Perché Paul B. Preciado è fondamentale nella comprensione del contemporaneo

"Non sono un uomo. Non sono una donna. Non sono eterosessuale. Non sono omosessuale. Non sono nemmeno bisessuale. Sono un dissidente del sistema sesso-genere."

ascolta:
0:00
-
0:00
Paul B Preciado non binarismo affermazione di genere
Paul B Preciado non binarismo affermazione di genere teorie queer filosofia queer
3 min. di lettura

«Non sono un uomo. Non sono una donna. Non sono eterosessuale. Non sono omosessuale. Non sono nemmeno bisessuale. Sono un dissidente del sistema sesso-genere. Sono la molteplicità del cosmo racchiusa in un regime epistemologico e politico binario che grida di fronte a voi.»

Così parla di sé Paul B. Preciado, filosofo tra i più arguti del nostro tempo e sedizioso teorico del genere. Sceglie queste parole per definirsi senza definirsi mai fino in fondo. D’altronde Preciado abita oltre il cronotopo, oltre il nostro spazio-tempo, vive sempre altrove, in un altrove che è un pianeta irraggiungibile, un satellite interstiziale dove ogni identità è una molteplicità, dove ogni corpo è un dispositivo tecnologico che incrina i sistemi costituiti ed esiste oltre le standardizzazioni.

 

Un appartamento su Urano – Fandango Libri

 

Paul B. Preciado nasce a Burgos, nel nord della Spagna. Nasce e cresce abitando il corpo e il nome di una donna. Quella donna della quale conserva ancora oggi l’iniziale. Una lettera che funge da scarto identitario, residuo linguistico e ultima gomena, ultimo attracco a una sponda abitata e poi abbandonata. Di Preciado dissero – e cito – che era una donna lesbica, poi, dopo le iniezioni di Testex prolongatum, che era un uomo trans e ancora un’identità scivolosa, pericolosa, un prodigio e un mostro.

Preciado è stato ed è tutto questo e niente di tutto ciò, perché sul suo corpo obliquo e incendiario ogni categorizzazione scivola o si corrode. Sono vetuste le nostre categorie di pensiero, sono antiche, ancestrali e patologiche, perché ci rinsaccano in un passato oscuro, verso un tempo di tenebra in cui ogni corpo era il risultato forzato di un’operazione matematica binaria. Un passato lontano, eppure vicinissimo, che influenza e stordisce il presente, richiamandolo a sé grazie alla eco mortifera della sintesi. Categorizziamo tutto e sintetizziamo il reale, cercando di semplificarne i corpi e le identità. Mossi dalle tendenze tipiche della gestualità eterocapitalista, mandiamo al macello la carne e la psiche di chi non si fa prendere.

Nel buio della nostra contemporaneità, Preciado è un faro – non una luce limpida, ma un fanale psichedelico – e un eccellente pensatore, capace di spostare i termini del dibattito sempre più in là, oltre le sponde di questa terra, fino a Urano e anche più su. Preciado spinge chiunque legga i suoi testi a porsi delle domande per partorirsi nel mondo, per costruirsi e sapersi collocare. Sono testi complessi e affastellati, i suoi, coagulati di un pensiero arricciato e densissimo che chiama al centro riferimenti culturali diversi. Testi alchemici che mescolano e si rimescolano per dar vita a un mondo nuovo, dove ogni corpo è il punto di incontro tra natura e artificio, tra epidermide e algoritmo. Dove è possibile vivere oltre il binarismo, dunque vivere a pieno, vivere all’incrocio, che è «l’unico posto che esiste». Stiamo tutti all’incrocio e da qui dovremmo ascoltare Paul B. Preciado, il pensatore che più di tutti ci costringe a riflettere sulla nostra contemporaneità, spingendoci a fare lo sforzo titanico di provare a comprenderla, senza cedere alle lusinghe del pensiero ipertrofico che ci vuole piegati ai dettami di un sistema tossico e ingabbiante. Se c’è un motivo  – ma ce n’è più d’uno – per leggere Preciado, allora dobbiamo dire che leggere Preciado è un’esperienza decolonizzante e depatriarcalizzante. Un esercizio intenso di liberazione e libertà.

