Ma il palco del Pride è davvero inclusivo per tuttə?

Anche quest'anno a Milano il palco del Pride è capitanato da persone etero o cis: dove sono le persone transgender? Le persone con disabilità? Le persone non bianche? Le lesbiche? Le persone intersex? Le persone asessuali?

ascolta:
0:00
-
0:00
milano pride palco davvero inclusivo
milano pride palco davvero inclusivo
4 min. di lettura

È Pride Month: siamo tuttə pronte a marciare, protestare per i nostri diritti, celebrare chi siamo ma soprattutto prenderci finalmente uno spazio dove dar voce a tutte le sfumature della nostra comunità. Eppure, ogni anno il Pride, almeno in Italia, scomoda più di qualche dubbio: il Milano Pride 2022 vedrà sul palco due team di conduttori, da una parte Katia Follesa e Valeria Graci insieme a Pietro Turano, dall’altra Michela Giraud e Pierluca Mariti. Senza nulla togliere al talento e la bravura dei nomi coinvolti, la domanda per moltə è sorta spontanea:

dove sono le persone transgender? Le persone disabili? Le persone non bianche? Le lesbiche? Le persone intersex? Le persone asessuali? Nel momento in cui dovremmo essere tuttə al centro e prendere il microfono, ampia parte della comunità rimane ancora ai margini.

 

pride 2022
Elodie sul palco del Roma Pride 2022

L’effetto generato è che uno degli eventi con più visibilità e affluenza per la comunità LGBTQIA+ diventa un palco per persone eterosessuali o cisgender, dando priorità agli sponsor rispetto alle innumerevoli soggettività che meriterebbero voce: “Il massimo che riusciamo a far è cedere il palco a uomini cis abili gay, decisione di cui certamente sono felice, ma che è oggettivamente figlia di un immobilismo a cui a questo punto è inaccettabile assistere ad un evento così cruciale per la comunità tutta” scrive Francesco Cicconetti (anche conosciuto come @mehthts nelle sue Instagram) ribadendo che se oggi possiamo permetterci di festeggiare i Pride, è grazie a donne trans e nere che hanno rischiato la vita per permetterci questi privilegi in più, anche ai giorni nostri. Eppure questa intersezionalità di esperienze, in grado di unire più gruppi marginalizzati, sul palco del Pride ancora non c’è.

Per antonomasia, la comunità queer durante e fuori i Pride, ha dato estrema rilevanza al ruolo delle icone, tendenzialmente alleatə dal mondo dello spettacolo, prontə a rappresentarci e utilizzare la propria piattaforma e privilegio, facendo da cassa di risonanza per il grande pubblico. Ma già nella nostra recente intervista con l’attivista Isabella Borrelli, direttamente del Roma Pride, si è riflettuto su come il ruolo dell’icona ha fatto un po’ il suo tempo : “Abbiamo ancora bisogno costantemente di una persona non parte della comunità a rappresentarci? Secondo me è arrivato anche il momento di dimettere questo ruolo e rivendicarlo per noi.” dice Borrelli: “In generale io credo che questo momento iconografico sia arrivato un po’ ad un momento di svolta, e dovemmo cominciare ad essere noi i portatori e portatrici delle nostre istanze. Per tutte queste icone etero e cis che hanno dominato il mondo della musica, tante altre persone LGBTQIA+ non hanno mai fatto coming out apertamente“.

Ma non solo le persone transgender, anche le donne lesbiche oggi più che mai rimangono invisibilizzate all’interno della narrazione generale, sempre con un ruolo prioritario all’uomo gay cis e abile, più “rassicurante e famigliare” per il pubblico mainstream. L’invisibilizzazione nella conduzione dei Pride si estende anche alle persone con disabilità, escluse dalla conversazione o l’evento stesso: “Si è sentito molto parlare di intersezionalità, ma le persone disabili sono state incluse davvero, oltre che attraverso l’accessibilità, anche all’interno degli interventi dei Pride?” dice Simone Riflesso, attivista che si sta occupando del Sonda Pride, mappatura ufficiale per l’accessibilità ai Pride Italiani: “Alle parole devono seguire i fatti, o le persone disabili e neurodivergenti continueranno a rimanere escluse“.

 

il pride è davvero inclusivo
Il pride è davvero inclusivo per tuttə?

