Salviamo Angela dalla famiglia omofoba: la sta uccidendo con il suo odio

Una famiglia omofoba, la figlia lesbica odiata, la fidanzata che tenta di salvarla. Una terribile storia dalla Turchia.

famiglia omofoba
La storia di Angela e la sua famiglia omofoba.
3 min. di lettura

Una relazione lesbica. Una famiglia omofoba. Una vita spezzata.

Dai social ci arriva la richiesta urgente di Giulia, di Torino. Un’amica di Giulia, Megan, è la fidanzata di una ragazza turca, Angela. Entrambe sono dichiarate, nonostante le persone LGBT nel Paese siano discriminate e odiate. Megan, che ora studia Medicina a Torino, ha fatto coming out a 15 anni (ora ne ha 20) e la sua famiglia l’ha accettata con amore e sostegno. Lo stesso non è successo ad Angela. La sua, al contrario, è una famiglia omofoba.

Angela fa parte di quel 95% dei membri della nostra comunità a essere discriminata. Anche in famiglia. Soprattutto in famiglia. Un anno fa Angela ha deciso di uscire allo scoperto, e ha detto al padre di essere una ragazza lesbica. Angela vive a Mersin, una cittadina molto conservatrice. In famiglia la madre ha dimostrato più volte la sua avversione nei confronti delle persone LGBT. Il fratello è orgogliosamente omofobo. Non restava che il padre, l’unico che non dimostrava nessun odio.

L’attacco della famiglia omofoba dopo il coming out

Se il padre di Angela appariva tranquillo, poi tutto è cambiato. E quando Angela torna a Mersin (studiava a Istanbul), viene attaccata da tutta la famiglia. Un attacco di panico le impedisce addirittura di respirare per un minuto, tanto forte era l’angoscia e l’ansia. La madre, il padre e il fratello le dicono che è una vergogna per la famiglia, che deve dire ad alta voce che gli piacciono i maschi. Così tutto sarebbe andato per il verso giusto.

Paragonata a una prostitua (categoria odiata e ripudiata in Turchia), minacciata di essere rinnegata, offesa in modi inimmaginabili.

Alla fine, dopo una notte di pianti, Angela decide di seguire gli ordini della famiglia. Vuole proteggere la sua istruzione, non avrebbe potuto pagarsi le tasse universitarie da sola.

Il ritorno a Istanbul e l’assunzione di un detective

Dopo quanto successo, Angela torna nella capitale turca per proseguire gli studi. La madre la chiama ogni giorno, il telefono e il computer sono sotto controllo. Quando Angela dice alla madre di aver lasciato Megan, lei qualche giorno dopo invia una foto della figlia e della ragazza assieme. La famiglia omofoba aveva assunto un detective per seguirla. Deve riportare ogni sua mossa, identificare ogni persona che incontra.

E il covid complica tutto

Arriviamo rapidamente alla pandemia, quando Angela è tornata a casa con la famiglia. Nel corso del lockdown, abbiamo affrontato il caso di alcuni figli e figlie tornati a casa per l’emergenza sanitaria e costretti a dover convivere con una famiglia omofoba.

L’abuso mentale diventa insopportabile. Nessun contatto con amici e con Megan, sequestrati tutti i telefoni e pc per 3 mesi. Angela è calata di peso, non è più la stessa, ha pensieri suicidi. L’ansia le ha causata una aritmia cardiaca.

Anche il terapista a cui è stata costretta ad andare dalla madre è stato un flop. Ha solo aumentato le sue ansie, ha distrutto la ragazza, la sua mente e il suo corpo. 

Facciamo venire Angela in Italia: salviamola dalla famiglia

Per riuscire a far ottenere la borsa di studio e il visto ad Angela, Megan e Giulia hanno ideato una raccolta fondi. La legge italiana vuole che Angela abbia sul suo conto almeno 7.000 euro per autorizzare l’emissione dei documenti necessari. Deve avere un lavoro (che avrebbe già trovato) e presentare un ISEE.

