Cirinnà vs. Salvini: “Il no Lega all’UE zona di libertà LGBT fa dubitare sulla sua conversione europeista”

"L'Italia approvi ora il DDL Zan. Questo mi aspetto e ci aspettiamo da un Parlamento e da un Governo sinceramente europeisti".

Cirinnà vs. Salvini: "Il no Lega all'UE zona di libertà LGBT fa dubitare sulla sua conversione europeista" - cirinnà salvini - Gay.it
2 min. di lettura

La decisione del Parlamento europeo di dichiarare l’UE zona libera per le persone LGBT+ ha “profondamente commosso” Monica Cirinnà, senatrice Pd che via social ha voluto condividere la propria opinione in merito alla risoluzione approvata ieri a larga maggioranza.

Se dovessi definire in poche parole il senso più profondo del processo di integrazione europea e della partecipazione convinta dell’Italia all’UE, non potrei che richiamare proprio la difesa dei diritti e dell’eguaglianza, e l’inclusione e il rispetto di ogni differenza.

Peccato che gli eurodeputati di due partiti nostrani, ovvero Fratelli d’Italia e Lega, abbiano votato contro, suscitando non solo indignazione ma anche qualche profonda perplessità alla madre delle unioni civili nostrane.

Trovo incredibilmente grave che due partiti italiani, uno dei quali – la Lega – fa parte della maggioranza, abbiano votato contro: un voto che non solo offende la Costituzione italiana e milioni di cittadini europei ma che, nel caso della Lega, fa ancora una volta dubitare della sincerità della tardiva conversione di Salvini e dei suoi all’europeismo. L’ho dichiarato all’atto della nascita del governo Draghi e lo ripeto oggi: se questo Governo si muove nel segno e nel solco dell’Europa, non possiamo dimenticare che l’europeismo è anche europeismo dei diritti; che l’Europa migliore non è quella dell’oscurantismo dei partiti ungheresi e polacchi alleati della nostra destra, ma quella che difende la pari dignità. L’europeismo va preso dunque sul serio: lo ha fatto il Parlamento europeo, lo faccia anche il Parlamento italiano, approvando presto la legge Zan contro omolesbobitransfobia, misoginia e abilismo e dando alle persone LGBT+ e alle loro famiglie tutte le tutele che ancora mancano. Questo mi aspetto e ci aspettiamo da un Parlamento e da un Governo sinceramente europeisti.

 Anche Alessandro Zan, deputato Pd, ha chiesto per l’ennesima volta che il parlamento Italiano “faccia altrettanto, approvando definitivamente al Senato la legge contro l’omotransfobia, la misoginia e l’abilismo. L’Italia non può più restare indietro.”

Duro nei confronti di Lega e FDI anche Brando Benifei, Capodelegazione PD all’Europarlamento che ha tuonato: “Il voto contrario di Lega e Fratelli d’Italia alla risoluzione adottata con una maggioranza ampia, è una vergogna oltre ogni limite, che dimostra per l’ennesima volta il vero volto della compagine della destra e la loro idea di Europa e di diritti. Purtroppo per Salvini e Meloni, però, questa Europa è più forte del loro odio. I diritti LGBTIQ+ sono diritti umani e, come tali, vanno rispettati e fatti rispettare. Abbiamo detto basta all’odio e alla discriminazione. Basta alla violenza quotidiana dettata dall’intolleranza. Basta all’omobitransfobia. Con buona pace dell’estrema destra“.

Parole da far leggere a Paolo Borchia, eurodeputato leghista che ha votato contro la mozione sopra citata, difendendo in aula quella che lui definisce libertà di espressione di Ungheria e Polonia. Paesi in cui l’omotransfobia di Stato è pericolosa realtà quotidiana.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
Stefano Lani 12.3.21 - 13:25

