Cosa vuole dirci Sam Smith su Ken e sull’essere uomo con “Man I Am”

L'artista non binary scrive una canzone per Barbie e sovverte le aspettative del genere maschile.

ascolta:
0:00
-
0:00
sam smith
sam smith
3 min. di lettura

Mancano due giorni a Barbie, ma se n’è già parlato così tanto che non possiamo sfuggirne.

Dal primo rocambolesco trailer il nuovo film di Greta Gerwig promette più di qualche sorpresa: la colonna sonora è un hit parade di nomi noti tra cui Nicki Minaj, Billie Eilish, Icy Spice, Dua Lipa, e la new entry Sam Smith che donerà la sua ugola d’oro per il brano ‘Man I Am‘. Una canzone scritta dalla prospettiva di Ken, che in un momento del film arriva a chiedersi: chi sono davvero?

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da SAM SMITH (@samsmith)

Tuttavia, la notizia non ha colto l’approvazione dei social: “Ci sono così tante cose sbagliate in questa scelta” scrivono su Twitter, evidenziando il ‘controsenso’ di far cantare una canzone intitolata ‘L’uomo che sono‘ ad un’artista che non si identifica come tale: “Non dovrebbe essere loro (they) sono?” chiedono altrə.

Ma che piaccia o meno, la scelta è più sovversiva di quanto sembra.

Smith ha fatto coming out come persona non binaria nel Marzo 2019, e d’allora non ha smesso di evolversi: da rassicurante cantante di ballate soul a spericolata creatura queer talmente sopra le righe che fa incazzare destra repubblicana e fanatici religiosi, il suo è un racconto di formazione in costante divenire davanti ai nostri occhi.

Video in autoreggenti e paillettes, tour con le stelline sui capezzoli, e look sul red carpet che non sono mai quello che ci aspettiamo: l’ha rinconfermato proprio alla premiere di Barbie a Londra, dove in un tripudio di outfit rosa shocking si è presentato come Barbie XL con felpa e jeans oversize targati Vetements: “un’ode a tuttə lə ribelli lì fuori” e tuttə quellə outsider queer che sentono di non avere un posto nel mondo.

Come molte persone transgender e non binarie, la presa di consapevolezza della propria identità di genere non avviene dall’oggi al domani, ma è una graduale scoperta fatta anche di contraddizioni e piccoli grandi step, composti da mille elementi – dalla percezione di sé al vestiario ai pronomi utilizzati. “Non ho sentito di regredire in alcun modo. Stavo solo provando cose nuove” dichiarava nel 2022 a GQ “Mi sono sempre sentitə di un genere non conforme. E mi sono sempre sentitə non binary trans. Per tutta la mia vita. Finché non mi sono ritrovatə durante le interviste ogni giorno a raccontare la mia storia di nuovo e di nuovo ancora che ho realizzato che questa narraizione che avevano creato era solo una piccola parte di chi sono”.

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da SAM SMITH (@samsmith)

Dall’altra parte, Ken è il modello maschile più stereotipato, grossolanamente machista, e ridicolo che conosciamo in circolazione. Un totale ‘himbo’ direbbero in America (termine per indicare un uomo bello e sciocco).

Ma se il trailer e le clip con Ryan Gosling non ci ingannano, il nuovo film ne è perfettamente consapevole, a tal punto da ribaltare le carte (a partire da quel look totale denim, ispirato all’innominabile “Ken Gay” del 1992).

A dar parola e musica all’introspezione del maschio “più maschio” che c’è, abbiamo un*artista che maschio non è.

Al contempo, Smith sa cosa significa essere misdegenderatə, accerchiatə da una comunità che ti celebra solo se ti attieni a specifici standard di bellezza, e per molto tempo ha vissuto come ‘uomo gay’. Smith rimette in discussione il genere maschile e lo (ri) osserva dalla prospettiva di chi non vuole più farsi ammorbare da certi stereotipi o costrizioni di genere, donando al nuovo Ken una profondità e intelligenza che non avremmo immaginato.