Se non la salviamo dalla sua famiglia, Angela morirà. Per questo motivo Giulia e Megan stanno facendo di tutto per aiutare la ragazza, una vittima dell’omofobia della sua famiglia, se così si può definire. Per fare una donazione, Giulia ha attivato una raccolta fondi su GoFund Me, accessibile a questo link. Anche una piccola donazione potrebbe salvare Angela. 

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Mahmood è in tour in Europa per presentare l'album "Nei letti degli altri"

Mahmood più libero che mai sul palco, il suo tour strega l’Europa e “Tuta gold” conquista il triplo disco di platino

Musica - Emanuele Corbo 9.4.24
BigMama Concertone Primo Maggio 2024

BigMama inarrestabile diventa conduttrice per il Concertone del Primo Maggio

Musica - Emanuele Corbo 15.4.24
Concerto Primo Maggio Lista Cantanti

Chi ci sarà al Concerto del Primo Maggio 2024: Achille Lauro, LRDL, Malika Ayane, Rose Villain e con Mace potrebbe esserci Marco Mengoni

Musica - Redazione Milano 17.4.24
Leo Gullotta e l'amore per Fabio Grossi a Domenica In: "Stiamo insieme da 43 anni, anni rispettosi, affettuosi, amorosi" - Leo Gullotta - Gay.it

Leo Gullotta e l’amore per Fabio Grossi a Domenica In: “Stiamo insieme da 43 anni, anni rispettosi, affettuosi, amorosi”

News - Redazione 15.4.24
Emma Marrone e Nicolò De Devitiis, Le Iene

Emma Marrone a Le Iene: “Mi piacerebbe diventare madre. Ho 39 anni e tutti gli strumenti per esserlo”

Culture - Luca Diana 16.4.24
Giovanni Donzelli foto instagram @giovadonze

Giovanni Donzelli di Fratelli d’Italia, outing di sua moglie che spiega “È un marito etero”

Culture - Mandalina Di Biase 9.4.24

I nostri contenuti
sono diversi

milano-aggressione-baby-gang-in-diciannove

“Sei trans? Sei gay? Vergognati” a Milano minacce armate e insulti da una baby gang di 19 elementi

News - Francesca Di Feo 22.11.23
turchia-libri-censura

Turchia, libri su teorie riparative e correlazione tra omosessualità e pedofilia negli scaffali delle biblioteche pubbliche

News - Francesca Di Feo 5.2.24
Martano, omofobia ai danni della drag queen Tekemaya: "Mi veniva da piangere e mi son sentita male" - Tekemaya - Gay.it

Martano, omofobia ai danni della drag queen Tekemaya: “Mi veniva da piangere e mi son sentita male”

News - Redazione 6.12.23
USA, i crimini d’odio contro le persone trans e di genere non conforme sono aumentati del 33% nel 2022 - La transfobia istituzionale dilaga negli USA - Gay.it

USA, i crimini d’odio contro le persone trans e di genere non conforme sono aumentati del 33% nel 2022

News - Federico Boni 19.10.23
Cesena, Forza Nuova affisse manifesti funebri per le unioni civili. Mirco Ottaviani assolto dalla Corte d'Appello - Cesena Forza Nuova 1 - Gay.it

Cesena, Forza Nuova affisse manifesti funebri per le unioni civili. Mirco Ottaviani assolto dalla Corte d’Appello

News - Redazione 21.3.24
Odio LGBTIAQ social network

L’odio social verso la comunità LGBTQIA+ ha conseguenze nella vita reale, ma Meta, X e TikTok non fanno abbastanza per arginarlo

News - Francesca Di Feo 25.1.24
governo-sunak-lgbtqia

Regno Unito: come la destra del governo Sunak distrugge decenni di progressi LGBTIQ+

News - Francesca Di Feo 23.10.23
flavia-fratello-battuta-vannacci

Flavia Fratello replica bene a Vannacci, ma in passato firmò contro il Ddl Zan e diede spazio alla transfobia delle TERF

News - Francesca Di Feo 7.3.24