Salviamo Angela dalla famiglia omofoba: la sta uccidendo con il suo odio

Una famiglia omofoba, la figlia lesbica odiata, la fidanzata che tenta di salvarla. Una terribile storia dalla Turchia.

famiglia omofoba
La storia di Angela e la sua famiglia omofoba.
3 min. di lettura

Una relazione lesbica. Una famiglia omofoba. Una vita spezzata.

Dai social ci arriva la richiesta urgente di Giulia, di Torino. Un’amica di Giulia, Megan, è la fidanzata di una ragazza turca, Angela. Entrambe sono dichiarate, nonostante le persone LGBT nel Paese siano discriminate e odiate. Megan, che ora studia Medicina a Torino, ha fatto coming out a 15 anni (ora ne ha 20) e la sua famiglia l’ha accettata con amore e sostegno. Lo stesso non è successo ad Angela. La sua, al contrario, è una famiglia omofoba.

Angela fa parte di quel 95% dei membri della nostra comunità a essere discriminata. Anche in famiglia. Soprattutto in famiglia. Un anno fa Angela ha deciso di uscire allo scoperto, e ha detto al padre di essere una ragazza lesbica. Angela vive a Mersin, una cittadina molto conservatrice. In famiglia la madre ha dimostrato più volte la sua avversione nei confronti delle persone LGBT. Il fratello è orgogliosamente omofobo. Non restava che il padre, l’unico che non dimostrava nessun odio.

L’attacco della famiglia omofoba dopo il coming out

Se il padre di Angela appariva tranquillo, poi tutto è cambiato. E quando Angela torna a Mersin (studiava a Istanbul), viene attaccata da tutta la famiglia. Un attacco di panico le impedisce addirittura di respirare per un minuto, tanto forte era l’angoscia e l’ansia. La madre, il padre e il fratello le dicono che è una vergogna per la famiglia, che deve dire ad alta voce che gli piacciono i maschi. Così tutto sarebbe andato per il verso giusto.

Paragonata a una prostitua (categoria odiata e ripudiata in Turchia), minacciata di essere rinnegata, offesa in modi inimmaginabili.

Alla fine, dopo una notte di pianti, Angela decide di seguire gli ordini della famiglia. Vuole proteggere la sua istruzione, non avrebbe potuto pagarsi le tasse universitarie da sola.

Il ritorno a Istanbul e l’assunzione di un detective

Dopo quanto successo, Angela torna nella capitale turca per proseguire gli studi. La madre la chiama ogni giorno, il telefono e il computer sono sotto controllo. Quando Angela dice alla madre di aver lasciato Megan, lei qualche giorno dopo invia una foto della figlia e della ragazza assieme. La famiglia omofoba aveva assunto un detective per seguirla. Deve riportare ogni sua mossa, identificare ogni persona che incontra.

E il covid complica tutto

Arriviamo rapidamente alla pandemia, quando Angela è tornata a casa con la famiglia. Nel corso del lockdown, abbiamo affrontato il caso di alcuni figli e figlie tornati a casa per l’emergenza sanitaria e costretti a dover convivere con una famiglia omofoba.

L’abuso mentale diventa insopportabile. Nessun contatto con amici e con Megan, sequestrati tutti i telefoni e pc per 3 mesi. Angela è calata di peso, non è più la stessa, ha pensieri suicidi. L’ansia le ha causata una aritmia cardiaca.

Anche il terapista a cui è stata costretta ad andare dalla madre è stato un flop. Ha solo aumentato le sue ansie, ha distrutto la ragazza, la sua mente e il suo corpo. 

Facciamo venire Angela in Italia: salviamola dalla famiglia

Per riuscire a far ottenere la borsa di studio e il visto ad Angela, Megan e Giulia hanno ideato una raccolta fondi. La legge italiana vuole che Angela abbia sul suo conto almeno 7.000 euro per autorizzare l’emissione dei documenti necessari. Deve avere un lavoro (che avrebbe già trovato) e presentare un ISEE.

Se non la salviamo dalla sua famiglia, Angela morirà. Per questo motivo Giulia e Megan stanno facendo di tutto per aiutare la ragazza, una vittima dell’omofobia della sua famiglia, se così si può definire. Per fare una donazione, Giulia ha attivato una raccolta fondi su GoFund Me, accessibile a questo link. Anche una piccola donazione potrebbe salvare Angela. 

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

B&B rifiuta coppia omosessuale a Busca in provincia di Cuneo

B&B di Busca che rifiuta omosessuali scovato da Gay.it: Booking.com non elimina l’annuncio, la titolare fornisce nuove versioni omofobe ai quotidiani

News - Giuliano Federico 16.7.24
Katy Perry video

“Ho visto le stelle”: tutte pazze per il vibratore di Katy Perry (un po’ meno per il suo singolo)

Musica - Emanuele Corbo 19.7.24
Vladimir Luxuria Isola dei Famosi 2024

Palinsesti Mediaset 2024/2025. Vladimir Luxuria non condurrà più l’Isola dei Famosi. Verissimo incontra Amici

Culture - Redazione 17.7.24
Annalisa parla di un Nuovo Album

Annalisa si prepara per un nuovo album: “Voglio invitare un po’ di colleghi”

Musica - Emanuele Corbo 19.7.24
Alberto Matano e il marito Riccardo Mannino

L’estate 2024 di Alberto Matano tra sole, amore e nuove avventure letterarie: le foto social

Culture - Luca Diana 19.7.24
La convention repubblicana di Milwaukee è diventata il "Super Bowl di Grindr" (VIDEO) - grindr repubblicani - Gay.it

La convention repubblicana di Milwaukee è diventata il “Super Bowl di Grindr” (VIDEO)

News - Federico Boni 19.7.24

I nostri contenuti
sono diversi

Fabio Tuiach assolto in appello dopo l'iniziale condanna a due anni. La sua non era diffamazione omofoba - Fabio Tuiach a processo - Gay.it

Fabio Tuiach assolto in appello dopo l’iniziale condanna a due anni. La sua non era diffamazione omofoba

News - Redazione 13.6.24
Foggia Aggressione Omofobica - Sit In 19 Giugno Piazza Mercato

Foggia, stasera in Piazza Mercato sit-in contro l’omobitransfobia dopo l’aggressione a ragazzo gay

News - Federico Boni 19.6.24
Giornata della Visibilità Lesbica: perché ricordarla

Giornata della Visibilità Lesbica: perché ricordarla

Culture - Riccardo Conte 26.4.24
papa francesco e comunità lgbtq

Papa Francesco torna a insultare e conferma l’esclusione cattolica dei seminaristi gay

News - Francesca Di Feo 12.6.24
Gianna Ciao GIornata Visibilita Lesbica

Gianna Ciao, le lesbiche durante il fascismo e la Giornata Mondiale della Visibilità Lesbica

Culture - Francesca Di Feo 26.4.24
Aggressione omofoba durante il Napoli Pride, trauma cranico per due ragazze - Omofobia 8 - Gay.it

Aggressione omofoba durante il Napoli Pride, trauma cranico per due ragazze

News - Redazione 1.7.24
Lesbiche di tutta Europa

Lesbiche di tutta Europa sabato a Roma per protestare contro il Governo Meloni: “Anche noi siamo madri”

News - Redazione 25.4.24
omofobia ragazzo giovane gay

Pontedera, 18enne cacciato di casa dopo il coming out: “Niente figli gay, vattene”

News - Francesca Di Feo 27.3.24