Nel bel mezzo della Non Binary Awareness Week 2023 (qui il selfie a petto nudo di Mae Martin), possiamo anche smettere di confinare le persone non binarie in una bolla scollegata dalla realtà, ma lasciarle partecipare alla conversazione, educandoci a nuovi punto di vista e arricchendo la narrazione comune. Con la possibilità di ampliare  tutto quello che abbiamo sempre pensato sull’essere “maschi o femmine”.

Che sia un presidio in piazza o una divertente canzone pop nel film più atteso dell’estate.

 

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

FEUD 2: Capote Vs. The Swans arriva su Disney+. La data d'uscita della serie di Ryan Murphy e Gus Van Sant - Feud Capote vs. The Swans - Gay.it

FEUD 2: Capote Vs. The Swans arriva su Disney+. La data d’uscita della serie di Ryan Murphy e Gus Van Sant

Serie Tv - Redazione 19.4.24
Svezia transizione 16 anni transgender

Svolta storica anche in Svezia, l’età per la transizione si abbassa a 16 anni, approvata la legge sull’autodeterminazione

News - Francesca Di Feo 18.4.24
Guglielmo Scilla, intervista: "Mi sconsigliarono di fare coming out. Potessi tornare indietro lo farei prima" - Guglielmo Scilla foto - Gay.it

Guglielmo Scilla, intervista: “Mi sconsigliarono di fare coming out. Potessi tornare indietro lo farei prima”

Culture - Federico Boni 18.4.24
Challengers, recensione. Il travolgente ed eccitante triangolo omoerotico di Luca Guadagnino - TIRE TOWN STILLS PULL 230607 002 RC - Gay.it

Challengers, recensione. Il travolgente ed eccitante triangolo omoerotico di Luca Guadagnino

Cinema - Federico Boni 12.4.24
Marco Mengoni insieme a Fra Quintale e Gemitaiz canta "Un fuoco di paglia" di Mace, nell'album MAYA. Nel ritornello, Marco si rivolge ad un amore con una desinenza di genere maschile.

Marco Mengoni, una strofa d’amore a un uomo

Musica - Mandalina Di Biase 19.4.24
Challengers Guadagnino Josh O Connor Mike Faist Zendaya

Challengers, lo sceneggiatore Justin Kuritzkes: “Il tennis è davvero omoerotico”

Cinema - Mandalina Di Biase 15.4.24

I nostri contenuti
sono diversi

bari BIG gender festival puglia lgbtqia

Bari International Gender Festival: i nostri sogni transfemministi devono continuare ad essere grandi

Culture - Redazione Milano 3.11.23
FR*CINEMA

A Roma arriva FR*CINEMA, tra film queer e riappropriazione culturale

Cinema - Redazione Milano 28.2.24
Germania, la Baviera vieta l'uso di un linguaggio inclusivo nelle scuole - non binary power sign 960x640 1 - Gay.it

Germania, la Baviera vieta l’uso di un linguaggio inclusivo nelle scuole

News - Redazione 26.3.24
Max Peiffer Watenphul. Dal Bauhaus all'Italia

Max Peiffer Watenphul e la scena queer mai più dimenticata della scuola Bauhaus

Culture - Redazione Milano 30.11.23
Cuckoo (2024)

Hunter Schafer è la perfetta scream queen nell’horror Cuckoo – VIDEO

Cinema - Redazione Milano 9.2.24
Reneé Rapp/ Justin Bieber

Reneé Rapp dice che Justin Babier le ricorda “una lesbica sexy”

Musica - Redazione Milano 1.3.24
Main art da Mediterranea Inferno di Eyeguys Lorenzo Redaelli e Santa Ragione, videogioco gay LGBRQIA+ vincitore ai premi Independent Game Festival Awards

Il videogioco LGBTQIA+ italiano Mediterranea Inferno vince uno dei più importanti premi del settore

News - Matteo Lupetti 25.3.24
"Orlando, my biographie politique", il manifesto trans di Paul B. Preciado arriva nei cinema d'Italia - Orlando my biographie politique 2 - Gay.it

“Orlando, my biographie politique”, il manifesto trans di Paul B. Preciado arriva nei cinema d’Italia

Cinema - Redazione 15.3.24