Salerno, il Comune copre la scritta omofoba: “Le differenze sono ricchezza”

Dopo l'articolo di Gay.it su segnalazione di un nostro lettore, immediata la reazione della vicesindaca e assessora alle pari opportunità Memoli.

ascolta:
0:00
-
0:00
salerno scritta omofoba
salerno scritta omofoba
2 min. di lettura

A Salerno era apparsa la scorsa settimana  in via Luigi Guercio la scritta omofoa “MORTE AI FR*CI” con aggiunta di falce e martello. La segnalazione era giunta a Gay.it da un lettore, Giovanni Granato, che su Instagram aveva allertato Gay.it. Nei commenti di un post IG del nostro giornale, Giovanni aveva scritto:

Nella mia città Salerno, in una delle strade principali, è comparsa una scritta da una settimana: Fr*ci a morte. Quando l’ho vista mi si è gelato il sangue dalla delusione, rabbia, ribrezzo, un mix di emozioni assurde.(…)

Subito Gay.it, nella giornata di venerdì, aveva chiamato l’amministrazione comunale. La segreteria della vicesindaca Pasqualina Memoli si era prodigata a rassicurare la nostra testata che la scritta sarebbe stata rimossa il prima possibile. Immediatamente si è mobilitata anche Arcigay Salerno.

 

scritta morte ai froci salerno
La scritta è apparsa a Salerno la scorsa settimana in via Luigi Guercio.

E infatti ieri la scritta è stata coperta per evitare che l’insulto ai danni delle persone LGBTQIA+ continuasse a vibrare dai muri di via Guercio. La copertura, provvisoria, è stata effettuata per ordine del Comune di Salerno (giunta centro-sinistra guidata dal sindaco Vincenzo Napoli del Partito Democratico), grazie anche alla tempestiva presa in carico della vicenda, da parte proprio della vicesindaca e assessora alle pari opportunità Memoli.

“Abbiamo monitorato la situazione con l’amministrazione comunale, da sempre disponibile ad ascoltarci – ha detto a Gay.it Rocco Del Rengo di Arcigay Salerno – 
grazie soprattutto alla vicinanza alle nostre istanze della assessora alle pari opportunità e vicesindaca Paky Memoli, la quale si è sempre dimostrata disponibile nei nostri confronti”.

salerno scritta omofoba coperta assessora memoli arcigay salerno
La scritta opportunamente coperta dal Comune, in attesa della definitiva rimozione del pastrocchio omofobico.

 

La vicesindaca ha poi precisato che, dopo la provvisoria copertura dell’ingiuriosa scritta omofoba, tutto il pastrocchio d’odio deposto sul muro di una delle più importante arterie della città di Salerno sarà completamente rimosso.

“Domani sarà fatta una proposta di ordinanza a carico dell’amministratore di condominio per rimuovere completamente la scritta sulla facciata del palazzo – ha spiegato la vicesindaca Pasqualina Memoli – Rapida, dunque, è stata la bonifica del muro in questione. Le differenze tra le persone rappresentano una ricchezza, per cui vanno tutelate: grazie alla Polizia Municipale per la pronta risposta al mio appello”.

L’Italia è assediata da un persistente e crescente clima di persecuzione verso le persone LGBTQIA+.

Si leggano le ultime notizie da: PinaroloMelitoBolognaPescaraRomaVerona. Sono fatti che Gay.it ha potuto riportare negli ultimi 30 giorni, e sono certamente al ribasso rispetto a quanto riportato dai quotidiani locali di tutta Italia e che il nostro piccolo giornale non sempre è in grado di intercettare. Presumibilmente molti sono gli episodi che non vengono denunciati. Perché le persone hanno paura. (gf)

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Mary & George, Oliver Hermanus e le scene di sesso gay: "Orge difficili da coreografare, le volevo autentiche" - Mary e George cover - Gay.it

Mary & George, Oliver Hermanus e le scene di sesso gay: “Orge difficili da coreografare, le volevo autentiche”

Serie Tv - Federico Boni 1.3.24
I SAW THE TV GLOW (2024)

I Saw The Tv Glow: guarda il trailer dell’attesissimo film horror trans* – VIDEO

Cinema - Redazione Milano 29.2.24
The History of Sound, via alle riprese del film con Paul Mescal e Josh O’Connor innamorati - The History of Sound di Oliver Hermanus - Gay.it

The History of Sound, via alle riprese del film con Paul Mescal e Josh O’Connor innamorati

Cinema - Redazione 29.2.24
Rooy Charlie Lana

Vergognarsi e spogliarsi lo stesso: intervista con Rooy Charlie Lana, tra desiderio e non binarismo

Culture - Riccardo Conte 29.2.24
Eurovision 2024, Il Regno Unito vuole la vittoria con Dizzy di Olly Alexander. Il video ufficiale - olly alexander - Gay.it

Eurovision 2024, Il Regno Unito vuole la vittoria con Dizzy di Olly Alexander. Il video ufficiale

Culture - Redazione 1.3.24
Due megattere maschio fanno sesso, storico primo avvistamento alle Hawaii (FOTO) - Due megattere maschi fanno sesso storico primo avvistamento alle Hawaii - Gay.it

Due megattere maschio fanno sesso, storico primo avvistamento alle Hawaii (FOTO)

News - Redazione 1.3.24

Leggere fa bene

milano-aggressione-baby-gang-in-diciannove

“Sei trans? Sei gay? Vergognati” a Milano minacce armate e insulti da una baby gang di 19 elementi

News - Francesca Di Feo 22.11.23
russia-putin-comunita-lgbt-bambini

Russia, Putin sulla comunità LGBTQIA+: “Giù le mani dai bambini”

News - Redazione Milano 23.2.24
la-normalita-dell-amore

Il mio libro di risposta a Vannacci: “La normalità dell’amore”, così un ragazzo replica alle retoriche d’odio del generale

Culture - Francesca Di Feo 1.2.24
biella madre picchia figlio gay

Biella, madre picchiava figlio di 17 anni con il mattarello perché gay: rinviata a giudizio

News - Redazione Milano 10.10.23
avvocato-difensore-filippo-turetta-emanuele-compagno

Omofobia, misoginia e victim blaming sui social di Emanuele Compagno, ex avvocato difensore di Filippo Turetta

News - Francesca Di Feo 24.11.23
Coppia gay Germania Gay.it

Turchia: il 90% delle persone LGBTIQ+ subisce violenza on line

News - Redazione 13.10.23
uganda uomo arrestato

Picco di arresti e procedimenti giudiziari contro le persone LGBTQIA+ nel 2023

News - Federico Boni 1.12.23
pro-vita-manifesti-como-brescia

Pro Vita e Famiglia, nuovi manifesti “anti-gender” a Como e Brescia: la risposta di Arcigay

News - Francesca Di Feo 6.1.24