Monica Romano e i giustizieri via social: insultata per aver difeso un principio di civiltà

La consigliera PD di Milano bersaglio della gogna: lo specchio di un'Italia sempre più intollerante. Ecco cosa è successo.

ascolta:
0:00
-
0:00
monica romano
monica romano
3 min. di lettura

Monica Romano, consigliera PD al Comune di Milano nella giunta di Beppe Sala, e da poco entrata nell’assemblea nazionale sotto la segreteria di Elly Schlein, è stata insultata via social per aver portato avanti una battaglia di civiltà. Romano, in un post social, aveva chiesto di fermare la gogna mediatica che si andava propagando sui network ai danni di persone che rubavano sulla metropolitana di Milano.

Ma andiamo con ordine.

Quando si parla di privacy e tutela dei dati sensibili, cosa ci viene in mente? Sicuramente, le credenziali della banca online, la password del nostro account e-mail o dei social, le foto intime inviate al partner, e così via.

Pensiamo che, esattamente come noi, tutti hanno il diritto di tutelarsi, e che non sia giusto che qualcuno diffonda le nostre informazioni private a chicchessia, specialmente quando si tratta di dati potenzialmente pericolosi per la nostra sicurezza, o che dipingano un’immagine di noi diffamatoria se decontestualizzati.

Eppure, quel “tutti” è relativo. Le eccezioni ci sono: è un bias di percezione dell’altro. Una “zin*ara” non merita lo stesso grado di scrupolo, anche se le sue azioni sono oggettivamente deplorevoli? È una riflessione offertaci, nelle scorse ore, da Monica Romano.

Quest’abitudine di filmare persone sorprese a rubare sui mezzi Atm di Milano e di diffondere i video su pagine Instagram con centinaia di migliaia di followers è violenza, ed è molto preoccupante. Punto

Sì, perché l’ultimo trend su TikTok – poi naturalmente esportato anche su altre piattaforme social – è quello di munirsi di smartphone e filmare le borseggiatrici sui mezzi pubblici, in particolare, in metropolitana.

Questi video non verranno dunque conservati e poi utilizzati per sporgere denuncia, ma diffusi a una vastissima platea di persone di tutti i tipi. C’è chi commenterà insultando pesantemente le borseggiatrici, chi le minaccerà e chi proverà a difenderle.

Ma se domani, invece, dovesse spuntare una persona per nulla interessata alla conversazione social, ma determinata a risolvere la questione personalmente, dal vivo? Ed è proprio su questo che Romano si sofferma, continuando:

La smettano, sia quelli che realizzano i video, sia chi gestisce i canali Instagram che li rendono virali di spacciare la loro violenza per senso civico, perché senso civico non è. Le cittadine e i cittadini che sanno davvero che cos’è il senso civico alzino la voce e invitino a spegnere le telecamere perché non è così – trasformando le persone in bersagli – che si ottiene giustizia. Di violenza e di squadrismo ne abbiamo già avuti abbastanza davanti a un liceo di Firenze e nelle acque di Cutro”.

 

monica-romano-borseggiatrici-milano-social

 

Un appello al vero senso civico delle persone, non quello dei giustizieri mascherati da TikTok, per cui è ormai diventata un’abitudine “doxxare” qualcun altro come forma di giustizia privata. Una pratica estremamente pericolosa.

Se ci si ferma un attimo a pensare, in un paese civile e democratico è impossibile trovarsi in disaccordo sulla questione: chi sbaglia paga, ma secondo le leggi dello Stato. È follia pensare di farsi giustizia da soli – oppure, in un atteggiamento ancora più codardo, sperare che lo faccia qualcun altro e fare semplicemente da tramite.

Perché, diversamente, quale sarebbe lo scopo di tali video, che mostrano il volto del reo e la zona in cui si trova? Mettere in guardia le persone? Mostrare il degrado che affligge Milano? Tutto cade nel vuoto quando si scorrono i commenti sotto a questi post.

E anche quando si dà a un’occhiata a quelli sotto il post di Monica Romano. Una vera e propria gogna social, tra insulti e addirittura minacce, che hanno costretto la Consigliera ad eliminare il post poche ore dopo la sua pubblicazione.

Tra i commenti, anche qualche esponente del centrodestra. Una polemica sfuggita di mano, una repressione violenta verso un’istanza che avrebbe invece dovuto mettere d’accordo tutti.

