Istanbul, la polizia reprime il Pride degli studenti LGBTQ+, 70 arresti – VIDEO

"L'omosessualità porta malattie" aveva detto nel 2020 il Presidente Erdogan.

ascolta:
0:00
-
0:00
istanbul pride repressione università
istanbul pride repressione università
3 min. di lettura

istanbul pride repressione università

A Istanbul la polizia turca ha represso il Pride degli studenti LGBTQ+ organizzato presso l’Università di Boğaziçi, una delle più autorevoli università turche. Agenti in tenuta antisommossa hanno fatto irruzione negli spazi interni dell’ateneo e hanno circondato gli studenti che manifestavano per i diritti della comunità LGBTQ+. Li hanno poi ammanettati e condotti sui propri mezzi. A quanto si apprende soprattutto osservando i video sui social network, la polizia ha potuto liberamente entrare negli spazi interni dell’Università e qui circondare gli studenti per indurli a desistere dal manifestare, fino ad arrestare alcuni di loro. Fonti della polizia dichiarano che ci sono stati 33 arresti. Fonti del collettivo universitario parlano di 70 persone arrestate. Qualche ora dopo tutte le persone sono state rilasciate, secondo quanto riportato dagli stessi collettivi studenteschi LGBTQ+ dell’Università di Boğaziçi.

 

 

Ma facciamo un passo indietro e grazie anche all’archivio di Gay.it diamo uno sguardo al recente passato della Turchia. Paese facente parte del Consiglio d’Europa e che, come tale, sarebbe tenuto a rispettare la Convenzione europea dei diritti umani.

Dal 2015 il Pride è vietato in Turchia. Già nel 2020 erano stati arrestati 18 studenti. Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan aveva dichiarato che “l’omosessualità causa malattie”. Il Pride di Ankara nel 2019 era stato represso. E nel 2017 il leader della più grande organizzazione LGBTQ+ del paese era stato arrestato. Sempre nel 2017 era stato vietato il Pink Life QueerFest, festival di cinema LGBTQ+ di Ankara.

 

 

 

Conosco bene la realtà turca – dichiara Yuri Guaiana, attivista per i diritti umani e membro di Più Europa – e nel giugno 2018 ero andato a Istanbul in sostegno e solidarietà con gli attivisti LGBTI turchi partecipando al Pride che la polizia ha disperso con idranti, proiettili di gomma e cani” e nonostante in generale dal 2015 in Turchia siano vietate le marce del Pride a Istanbul “sulla parata all’Università di Boğaziçi– prosegue Guaiana – arrivata alla sua nona edizione, non c’era stato alcun divieto da parte dell’ufficio del governatore né dal rettore.

 

In questa pagina alcuni video pubblicati su Twitter mostrano l’azione repressiva violenta della polizia nei confronti di pacifiche persone inermi che manifestano con bandiere arcobaleno e rosa-azzurre.

La Turchia fu il primo paese musulmano a celebrare un Pride nel 2003, tuttavia l’ascesa al potere del presidente Erdogan ha man mano deteriorato il tessuto democratico del paese, fino a trasformare quello che era il più liberale paese musulmano al mondo in una sostanziale dittatura capitalista imperniata su contenimento e manipolazione di valori a sfondo religioso.

 

istanbul pride repressione università
Istanbul, alcuni studenti manifestano pacificamente prima di essere circondati e arrestati.

All’università di Boğaziçi nel 2021 docenti e studenti avevano protestato per la nomina del rettore Melih Bulu, sostenitore di Erdogan. La nomina era stata effettuata per decreto direttamente dalla presidenza del paese. La polizia represse le manifestazioni di protesta, arrestando 159 studenti. In particolare 4 di loro furono portati a processo a causa di un’opera d’arte che raffigurava i simboli dell’orgoglio LGBTQ + accanto ad un’immagine sacra dell’Islam (la Kaaba). Il collage faceva parte di una mostra presso l’Università Boğaziçi.

 

Foto copertina dall’account Budirenisi

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

La storia di Radclyffe Hall: così fu censurato il primo romanzo lesbico della letteratura - Sessp 38 - Gay.it

La storia di Radclyffe Hall: così fu censurato il primo romanzo lesbico della letteratura

Culture - Federico Colombo 20.2.24
Luciana Littizzetto e la lettera a Maurizio Costanzo: "Grazie per aver parlato di diritti LGBT, per aver abbassato il provincialismo bigotto della nostra nazione" (VIDEO) - Luciana Littizzetto e Maria De Filippi - Gay.it

Luciana Littizzetto e la lettera a Maurizio Costanzo: “Grazie per aver parlato di diritti LGBT, per aver abbassato il provincialismo bigotto della nostra nazione” (VIDEO)

Culture - Federico Boni 21.2.24
Foto: SchiDechDaily

Parità di genere nella Preistoria? Le donne erano cacciatrici come gli uomini (e anche meglio!)

News - Redazione Milano 20.2.24
glaad-gaming-report

Il 17% dellǝ appassionatǝ di videogames è queer, ma l’industria ci rappresenta? Il rapporto di GLAAD

Culture - Francesca Di Feo 14.2.24
CameraModaUnarAFG photo da IG: Tamu McPherson

Milano Fashion Week e lotta alla discriminazione, siglato accordo tra Unar e Camera della Moda

Lifestyle - Mandalina Di Biase 20.2.24
Eurovision 2024, i BIG in gara per San Marino. Ci sono i Jalisse, Marcella Bella e (forse) Loredana Bertè - Una Voce per San Marino 2024 - Gay.it

Eurovision 2024, i BIG in gara per San Marino. Ci sono i Jalisse, Marcella Bella e (forse) Loredana Bertè

Culture - Redazione 19.2.24

I nostri contenuti
sono diversi

romania-unione-civile-in-italia (1)

Denis e Gianluca, la loro unione sbeffeggiata dalla burocrazia romena: “Ci hanno riso in faccia” – INTERVISTA

News - Francesca Di Feo 9.1.24
ghana-lgbt-repressione-niger

Ghana nel caos: repressione violenta, disegno di legge anti-LGBTQIA+ e il pericoloso fronte con il Niger

News - Francesca Di Feo 27.9.23
Jennifer Lopez, 5 milioni di dollari per cantare nell'omofoba Dubai. Pioggia di critiche - Jennifer Lopez - Gay.it

Jennifer Lopez, 5 milioni di dollari per cantare nell’omofoba Dubai. Pioggia di critiche

Musica - Redazione 13.2.24
palestina lgbtiq

Come vivono le persone LGBTIQ+ a Gaza e nei Territori Palestinesi

News - Redazione Milano 13.11.23
Venezuela, 33 uomini arrestati in una spa gay - carcere - Gay.it

Venezuela, 33 uomini arrestati in una spa gay

News - Redazione 5.9.23
Elle Ungheria sfida Viktor Orban mettendo due papà gay con figlia in copertina - Elle Ungheria sfida Viktor Orban mettendo due papa gay con figlia in copertina 2 - Gay.it

Elle Ungheria sfida Viktor Orban mettendo due papà gay con figlia in copertina

News - Federico Boni 7.9.23
Johannesburg Pride 2023, in migliaia per sostenere la comunità LGBTQIA+ dell’Uganda - Johannesburg Pride 2023 - Gay.it

Johannesburg Pride 2023, in migliaia per sostenere la comunità LGBTQIA+ dell’Uganda

News - Redazione 30.10.23
cover-meloni-africa

Vertice Italia-Africa e Piano Mattei: il Governo Meloni stringe accordi con 23 paesi che criminalizzano l’omosessualità

News - Francesca Di Feo 29.1.24