“L’uomo con la vestaglia rossa” di Julian Barnes: arte, salotti e omosessualità

Affresco storico di squisita fattura, il recente libro di Julian Barnes è anche una storia a tinte LGBTQ+ dove, tra processi e ricatti, l'omosessualità era una notizia da prima pagina per i giornali della Belle Époque.

"L'uomo con la vestaglia rossa" di Julian Barnes: arte, salotti e omosessualità - Luomo con la vestaglia rossa 1 - Gay.it
3 min. di lettura

L’ultimo libro dello scrittore inglese Julian Barnes, L’uomo con la vestaglia rossa (Einaudi, 2020), è il racconto di un’epoca molto importante nella storia della comunità LGBTQ+. Il libro è ambientato nell’Europa degli anni ’80 dell’800 (tra l’Inghilterra e la Francia) e ha per protagonisti tre uomini i cui nomi, di primo acchito, dicono molto poco. Sono tre francesi e uno di loro, Samuel-Jean Pozzi, era un rinomato medico. Oggi, comunque, è la sua immagine a godere della fama che un tempo apparteneva al suo nome, in quanto nel 1881 il dottor Pozzi venne ritratto dal pittore americano John Singer Sargent nel quadro che ha ispirato il titolo del libro di Barnes. Il nome del dipinto è Dottor Pozzi a casa, ma ciò che risalta e che lo fa ricordare è la vestaglia rosso acceso che veste con grande eleganza.

Pozzi era un eterosessuale di razza, un grande amatore; la storia LGBTQ+ che si dirama nelle pagine di L’uomo con la vestaglia rossa (una storia nella storia, un subplot a volte intenzionale altre volte accidentale) riguarda infatti gli altri due personaggi di questo eclettico “trio”, un poeta e un compositore; entrambi nobili, entrambi omosessuali: il conte Robert de Montesquiou-Fezensac e il principe Edmond de Polignac.

"L'uomo con la vestaglia rossa" di Julian Barnes: arte, salotti e omosessualità - luomo con la vestaglia rossa - Gay.it
J. Barnes, “L’uomo con la vestaglia rossa”, trad. it. D. Fargione, Einaudi, Torino, 2020, pp. 286.

Belle Époque e omosessualità

La seconda metà del XIX secolo è ricordata anche come l’epoca dei primi grandi scandali. Scandali montati ad arte come l’affaire Dreyfus o che riguardavano la vita privata delle persone, sulle quali la nascente stampa moderna stava testando la propria forza. Molte personalità in vista furono gettate in quel primordiale tritacarne mediatico, e alcune di queste persone erano omosessuali. Ricattati, messi alla gogna, emarginati, gli omosessuali che finivano nel mirino della stampa e della magistratura dell’epoca avevano il futuro segnato. Tra questi si ricordano il magnate dell’acciaio Friedrich-Alfred Krupp, inizialmente stroncato proprio in Italia da Matilde Serao sulle colonne di “Il Mattino” di Napoli; il barone Jacques d’Adelswärd-Fersen, accusato di pederastia e messe nere e distrutto dalla stampa parigina; e il più famoso di tutti, il dandy Oscar Wilde, demolito come uomo dai cronisti londinesi e poi condannato a cinque anni di carcere duro nel carcere di Reading.

Julian Barnes ha scritto L’uomo con la vestaglia rossa basandosi su ricerche in archivio e documenti di prima mano, tra cui atti processuali, epistolari, diari, ma anche fotografie e ritratti inseriti nell’apparato iconografico messo a corredo del testo. Tutto ciò ne fa un libro di storia, ma la bellezza della prosa è la stessa dei suoi migliori romanzi. Il lettore deve essere interessato e conoscere almeno un po’ il periodo poiché, è inutile nasconderlo, L’uomo con la vestaglia rossa è un libro colto.

Gli eventi, però, sono quelli della cronaca e presentano l’epoca in tutta la sua sontuosa mondanità. Era del resto proprio la mondanità di simili ambienti a favorire le interazioni omosessuali e lesbiche tra i loro frequentatori, per i quali la vita vera si svolgeva soprattutto dietro la facciata del buon costume, in camere da letto bordate di velluti in cui era consentito gettare momentaneamente la maschera e lasciarsi andare all’esplorazione delle proprie, autentiche pulsioni. È stato da luoghi come questi – camere da letto, alcove, boudoir, fumoir – che l’omosessualità è lentamente uscita dall’anonimato; dapprima ricattata e trascinata in piazza dalla stampa, poi guadagnandosi un minimo di visibilità e di tolleranza (almeno in alcuni, specifici e selezionatissimi ambiti) nel primo Dopoguerra.

