Video

Il Refuge lgbt di Roma resta aperto. Pietro Turano ci racconta tutto

Dopo la perdita del sostegno di Croce Rossa, il portavoce di Gay Center parla con Gay.it delle difficoltà e dei nuovi progetti. E dell'importanza di costruire narrazioni alternative.

4 min. di lettura

A Roma, la casa Refuge lgbtprima struttura di accoglienza in Italia per giovani gay, lesbiche, bisessuali e transgender – nei difficili mesi precedenti ha rischiato la chiusura. A causarne la crisi è stata la perdita inaspettata del sostegno di uno dei partner principali (la Croce Rossa di Roma), che “ha messo in discussione tutta l’organizzazione interna del progetto“, ci spiega Pietro Turano – portavoce di Gay Center.

Siamo riusciti a conservare l’interlocuzione con le istituzioni a livello territoriale, che ci hanno aiutato a tenere in piedi la nostra realtà. E grazie a un’efficace risposta di sostegno con l’attivazione di una raccolta fondi per il progetto siamo riusciti a venir fuori dal momento critico. Ora, senza aver dovuto interrompere la nostra attività, possiamo dire che siamo funzionanti con operatori h24 in casa e personale che si dedica ai bisogni dei nostri ragazzi”

L’aiuto principale è arrivato dalla Regione Lazio a cui si è aggiunto il sostegno di alcune aziende come Marcelo Burlon County of Milan e Sephora Italia. Ancora oggi la questione essenziale che va affrontata è l’incapacità, su piano nazionale, di riconoscere l’efficacia e l’importanza di progetti del genere e l’assenza di tutele specifiche che possano sostenere queste realtà.

“Negli anni, i problemi affrontati hanno riguardato – e tutt’ora riguardano – principalmente la casa accoglienza, Refuge lgbt. Le difficoltà ci sono e sono legate al fatto che non c’è un riconoscimento strutturale da parte delle istituzioni. Noi subiamo un sostegno discontinuo per i nostri progetti“.

Continua Pietro Turano, che nei giorni sorsi è sceso in piazza, come tantissime altre persone, dopo la decisione del Senato di affossare il DDL Zan. In particolare, ieri è stato pubblicato, tramite i canali social de L’Espresso, un videomessaggio contro le grida e gli applausi in Senato dello scorso 27 ottobre; gesti poco degni di un’Istituzione della Repubblica italiana.

“Una sconfitta generale di un’intera classe politica che non ha fatto il suo lavoro”.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Pietro Turano (@eropietro)

Il progetto Refuge LGBT nasce da una idea di Gay Center / Gay Help Line nel 2007 e solo nel 2016 inizia la sua attività di accoglienza. Con l’aiuto delle realtà fondatrici (Arcigay Roma, Differenza Lesbica Roma, NPS, Azione Trans) il centro segue i ragazzi abbandonati dalle proprie famiglie a causa del loro orientamento sessuale.

“Il nostro Center è contro l’omotransfobia, è un punto di ascolto attraverso la linea telefonica e la chat anonima; inoltre, mettiamo a disposizione un servizio di consulenza, dal supporto psicologico, a quello medico, a quello legale. Una persona che è vittima di violenza ha bisogno di una serie di necessità, principalmente il diritto di vedersi riconosciuta“.

Il lavoro del Gay Center riguarda anche la prevenzione e la cura. Vengono eseguiti i test per l’HIV e vengono avviati dei protocolli di invio alle realtà sanitarie a Roma. Fondamentale per il Centro è la socializzazione e sensibilizzazione.

“In particolare ci rivolgiamo ai ragazzi che hanno bisogno di condividere la propria identità e hanno bisogno di viversi liberamente senza la paura del pregiudizio”, – continua Turano – “creando degli spazi di riconoscimento dell’altro”.

Questa parte delicata del lavoro si svolge con dei gruppi under-21 che aiutano i ragazzi più giovani e altri under-27 per quelli più grandi.  Sono tutti essenziali per la costruzione di narrazioni alternative e per riuscire a condividere la propria identità e portarla anche fuori dal Centro.

“È un lavoro complesso ma deve essere completo, per poter raccontare a 360° le identità”.

Gay Center Turano
Campagna Gay Help Line, 2021

È complesso anche creare una rete tra le varie associazioni e i centri di accoglienza. Ciò è dovuto proprio alla scarsa attenzione nel nostro Paese su questi progetti e all’assenza di una base legislativa e finanziaria che li sostenga.

“Proprio perché si parte da progetti individuali  si nasce dalla buona volontà dei singoli e delle singole realtà  È importante condividere informazioni ed è importante dare una risposta condivisa. Siamo tutti in difficoltà e unirsi può essere un aiuto in questo momento che tutele specifiche non ci sono”.

