Dal voltafaccia sulle unioni civili al DDL Zan, come (e se) è cambiato il Movimento 5 Stelle dinanzi ai diritti LGBT

Con 75 senatori, il M5S è il gruppo parlamentare più numeroso del Senato. Ecco perché ogni singolo loro voto, e/o assenza, può risultare decisivo.

Dal voltafaccia sulle unioni civili al DDL Zan, come (e se) è cambiato il Movimento 5 Stelle dinanzi ai diritti LGBT - Giuseppe Conte - Gay.it
3 min. di lettura

5 anni fa il Movimento 5 Stelle era all’opposizione del Governo Renzi, in piena ‘guerra’ al Partito Democratico, con le unioni civili utilizzate a mo’ di scudo per fare campagna elettorale. A un passo dal traguardo andò in scena l’ormai celebre voltafaccia grillino, con quel niet al ‘super canguro’ proposto dai democratici per sminare i migliaia di emendamenti leghisti che spalancò le porte della ‘mediazione’ al ribasso con Angelino Alfano. Via la stepchild adoption, voto di fiducia blindato dall’allora premier Matteo Renzi e 5 Stelle che non votarono né a favore né contro. Uscirono dall’aula del Senato, ufficialmente perché contrari allo stracio di quella stepchild figlio proprio del loro precedente strappo. Coloro che si proponevano come il ‘nuovo che avanza’, entrati in Parlamento per aprirlo come una scatoletta di tonno, avevano immediatamente colto l’arma del politichese, della campagna elettorale sulla pelle dei più discriminati.

Passati 5 anni, il Movimento 5 Stelle è al governo insieme al Partito Democratico, da un paio d’anni al suo fianco nella battaglia parlamentare sul DDL Zan, domani atteso in Senato con l’ultima chiamata degli emendamenti. I ‘grillini’ non ne presenteranno neanche uno, come già accaduto alla Camera lo scorso novembre, a voler quindi ribadire l’assoluta ‘fedeltà’ al testo approvato a Montecitorio. Tra i principali volti politici promotori del DDL Zan spicca Alessandra Maiorino, senatrice 5 Stelle che da anni si batte quotidianamente in sua difesa. Poi è successo quel che è successo la scorsa settimana, con la sospensiva richiesta dalle destre respinta con un solo voto di scarto. Ad incidere sull’esiguo scarto tra favorevoli e contrari anche i 14 senatori del Movimento 5 stelle assenti. Tanti, troppi, molti hanno detto, tornando con ansia a quel 2016 in cui dinanzi alle unioni civili, proprio a pochi metri dal traguardo, avvenne quel che avvenne.

In tal senso Giuseppe Conte, da nuovo capo politico del Movimento non si è ancora pubblicamente espresso sul DDL Zan. Nel maggio del 2020, da presidente del Consiglio, invitò “tutte le forze politiche” a “convergere su una legge contro l’omofobia che punti anche a una robusta azione di formazione culturale: la violenza è un problema culturale e una responsabilità sociale“. Cosa pensi oggi, dinanzi alle richieste di modifiche e mediazioni in arrivo da più parti, non è chiaro, così come non si conosce il pensiero a riguardo di Luigi Di Maio. L’attuale ministro degli esteri ha in passato definito “Ddl di civiltà“, l’attuale legge contro l’omotransfobia, sottolineando lo scorso maggio come serva “uno scatto di civiltà, basta tentennamenti“. Dinanzi alla nota della Santa Sede, Di Maio ha ribadito come “Il Parlamento ha tutto il diritto di approvare il ddl Zan, sostenuto dal Movimento 5 Stelle“. Parole che esprimono pieno sostegno, senza però mai addentrarsi nelle paludi del ‘compromesso’ che Italia Viva e Lega chiedono apertamente da settimane.

Da Presidente della Camera, 3a più alta carica dello Stato, Roberto Fico ha definito “necessario” il DDL Zan, perché “persistono discriminazioni e fenomeni di odio intollerabili“, a tal punto da dover “tutelare le persone LGBT”. Nel fine settimana è inoltre arrivata la nuova Carta dei principi e dei valori del Movimento 5 Stelle, che riconosce il diritto ad amare e ad essere amati, nel rispetto delle identità sessuali e di genere, contro ogni forma di discriminazione. “I diritti fondamentali della persona non sono negoziabili, non sono “ideologie”, e non sono abdicabili“, ha ribadito Alessandra Maiorino, che in tal senso ci ha sempre messo la faccia dicendo no a qualsivoglia ipotesi di compromesso, raccogliendo le firme per poter fuggire dal pantano leghista in commissione e sbarcare direttamente in aula.

Ma dinanzi al Vietnam di Palazzo Madama, che probabilmente a settembre diventerà realtà con centinaia di emendamenti a votazione segreta pronti a minare il percorso del DDL con l’obiettivo di modificarlo al ribasso, ad esclusione delle persone transgender, come si comporteranno i 75 senatori grillini (su un totale di 321)? Perché in un Senato in cui la maggioranza si muove sul filo di un paio di franchi tiratori, 14 senatori assenti come avvenuto la scorsa settimana potrebbero voler dire “morte certificata” del DDL, 5 anni dopo quelle unioni civili neanche votate. Un’aula che andrà presidiata da mattina a sera, e certamente non abbandonata come avvenne nel 2016, senza mai far mancare quel singolo voto che potrebbe risultare decisivo. Pubblico o segreto che sia.

