Alessandro Zan, “Ho minacciato il mio mandato da relatore, non si può mediare sui diritti delle persone” – VIDEO

"Non abbiamo minimamente svuotato e svilito il significato e i contenuti di questa legge", sottolinea il deputato PD che assicura: "porteremo a casa una buona legge".

Alessandro Zan, "Ho minacciato il mio mandato da relatore, non si può mediare sui diritti delle persone" - VIDEO - Alessandro Zan - Gay.it
2 min. di lettura

Una giornata lunghissima, complicata, quella vissuta ieri in Commissione Giustizia alla Camera. Il DDL Zan è stato bombardato dagli emendamenti e dall’ostruzionismo della destra, con una prima criticata intesa raggiunta con Forza Italia al termine della riformulazione di un emendamento che ha scatenato le associazioni LGBT. Peccato che in serata Silvio Berlusconi abbia annunciato che la linea del partito sia chiara, e contraria alla legge contro l’omotransfobia e la misoginia.

Alessandro Zan, deputato PD nonché relatore, ha confermato le difficoltà vissute, con momenti di altissima tensione.

Ci sono stati dei problemi perché una parte della maggioranza, soprattutto quella che fa parte dell’area cattolica, ha chiesto ulteriori rassicurazioni sulla libertà di espressione, nonostante la legge fosse già chiara. Questa libertà di pensiero non può diventare istigazione all’odio e agli atti di violenza, ecco perché ho sempre posto come limite quello di poter sicuramente accettare un intervento per inserire questo concetto, senza però mai svuotare la legge o creare delle salvaguardie o delle discriminanti che in qualche modo discriminassero le persone che noi vogliamo invece tutelare e proteggere in questa legge. Ecco perché sono arrivato anche a minacciare il mio mandato da relatore.

Un punto di non ritorno, per Zan, prima del raggiungimento di un accordo “che è riuscito a ricompattare la maggioranza” con un emendamento che è “assolutamente innocuo, pacifico, che ribadisce i valori costituzionali del fatto che è garantita la libertà di espressione e le libere opinioni. Non abbiamo introdotto discriminanti, clausole di salvaguardia o altre amenità su cui io non sarei mai stato disposto a fare nessuna mediazione, perché non si può mediare sui diritti delle persone, sulle vite delle persone, sulla dignità delle persone”. Peccato che Berlusconi, in serata, abbia reso praticamente inutili gli sforzi di un’intera giornata di mediazioni con l’opposizione, dichiarando il proprio niet al DDL.

Ma Zan insiste, rivolgendosi anche alle associazioni LGBT e al movimento, ribadendo come non abbiamo minimamente svuotato e svilito il significato e i contenuti di questa legge. Rimane l’impianto penale, la parte delle azioni positive e viene garantito il fatto che non ci siano clausole strane che vogliano creare una disparità di trattamento tra i cittadini“. “Noi andremo avanti e porteremo a casa una buona legge“.

Il 3 agosto la legge dovrebbe finalmente approdare alla Camera dei Deputati.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Guglielmo Scilla, intervista: "Mi sconsigliarono di fare coming out. Potessi tornare indietro lo farei prima" - Guglielmo Scilla foto - Gay.it

Guglielmo Scilla, intervista: “Mi sconsigliarono di fare coming out. Potessi tornare indietro lo farei prima”

Culture - Federico Boni 18.4.24
Jakub Jankto coming out

Jakub Jankto: “Agli altri calciatori gay dico di fare coming out. Non abbiate paura, non succede nulla”

Corpi - Redazione 17.4.24
Leo Gullotta e l'amore per Fabio Grossi a Domenica In: "Stiamo insieme da 43 anni, anni rispettosi, affettuosi, amorosi" - Leo Gullotta - Gay.it

Leo Gullotta e l’amore per Fabio Grossi a Domenica In: “Stiamo insieme da 43 anni, anni rispettosi, affettuosi, amorosi”

News - Redazione 15.4.24
Angelina Mango Marco Mengoni

Angelina Mango ha in serbo una nuova canzone con Marco Mengoni e annuncia l’album “poké melodrama” (Anteprima Gay.it)

Musica - Emanuele Corbo 18.4.24
Federico Fashion Style vittima di omofobia in treno. Calci e pugni al grido "fr*cio di merd*" - Federico Fashion Style - Gay.it

Federico Fashion Style vittima di omofobia in treno. Calci e pugni al grido “fr*cio di merd*”

News - Redazione 19.4.24
La Rappresentante di Lista, "Paradiso" è il nuovo singolo

La Rappresentante di Lista ci porta in “Paradiso” con il nuovo singolo. Ascolta l’anteprima

Musica - Emanuele Corbo 16.4.24

Continua a leggere

avvocato-difensore-filippo-turetta-emanuele-compagno

Omofobia, misoginia e victim blaming sui social di Emanuele Compagno, ex avvocato difensore di Filippo Turetta

News - Francesca Di Feo 24.11.23
Kenya, miliardi in fumo se dovesse essere approvata la nuova legge omobitransfobica - Kenya Cov - Gay.it

Kenya, miliardi in fumo se dovesse essere approvata la nuova legge omobitransfobica

News - Federico Boni 9.11.23
Emanuele Pozzolo il post omofobico ai tempi dell'approvazione delle unioni civili. Nella foto insieme a Giorgia Meloni che lo scelse nelle liste elettorali del 25 Settembre 2022.

Emanuele Pozzolo, scelto da Meloni: ecco il post omofobico contro le unioni civili

News - Redazione Milano 3.1.24
Serbia, attivisti LGBTQIA+ in piazza dopo un'aggressione omofoba da parte della polizia (VIDEO) - Da Se Zna Serbia - Gay.it

Serbia, attivisti LGBTQIA+ in piazza dopo un’aggressione omofoba da parte della polizia (VIDEO)

News - Redazione 8.3.24
Pavel Lobkov

Mosca, giornalista mostra segni di aggressione “Così picchiano un fr**io”

News - Redazione Milano 2.1.24
russia-putin-comunita-lgbt-bambini

Russia, Putin sulla comunità LGBTQIA+: “Giù le mani dai bambini”

News - Redazione Milano 23.2.24
ragazza-lesbica-aggredita-bojano

Prese a schiaffi e insultò coppia di donne lesbiche. Condannato a 5 mesi e 9 giorni di reclusione

News - Redazione 23.2.24
Pasquale Ciano, aggressione omofoba a Sitges: "Ho rischiato di perdere l'occhio" - Pasquale Ciano 2 - Gay.it

Pasquale Ciano, aggressione omofoba a Sitges: “Ho rischiato di perdere l’occhio”

News - Redazione 13.12.23