Omobitransfobia sul lavoro, lo studio UNAR: per il 41% delle persone, essere LGBTQIA+ è uno svantaggio professionale

Lo studio dell'ISTAT in collaborazione con UNAR evidenzia un problema concreto e rampante di omobitransfobia sul posto di lavoro.

ascolta:
0:00
-
0:00
unar lavoro lgbtqia+ discriminazione Foto di Alexander Grey su Unsplash
unar lavoro lgbtqia+ discriminazione Foto di Alexander Grey su Unsplash
4 min. di lettura

Oggi, 17 maggio, cade la Giornata Internazionale contro l’Omobitransfobia. Se i comportamenti discriminatori necessitano di azioni concrete tutti i giorni, questa è un’occasione perfetta per sensibilizzare e diffondere una cultura più inclusiva in tutti gli ambiti. Compreso quello lavorativo.

L’omobitransfobia sul posto di lavoro può però purtroppo essere difficile da riconoscere o affrontare, poiché spesso viene nascosta o mascherata da comportamenti apparentemente innocui o addirittura giustificati da politiche aziendali.

Uno studio condotto dall’ISTAT in collaborazione con l’Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni razziali (UNAR), su un campione di 1.200 individui, ha rivelato dati preoccupanti riguardo alla questione, mostrando una panoramica sconfortante nel nostro paese.

Essere LGBTQIA+ limita la crescita professionale?

Secondo i risultati, il 41,4% delle persone ritiene che l’essere omosessuali o bisessuali costituisca uno svantaggio per la loro carriera e crescita professionale, riconoscimento e apprezzamento, nonché reddito e retribuzione. Questa percentuale allarmante mette in luce un problema diffuso che richiede un’attenzione immediata.

Il sondaggio ha coinvolto una varietà di individui con diversi orientamenti sessuali, compresi omosessuali (79,6%) e bisessuali (20,4%). Il 61,5% dei partecipanti era di genere maschile, mentre il 38,5% era di genere femminile.

Riguardo all’età, il 55,4% degli intervistati rientrava nella fascia di età compresa tra i 18 ei 34 anni. In termini di livello di istruzione, il 64,2% delle persone aveva conseguito almeno una laurea. Per quanto riguarda la situazione lavorativa, l’84,7% degli intervistati era attualmente impiegato, mentre il 9,8% aveva avuto un’esperienza lavorativa precedente.

Uno dei risultati più allarmanti è emerso riguardo alle microaggressioni legate all’orientamento sessuale. L’80% delle persone gay o bisessuali ha riferito di aver subito almeno una forma di microaggressione.

Il termine “microaggressione” si riferisce a comportamenti, azioni o commenti sottili, spesso non intenzionali, che possono essere offensivi o discriminatori nei confronti di gruppi svantaggiati o minoranze.

Le microaggressioni possono essere espresse in vari modi, come gesti, parole o atteggiamenti, e possono derivare da pregiudizi impliciti o stereotipi culturali. Sebbene le microaggressioni possano sembrare insignificanti o casuali, possono causare disagio, stress emotivo e danni psicologici alle persone colpite.

Il clima ostile e le aggressioni sul luogo di lavoro sono un problema concreto per molti individui LGBTQ+. Il 33,3% delle persone ha dichiarato di aver sperimentato un clima ostile o un’aggressione nel proprio ambiente lavorativo.

Questo dato mette in luce la necessità di creare culture aziendali che promuovano il rispetto, l’uguaglianza e l’inclusione, non solo a livello di politiche formali, ma anche nella pratica quotidiana.

Sempre più persone fanno coming out sul posto di lavoro

Tuttavia, un aspetto positivo evidenziato dallo studio è la percentuale considerevole di persone che hanno fatto coming out sul posto di lavoro.

Il 78,3% ha condiviso apertamente il proprio orientamento sessuale con i colleghi di pari grado, mentre il 64,8% ha fatto lo stesso con i datori di lavoro o i superiori.

Tuttavia, è preoccupante che il 31,2% delle persone abbia subito outing senza il proprio consenso, il che mette in evidenza la necessità di rispettare la privacy e l’autodeterminazione di ciascun individuo.

Paura dentro e fuori dal posto di lavoro

Anche al di fuori dell’ambiente lavorativo, le persone LGBTQ+ affrontano sfide e rischi per la propria sicurezza. L‘11,7% delle persone ha dichiarato di aver subito minacce negli ultimi tre anni, escludendo gli episodi in ambito lavorativo, mentre l’8,8% ha riferito di aver subito aggressioni violente per motivi legati all’orientamento sessuale nello stesso periodo.

Il timore di aggressioni, minacce o molestie è un problema tangibile per molte persone LGBTQ+ sul posto di lavoro. Il 74,5% delle persone ha ammesso di evitare di tenere per mano il proprio partner dello stesso sesso in pubblico a causa di queste preoccupazioni.

Inoltre, il 31,3% delle persone ha segnalato di aver subito discriminazioni sul web, un problema sempre più diffuso nella società digitale di oggi, a sottolineare l’importanza di affrontare il cyberbullismo e promuovere una cultura online rispettosa e inclusiva.

