James Baldwin, lo scrittore per i diritti di tutti

Poliedrico e instancabile, James Baldwin ha percorso la sua epoca brandendo i cartelloni e la penna nella battaglia per i diritti degli afroamericani. La sua omosessualità lo ha però reso più volte un bersaglio anche per i suoi stessi compagni di lotta.

James Baldwin, lo scrittore per i diritti di tutti - james baldwin - Gay.it
4 min. di lettura

Da qualche anno, la casa editrice Fandango sta ripubblicando i libri di James Baldwin, lo scrittore e attivista afroamericano che, al pubblico LGBTQ+, è noto soprattutto per il romanzo del 1956 La stanza di Giovanni. Come attivista, Baldwin si è speso senza sosta nella battaglia per i diritti civili delle persone di colore nell’America degli anni ’60, anni di battaglie che lo scrittore ha raccontato nei suoi libri, fra i quali La prossima volta il fuoco e Una strada senza nome, il romanzo-saggio-autobiografia di cui vi parlo oggi pubblicato per la prima volta nel 1972 e che dopo 50 anni è ancora – purtroppo, è il caso di dirlo – di grande attualità.

In questo libro Baldwin esamina alcuni momenti selezionati della sua vita alla luce delle manifestazioni e delle lotte che infiammavano la società americana del tempo e a cui lui lo stesso prese parte come protagonista. Conobbe sia Martin Luther King sia Malcolm X, non approfonditamente come avrebbe voluto, ma abbastanza da consentirgli di ricordarli nel suo libro con parole ispirate. Tutto il libro di Baldwin, a dire il vero, è un libro ispirato; si sentono distintamente la passione e la verità di chi è stato sulle barricate, di chi non si è mai sottratto ai suoi doveri morali e civili, di chi la vita l’ha rischiata davvero e a più riprese.

L’attualità di Una strada senza nome è su due fronti: il primo riguarda le notizie di cronaca che continuano a giungere dall’America, dove il problema razziale è più acceso che mai e la polizia non sembra aver perso le abitudini che aveva negli anni ’60, quando i giovani neri finivano lungo distesi sui marciapiedi praticamente ogni giorno. Dall’altro lato c’è la lotta per i diritti civili, una lotta che il nostro millennio ha ereditato da quello passato e che nel corso del tempo si è estesa anche ad altre categorie sociali, oppure ha finito per metterle meglio a fuoco.

James Baldwin, lo scrittore per i diritti di tutti - james baldwin Copia - Gay.it
James Baldwin, “Una strada senza nome”, trad. it. M. Zurlo, Fandango Libri, Roma, 2021, pp. 204.

Nell’America di allora, una figura come quella di James Baldwin era un ricettacolo di diversità. Un diverso fra diversi, visto che proprio all’interno della comunità afroamericana newyorkese la sua omosessualità non mancò di causargli dei problemi. Di sicuro, quella di Baldwin era una personalità che il suo tempo non aveva gli strumenti per poter decifrare. Come Baldwin ha ricordato anche in Una strada senza nome, una parte fondamentale della sua liberazione, quella riguardante il proprio orientamento sessuale, avvenne lontano da casa, in Francia. Nel libro, c’è un brano molto bello che rende la misura di questo passaggio e che mette in dialogo i due tasselli  fondamentali della biografia e dell’identità di James Baldwin:

“A Parigi, per un po’ avevo fatto la fame, ma avevo imparato un paio di cose: innanzitutto, mi ero innamorato. O meglio, a essere precisi mi ero reso conto, e per la prima volta accettato, che l’amore non era solo una generica possibilità umana, e neppure semplicemente quell’esperienza disastrosa che spesso, ormai, – dal mio punto di vista – era stata per me, né era qualcosa che accadeva ad altre persone come la morte, né solo un pericolo mortale: faceva parte delle mie possibilità, perché era qui, respirava e ruttava accanto a me, ed era la chiave della vita. Non soltanto la chiave della mia vita, ma della vita stessa. Il mio innamoramento non costituisce in alcun modo l’oggetto di questo libro, tuttavia l’onestà mi obbliga a porlo tra i dettagli, perché ritengo – lo so bene – che la mia storia sarebbe stata molto diversa se l’amore non mi avesse costretto a cercare di scendere a patti con me stesso. Aveva cominciato a tendermi la trappola del colore, perché le persone non si innamorano in base al proprio colore […], e quando gli innamorati litigano, come inevitabilmente fanno, a farli litigare non è il grado di pigmentazione della loro pelle, e non possono usare, a qualsiasi livello, il colore della pelle come un’arma. Ciò significa che bisogna accettare la propria nudità. La nudità non ha colore: ciò può risultare una novità solo per chi non ha mai coperto o non è mai stato coperto da un altro essere umano nudo.”