Oggi, Romano ha scelto di intraprendere vie legali contro chi l’ha insultata. Un epilogo sempre più frequente per chi, come la Consigliera, sceglie di schierarsi dalla parte delle fasce marginalizzate e vulnerabili, andando oltre la facciata: lo aveva dimostrato il suo impegno, lo scorso anno, nella battaglia per l’introduzione del Registro di Genere. 

Questa vicenda lascia l’amaro in bocca ed è lo specchio di un’Italia sempre più intollerante e – talvolta – classista, che si scaglia sul primo bersaglio utile, il più semplice. E, per farlo, è disposta anche a sacrificare un po’ della propria umanità.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Mahmood: "Sono stato un ragazzino cicciotello per niente cool, ma più libero e sicuro di chi sono oggi"

Mahmood: “Sono stato un ragazzino cicciotello per niente cool, ma più libero e sicuro di chi sono oggi”

Musica - Emanuele Corbo 22.5.24
Bari, il sindaco Decaro unisce civilmente due vigilesse in alta uniforme: "Solo l'amore conta" - Bari il sindaco Decaro unisce civilmente due vigilesse in alta uniforme - Gay.it

Bari, il sindaco Decaro unisce civilmente due vigilesse in alta uniforme: “Solo l’amore conta”

News - Redazione 24.5.24
BigMama date estive

BigMama parte per il “Pride Tour”: tutte le date per un’estate nel segno dell’orgoglio

Musica - Emanuele Corbo 24.5.24
Cannes 2024, Vivre, Mourir, Renaitre è il nuovo film queer di Gaël Morel con Victor Belmondo e Théo Christine (VIDEO) - Cannes 2024 Vivre Mourir Renaitre 3 - Gay.it

Cannes 2024, Vivre, Mourir, Renaitre è il nuovo film queer di Gaël Morel con Victor Belmondo e Théo Christine (VIDEO)

Cinema - Redazione 22.5.24
Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe - cover wp - Gay.it

Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe

News - Lorenzo Ottanelli 20.5.24
Nemo vincitore Eurovision 2024

Nemo dopo l’Eurovision vola alla conquista degli States, ma “The Code” (per ora) non fa il botto

Musica - Emanuele Corbo 20.5.24

Hai già letto
queste storie?

Europee 2024, intervista a Monica Romano: “Femminismo, diritti e lavoro al centro, perplessa su Tarquinio candidato PD". E a Vannacci dice che... - Monica J. Romano - Gay.it

Europee 2024, intervista a Monica Romano: “Femminismo, diritti e lavoro al centro, perplessa su Tarquinio candidato PD”. E a Vannacci dice che…

News - Federico Boni 8.5.24
Milano, il Comune riconosce la carriera alias ai suoi dipendenti - Carriera Alias - Gay.it

Milano, il Comune riconosce la carriera alias ai suoi dipendenti

News - Redazione 27.12.23
Roberto Vannacci Paola Egonu Matteo Salvini

Vannacci sospeso dall’Esercito Italiano, Egonu lo querela, Salvini lo difende

News - Giuliano Federico 28.2.24
Milano, presidio al Consolato russo a sostegno della comunità LGBTQIA+ russa - Milano presidio al Consolato russo in solidarieta della comunita LGBTQIA russa - Gay.it

Milano, presidio al Consolato russo a sostegno della comunità LGBTQIA+ russa

News - Redazione 14.12.23
Milano, cancellato il convegno neofascista e omobitransfobico con i leghisti Pillon e Romeo - Homo Occidentalis - Gay.it

Milano, cancellato il convegno neofascista e omobitransfobico con i leghisti Pillon e Romeo

News - Redazione 31.1.24
Il Colore Viola (2024)

“Il Colore Viola”, tutto quello che sappiamo sulla nuova versione (anche) queer

Cinema - Redazione Milano 10.1.24
Mahmood insulti social su TikTok

Mahmood, insulti razzisti su TikTok: “si è sbiancato”

Musica - Redazione Milano 20.1.24
Resistenza, malattia e vita: abbiamo intervistato Ivonne Capece, a teatro con Thinking Blind - Matteo B Bianchi 2 - Gay.it

Resistenza, malattia e vita: abbiamo intervistato Ivonne Capece, a teatro con Thinking Blind

Culture - Federico Colombo 20.4.24