Applausi sempre una gran donna!! Mentre Salvini si beve il "caffeuccio" pensando a come creare un'Italia stile Brexit,per stampare le valute di stato in proprio, potrebbe anche pensare a chi non ha difese o spazio di opinione nella sua amata patria,figuriamoci mandare avanti un'azienda. P.S AMARO: Ungheria Polonia e non solo hanno ovviamente il diritto di avere la propria opinione, più "leggeri" noi a dargli man forte(del resto non esiste solo la causa gay).Se prendiamo ad esempio Putin,che in Russia e' pari a Gesu' Cristo in terra, guai a chi lo tocca(ricordando che si e' auto eletto per tot anni sotto covid) e che ha salvato il suo paese da una parte di poverta' sarebbe più opportuno che si elevasse un pochino anche lui,pensando a tutta la sua popolazione, Omosessuali,trans ecc inclusi, invece di pensare sempre e solo a creare soldati d'acciaio iceproof.

Trending

Il matrimonio del mio migliore amico (1997)

Il tuo fruity boyfriend non ti salverà

Lifestyle - Riccardo Conte 12.7.24
Queer Lion, tutti i vincitori del Leone LGBTQIA+ aspettando Venezia 2024 - queer lion story - Gay.it

Queer Lion, tutti i vincitori del Leone LGBTQIA+ aspettando Venezia 2024

Cinema - Federico Boni 12.7.24
Nicolas Maupas e Domenico Cuomo nei ruoli di Simone e Mimmo in "Un professore 2"

Un Professore 3, Alessandro Gassman rivela quando inizieranno le riprese

Serie Tv - Redazione 12.7.24
Titti De Simone - Legge contro l'omobitransfobia in Puglia

Legge contro l’omobitransfobia in Puglia, una battaglia durata 8 anni – Intervista a Titti De Simone

News - Francesca Di Feo 12.7.24
Kylie Minogue, Bebe Rexha e Tove Lo

Kylie Minogue: il singolo ‘My Oh My’ con Bebe Rexha e Tove Lo è un “usato sicuro”, ma funziona – AUDIO

Musica - Emanuele Corbo 11.7.24
Lorenzo Zurzolo Prisma La Storia

Lorenzo Zurzolo tra James Franco ne “Gli Squali”, e Martin Scorsese nel film di Julian Schnabel “La mano di Dante”

Cinema - Mandalina Di Biase 12.7.24

Continua a leggere

Unione Europea LGBT Italia

L’Italia non firma la dichiarazione dell’UE a favore dei diritti LGBTI+ perché somiglia al Ddl Zan e include l’identità di genere

News - Redazione Milano 17.5.24
montenegro-diritti-lgbt

Il Montenegro candidato all’ingresso UE tra “sterilizzazione forzata” delle persone trans e linguaggio d’odio rampante

News - Francesca Di Feo 18.1.24
Foto: Angela Christofilou

L’8 Marzo ci siamo tuttə per tuttə

Corpi - Redazione Milano 7.3.24
Europee 2024, il Pd e Tarquinio. Lui insiste: "Il DDL Zan non mi piace, sulle unioni civili dico "a ciascuno si dia il suo"" - Marco Tarquinio - Gay.it

Europee 2024, il Pd e Tarquinio. Lui insiste: “Il DDL Zan non mi piace, sulle unioni civili dico “a ciascuno si dia il suo””

News - Federico Boni 5.4.24
Rainbow Map 2024, l'Italia crolla al 36° posto su 49 Paesi per uguaglianza e tutela delle persone LGBT - rainbowmap - Gay.it

Rainbow Map 2024, l’Italia crolla al 36° posto su 49 Paesi per uguaglianza e tutela delle persone LGBT

News - Federico Boni 15.5.24
meloni orban

Italia al 25° posto su 27 in Europa sui diritti. Peggio di noi solo Ungheria e Polonia. Il report sui singoli voti all’Europarlamento

News - Federico Boni 15.4.24
cgil-tesseramento-alias

Anche CGIL apre al tesseramento alias: “L’accoglienza delle tante diversità non è un qualcosa di facoltativo, ma necessario”

News - Francesca Di Feo 21.1.24
aborto-antiabortisti-nei-consultori

L’interruzione di gravidanza torna ad essere oggetto di discussione in parlamento: dovevamo svegliarci prima?

Corpi - Francesca Di Feo 19.4.24