Elena Donazzan contro la carriera alias in un liceo di Treviso: “È una cosa fuori dal mondo”

A pochi mesi dal "caso Cloe Bianco", l'assessora regionale veneta alle pari opportunità è tornata a far parlare di sè.

ascolta:
0:00
-
0:00
Elena Donazzan contro la carriera alias in un liceo di Treviso: "È una cosa fuori dal mondo" - elena donazzan 11 - Gay.it
2 min. di lettura

Rimasta ferma al proprio posto di Assessora della Regione Veneto all’istruzione, formazione, lavoro e pari opportunità dopo il caso Cloe Bianco, con una petizione che chiedeva le sue dimissioni firmata da oltre 60.000 persone, Elena Donazzan ha attaccato a testa bassa la possibilità che il liceo artistico di Treviso possa presto diventare la prima scuola del trevigiano ad approvare, con passaggio obbligato in consiglio di istituto, un regolamento per gli studenti transgender.

La cosiddetta “carriera alias“, che consente agli studenti trans* di cambiare nome e genere a scuola ancor prima dei 18 anni e di un eventuale compimento del percorso giuridico relativo al cambiamento ufficiale di sesso. La scorsa settimana Rete Lenford ha proposto le proprie linee guida per l’attivazione dell’identità alias, invitando tutti i presidi delle scuole all’adozione del provvedimento. Un passaggio che ha scatenato la reazione scomposta di Donazzan, esponente di Fratelli d’Italia.

“È una cosa fuori dal mondo. La carriera alias è un errore ideologico. Una forzatura. I ragazzi nella fase adolescenziale sono pieni di dubbi. La forza di un educatore e di un modello educativo è quella di accompagnarli fuori da questi dubbi. Non di favorirli. E oltre ad accompagnare nella crescita, la scuola deve accompagnare anche nel rispetto delle regole”, ha tuonato l’assessora regionale all’istruzione e alle pari opportunità. Eppure la stessa preside del liceo artistico ha rivelato come si senta l’esigenza della carriera alias all’interno dell’istituto, essendoci tre studenti che potrebbero chiederne l’attivazione.

Ma da parte di Donazzan, una posizione ferma e irremovibile. “Nella fase adolescenziale, nella piena esplosione di sé, si deve anche avere a che fare con la serietà delle regole. Quando vado a scuola sono Elena Donazzan e ho 50 anni. Non posso dire di chiamarmi Mario Conte e di averne 18. Non è possibile. Se espressa fino in fondo, questa posizione molto ideologica porta solo a uno scontro senza senso, anche di tipo istituzionale“, ha concluso l’assessora, come riportato da Il Gazzettino.

Va ricordato come al di fuori dell’università o della scuola, la carriera alias non abbia alcun valore: non sostituisce un documento d’identità. Non essendo un documento ufficiale, non ha un valore legale. Anche dinanzi a simili paletti, l’ufficio scolastico del Veneto ha precisato come non sia possibile cambiare un nome all’interno del registro scolastico, perché documento ufficiale.

Le scuole non possono di certo modificare gli atti ufficiali“, ha sottolineato il direttore generale Carmela Palumbo. “Nemmeno il nome sul registro. Questo è un punto fermo. Tutto ciò che è documentazione formale sulla carriera dello studente non può essere modificato, se non alla luce di una modifica effettiva del sesso della persona. Il nostro ordinamento attualmente disciplina il cambio di sesso e tutto ciò che ne consegue in termini di modifiche anagrafiche. Il periodo fluido, invece, non ha una disciplina certa. Sarebbe bene che innanzitutto venisse chiarito questo aspetto di carattere generale“.

La scorsa estate Donazzan è stata ampiamente contestata dopo la morte di Cloe Bianco, professoressa trans suicida nel 2015 insultata e derisa proprio dall’Assessora all’Istruzione e alle Pari Opportunità della Regione Veneto,  che definì il suo coming out “una carnevalata”, appellandola come “un signore vestito da donna”. Donazzan non ha mai espresso pentimento alcuno, anzi, continuando ad infierire sulla memoria di Cloe Bianco dalle frequenze di Radio 24. Donazzan ha anche accusato la comunità LGBTQIA+ di aver abbandonato Cloe al suo destino. 

