Milano, coppia gay pestata da tre uomini davanti ai bambini, insulti: “Fr*ci di m**da”

La furia di tre uomini e la violenza omobitransfobica in pieno centro. La cronaca.

ascolta:
0:00
-
0:00
Milano aggressione
Milano aggressione
3 min. di lettura

Venerdì 6 Ottobre a Milano una coppia gay di uomini uniti civilmente è stata aggredita e insultata al grido “Fr*ci di m*rda” in un ristorante di via Piero della Francesca, nei pressi di Corso Sempione. L’aggressione è stata condotta da tre uomini, presenti al ristorante in compagnia di due donne e due bambini. I tre aggressori, oltre agli insulti, hanno inferto un vero e proprio pestaggio ai danni di uno dei due uomini, il 36enne Andrea (nome di fantasia), ora ricoverato con 45 giorni di prognosi.

L’aggressione si è consumata senza apparenti motivi scatenanti, forse un malinteso, in due differenti momenti, davanti agli occhi dei due bambini.

La coppia gay era arrivata al ristorante insieme a due amiche intorno alle 21 di venerdì sera e si era seduta al tavolo esterno del ristorante. Da subito i quattro avevano notato un gruppo rumoroso di sette persone, composto da tre uomini, due donne e due bambini. Dopo due ore, una delle due donne si è avvicinata al loro tavolo, chiedendo “Avete qualche problema?”. I nostri avevano risposto: “Perché? Cos’è successo?

A quel punto la donna ha accusato i quattro di aver insultato uno dei due bambini, sostenendo di aver percepito l’insulto leggendo i labiali. Andrea ha spiegato di non aver mai pronunciato commenti sui bambini, ma la situazione è diventata immediatamente incandescente. Uno dei tre uomini è piombato al tavolo e ha insultato “Fr*ci di m**da”. Ha quindi colpito Andrea con due schiaffi sulla nuca, per poi essere ricondotto al suo tavolo dal personale del ristorante.

La situazione sembrava rientrata, ma non è così. Appena dopo, quando il gruppo di 2 bambini, 2 donne e 3 uomini è uscito dal ristorante, uno di questi ultimi ha nuovamente insultato la coppia gay. Per poi lanciarsi in sputi ai danni di Andrea. Che è stato successivamente afferrato e sollevato dalla sua sedia, finendo a terra, mentre una delle due donne gridava “Questo succede a chi non rispetta i bambini“. Gli altri due uomini sono quindi intervenuti a supporto del proprio sodale, e si sono uniti al pestaggio. Secondo quanto ricostruito da Milano Today Andrea è stato centrato con pugni all’occhio e su tutto il corpo.

I due bambini hanno assistito a tutto il pestaggio inferto dagli adulti del loro gruppo ai danni della coppia gay.

Sono le 23.24, secondo quanto riferito dal quotidiano locale Il Giorno, quando una delle due amiche della coppia chiama i Carabinieri al 112. Accecato dalla rabbia per la chiamata delle forze dell’ordine, uno dei tre uomini perde la ragione, solleva un tavolo di legno e lo scaglia addosso ad Andrea, finendo per colpire una donna presente sulla scena. Quando giungono gli operatori sanitari e i Carabinieri, il gruppo si è già allontanato. Andrea viene condotto al Fatebenefratelli, dove viene dimesso dopo visite oculistica e ortopedica. Ma l’indomani, sabato 7 ottobre, si presenta all’Ospedale San Giuseppe a causa di dolori lancinanti al dito: intervento chirurgico immediato per ricomporre la frattura all’anulare sinistro. Per Andrea una prognosi di 45 giorni.

Lunedì 9 Ottobre le quattro vittime hanno sporto denuncia presso il comando di via D’Alviano. Ora sull’accaduto stanno indagando i carabinieri della compagnia Duomo. Secondo le indiscrezioni filtrate, entro poche ore gli uomini autori dell’aggressione saranno arrestati.

Per loro non sarà possibile aggiungere un’aggravante di pena omobitransfobica, perché in Italia non c’è una legge che consente ai giudici di aggravare la pena per l’odio verso le persone LGBTIQ+ (il famoso ddl Zan che il parlamento italiano ha affossato).

