Leandro Emede e il potentissimo monologo a Le Iene: “I nostri figli sono qui, con noi e chiedono i loro diritti” – VIDEO

Padre di Blu e Libero insieme a Nick Cerioni, Emede, regista e fotografo, ha così replicato agli attacchi del governo Meloni. "Per una scelta ideologica, un calcolo politico, i nostri figli sono stati privati di un loro diritto. Il diritto ad avere una famiglia".

ascolta:
0:00
-
0:00
Leandro Emede e il potentissimo monologo a Le Iene: "I nostri figli sono qui, con noi e chiedono i loro diritti" - VIDEO - Leandro Emede - Gay.it
3 min. di lettura

Leandro Manuel Emede è un fotografo e regista che ha fondato a Milano con Nicolò Cerioni, suo compagno nonché padre dei suoi due figli, lo studio Sugarkane. Dopo aver studiato graphic design e produzione cinematografica musicale alla Scuola di Arti Cinematografiche della University of Southern California di Los Angeles, e aver lavorato al fianco di Oliviero Toscani dal 2006 al 2010, Emede ha realizzato video per Jovanotti, Franco Battiato, Laura Pausini, Nesli, Emma Marrone, Orietta Berti, Gianni Morandi, lavorato per Giorgio Armani e realizzato decine di servizi fotografici, copertine, campagne pubblicitarie per Netflix.

Papà di Blu e Libero, nati grazie alla gestazione per altri, Leandro è ieri comparso in tv, evento più unico che raro, nel corso de Le Iene. Un monologo tutto dedicato alle famiglie omogenitoriali e a quei figli che il governo Meloni vuole discriminare, limitandone i diritti.

È una vita che ci sentiamo dire “non è una priorità”. Una legge contro l’omotransfobia? Non è una priorità. Il matrimonio egualitario? Non è una priorità. La garanzia per persone come me e Nicolò di crescere i nostri figli in una famiglia legittimata come tutte le altre? No, nenche questa è una priorità. Non è mai una priorità discutere dei nostri diritti, ma lo diventa improvvisamente quando qualcuno quei diritti li ottiene perché qualcun altro con molto coraggio li riconosce. E allora sì che diventa una priorità. Diventa una priorità negarli“.

Ed è qui che Emede ricorda quanto avvenuto in questo mese di marzo, con il Governo Meloni all’attacco delle famiglie arcobaleno, con l’intimidazione ai sindaci di non registrare i figli delle coppie omogenitoriali.

Quanto successo nelle scorse settimane è un fatto gravissimo. Per una scelta ideologica, un calcolo politico, i nostri figli sono stati privati di un loro diritto. Il diritto ad avere una famiglia. Si vuole ridurli a figli di un Dio minore, di un amore minore, se non sbagliato contro natura. Si prospetta la stepchild adoption, cioè l’adozione del figlio biologico del coniuge, come la panacea di tutti i mali, e mi sembra già sentirli dire “accontentatevi, cosa volete di più”. Noi vogliamo solamente una corretta trascrizione anagrafica per i nostri figli, la garanzia di poterli crescere in una famiglia riconosciuta. Una garanzia che oggi c’è in quasi tutti i Paesi dell’Unione Europea. Non sarà una posizione ideologica a fermare il tempo, nè a riportarlo indietro a prima che questi bambini nascessero. Loro sono qui, sono con noi e chiedono i loro diritti. Loro sono e noi siamo cittadini italiani e vogliamo che ci venga riconosciuta la stessa dignità di tutti gli altri. Non lo dico io, non lo diciamo noi, lo dice la nostra Costituzione“.

Leandro Emede e Nick Cerioni sono diventati in pochi anni la coppia d’oro dello show business italico. Cerioni è lo stylist più famoso d’Italia. Ambito, chiacchierato, imitato, ha imposto uno stile trasformando il palco di Sanremo in un perenne spettacolo teatrale. Emede è invece colui che fotografa, inquadra, registra. Da oltre 15 anni insieme, nelle ultime settimane hanno deciso di battersi per i figli delle coppie omogenitoriali come la loro. “I diritti civili sono di tutti, destra e sinistra: continueremo a lottare”, ha tuonato sui social Cerioni 10 giorni fa. Ieri è toccato a Leandro, in tv, su Italia1, ricordare al governo e agli ultra-cattolici quanto male stiano facendo a minori che non sono figure astratte bensè persone reali, che già esistono, sono tra noi. Discriminati tra i discriminati.

