo, quest’anno al Remembrance Sunday che si tiene al Cenotaph a Londra, un gruppo formato da 24 veterani LGBTQIA+ ha partecipato per la prima volta alla cerimonia e, di fronte al monumento che ricorda i soldati caduti in guerra, sono stati ricordati anche tutti coloro che sono morti nascondendo la propria sessualità. Il tutto grazie a Fighting With Pride, la prima organizzazione – unica nel suo genere – che difende i diritti e la memoria dei soldati queer. L’evento, riconosciuto dalla Royal British Region, non è stata cosa da poco, visto che per molto tempo i veterani LGBTQIA+ sono stati considerati alla stregua dei criminali: in molti casi hanno perso la loro casa e, al loro ritorno in patria, sono stati lasciati senza una pensione o un lavoro. Durante il servizio, poi, la minaccia del congedo aleggiava sempre sulle loro teste e, per molti di loro, domenica è stata la prima volta in cui sono stati riconosciuti pubblicamente come membri delle forze armate.

Il provvedimento del 2000 ha permesso alle persone queer in tutta l’Unione Europea di arruolarsi nell’esercito, laddove i singoli Paesi lo vietassero, esattamente come il Regno Unito. In Italia la questione suscita ancora oggi dibattiti. Fino al 2014, il nostro Paese si trovava all’incirca a metà della LGBT Military Index, la classifica che segue la presenza di soldati LGBTQIA+ nel mondo. Per molto tempo la presenza di persone appartenenti alla comunità nelle forze armate è stata una questione su cui si sorvolava: per i più non esistevano e, quei pochi che facevano sentire la propria voce, venivano bollati come “disturbati”.

Anche negli Stati Uniti tra l’amministrazione Obama e quella Biden le cose sono migliorate – fatta eccezione per la parentesi Trump, la cui amministrazione aveva fatto arretrare di molto i diritti dei soldati queer. Dal 1994 al 2011 vigeva la legge Don’t Ask, Don’t Tell, le persone LGBTQ+ dovevano tenere nascosto il proprio orientamento sessuale e gli altri non potevano fare loro domande a riguardo. Prima, le forze armate avevano la possibilità di aprire investigazioni su possibili soldati sospettati di essere omosessuali. Don’t Ask, Don’t Tell è stata sollevata nel 2011. Sono stati però in tutto 100,000 i veterani LGBTQ+ congedati semplicemente perché LGBTQIA+.

Il Remembrance Sunday di quest’anno è un avvenimento storico che riconosce ufficialmente il servizio di quei veterani dimenticati e mai riconosciuti veramente come tali. I portavoce dell’Ufficio per i Veterani ha però sottolineato come: «Stiamo ancora lavorando per capire fino in fondo e riconoscere gli effetti del divieto antecedente al 2000 sull’omosessualità nelle forze armate e, dove è appropriato, per agire di conseguenza».

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Alberto De Pisis

Alberto De Pisis, tra carriera, amori e speranze per il futuro: “Mi piacerebbe diventare papà” – intervista

Culture - Luca Diana 28.2.24
I film LGBTQIA+ della settimana 26 febbraio/3 marzo tra tv generalista e streaming - film queer - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 26 febbraio/3 marzo tra tv generalista e streaming

News - Federico Boni 26.2.24
Francesco Panarella

Francesco Panarella e il morbo di Kienbock: “Recitare mi ha salvato la testa”

Culture - Luca Diana 28.2.24
Liarmouth, Aubrey Plaza di The White Lotus nel primo film di John Waters dopo 20 anni - Aubrey Plaza - Gay.it

Liarmouth, Aubrey Plaza di The White Lotus nel primo film di John Waters dopo 20 anni

Cinema - Redazione 28.2.24
Eurovision 2024 Eden Golan October Rain

Boicottare Eurovision 2024 e la partecipazione di Israele? “October rain” di Eden Golan va esclusa?

Musica - Redazione Milano 27.2.24
Lorenzo Licitra è Gesù in Jesus Christ Superstar, la prima foto ufficiale - Lorenzo Licitra e Gesu - Gay.it

Lorenzo Licitra è Gesù in Jesus Christ Superstar, la prima foto ufficiale

Culture - Redazione 28.2.24

I nostri contenuti
sono diversi

francia-fondo-lgbt-ambasciate

Francia, 2 milioni di euro alle ambasciate per la tutela dei diritti LGBTQIA+ nel mondo

News - Francesca Di Feo 26.9.23
"La violenza ha tante forme i diritti sono l'unica cura", la campagna Arcigay con i 52 Centri Antidiscriminazione d'Italia - arcigay - Gay.it

“La violenza ha tante forme i diritti sono l’unica cura”, la campagna Arcigay con i 52 Centri Antidiscriminazione d’Italia

News - Redazione 26.10.23
FOTO: LUKE GILFORD

Kim Petras risponde ai commenti sessisti e transfobici: “Siete la piaga del pianeta”

Musica - Redazione Milano 26.2.24
graeme-reid-sogi

Difesa dei diritti LGBTIQA+ in Europa: eletto Graeme Reid in SOGI, ecco chi è e di cosa si occupa

News - Francesca Di Feo 20.10.23
padova-congresso-nazionale-arco-stonewall

Dallo Stonewall Inn a Padova: due ospiti d’eccezione per il terzo Congresso Nazionale ARCO

News - Francesca Di Feo 12.12.23
Difesa Carriera Alias Guido Crosetto

Carriera alias al ministero della Difesa? Crosetto non ne sapeva nulla

News - Redazione Milano 12.1.24
Roberto Vannacci accusato di istigazione all'odio e difeso dalla Lega di Salvini

“Vannacci ha istigato all’odio razziale” l’accusa, la Lega di Salvini lo difende

News - Redazione Milano 26.2.24
Rishi Sunak, bufera sulle parole transfobiche del premier inglese. L’attacco di Sam Smith - VIDEO - Rishi Sunak - Gay.it

Rishi Sunak, bufera sulle parole transfobiche del premier inglese. L’attacco di Sam Smith – VIDEO

News - Redazione 6.10.23