Il governo Meloni boccia emendamento per tutelare i figli delle famiglie arcobaleno

La maggioranza accelera sulla "GPA reato universale", continuando a discriminare migliaia di bambini e bambine solo e soltano per colpire i loro genitori.

ascolta:
0:00
-
0:00
Il governo Meloni boccia emendamento per tutelare i figli delle famiglie arcobaleno - papa gay - Gay.it
4 min. di lettura

In commissione Giustizia alla Camera dei Deputati la destra corre spedita per tramutare in legge la proposta di Fratelli d’Italia di rendere ‘reato universale’ la gestazione per altri, in Italia già illegale da quasi 20 anni.

Ebbene nella giornata di ieri il governo ha bocciato gli emendamenti di Pd e +Europa che miravano a fare cadere l’intera legge, con 14 voti contrari e 12 a favore, cestinando anche un emendamento a tutela di tutti i figli di questo Paese, come chiedono al parlamento italiano Consulta, Corte di giustizia UE e centinaia di sindaci.

Durissimo Alessandro Zan, che ha parlato di “volontà persecutoria contro le famiglie arcobaleno” da parte del governo Meloni. “Stanno sferrando un attacco senza precedenti alla comunità LGBTQIA+“, ha sottolineato il deputato Pd, che ha definito “folle” il disegno di legge presentato da Fratelli d’Italia.

Si occupano di GPA per discriminare le famiglie arcobaleno. Abbiamo proposto questo emendamento per occuparci della vita di questi bambini e bambine. Facciamo una legge per riconoscerli, per riconoscere questi genitori. Cosa ha fatto la maggioranza di destra? Ha respinto questo emendamento. Ha gettato la maschera, a questa destra di questi bambini e bambine non frega nulla“, ha continuato Zan. “La destra non vuole che questi bambini abbiano questi diritti. Utilizzano i bambini, discriminandoli, per discriminare i loro genitori. I minsitri di questo governo, da Roccella a Lollobrigida e Salvini, continuano a dirci che le famiglie devono avere mamma e papà. Il loro obiettivo culturale e politico è quello di annullare, annientare le famiglie omogenitoriali“.  “Vogliono togliere spazi di quotidianeità rendendo impossibile la vita delle famiglie arcobaleno, vogliono distruggerle“.

Parole dure, da parte di Zan, che ha annunciato il rinvio alla prossima settimana della seduta, per quanto il governo avesse minacciato un voto notturno.

Sul cosiddetto reato universale di maternità surrogata, i partiti della maggioranza hanno nuovamente dimostrato l’analfabetismo giuridico che li caratterizza, proponendo di perseguire penalmente chi, in un Paese estero, mette in atto una pratica del tutto lecita e regolamentata ai sensi della normativa di quel Paese“, ha attaccato Riccardo Magi di +Europa a LaRepubblica. “È un obbrobrio giuridico. Noi abbiamo come obiettivo di depenalizzare la cosiddetta maternità surrogata e di tutelare la parte debole di tutta questa vicenda, che sono le bambine e i bambini già nati contro cui questa destra si sta da tempo accanendo”. “Stiamo provando, per dare seguito al monito che la Corte Costituzionale ha rivolto al Parlamento nel 2021, a chiarire che i bambini, una volta nati, indipendentemente da come e dove siano venuti al mondo, debbano in ogni caso essere riconosciuti anche in Italia come figli dei genitori che si sono assunti la responsabilità genitoriale. Si tratta di una questione che riguarda la vita e i diritti fondamentali dei minori, che è urgente e prioritaria anche rispetto a ogni discussione di merito sulla gestazione per altri“.

Alessia Crocini, presidente di Famiglie Arcobaleno, ha così commentato quanto avvenuto alla Camera: “Purtroppo non ci aspettavamo altro da questo governo, l’offensiva è partita da mesi e questo è uno degli attacchi più gravi. È chiaro che quello che spinge il partito di governo e suoi alleati è una pura furia ideologica, una propaganda anti-LGBTQ+ che resta cieca anche di fronte all’evidenza di una legge priva di fondamento giuridico. Faccio appello alle migliaia di coppie eterosessuali che sono diventate genitori grazie alla fecondazione assistita: se ci fosse stata una legge come questa i loro sogni di genitorialità non si sarebbero mai realizzati. Perché è bene ricordare che questa legge non mira solo a vietare la gestazione per altri che in Italia è già vietata ma anche ad ostacolare qualunque strada verso la genitorialità che non sia quella naturale, come già sottolineato dalla ministra Roccella. In un Paese dove le destre sono ossessionate dalla denatalità si stanno approvando leggi per impedire alle coppie infertili di diventare genitori. Sono più di 15.000 i bambini nati in Italia grazie alla procreazione assistita, senza contare quelli delle famiglie arcobaleno, ebbene per questo Governo sono 15.000 bambini che semplicemente non dovevano nascere. Invitiamo tutte le persone eterosessuali che sono diventate genitori come noi, grazie a percorsi di procreazione assistita e di gestazione per altri di venire fuori e raccontare la bellezza delle loro storie. Noi non ci fermeremo mai e continueremo a lottare per i nostri figli e le nostre figlie e per il loro diritto ad esistere”.

