Cinema e teatro contro la repressione: continua la lotta del movimento gay

È il 1977 e il movimento gay combatte la repressione con la creatività.

repressione
Nel 1977, il movimento gay combatte la repressione con la creatività.
3 min. di lettura

Il 1977 è un anno molto importante per i movimenti di liberazione omosessuale. La repressione sociale e politica porta allo scoppio di una seconda ondata di contestazioni tra giovani e istituzioni. In particolare a Bologna gli scontri sono violenti, fino all’omicidio di Francesco Lo Russo, un giovane militante di Lotta Continua, colpito dai Carabinieri dopo aver lanciato una molotov contro una camionetta.

Tra i manifestanti, anche i militanti del movimento di liberazione omosessuale. Tutti volevano manifestare contro la repressione, anche con la violenza, come appunto avviene. Ma non solo. Lo scontro si porta avanti anche con la cultura, e più precisamente con un convegno, organizzato a Bologna proprio in quell’anno.

Il festival di Bologna contro la repressione

Tre giorni di spettacoli e dibattiti. Cento mila persone da tutta Italia, Germania e Francia, che si conclude con una parata (o meglio, una manifestazione) lungo la città. Franco Berardi, tramite il podcast di Le Radici dell’Orgoglio, ricorda l’organizzazione di quei tre giorni, e di come la creatività ha preso il posto di scontri e violenze. È qui che, assieme ai militanti etero, si ritrovano anche molti gay e lesbiche, tra cui Mario Mieli.

Simona Colarizi ricorda come i giovani del 1977 erano quelli che comprendevano che i tempi erano cambiati. Nel 1977 c’era un nuovo spirito nei gruppi giovanili, i quali erano alla ricerca di una nuova identità. È una ricerca in se stessi, di accettazione, di nuovi mezzi e canali di espressione. E questo fu molto importante anche per i movimenti di liberazione omosessuale.

I nuovi collettivi omosessuali

Sempre a Bologna, nacque il Collettivo frocialista, che riconoscendosi negli ideali del Partito Socialista Italiano, si riuniva in una delle sedi del partito. Beppe Ramina ricorda questo Collettivo come un gruppo misto, con militanti che arrivavano da ogni dove, che comprendevano anche personaggi omosessuali e transgender. Non c’era distinzione o discriminazione, come poteva avvenire invece nel Partito Comunista. C’era solo la volontà di esprimersi.

Parma fu il teatro della nascita di vari collettivi omosessuali. Tra questi, i C.O.P. –  Collettivi Omosessuali Padani. Ospiti fissi a Radio Popolare – la radio privata gestita dal Movimento Studentesco di Parma – cambiarono nome dopo il mancato inserimento nel nuovo palinsesto della radio. Da C.O.P. divennero K.T.T.M.C.C – ovvero Kollettivo Teatrale Trousses Merletti Cappuccini e Cappelliere.

È con questo nome che debuttarono, tra gli altri con lo spettacolo teatrale “Pissi Pissi Bao Bao”, in cui si prendeva in giro ironicamente e in modo trasgressivo la società di quegli anni.

Non poteva mancare Roma, con il cineclub “L’Occhio, l’Orecchio e la Bocca”. Gianni Romoli entrò a far parte del club nel 1977. Era un gruppo misto che raccoglieva non solo film a tematica gay, ma appartenenti a tutte le categorie. Romoli decise di organizzare un incontro per farsi conoscere dalla comunità, e scelse di selezionare una certa categoria di pubblico: quello omosessuale.

Per questo organizzò una rassegna di cinema a tematica gay, chiamata “L’orribile verità”. Per sponsorizzare il cineclub, lui e gli altri soci, decisero di fingersi un movimento, creando il finto collettivo F.F.A.G. – Frocie Folli Audiovisive Gotiche. Paradossalmente, questo collettivo fake non fece altro che attrarre molta gente da tutta Italia, arrivando anche ai tentativi di farlo chiudere per l’importanza che stava acquisendo.

L’outing a Pannella e l’arresto di Pezzana

Il ’77 fu anche l’anno di due episodi non correlati alla repressione, al mondo del cinema e dello spettacolo.

A provocare la rottura di una parte del movimento omosessuale, c’è l’intervista su Lambda a Marco Pannella da parte di Felix Cossolo, una sorta di coming out del politico radicale.

Quella che doveva essere un’intervista impertinente e ironica, divenne invece un caso, in cui si attaccava Cossolo di aver fatto outing a Pannella. Lo stesso Pannella, leggendo in anteprima l’intervista, aveva chiesto a Cossolo di non pubblicarla, ma la sua richiesta non venne ascoltata.