Paul B. Preciado sarà a Sherocco Festival con la sua lectio “Lettera alle nuove attivistə”, qui anticipata a Gay.it da Titti De Simone >

Foto di copertina: Photo: Marie Rouge per Art Review

 

 

 

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Leo Gullotta e l'amore per Fabio Grossi a Domenica In: "Stiamo insieme da 43 anni, anni rispettosi, affettuosi, amorosi" - Leo Gullotta - Gay.it

Leo Gullotta e l’amore per Fabio Grossi a Domenica In: “Stiamo insieme da 43 anni, anni rispettosi, affettuosi, amorosi”

News - Redazione 15.4.24
Guglielmo Scilla, intervista: "Mi sconsigliarono di fare coming out. Potessi tornare indietro lo farei prima" - Guglielmo Scilla foto - Gay.it

Guglielmo Scilla, intervista: “Mi sconsigliarono di fare coming out. Potessi tornare indietro lo farei prima”

Culture - Federico Boni 18.4.24
Angelina Mango Marco Mengoni

Angelina Mango ha in serbo una nuova canzone con Marco Mengoni e annuncia l’album “poké melodrama” (Anteprima Gay.it)

Musica - Emanuele Corbo 18.4.24
Sandokan, c'è anche Samuele Segreto nella serie Rai con Can Yaman, Ed Westwick e Alessandro Preziosi - Sandokan - Gay.it

Sandokan, c’è anche Samuele Segreto nella serie Rai con Can Yaman, Ed Westwick e Alessandro Preziosi

Serie Tv - Redazione 18.4.24
Challengers Guadagnino Josh O Connor Mike Faist Zendaya

Challengers, lo sceneggiatore Justin Kuritzkes: “Il tennis è davvero omoerotico”

Cinema - Mandalina Di Biase 15.4.24
Jakub Jankto coming out

Jakub Jankto: “Agli altri calciatori gay dico di fare coming out. Non abbiate paura, non succede nulla”

Corpi - Redazione 17.4.24

Leggere fa bene

Credit: Steve Russell

Cosa è cambiato per lə bambinə trans* nel Regno Unito

News - Redazione Milano 22.12.23
Annette Bening, orgogliosa mamma di un figlio trans: "La transfobia ha invaso l'America, è vergognoso e doloroso" - annette bening figlio trans Stephen Ira - Gay.it

Annette Bening, orgogliosa mamma di un figlio trans: “La transfobia ha invaso l’America, è vergognoso e doloroso”

Cinema - Redazione 2.11.23
Cecilia Gentili Interview photographed by Oscar DIaz_

Dio e il corpo transgender, il funerale di Cecilia Gentili diventa un momento di orgoglio queer e i cattolici si indignano

Culture - Mandalina Di Biase 27.2.24
Intervista a Paul B Preciado - My Biographie Politique

Lə infinitə Orlando che ci donano il caos non binario, utopico e liberatorio: intervista a Paul B. Preciado

Cinema - Giuliano Federico 27.3.24
cena ozpetek

Come sopravvivere al pranzo con i parenti?

Lifestyle - Riccardo Conte 12.12.23
Carmen Madonia in 'Something You Said Last Night' (2022)

Something You Said Last Night, e la banale quotidianità di una millennial trans

Cinema - Riccardo Conte 6.1.24
tdor italia 2023 dati odio transfobico

TDOR, l’Italia è il paese con più crimini verso persone trans* in Europa insieme alla Turchia

News - Redazione Milano 20.11.23
transfobia

Transfobia in Italia: cosa ci dicono i dati?

Guide - Redazione Milano 7.11.23