Famiglie Arcobaleno a Meloni e Piantedosi: “Fatevene una ragione, i bambini con papà e mamme esistono già in Italia”

Il sindaco di Milano ha dovuto cedere al pressing del Governo Meloni e alla fine ha dovuto bloccare le trascrizioni dei certificati di nascita esteri dei bambini con due papà e la formazione di atti di nascita italiani con due mamme.

ascolta:
0:00
-
0:00
beppe sala famiglie arcobaleno milano governo meloni
beppe sala famiglie arcobaleno milano governo meloni
3 min. di lettura

Famiglie Arcobaleno a Meloni e Piantedosi: "Fatevene una ragione, i bambini con papà e mamme esistono già in Italia" - Famiglie arcobaleno Ministro Interno circolare - Gay.it

Beppe Sala ha dovuto cedere al pressing del Governo Meloni interrompendo le trascrizioni dei certificati di nascita esteri dei bambini con due papà e la formazione di atti di nascita italiani con due mamme, come garantito negli ultimi anni nel capoluogo lombardo.  In testa al post la circolare invitata dal ministero dell’interno, in cui si è ricordata una recente sentenza della Cassazione sulla non automatica trascrivibilità di un bambino di una coppia omogenitoriale nato all’estero tramite gestazione per altri.

“La registrazione non dipende solo dalla volontà politica, – ha spiegato Sala – è un atto che ha a che fare con l’apparato amministrativo del Comune e io, vista la presa di posizione della Procura non posso esporre un funzionario pubblico a rischi personali ma è un passo indietro evidente, dal punto di vista politico e sociale e mi metto nei panni di quei genitori che pensavano che a Milano di poter contare su questa possibilità”.

A non poter essere più trascritti saranno ora i figli di due padri che hanno fatto ricorso all’estero alla gestazione per altri e di due madri che si sono affidate alla procreazione medicalmente assistita e che hanno partorito in Italia. Lo stop non riguarda invece i figli di due madri partoriti all’estero.

L’insensata guerra del governo più a destra della storia repubblicana alle famiglie omogenitoriali prosegue, con Sala che negli ultimi anni si era fatto portavoce di quei primi cittadini intenzionati a sfidare il vuoto normativo che coinvolge migliaia di bambini.

“Da oggi, ancora più di prima – ha commentato amaramente il sindaco di Milano – mi faccio carico di portare avanti politicamente questa battaglia e di seguire con la massima attenzione ogni sviluppo, normativo e giudiziario di questa complessa vicenda”.

Alessia Crocini, Presidente di Famiglie Arcobaleno, ha duramente reagito all’ennesimo attacco frontale del governo Meloni:

Abbiamo appreso con profondo sconforto la notizia, consapevoli di quanto questo Governo si stia adoperando per togliere ogni minimo diritto di cittadinanza alle famiglie omogenitoriali in Italia. Questa notizia fa tristemente coppia con la decisione del Governo italiano di bocciare anche la possibilità di un Certificato europeo di filiazione, quello che permetterebbe ai figli delle coppie dello stesso sesso il riconoscimento dei propri diritti in tutta Europa. I bambini e le bambine con due mamme e due papà esistono già in Italia, i ministri Piantedosi e la premier Meloni se ne facciano una ragione. Ogni giorno vanno a scuola, entrano negli studi pediatrici, giocano nei parchi e nei campi sportivi, frequentano corsi di musica, come tutti i loro coetanei, senza avere i diritti di tutti i loro coetanei.”

Una situazione, hanno rimarcato da Famiglie Arcobaleno, che “non è degna di un paese civile“.

Ci chiediamo quando questa ingiustizia verrà sanata da una legge di buon senso che rispecchi la realtà. Nel frattempo non ci fermeremo e continueremo a fare tutto ciò che è nelle nostre possibilità per ottenere i più elementari diritti di cittadinanza per i nostri figli e le nostre figlie, con la certezza di avere molte alleanze dalla nostra parte“.

Questo a mio parere è un passo indietro evidente dal punto di vista politico e sociale, e mi metto nei panni di quei genitori che a Milano pensavano di poter contare su questa possibilità“,  ha oggi commentato il sindacoSala nel suo podcast ‘Buongiorno Milano’.

Alessandro Zan, deputato Pd, ha parlato di “intimidazione indegna” ai danni di Beppe Sala da parte del ministero dell’Interno, sottolineando come sia l’UE a chiedere che siano riconosciuti i diritti di tutti. Se non fosse che “il governo italiano” vada “nella direzione opposta”.

Elly Schlein, neo segretaria Pd, ha ribadito la scorsa settimana l’urgenza di una legge a tutela dei “diritti e pieno riconoscimento per i figli delle famiglie omogenitoriali. La società più sicura è quella che non discrimina, non marginalizza, non lascia indietro nessuno“.