Nonostante i progressi compiuti negli ultimi anni verso l’uguaglianza e l’inclusione, il problema persiste anche nell’ambito dell’istruzione.

Il 71,9% delle persone ha dichiarato di aver subito almeno una forma di microaggressione legata all’orientamento sessuale durante il periodo scolastico o universitario. Omobitransfobia e discriminazione sono quindi radicate fin dalle prime fasi dell’educazione e richiedono un intervento mirato nelle istituzioni educative.

La ricerca di lavoro rappresenta un’altra area in cui le persone LGBTQ+ sono soggette a discriminazione. Il 33,3% degli intervistati ha riferito di aver subito almeno una forma di discriminazione durante il processo di ricerca di lavoro.

Promuovere politiche di assunzione e selezione basate sul merito e l’inclusione, che valutino le competenze e l’esperienza dei candidati senza discriminare in base all’orientamento sessuale, è quindi un’altra politica di immediata importanza da implementare in tutti i comparti.

L’unica soluzione è la sinergia

Affrontare l’omobitransfobia sul luogo di lavoro – e fuori – richiede sforzi congiunti da parte dei datori di lavoro, dei dipendenti e delle istituzioni.

È fondamentale che le aziende promuovano una cultura inclusiva, adottando politiche anti-discriminazione chiare e formando il personale sulla diversità e sull’uguaglianza. Inoltre, è importante incoraggiare la sensibilizzazione e l’educazione sulle questioni LGBTQ+ in tutti gli ambiti della società, compresi l’istruzione e i media.

I dati emersi da questo studio evidenziano l’esistenza persistente dell’omobitransfobia sul luogo di lavoro e non solo. L’alto numero di persone che considerano l’essere omosessuali o bisessuali uno svantaggio professionale e che hanno subito discriminazioni e microaggressioni sottolinea la necessità di adottare misure concrete per creare ambienti lavorativi più inclusivi e rispettosi della diversità.

 

Foto di Alexander Grey su Unsplash

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Omosessualità Animali Gay

Animali gay, smettiamola di citare l’omosessualità in natura come sostegno alle nostre battaglie

Culture - Emanuele Bero 18.4.24
chat gay grindr

Grindr sotto accusa: avrebbe condiviso con terze parti lo status HIV di migliaia di utenti

News - Francesca Di Feo 22.4.24
Taylor Swift per THE TORTURED POETS DEPARTMENT (2024)

Il nuovo album di Taylor Swift: no, non è Patti Smith (ma lei lo sa già)

Musica - Riccardo Conte 22.4.24
Angelina Mango Marco Mengoni

Angelina Mango ha in serbo una nuova canzone con Marco Mengoni e annuncia l’album “poké melodrama” (Anteprima Gay.it)

Musica - Emanuele Corbo 18.4.24
Prisma 2, il silenzioso ma potentissimo teaser trailer con protagonisti Marco e Daniele - Prisma - Gay.it

Prisma 2, il silenzioso ma potentissimo teaser trailer con protagonisti Marco e Daniele

Serie Tv - Redazione 22.4.24
Lil Nas X: Long Live Montero, recensione. Essere icona queer, orgogliosa e rivoluzionaria - Lil Nas X - Gay.it

Lil Nas X: Long Live Montero, recensione. Essere icona queer, orgogliosa e rivoluzionaria

Cinema - Federico Boni 22.4.24

I nostri contenuti
sono diversi

donna-transgender-arrestata-hong-kong

Hong Kong, attivista transgender arrestata con un pretesto e detenuta in condizioni disumane

News - Francesca Di Feo 29.2.24
“La vita che merito. Voci di rinascita LGBTQIA+”, intervista all'autore del podcast Giorgio Umberto Bozzo - La vita che merito. Voci di rinascita LGBTQIA COVER - Gay.it

“La vita che merito. Voci di rinascita LGBTQIA+”, intervista all’autore del podcast Giorgio Umberto Bozzo

Culture - Federico Boni 7.12.23
Pride Christmas Nutcracker (TARGET)

Schiaccianoci queer e Babbo Natale in sedia a rotelle? È subito polemica

News - Redazione Milano 28.11.23
Elly Schlein

Donne LGBTI+ e politica: pregiudizi, molestie, violenze, così la resistenza patriarcale tenta di dissuaderle

News - Francesca Di Feo 29.3.24
Credit: Steve Russell

Affermazione di genere, il Governo manda gli ispettori al Careggi di Firenze. Zan: “Crociata ideologica e politica”

News - Redazione 24.1.24
grecia-matrimonio-egualitario-proteste

Grecia nel caos omobitransfobico. Weekend di terrore, in 200 aggrediscono coppia trans. Minacce a Kasselakis

News - Federico Boni 12.3.24
Napoli, il sindaco Manfredi incontra le due donne trans vittime del branco. Il comune si costituirà parte civile nell’eventuale processo - Sindaco di Napoli incontra le due turiste trans vittime di violenza - Gay.it

Napoli, il sindaco Manfredi incontra le due donne trans vittime del branco. Il comune si costituirà parte civile nell’eventuale processo

News - Redazione 17.1.24
alfortville arrestato 14enne bullo che insultava 15enne transgender

I suicidi delle persone transgender sono omicidi di Stato

News - Redazione Milano 7.11.23