Una strada senza nome non è un libro a tematica LGBTQ+ in senso tradizionale, ma rappresenta ugualmente una lettura di grande ispirazione per ogni minoranza in lotta. Baldwin, il diverso fra i diversi, il discriminato fra i discriminati, è un nome che si associa ora a una parte ora all’altra, forse perché si ha quasi timore – per lui, nonostante ci abbia lasciato da ormai tanto tempo – a pensarlo schierato contemporaneamente su due fronti così caldi. Per lui, il fronte, era quello della battaglia per i diritti degli afroamericani d’America, ma con i suoi libri ha prestato servizio anche sull’altro e con valore, per quanto ciò lo avesse più volte esposto al fuoco amico. La sua figura complessa e sfaccettata varrebbe la pena di essere riportata all’attenzione che merita. A prescindere dal focus, ognuno dei suoi libri è in grado di insegnare molto sul tema dei diritti e dell’inclusione, sulla necessità di resistere e di lottare. Uniti. Mettendo da parte le divergenze. Perché il terreno più fertile per la discriminazione sono le crepe fra i gruppi che dovrebbero invece fare fronte comune.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Bingham Cup 2024, arriva a Roma il torneo internazionale di rugby inclusivo - In from the Side cover - Gay.it

Bingham Cup 2024, arriva a Roma il torneo internazionale di rugby inclusivo

Corpi - Federico Boni 20.5.24
Billie Eilish, è uscito il nuovo album "Hit Me Hard and Soft"

Billie Eilish ritrova se stessa e plasma di nuovo il pop alla sua (gigante) maniera

Musica - Emanuele Corbo 21.5.24
Tom Daley e Stefano Belotti

Chi è Stefano Belotti, il tuffatore azzurro che augura buon compleanno a Tom Daley

Lifestyle - Mandalina Di Biase 22.5.24
Mahmood: "Sono stato un ragazzino cicciotello per niente cool, ma più libero e sicuro di chi sono oggi"

Mahmood: “Sono stato un ragazzino cicciotello per niente cool, ma più libero e sicuro di chi sono oggi”

Musica - Emanuele Corbo 22.5.24
iraq-donne-trans (2)

Iraq, la strage silenziosa delle donne trans, uccise dai loro familiari per “onore”

Corpi - Francesca Di Feo 20.5.24
“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Piper, Lamoglia, Ghali e altri - Specchio Specchio - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Piper, Lamoglia, Ghali e altri

Culture - Redazione 23.5.24

Leggere fa bene

Perché ho così bisogno di te: quando amare fa troppo male - mattia1 - Gay.it

Perché ho così bisogno di te: quando amare fa troppo male

Culture - Emanuele Cellini 28.12.23
Veganuary - Di Pazza e la cucina vegetale

Di Pazza: cos’è il Veganuary e l’insostenibile leggerezza del vegetale

Culture - Emanuele Cellini 11.1.24
turchia-libri-censura

Turchia, libri su teorie riparative e correlazione tra omosessualità e pedofilia negli scaffali delle biblioteche pubbliche

News - Francesca Di Feo 5.2.24
Russia, banditi i primi "libri LGBT". Vietati Michael Cunningham, James Baldwin e Vladimir Sorokin - vladimir putin 1 - Gay.it

Russia, banditi i primi “libri LGBT”. Vietati Michael Cunningham, James Baldwin e Vladimir Sorokin

News - Redazione 7.5.24
Donald Trump Whoopi Goldberg

Whoopi Goldberg: Trump cancellerà le persone gay se sarà rieletto

News - Redazione Milano 12.1.24
Le relazioni e il sesso come territorio ambiguo: "Di me non sai", intervista a Raffaele Cataldo - Sessp 41 - Gay.it

Le relazioni e il sesso come territorio ambiguo: “Di me non sai”, intervista a Raffaele Cataldo

Culture - Federico Colombo 19.3.24
stati-uniti-bridget-christian-ziegler-violenza-sessuale

Stati Uniti, accusato di violenza sessuale il marito di Bridget Ziegler, leader del collettivo conservatore “Moms for Liberty”

News - Francesca Di Feo 4.12.23
Sisters, arriva il libro autobiografico di Paola e Chiara Iezzi - Sisters arriva il libro biografico di Paola e Chiara Iezzi - Gay.it

Sisters, arriva il libro autobiografico di Paola e Chiara Iezzi

Culture - Redazione 7.2.24