Si fa sempre più nero il clima omobitransfobico nell’Italia governata dalla destra. Secondo Alessandro Zan c’è la “corresponsabilità del Governo Meloni“. Ieri su Gay.it abbiamo raccontato un gravissimo episodio di una madre che pestava con il manganello suo figlio 17enne perché gay a Biella. A Foggia un padre picchiava e minacciava di morte suo figlio per lo stesso motivo. Pochi giorni fa a Torino tre minorenni hanno fatto irruzione nella sede di CasArcobaleno urlando insulti omobitransfobici. A Bojano, in Molise, donna insultata e pestata perché lesbica. Non sono risparmiate le persone celebri: Manuel Aspidi, l’ex cantante di Amici, sui social si è visto pochi giorni fa oggetto di insulti omofobici, con commenti quali: “Dovete crepare, fate vomitare”. (gf)

Omobitransfobia, le notizie su Gay.it >

 

Foto di Federico Di Dio photography su Unsplash

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Antoine Dupont, il capitano francese di rugby "pronto ad interrompere una partita” per insulti omofobi - Antoine Dupont - Gay.it

Antoine Dupont, il capitano francese di rugby “pronto ad interrompere una partita” per insulti omofobi

Corpi - Redazione 20.6.24
Guglielmo Scilla e la trasformazione fisica: "Allenarmi è diventato un viaggio liberatorio, ho faticato ad accettarmi" (VIDEO) - Guglielmo Scilla 2 - Gay.it

Guglielmo Scilla e la trasformazione fisica: “Allenarmi è diventato un viaggio liberatorio, ho faticato ad accettarmi” (VIDEO)

Corpi - Redazione 19.6.24
11 sportivi lgbt

Sport e comunità LGBTIQ+: 14 storie che devi conoscere

News - Gio Arcuri 18.6.24
Stonewall Inn, oltre 150 bandiere arcobaleno vandalizzate: "Non riuscirete ad intimidirci" - Stonewall Inn oltre 150 bandiere arcobaleno vandalizzate - Gay.it

Stonewall Inn, oltre 150 bandiere arcobaleno vandalizzate: “Non riuscirete ad intimidirci”

News - Redazione 19.6.24
Cosa significa Rainbow Washing_

Cos’è il rainbow washing, quali forme assume e come evitarlo

News - Francesca Di Feo 20.6.24
Calciatori Gay Coming Out - Rosario Coco di Out Sport spiega perché non bisogna forzare

Calciatori gay in Nazionale, calciatori gay ovunque: perché non bisogna forzare

Lifestyle - Giuliano Federico 20.6.24

I nostri contenuti
sono diversi

Milano, affitto negato perché gay: "La proprietaria preferisce una persona "tradizionale"" (VIDEO) - Andrea Papazzoni - Gay.it

Milano, affitto negato perché gay: “La proprietaria preferisce una persona “tradizionale”” (VIDEO)

News - Redazione 16.2.24
omofobia interiorizzata, stigma invisibile

Torino, condannati a 2 anni e a 16 mesi i genitori che minacciarono il figlio perché gay

News - Redazione 24.1.24
Palermo aggressione omobitransfobica

Palermo, aggressione omobitransfobica, anche da parte di minorenni: “Se denunciate vi ammazziamo”

News - Francesca Di Feo 22.1.24
africa-burundi-lapidare-omosessuali

Africa, il presidente del Burundi invita la popolazione a lapidare gli omosessuali

News - Francesca Di Feo 2.1.24
Milano, il consigliere comunale Michele Albiani denuncia per stalking attivista LGBT: "3 anni di inferno" - Michele Albiani - Gay.it

Milano, il consigliere comunale Michele Albiani denuncia per stalking attivista LGBT: “3 anni di inferno”

News - Redazione 21.3.24
grecia-chiesa-ortodossa-scomunica-matrimonio-egualitario

Grecia, la Chiesa Ortodossa minaccia di scomunicare i parlamentari che hanno votato per il matrimonio egualitario

News - Francesca Di Feo 8.3.24
albania-diritti-lgbtqia

Albania, tutte le promesse non mantenute dal governo in ambito di diritti LGBTQIA+

News - Francesca Di Feo 5.1.24
Aggressione Ragazzo Gay Milano Piazza Diaz

Milano, ragazzo di 22 anni accoltellato in pieno centro perché gay

News - Redazione Milano 19.5.24