Perché dopo aver passato due anni a difendere in lungo e in largo il DDL Zan, lasciarlo al destino scritto a 4 mani da Renzi e Salvini sarebbe a dir poco imperdonabile.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
Anonimo 19.7.21 - 14:56

Questa mattina Conte, intervistato dai giornalisti a margine dell'incontro con Draghi, a proposito del ddl Zan ha detto: "E' una legge che ha il nostro appoggio". Notizia in apertura sul sito di ansa e altri principali siti d'informazione. Dovreste aggiornare l'articolo.

Avatar
Ali Hassan 19.7.21 - 9:36

i don't understand it

Avatar
Ali Hassan 19.7.21 - 9:36

Talk in english

Avatar
Franzc Dereck 19.7.21 - 9:16

Sappiamo bene che il M5S ha due anime : una , rappresentata dall'ala " pura e dura" delle origini antisistema e l'altra che è stata inglobata invece proprio dal " sistema" . Ricordo a me stesso il ricevimento in pompa magna da parte del Cardinal Bagnasco dell'attuale Ministro degli Esteri alla vigilia dell'approvazione della Cirinnà che ha prodotto al ribasso le Unioni Civili , ridicolizzate dallo spregevole Angelino Alfano .Mi auguro , ci auguriamo tutti che , non importa da chi verrà votato , il DL Zan diventi presto legge e non sia necessario attendere settembre!

Trending

Leo Gullotta e l'amore per Fabio Grossi a Domenica In: "Stiamo insieme da 43 anni, anni rispettosi, affettuosi, amorosi" - Leo Gullotta - Gay.it

Leo Gullotta e l’amore per Fabio Grossi a Domenica In: “Stiamo insieme da 43 anni, anni rispettosi, affettuosi, amorosi”

News - Redazione 15.4.24
Challengers, recensione. Il travolgente ed eccitante triangolo omoerotico di Luca Guadagnino - TIRE TOWN STILLS PULL 230607 002 RC - Gay.it

Challengers, recensione. Il travolgente ed eccitante triangolo omoerotico di Luca Guadagnino

Cinema - Federico Boni 12.4.24
Guglielmo Scilla, intervista: "Mi sconsigliarono di fare coming out. Potessi tornare indietro lo farei prima" - Guglielmo Scilla foto - Gay.it

Guglielmo Scilla, intervista: “Mi sconsigliarono di fare coming out. Potessi tornare indietro lo farei prima”

Culture - Federico Boni 18.4.24
Challengers Guadagnino Josh O Connor Mike Faist Zendaya

Challengers, lo sceneggiatore Justin Kuritzkes: “Il tennis è davvero omoerotico”

Cinema - Mandalina Di Biase 15.4.24
FEUD 2: Capote Vs. The Swans arriva su Disney+. La data d'uscita della serie di Ryan Murphy e Gus Van Sant - Feud Capote vs. The Swans - Gay.it

FEUD 2: Capote Vs. The Swans arriva su Disney+. La data d’uscita della serie di Ryan Murphy e Gus Van Sant

Serie Tv - Redazione 19.4.24
Federico Fashion Style vittima di omofobia in treno. Calci e pugni al grido "fr*cio di merd*" - Federico Fashion Style - Gay.it

Federico Fashion Style vittima di omofobia in treno. Calci e pugni al grido “fr*cio di merd*”

News - Redazione 19.4.24

Leggere fa bene

milano-transfobia-consiglio-comunale

Milano, transfobia in Consiglio Comunale da parte del consigliere Lega Samuele Piscina – LINGUAGGIO FORTE

News - Francesca Di Feo 4.3.24
famiglie-arcobaleno

Padova, colpo di scena dalla Procura: si può tornare alla Corte costituzionale per difendere l’uguaglianza di tutte le famiglie

News - Redazione 14.11.23
Finlandia, gay e unito civilmente Pekka Haavisto vola al ballottaggio presidenziale contro Alex Stubb - Pekka Haavisto - Gay.it

Finlandia, gay e unito civilmente Pekka Haavisto vola al ballottaggio presidenziale contro Alex Stubb

News - Federico Boni 29.1.24
gran-bretagna-giovani-trans

Scozia, 1 giovane trans su 3 non si sente al sicuro negli spazi pubblici

News - Francesca Di Feo 12.4.24
discorso-d-odio-politici-europei

Discorso d’odio anti-LGBTQIA+ in crescita nelle aule istituzionali europee: “I diritti umani sono in discussione”

News - Francesca Di Feo 1.3.24
Europee 2024, Marrazzo, Zela e Grassi del Partito Gay si autocandidano con il M5S. Ed è polemica - Europee 2024 Marrazzo Zela ed Grassi del Partito Gay si autocandidano con il M5S. Ed e polemica - Gay.it

Europee 2024, Marrazzo, Zela e Grassi del Partito Gay si autocandidano con il M5S. Ed è polemica

News - Redazione 3.4.24
meloni orban

Ungheria, Orban sfida l’UE: “Inammissibile l’ingresso dei propagandisti LGBTIA+ nelle nostre scuole” – VIDEO

News - Redazione 22.1.24
Barbera, presidente Corte Costituzionale, al Parlamento: "Serve una legge sui figli delle famiglie arcobaleno" - Augusto Barbera - Gay.it

Barbera, presidente Corte Costituzionale, al Parlamento: “Serve una legge sui figli delle famiglie arcobaleno”

News - Redazione 18.3.24