Come scritto ieri, il governo ha anche presentato una proposta di legge per sopprimere orientamento sessuale e identità di genere tra le ragioni che giustificano la protezione speciale per le persone migranti.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
johnwhite 14.3.23 - 12:41

La sentenza in questione si riferisce all'utero in affitto, non all'omoaffettività. Se l'adozione non è la genitorialità degli omosessuali, è solo un nuovo strumento apposito che farebbe riconoscere la famiglia con tale formazione, riconoscimento che non è ancora avvenuto e che quindi non può essere stato revocato o bloccato da nessuno. Il sindaco Beppe Sala non si può considerare intimidito, bensì fuori dalla sua giurisdizione. Non si esaspìrino i toni.

Trending

Essere gay e candidarsi come sindaco in provincia, attacchi omofobi a Riccardo Vannetti: "La risposta è l'educazione alle diversità" - INTERVISTA - riccardo vannetti - Gay.it

Essere gay e candidarsi come sindaco in provincia, attacchi omofobi a Riccardo Vannetti: “La risposta è l’educazione alle diversità” – INTERVISTA

News - Francesca Di Feo 17.5.24
Sethu, è uscito il suo primo album "Tutti i colori del buio"

Sethu e i colori del buio: “Canto per tendere una mano a me stesso e agli altri, dopo Sanremo la depressione” – Intervista

Musica - Emanuele Corbo 17.5.24
Taiwan, la drag queen Nymphia Wind si esibisce per la presidente uscente Tsai Ing-wen (VIDEO) - Nymphia Wind - Gay.it

Taiwan, la drag queen Nymphia Wind si esibisce per la presidente uscente Tsai Ing-wen (VIDEO)

News - Redazione 17.5.24
Il masturbatore nella versione standard LELO F1S V3

Recensione di LELO F1S™ V3: il masturbatore per persone pene-dotate che usa le onde sonore e l’intelligenza artificiale

Corpi - Gio Arcuri 10.4.24
15 persone famose che non sapevi fossero non binarie - 10 persone famose che non sapevi fossero non binarie - Gay.it

15 persone famose che non sapevi fossero non binarie

Corpi - Gio Arcuri 13.5.24
Cannes 2024, ecco i 17 film LGBTQIA+ in corsa per la Queer Palm - Block Pass - Gay.it

Cannes 2024, ecco i 17 film LGBTQIA+ in corsa per la Queer Palm

Cinema - Federico Boni 17.5.24

Continua a leggere

Dopo la querela di Paola Egonu, Vannacci si scusa con la pallavolista: "È un'italiana di cui andiamo orgogliosi" - Dopo la querela Vannacci si scusa con Paola Egonu - Gay.it

Dopo la querela di Paola Egonu, Vannacci si scusa con la pallavolista: “È un’italiana di cui andiamo orgogliosi”

News - Redazione 14.5.24
Maria è stata ufficialmente affidata a Marcello e Gianluca, coppia di ballerini di Palermo - Marcello Carini e Gianluca Mascia - Gay.it

Maria è stata ufficialmente affidata a Marcello e Gianluca, coppia di ballerini di Palermo

News - Redazione 21.11.23
San Lazzaro di Savena, la sindaca Conti registra il figlio di PierFilippo e Nino: "Non potevo restare indifferente" - San Lazzaro di Savena la sindaca Conti registra il figlio di PierFilippo e Nino - Gay.it

San Lazzaro di Savena, la sindaca Conti registra il figlio di PierFilippo e Nino: “Non potevo restare indifferente”

News - Federico Boni 14.12.23
Leo Varadkar, il primo storico premier gay d'Irlanda si è dimesso: "Ragioni politiche e personali" - Scaled Image 100 - Gay.it

Leo Varadkar, il primo storico premier gay d’Irlanda si è dimesso: “Ragioni politiche e personali”

News - Redazione 21.3.24
Settimo torinese, insulti omofobi sui manifesti del candidato Pd Antonio Augelli: "Fr*cio" - Settimo insulti omofobi manifesti elettorali Antonio Augelli - Gay.it

Settimo torinese, insulti omofobi sui manifesti del candidato Pd Antonio Augelli: “Fr*cio”

News - Redazione 15.5.24
grecia pride lgbt atene

Grecia, Corte Suprema chiede di riconoscere i due papà di Elia nato da gestazione per altri

News - Redazione Milano 23.11.23
giovani-transgender-careggi-genitori-lettera-europa

La disperata lettera all’Europa di 259 genitori di adolescenti transgender per fermare l’attacco del Governo Meloni al Careggi di Firenze

News - Francesca Di Feo 9.2.24
Roberto Vannacci: "Avances da uomini in discoteca, senza saperlo ho corteggiato una donna trans" ( VIDEO) - Roberto Vannacci - Gay.it

Roberto Vannacci: “Avances da uomini in discoteca, senza saperlo ho corteggiato una donna trans” ( VIDEO)

News - Redazione 13.3.24