Al contempo, l’argomento è sempre più complesso e stratificato del previsto: investire i personaggi più noti e vicini al grande pubblico può permettere una maggiore affluenza e visibilità, e avvicinare alle nostre tematiche un pubblico che in caso contrario non si sarebbe mai informato. Ma come evidenziato anche da Cicconetti, il problema è strutturale, per un Pride che ancora ha un disperato bisogno di attirare le persone e affidarsi per l’80% a nomi non appartenenti alla comunità e basare tutto sulla parte mainstream, prima che su quella politica. Il risultato è uno sbilanciamento imbarazzante, di cui risente la manifestazione stessa: “Forse sarebbe giusto soffermarsi anche su quei problemi strutturali di cui il Pride non è causa ma vittima e a cui semplicemente ancora deve rispondere” aggiunge Cicconetti “Problemi che però speriamo possano andare migliorando nel corso degli anni, migliorando anche l’esperienza del Pride“. L’obiettivo ci riguarda tuttə e invita a riflettere in modo da evolvere la conversazione, senza creare uno dislivello tra l’affluenza e la reale inclusione: possiamo parlare davvero di inclusività e visibilità se non ci vediamo mai? Possiamo davvero sensibilizzare se i gruppi marginalizzati rimangono fuori dal palco, e la narrazione è sempre affidata all’esterno? Quali problemi strutturali dobbiamo ancora risolvere per essere davvero presenti ovunque, fuori e dentro i nostri spazi? Il dibattito è aperto.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Leo Gullotta e l'amore per Fabio Grossi a Domenica In: "Stiamo insieme da 43 anni, anni rispettosi, affettuosi, amorosi" - Leo Gullotta - Gay.it

Leo Gullotta e l’amore per Fabio Grossi a Domenica In: “Stiamo insieme da 43 anni, anni rispettosi, affettuosi, amorosi”

News - Redazione 15.4.24
Challengers, recensione. Il travolgente ed eccitante triangolo omoerotico di Luca Guadagnino - TIRE TOWN STILLS PULL 230607 002 RC - Gay.it

Challengers, recensione. Il travolgente ed eccitante triangolo omoerotico di Luca Guadagnino

Cinema - Federico Boni 12.4.24
Close to You, recensione. Il ritorno di Elliot Page, tanto atteso quanto deludente - close to you 01 - Gay.it

Close to You, recensione. Il ritorno di Elliot Page, tanto atteso quanto deludente

Cinema - Federico Boni 19.4.24
Amadeus, Sanremo Giovani 2023

Sanremo verso Mediaset, Amadeus in onda sul NOVE già a fine agosto con tre programmi

Culture - Mandalina Di Biase 18.4.24
Guglielmo Scilla, intervista: "Mi sconsigliarono di fare coming out. Potessi tornare indietro lo farei prima" - Guglielmo Scilla foto - Gay.it

Guglielmo Scilla, intervista: “Mi sconsigliarono di fare coming out. Potessi tornare indietro lo farei prima”

Culture - Federico Boni 18.4.24
Federico Fashion Style vittima di omofobia in treno. Calci e pugni al grido "fr*cio di merd*" - Federico Fashion Style - Gay.it

Federico Fashion Style vittima di omofobia in treno. Calci e pugni al grido “fr*cio di merd*”

News - Redazione 19.4.24

Continua a leggere

Miranda July (Vogue, 2020)

Miranda July, amarsi senza cadere a pezzi – intervista

Culture - Riccardo Conte 4.3.24
cern bandiera progress pride

Bandiera Pride Progress al CERN: “La comunità LGBTIQA+ è importante per la scienza”

News - Redazione Milano 17.11.23
@bellaramsey

Bella Ramsey presta il volto alla linea di moda per persone non binarie

Culture - Redazione Milano 8.11.23
Bianca Antonelli è voce del collettivo ASIABEL

Tra egomania e lesbiche vere, la musica di Asiabel è un diario aperto: l’intervista

Musica - Riccardo Conte 5.4.24
Questioning: 10 celebrità che hanno avuto il coraggio di dire "non lo so" - cover - Gay.it

Questioning: 10 celebrità che hanno avuto il coraggio di dire “non lo so”

Corpi - Francesca Di Feo 13.12.23
Carmen Madonia in 'Something You Said Last Night' (2022)

Something You Said Last Night, e la banale quotidianità di una millennial trans

Cinema - Riccardo Conte 6.1.24
Hannah Waddingham show in uno special natalizio: “Sono devota alla comunità LGBTQIA+” - Hannah Waddingham Home For Christmas Photo 0101 - Gay.it

Hannah Waddingham show in uno special natalizio: “Sono devota alla comunità LGBTQIA+”

Culture - Redazione 22.11.23
bergamo pride 2024, il 15 giugno

Bergamo Pride 2024: il 15 giugno

News - Redazione 11.2.24