Il 12 maggio a Torino ci sarà una grande manifestazione nazionale con i primi cittadini in primissima fila al grido “Lasciateci tutelare i bambini“. 7 di loro hanno ieri scritto al Governo, chiedendo un urgente incontro e ribadendo l’intenzione di voler disobbedire a Meloni e Piantedosi, continuando le trascrizioni.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

adolescente-non-binari-aggressione-oklaoma (1)

USA, Nex Benedict, sedicenne non binariǝ, muore dopo un’aggressione transfobica a scuola

News - Francesca Di Feo 21.2.24
Luciana Littizzetto e la lettera a Maurizio Costanzo: "Grazie per aver parlato di diritti LGBT, per aver abbassato il provincialismo bigotto della nostra nazione" (VIDEO) - Luciana Littizzetto e Maria De Filippi - Gay.it

Luciana Littizzetto e la lettera a Maurizio Costanzo: “Grazie per aver parlato di diritti LGBT, per aver abbassato il provincialismo bigotto della nostra nazione” (VIDEO)

Culture - Federico Boni 21.2.24
Heartstopper 3, parla Joe Locke: "Sarà più cupa e sexy, parleremo anche di salute mentale" - Joe Locke - Gay.it

Heartstopper 3, parla Joe Locke: “Sarà più cupa e sexy, parleremo anche di salute mentale”

Serie Tv - Redazione 20.2.24
Foto: SchiDechDaily

Parità di genere nella Preistoria? Le donne erano cacciatrici come gli uomini (e anche meglio!)

News - Redazione Milano 20.2.24
La storia di Radclyffe Hall: così fu censurato il primo romanzo lesbico della letteratura - Sessp 38 - Gay.it

La storia di Radclyffe Hall: così fu censurato il primo romanzo lesbico della letteratura

Culture - Federico Colombo 20.2.24
Bruce LaBruce The Visitor Berlinale - Gay.it

La rivoluzione queer è una liberazione, Bruce LaBruce con ‘The Visitor’ alla Berlinale

Cinema - Redazione Milano 21.2.24

Hai già letto
queste storie?

Eric Zemmour, il candidato presidenziale francese di estrema destra condannato per omofobia - Eric Zemmour - Gay.it

Eric Zemmour, il candidato presidenziale francese di estrema destra condannato per omofobia

News - Redazione 10.10.23
Monza, consiglio comunale - La protesta durante la bocciatura della mozione "Caro Sindaco, trascrivi"

“A Monza il sindaco del PD ha abbandonato le famiglie omogenitoriali, serve un coraggio radicale”

News - Giuliano Federico 15.12.23
incontro-ambasciata-americana-diritti-lgbt

Condizioni della comunità LGBTIQ+ in Italia, così l’alleato USA è stato informato

News - Francesca Di Feo 29.9.23
decreto genitori

Il Governo Meloni difende il decreto Salvini-Conte che cancella i genitori omosessuali dai documenti dei figli

News - Redazione Milano 4.10.23
Foto di Max Böhme su Unsplash

La destra vorrebbe arrestarlo, ma a Trento diventa papà di suo figlio

News - Redazione Milano 4.9.23
alessia-crocini-paolo-mieli-nichi-vendola-gpa

“Parole di Paolo Mieli vergognose”, la reazione di Alessia Crocini dopo l’attacco a Vendola

News - Francesca Di Feo 28.11.23
famiglie non tradizionali studio bocconi università di trento professoressa romeo

Il contributo delle famiglie non tradizionali per affrontare la crisi demografica in Italia

News - Giuliano Federico 28.8.23
Famiglie Arcobaleno dopo la sentenza della Corte d'Appello: "Ci vuole una legge, è palese discriminazione omofobica" - Famiglie Arcobaleno Sentenza Cassazione - Gay.it

Famiglie Arcobaleno dopo la sentenza della Corte d’Appello: “Ci vuole una legge, è palese discriminazione omofobica”

News - Federico Boni 6.2.24