L’uomo con la vestaglia rossa è uno di quei libri che vanno ad aggiungere un’altra serie di pezzi al variegatissimo mosaico sociale e culturale dell’Europa fin de siècle. L’omosessualità non è il nucleo del libro, ma ne rappresenta comunque un filone importante. Quello che prende forma nelle pagine di Julian Barnes è un salotto letterario dal profilo altissimo in cui si incontrano i grandi nomi della Belle Époque culturale. Europea e, ormai, anche molto americana.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Roma, pestaggio choc a coppia gay. Frustate, calci e pugni. Lo sconvolgente video. "Appello per riconoscere gli aggressori" - Roma pestaggio choc a coppia gay. Frustate e pugni. Lo sconvolgente video - Gay.it

Roma, pestaggio choc a coppia gay. Frustate, calci e pugni. Lo sconvolgente video. “Appello per riconoscere gli aggressori”

News - Redazione 19.7.24
B&B rifiuta coppia omosessuale a Busca in provincia di Cuneo

B&B di Busca che rifiuta omosessuali scovato da Gay.it: Booking.com non elimina l’annuncio, la titolare fornisce nuove versioni omofobe ai quotidiani

News - Giuliano Federico 16.7.24
Maria De Filippi e Amadeus, Festival di Sanremo

“Festival di Sanremo” cercasi: su Canale 5 arriva “Amici-Verissimo”, sul Nove “Suzuki Music Party”

Culture - Luca Diana 18.7.24
Katy Perry video

“Ho visto le stelle”: tutte pazze per il vibratore di Katy Perry (un po’ meno per il suo singolo)

Musica - Emanuele Corbo 19.7.24
Tutti i coming out "vip" del 2024 - Coming Out 2024 - Gay.it

Tutti i coming out “vip” del 2024

News - Federico Boni 19.7.24
Lewis Hamilton elogia Ralf Schumacher per il coming out: "Un messaggio di libertà, che tutti possano fare lo stesso" - Lewis Hamilton elogia Ralf Schumacher per il coming out - Gay.it

Lewis Hamilton elogia Ralf Schumacher per il coming out: “Un messaggio di libertà, che tutti possano fare lo stesso”

News - Redazione 19.7.24

Continua a leggere

Laura Pezzino - intervista

25 Aprile, Resistenza e Liberazione: “La libertà è un esercizio” – intervista a Laura Pezzino

Culture - Federico Colombo 24.4.24
famiglie-arcobaleno

Perché la stampa italiana continua ad alimentare la fake news “genitore 1 e 2”, dicitura mai esistita?

News - Federico Boni 16.2.24
Francia, la comunità LGBTQIA+ spaventata dall'estrema destra di Bardella e Le Pen: ma quali sono le possibili conseguenze? - francia elezioni comunita lgbt - Gay.it

Francia, la comunità LGBTQIA+ spaventata dall’estrema destra di Bardella e Le Pen: ma quali sono le possibili conseguenze?

News - Francesca Di Feo 25.6.24
Alessandro Zan PD Elezioni Europee

Europee 2024, intervista ad Alessandro Zan: “Faremo l’Europa più politica, Meloni come Orban, Vannacci come il Ku Klux Klan”

News - Federico Boni 15.5.24
Barbera, presidente Corte Costituzionale, al Parlamento: "Serve una legge sui figli delle famiglie arcobaleno" - Augusto Barbera - Gay.it

Barbera, presidente Corte Costituzionale, al Parlamento: “Serve una legge sui figli delle famiglie arcobaleno”

News - Redazione 18.3.24
Carolina Varchi (FDI) attacca i Pride e getta la maschera sulla GPA: "È ideologia LGBT, mai legge le loro rivendicazioni" - Carolina Varchi - Gay.it

Carolina Varchi (FDI) attacca i Pride e getta la maschera sulla GPA: “È ideologia LGBT, mai legge le loro rivendicazioni”

News - Federico Boni 24.6.24
meloni orban

Italia al 25° posto su 27 in Europa sui diritti. Peggio di noi solo Ungheria e Polonia. Il report sui singoli voti all’Europarlamento

News - Federico Boni 15.4.24
"Io gay e musulmano, immigrato e cittadino: il futuro è dei meticci" Saif ur Rehman Raja racconta il suo romanzo d'esordio "Hijra" - intervista

“Io gay e musulmano, immigrato e cittadino: il futuro è dei meticci” Saif ur Rehman Raja racconta “Hijra” il suo romanzo d’esordio – intervista

Culture - Lorenzo Ottanelli 29.4.24