La faccenda si chiuse con le dimissione di Angelo Pezzana da direttore responsabile di Lambda, che divenne una rivista esterna dal Partito Radicale, che raccolse tutti coloro che non si riconoscevano nelle posizioni del FUORI (e quindi dei Radicali), diventato invece parte integrante del partito.

Ed è proprio Pezzana il protagonista della secondo fatto importante del 1977. In quell’anno, andò a Mosca per parlare dell’arresto del regista russo Sergej Paradžanov con i vari corrispondenti dei maggiori quotidiani. Ma in quegli anni, tutti i giornalisti presenti in Russia erano sotto controllo, quindi il KGB seppe dei piani di Angelo Pezzana giorni prima del suo effettivo arrivo.

Non trovando nulla che potesse incriminarlo, i servizi segreti lo lasciarono andare, seguendo però ogni suo movimento. incontrare i giornalisti, però, non era reato, quindi il KGB lo seguiva senza poter fare nulla.

Lo arrestarono solo dopo che uscì dall’albergo sventolando un’asciugamano con su scritto“Libertà per Paradžanov”. Interrogato dal KGB come fosse una spia straniera, gli venne intimato di non tornare più in Unione Sovietica.

 

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Mara Sattei nel nuovo singolo "Tempo" in uscita il 19 Aprile, campiona un vecchio successo dei primi 2000 delle t.A.t.U.

Mara Sattei nel nuovo singolo “Tempo” campiona le t.A.T.u. che si finsero lesbiche: ma che fine hanno fatto?

Musica - Emanuele Corbo 18.4.24
Angelina Mango Marco Mengoni

Angelina Mango ha in serbo una nuova canzone con Marco Mengoni e annuncia l’album “poké melodrama” (Anteprima Gay.it)

Musica - Emanuele Corbo 18.4.24
Estranei di Andrew Haigh arriva su Disney+ - 003 001 S 02013 - Gay.it

Estranei di Andrew Haigh arriva su Disney+

Culture - Redazione 18.4.24
Amadeus, Sanremo Giovani 2023

Sanremo verso Mediaset, Amadeus in onda sul NOVE già a fine agosto con tre programmi

Culture - Mandalina Di Biase 18.4.24
La Rappresentante di Lista, "Paradiso" è il nuovo singolo

La Rappresentante di Lista ci porta in “Paradiso” con il nuovo singolo. Ascolta l’anteprima

Musica - Emanuele Corbo 16.4.24
Challengers, recensione. Il travolgente ed eccitante triangolo omoerotico di Luca Guadagnino - TIRE TOWN STILLS PULL 230607 002 RC - Gay.it

Challengers, recensione. Il travolgente ed eccitante triangolo omoerotico di Luca Guadagnino

Cinema - Federico Boni 12.4.24

Hai già letto
queste storie?

Stephen Laybutt, l'ex calciatore australiano è stato trovato morto. A fine carriera il coming out - Stephen Laybutt header Attitude - Gay.it

Stephen Laybutt, l’ex calciatore australiano è stato trovato morto. A fine carriera il coming out

Corpi - Redazione 18.1.24
ROCKY HORROR SHOW

Perché Rocky Horror Picture Show è ancora uno spettacolo senza tempo

Culture - Riccardo Conte 27.11.23
10 compositori queer che hanno fatto la storia della musica

Da Chopin e Schubert a Tchaikovski fino a Bernstein. 10 compositori queer che sono dei giganti della musica classica

Musica - Redazione 18.3.24
io che amo solo te

Io che amo solo te: una storia d’amore al teatro, come antidoto alla paura

Culture - Riccardo Conte 17.11.23
"Fiesta", il ritorno in teatro dell'omaggio a Raffaella Carrà. Leggi l'intervista all'autore e regista Fabio Canino - Snapinsta.app 409955584 18303087 1 - Gay.it

“Fiesta”, il ritorno in teatro dell’omaggio a Raffaella Carrà. Leggi l’intervista all’autore e regista Fabio Canino

News - Giorgio Romano Arcuri 30.12.23
alan turing biografia gay

Alan Turing, finalmente una statua celebrativa al Kings College di Cambridge ma è polemica sul risultato finale

Culture - Redazione 31.1.24
Ho paura torero, Lino Guanciale è una Fata a teatro nel capolavoro queer di Pedro Lemebel - Ho Paura Torero - Gay.it

Ho paura torero, Lino Guanciale è una Fata a teatro nel capolavoro queer di Pedro Lemebel

Culture - Redazione 11.1.24
I prigionieri che indossano triangoli rosa sulle loro uniformi vengono fatti marciare all'aperto dalle guardie naziste a Sachsenhausen.

Il Giorno della Memoria: un’occasione per rompere il silenzio

Culture - Alessio Ponzio 24.1.24