Ci spiega l’attivista romano ed è chiaro quanto sia necessario combattere l’ignoranza che porta a non comprendere i problemi che i ragazzi abbandonati dalla propria famiglia, per il loro orientamento sessuale, si trovano a subire.

“Bisogna capire la lunga durata di questi progetti partendo dalle realtà territoriali fino a quelle nazionali. La risposta delle istituzioni è importante per garantire il sostegno a queste strutture. Dall’assistenza sul piano sociale, all’integrazione con i servizi al cittadino. Ad esempio, cambiare residenza ai ragazzi che non vogliono lasciarla nel posto in cui sono nati e vissuti; dare loro un supporto economico, la possibilità di lavorare… Tutte queste sono soluzioni che noi dobbiamo dare e vorremmo degli aiuti previsti e sicuri“.

I quasi due anni di pandemia hanno reso molto complesso il lavoro del Gay Center e la vita dei ragazzi vittime di violenza. Soprattutto il confinamento in casa si è rivelato critico; sono in molti infatti a trovare accoglienza e sicurezza fuori dalle proprie famiglie.

“Uno strumento in più che abbiamo scoperto è la mediazione familiare, cioè intervenire anche su quelle figure adulte che non hanno gli strumenti per riconoscere e accettare l’identità dei loro figli. Così da prevenire la  violenza lavorando sull’ignoranza e i pregiudizi”.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Foto: SchiDechDaily

Parità di genere nella Preistoria? Le donne erano cacciatrici come gli uomini (e anche meglio!)

News - Redazione Milano 20.2.24
Bruce LaBruce The Visitor Berlinale - Gay.it

La rivoluzione queer è una liberazione, Bruce LaBruce con ‘The Visitor’ alla Berlinale

Cinema - Redazione Milano 21.2.24
teen-star-educazione-affettiva-sessuale

Teen Star, infiltrazioni di integralismo cattolico nella scuola italiana, i genitori ritirano i figli

News - Francesca Di Feo 19.2.24
thailandia-matrimonio-egualitario

La Thailandia verso il matrimonio egualitario: approvazione del disegno di legge entro fine anno

News - Francesca Di Feo 19.2.24
Luciana Littizzetto e la lettera a Maurizio Costanzo: "Grazie per aver parlato di diritti LGBT, per aver abbassato il provincialismo bigotto della nostra nazione" (VIDEO) - Luciana Littizzetto e Maria De Filippi - Gay.it

Luciana Littizzetto e la lettera a Maurizio Costanzo: “Grazie per aver parlato di diritti LGBT, per aver abbassato il provincialismo bigotto della nostra nazione” (VIDEO)

Culture - Federico Boni 21.2.24
glaad-gaming-report

Il 17% dellǝ appassionatǝ di videogames è queer, ma l’industria ci rappresenta? Il rapporto di GLAAD

Culture - Francesca Di Feo 14.2.24

Continua a leggere

ucraina unioni civili

Ucraina, ecco come si allontana la legge sulle unioni civili

News - Giuliano Federico 20.9.23
uganda-carceri-torture-detenut-lgbtqia

Uganda, torture aberranti verso lǝ detenutǝ LGBTQIA+: sanzioni dagli USA

News - Francesca Di Feo 11.12.23
sondrio-manifesti-provita

Sondrio, anche qui spuntano i manifesti ProVita: “Basta confondere l’identità sessuale dei bambini”

News - Francesca Di Feo 11.12.23
rishi sunak transfobico

Regno Unito, il premier Rishi Sunak torna alla carica contro la comunità trans

News - Francesca Di Feo 6.12.23
Addio al filosofo Gianni Vattimo, deceduto al fianco dell'amato Simone Caminada - gianni vattimo e simone - Gay.it

Addio al filosofo Gianni Vattimo, deceduto al fianco dell’amato Simone Caminada

News - Redazione 20.9.23
Roma, via libera del Comune a finanziamenti per sportelli d'ascolto e centri antidiscriminazione LGBTQIA+ - roma - Gay.it

Roma, via libera del Comune a finanziamenti per sportelli d’ascolto e centri antidiscriminazione LGBTQIA+

News - Redazione 19.12.23
ViiV Gay.it PrEP Camp Roma Novembre 2023

PrEP Camp, è tempo di attivismo in Italia

Corpi - Daniele Calzavara 9.11.23
Stati Genderali

Contro la violenza di Stato corteo nazionale degli Stati Genderali a Bologna

News - Redazione Milano 17.10.23