Bologna, Alessandro e Agostino vengono allo scoperto: vestiti bruciati e insulti, restano senza casa dopo l’aggressione omofobica di una gang di ragazzini, anche minorenni

Cosa è successo alla coppia gay a Bologna che inizialmente aveva preferito restare anomina. È soltanto l'ultima di una lunga sequela di episodi omobitransfobici avvenuti in Italia negli ultimi 30 giorni.

ascolta:
0:00
-
0:00
omofobia bologna
omofobia bologna
2 min. di lettura

A Bologna una coppia gay,  Alessandro Bertino e Agostino Albino, è stata costretta a lasciare la propria casa in via della Ca’ Bianca, a causa di un’escalation di episodi omofobici subiti per mesi. I due uomini, insieme da 14 anni e sposati dal 2017, avevano acquistato la casa immersa nel verde a ottobre dell’anno precedente, ma presto si sono trovati a fronteggiare una banda di ragazzi tra i 16 e i 19 anni che li perseguitava a causa del loro orientamento affettivo.

I due avevano già denunciato quanto accaduto a Il Resto del Carlino, ma avevano preferito restare anonimi. Gay.it ne aveva dato conto qui. Ora i due hanno deciso di spiegare bene quanto accaduto, venendo allo scoperto con volti, nomi e cognomi, in un’intervista a Repubblica Bologna.

Gli attacchi hanno avuto inizio quando il gruppo di ragazzi ha scelto l’ingresso indipendente del palazzo come punto di ritrovo, disturbando gli altri condomini. Alessandro e Agostino hanno cercato di porre fine ai disagi chiedendo loro di smettere o di spostarsi altrove, ma ciò ha scatenato una serie di offese verbali, compresi insulti omofobici, minacce alle famiglie e danneggiamento dei loro beni, inclusa l’automobile.

La situazione è peggiorata fino a culminare nel tragico episodio del 22 giugno, quando la coppia è stata avvertita da un amico che la loro casa era stata presa di mira. Giunti sul posto, Alessandro e Agostino hanno scoperto che il loro stendipanni e tutti i loro abiti erano stati dati alle fiamme. L’incidente ha scosso profondamente i due, rimasti smarriti e spaesati davanti alla violenza omofobica dei giovanissimi vandali.

Dopo l’attacco, Bertino e Albino hanno sporto denuncia ai carabinieri, ma l’esperienza ha lasciato gravi conseguenze psicologiche su entrambi. Intimoriti, assediato dalla paura, privi della tranquillità di cui ciascun cittadino dovrebbe avere diritto almeno a casa propria e turbati nella libertà di esprimere pubblicamente il proprio reciproco affetto, la coppia ha deciso di lasciare la casa. Ora Alessandro e Agostino vivono ospiti da amici e stanno cercando un nuovo posto dove trasferirsi.

Proseguono dunque in Italia senza sosta gli episodi di violenza omobitransfobica ai danni della comunità LGBTQIA+. A Pescara qualche giorno fa un uomo è stato preso a pugni per il semplice fatto di aver ammesso di essere gay. A Roma, durante il sit-in di Famiglie Arcobaleno, un grave episodio di discriminazione omofoba si è consumato in una salumeria, in pieno centro. A Verona una coppia di immigrati gay non riesce a trovare casa. Scioccante la sassaiola scagliata contro tre ragazzi gay a Bari. E a Prato, durante un Pride, una drag queen è stata insultata e poi derubata. E ancora: a Piacenza auto distrutta e minacce al grido “Fr*ci* devi morire….”. A Finale Ligure una gang, composta nuovamente da minorenni, ha aggredito un ragazzo gay gridando “Meriti di essere abusato”.

Questi appena elencati sono soltanto gli episodi raccontati da Gay.it nell’ultimo mese, tra il 6 luglio e il 7 agosto 2023. Molti episodi denunciati sono sfuggiti alla cronaca del nostro giornale. E molti, moltissimi, sono gli episodi sommersi che non vengono denunciati. È l’Italia dell’omobitransfobia.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

GLORIA! (2024)

Le ragazze ribelli di Gloria! Tutto sul primo sovversivo film di Margherita Vicario

Cinema - Redazione Milano 22.2.24
Berlino 2024, tutti i film queer in corsa per il Teddy Award 2024 - Teddy Award 2024 film - Gay.it

Berlino 2024, tutti i film queer in corsa per il Teddy Award 2024

Cinema - Federico Boni 22.2.24
Paolo Camilli

Paolo Camilli: “La mia omosessualità? L’ho negata fino alla morte con me stesso” – intervista

Culture - Luca Diana 23.2.24
adolescente-non-binari-aggressione-oklaoma (1)

USA, Nex Benedict, sedicenne non binariǝ, muore dopo un’aggressione transfobica a scuola

News - Francesca Di Feo 21.2.24
@giorgiominisini_

Giorgio Minisini contro gli stereotipi: perché essere maschio alfa, quando puoi stare bene? – L’intervista

Corpi - Riccardo Conte 21.2.24
thailandia-matrimonio-egualitario

La Thailandia verso il matrimonio egualitario: approvazione del disegno di legge entro fine anno

News - Francesca Di Feo 19.2.24

Continua a leggere

Gardaland, licenziato il manager che chiamava "principessa" il dipendente gay - Gardaland - Gay.it

Gardaland, licenziato il manager che chiamava “principessa” il dipendente gay

News - Redazione 5.10.23
Taylor Fritz, accuse di omofobia social. Cosa è successo e la replica del tennista - Taylor Fritz 1 - Gay.it

Taylor Fritz, accuse di omofobia social. Cosa è successo e la replica del tennista

Corpi - Redazione 21.2.24
Arezzo, ragazzo sudamericano non trova casa: "Sei gay? Niente affitto" - affitto - Gay.it

Arezzo, ragazzo sudamericano non trova casa: “Sei gay? Niente affitto”

News - Redazione 18.9.23
Alain Soral, arrestato per omobitransfobia l'estremista di destra - Alain Soral - Gay.it

Alain Soral, arrestato per omobitransfobia l’estremista di destra

News - Redazione 3.10.23
Lingua e comunità LGBTQIA+

Lingua e comunità LGBTQIA+: non chiamatelo omofobo, è un misomosessuale, perché non è fobia, è odio

Guide - Emanuele Bero 5.12.23
Karma B, ondata di omofobia social: "Fate schifo e orrore, repellenti, comportatevi da uomini veri" - Karma B 5 - Gay.it

Karma B, ondata di omofobia social: “Fate schifo e orrore, repellenti, comportatevi da uomini veri”

News - Federico Boni 31.8.23
governo-sunak-lgbtqia

Regno Unito: come la destra del governo Sunak distrugge decenni di progressi LGBTIQ+

News - Francesca Di Feo 23.10.23
Emanuele Pozzolo il post omofobico ai tempi dell'approvazione delle unioni civili. Nella foto insieme a Giorgia Meloni che lo scelse nelle liste elettorali del 25 Settembre 2022.

Emanuele Pozzolo, scelto da Meloni: ecco il post omofobico contro le unioni civili

News - Redazione Milano 3.1.24