Un “reato universale” che a detta di Francesca Re, avvocata e membro di giunta dell’associazione Luca Coscioni, è semplicemente impensabile. “Tecnicamente non ha le caratteristiche per diventare un reato universale“, ha precisato ad Euronews. “Innanzitutto, perché tali sono i reati che universalmente hanno un disvalore condiviso come i crimini di guerra e la pedofilia. In questo caso già il fatto che alcuni Paesi regolamentino la Gpa, ci dice che non c’è il carattere d’universalità. Inoltre c’è un secondo motivo importante: i reati universali normalmente a livello pratico sono perseguiti in entrambi i Paesi. Ma se l’Italia si attivasse per perseguire chi fa la Gpa all’estero, questo creerebbe una condizione tutta nuova. In genere il principio che vige è quello della doppia incriminazione, ma generalmente la Gpa non è considerata reato là dove si pratica, quindi le autorità italiane con chi si confronterebbero? Dall’altra parte non sarebbero nemmeno coinvolte le autorità giudiziarie”. “Davvero noi vogliamo far diventare crimine universale qualcosa che altrove è lecito? Questo significherebbe soltanto far aumentare la clandestinità e quindi il tanto temuto sfruttamento delle madri surrogate“.

Ma da parte del governo Meloni che da mesi ha messo le famiglie arcobaleno nel proprio mirino, nessun passo indietro. Anzi. Si corre per provare a tramutare in legge “GPA reato universale” (ovvero anche se praticata all’estero da un residente in Italia) entro fine giugno. Perché se a detta di FDI, Lega e Forza Italia il DDL Zan non era “una priorità” per il Paese, dinanzi ad una gestazione per altri che in Italia è già reato c’è da correre a perdifiato, calpestando diritti e discriminando.

Foto cover: Pexels

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

milano-transfobia-consiglio-comunale

Milano, transfobia in Consiglio Comunale da parte del consigliere Lega Simone Piscina – LINGUAGGIO FORTE

News - Francesca Di Feo 4.3.24
Grande Fratello, chi vincerà secondo i bookmaker? - Grande Fratello 2023 - Gay.it

Grande Fratello, chi vincerà secondo i bookmaker?

News - Luca Diana 3.3.24
Ghana legge anti LGBTI approvata dal parlamento

Ghana, il parlamento approva la legge anti-LGBTI, il Presidente Akufo-Addo firmerà?

News - Giuliano Federico 28.2.24
Douglas Carolo (foto TikTok di Carolo), Michele Caglioni (foto Instagram Caglioni), Andrea Bossi (foto TikTok)

Cosa c’era nel cellulare di Andrea Bossi, e peché Douglas Carolo e Michele Caglioni l’avrebbero distrutto?

News - Redazione Milano 4.3.24
Rooy Charlie Lana

Vergognarsi e spogliarsi lo stesso: intervista con Rooy Charlie Lana, tra desiderio e non binarismo

Culture - Riccardo Conte 29.2.24
Ragazzo marocchino gay trovato morto in casa di accoglienza dopo respinta della domanda di asilo

Respinta richiesta di accoglienza per omosessualità, ragazzo marocchino trovato morto

News - Redazione Milano 4.3.24

Hai già letto
queste storie?

Rishi Sunak, bufera sulle parole transfobiche del premier inglese. L’attacco di Sam Smith - VIDEO - Rishi Sunak - Gay.it

Rishi Sunak, bufera sulle parole transfobiche del premier inglese. L’attacco di Sam Smith – VIDEO

News - Redazione 6.10.23
Pro Vita, un 2023 segnato dall'ossessione gender. Ripercorriamo 12 mesi di attacchi alla comunità LGBTQIA+ - 22I Figli non si comprano22 i manifesti di Pro Vita contro la GPA invadono le citta dItalia - Gay.it

Pro Vita, un 2023 segnato dall’ossessione gender. Ripercorriamo 12 mesi di attacchi alla comunità LGBTQIA+

News - Federico Boni 6.12.23
monza-mozione-famiglie-arcobaleno-pd

Monza, la giunta PD spiega perché ha bocciato la mozione a favore delle famiglie arcobaleno

News - Francesca Di Feo 5.1.24
Tim Walberg, bufera sul repubblicano che difende l'omofoba legge dell'Uganda "Kill the Gay" - Tim Walberg - Gay.it

Tim Walberg, bufera sul repubblicano che difende l’omofoba legge dell’Uganda “Kill the Gay”

News - Redazione 29.12.23
austria-risarcimento-omosessuali

Austria, in arrivo gli indennizzi per le vittime della persecuzione degli omosessuali dopo il 1971

News - Francesca Di Feo 15.11.23
grecia-stefanos-kasselakis

Grecia: Stefanos Kasselakis apertamente gay anticapitalista ed ex Goldman Sachs alla guida della sinistra radicale

News - Francesca Di Feo 25.9.23
Bruno Vespa in difesa della pesca di Esselunga attacca la comunità LGBTQIA+ e le famiglie arcobaleno. È polemica - Bruno Vespa in difesa della pesca di Esselunga attacca la comunita LGBTQIA e le famiglie arcobaleno - Gay.it

Bruno Vespa in difesa della pesca di Esselunga attacca la comunità LGBTQIA+ e le famiglie arcobaleno. È polemica

News - Redazione 2.10.23
Michela Murgia: Dare la vita - esce il 9 Gennaio 2024

“Dare la vita”, il testamento spirituale di Michela Murgia esce il 9 Gennaio 2024

Culture - Emanuele Bero 24.12.23