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Federico Fashion Style vittima di omofobia in treno. Calci e pugni al grido "fr*cio di merd*" - Federico Fashion Style - Gay.it

Federico Fashion Style vittima di omofobia in treno. Calci e pugni al grido “fr*cio di merd*”

News - Redazione 19.4.24
La Rappresentante di Lista, "Paradiso" è il nuovo singolo

La Rappresentante di Lista ci porta in “Paradiso” con il nuovo singolo. Ascolta l’anteprima

Musica - Emanuele Corbo 16.4.24
Sandokan, c'è anche Samuele Segreto nella serie Rai con Can Yaman, Ed Westwick e Alessandro Preziosi - Sandokan - Gay.it

Sandokan, c’è anche Samuele Segreto nella serie Rai con Can Yaman, Ed Westwick e Alessandro Preziosi

Serie Tv - Redazione 18.4.24
Leo Gullotta e l'amore per Fabio Grossi a Domenica In: "Stiamo insieme da 43 anni, anni rispettosi, affettuosi, amorosi" - Leo Gullotta - Gay.it

Leo Gullotta e l’amore per Fabio Grossi a Domenica In: “Stiamo insieme da 43 anni, anni rispettosi, affettuosi, amorosi”

News - Redazione 15.4.24
Amadeus, Sanremo Giovani 2023

Sanremo verso Mediaset, Amadeus in onda sul NOVE già a fine agosto con tre programmi

Culture - Mandalina Di Biase 18.4.24
Marco Mengoni insieme a Fra Quintale e Gemitaiz canta "Un fuoco di paglia" di Mace, nell'album MAYA. Nel ritornello, Marco si rivolge ad un amore con una desinenza di genere maschile.

Marco Mengoni, una strofa d’amore a un uomo

Musica - Mandalina Di Biase 19.4.24

Continua a leggere

Pro Vita, un 2023 segnato dall'ossessione gender. Ripercorriamo 12 mesi di attacchi alla comunità LGBTQIA+ - 22I Figli non si comprano22 i manifesti di Pro Vita contro la GPA invadono le citta dItalia - Gay.it

Pro Vita, un 2023 segnato dall’ossessione gender. Ripercorriamo 12 mesi di attacchi alla comunità LGBTQIA+

News - Federico Boni 6.12.23
Elliot Page denuncia la “devastante” eliminazione dei diritti LGBTQIA+ in tutto il mondo durante i Juno Awards (VIDEO) - Elliot Page 1 - Gay.it

Elliot Page denuncia la “devastante” eliminazione dei diritti LGBTQIA+ in tutto il mondo durante i Juno Awards (VIDEO)

News - Redazione 25.3.24
Libri omocausto Gay.it

Storie dall’omocausto: cinque libri per saperne di più

Culture - Federico Colombo 24.1.24
vladimir putin russia

Russia, il movimento LGBTQIA+ ufficialmente equiparato alle organizzazioni terroristiche

News - Redazione 22.3.24
giorgia-meloni-uomo-dell-anno (2)

Giorgia Meloni “Uomo dell’Anno” per Libero: se il potere è concepibile solo al maschile

News - Francesca Di Feo 29.12.23
Europee 2024, Marrazzo, Zela e Grassi del Partito Gay si autocandidano con il M5S. Ed è polemica - Europee 2024 Marrazzo Zela ed Grassi del Partito Gay si autocandidano con il M5S. Ed e polemica - Gay.it

Europee 2024, Marrazzo, Zela e Grassi del Partito Gay si autocandidano con il M5S. Ed è polemica

News - Redazione 3.4.24
aics-sport-inclusione-intervista-bruno-molea

Da GayCS al tesseramento ALIAS, la storia di AiCS nel promuovere l’inclusione nello sport – Intervista al presidente Bruno Molea

Corpi - Francesca Di Feo 5.1.24
Lorenzo Gasperini, ex consigliere leghista condannato per diffamazione contro Arcigay Livorno - Arcigay Livorno - Gay.it

Lorenzo Gasperini, ex consigliere leghista condannato per diffamazione contro Arcigay Livorno

News - Redazione 8.3.24