Roma, la preside censura gli studenti: ‘No a corsi su aborto e identità di genere’

Proteste al Giulio Cesare di Roma per la criticata decisione presa dalla preside.

censura
Censura al liceo Giulio Cesare di Roma.
2 min. di lettura

Il liceo Giulio Cesare di Roma ha detto no a dei corsi proposti dagli studenti. È stata la preside a volere la censura, durante la Settimana dello Studente, durante la quale sono i ragazzi a organizzare dei corsi extra-scolastici, che possono andare dal ripasso privato di alcune materie alle lezioni di musica o altri temi che solitamente non vengono trattati a scuola. 

Tra questi, alcuni corsi riguardavano l’identità di genere e l’aborto. E sarebbero questi a essere stati eliminati dalla lista, censurati dalla preside. A denunciare il fatto, un collettivo di studenti, Zero Alibi, il quale ha rivelato la cosa sui social nerwork.

Tra i corsi che avevamo intenzione di proporre, ne avevamo programmato uno sull’aborto, uno sull’identità di genere e un altro sull’occupazione fascista dei Balcani ma ci sono stati censurati dalla nostra preside, con motivazioni che riteniamo assurde.

Motivazioni veramente assurde. Il corso sull’aborto avrebbe portato le donne ad abortire. Il corso sull’identità di genere è stato invece dichiarato inutile, perché l’identità di genere non esiste. Il terzo corso, quello rivolto all’occupazione fascista dei Balcani, non sarebbe stato trattato “secondo un punto di vista oggettivo“.

Alla fine, vincono gli studenti. Ma rimane la censura su aspetti importanti

A Repubblica, la preside ha infine dichiarato che l’intero programma è stato rivisto, permettendo senza censura tutti i corsi proposti durante l’autogestione.

Nonostante questa vittoria per il collettivo Zero Alibi, rimane il fatto che il liceo avrebbe preferito la censura alla discussioni di temi delicati, come possono essere la non discriminazione, l’inclusione e argomenti che rispecchiano la storia d’Italia e non solo.

Se per gli studenti, si è trattato di “un pregiudizio puramente ideologico“, la preside ha censurato dei diritti fondamentali, come quello dell’informazione.

Si trattava infatti di sensibilizzare e far conoscere dei temi spesso messi in secondo piano, “dei quali non si parla davvero per niente nel luogo che più dovrebbe formarci come cittadini e cittadine consapevoli, ovvero la scuola. Da sempre riteniamo e ribadiamo che la scuola debba essere un luogo di dibattito e di confronto, riflessione, di crescita culturale ma soprattutto personale ed essere censurati così va a confermare ancora una volta il fatto che da questo punto di vista c’è ancora molto da fare“.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

glaad-gaming-report

Il 17% dellǝ appassionatǝ di videogames è queer, ma l’industria ci rappresenta? Il rapporto di GLAAD

Culture - Francesca Di Feo 14.2.24
@giorgiominisini_

Giorgio Minisini contro gli stereotipi: perché essere maschio alfa, quando puoi stare bene? – L’intervista

Corpi - Riccardo Conte 21.2.24
transgender allattamento seno

Le mamme transgender e i genitori AMAB possono allattare: lo dice la scienza

Corpi - Francesca Di Feo 22.2.24
Grecia, l'Alessandro Magno bisessuale di Netflix finisce in parlamento: "Deplorevole, inaccettabile e antistorico" - Alessandro Magno - Gay.it

Grecia, l’Alessandro Magno bisessuale di Netflix finisce in parlamento: “Deplorevole, inaccettabile e antistorico”

Serie Tv - Redazione 21.2.24
thailandia-matrimonio-egualitario

La Thailandia verso il matrimonio egualitario: approvazione del disegno di legge entro fine anno

News - Francesca Di Feo 19.2.24
Heartstopper 3, parla Joe Locke: "Sarà più cupa e sexy, parleremo anche di salute mentale" - Joe Locke - Gay.it

Heartstopper 3, parla Joe Locke: “Sarà più cupa e sexy, parleremo anche di salute mentale”

Serie Tv - Redazione 20.2.24

Leggere fa bene

senegal corpo bruciato presunto gay

Senegal, riesumato e bruciato perché presunto gay e considerato “mezzo uomo e mezzo donna” – VIDEO

News - Giuliano Federico 31.10.23
torino padre figlio gay 14 anni

Torino, le atrocità di un padre al figlio di 14 anni, perché gay

News - Redazione Milano 25.10.23
salerno scritta omofoba

Salerno, il Comune copre la scritta omofoba: “Le differenze sono ricchezza”

News - Redazione Milano 30.8.23
Palermo, si suicida a 13 anni per bullismo, deriso per il presunto orientamento affettivo - stella cadente 2 - Gay.it

Palermo, si suicida a 13 anni per bullismo, deriso per il presunto orientamento affettivo

News - Redazione Milano 13.11.23
Pavel Lobkov

Mosca, giornalista mostra segni di aggressione “Così picchiano un fr**io”

News - Redazione Milano 2.1.24
candidati lgbt USA

Le 10 città più e meno LGBTQIA+ friendly d’America

News - Federico Boni 8.11.23
Gardaland, licenziato il manager che chiamava "principessa" il dipendente gay - Gardaland - Gay.it

Gardaland, licenziato il manager che chiamava “principessa” il dipendente gay

News - Redazione 5.10.23
USA, i crimini d’odio contro le persone trans e di genere non conforme sono aumentati del 33% nel 2022 - La transfobia istituzionale dilaga negli USA - Gay.it

USA, i crimini d’odio contro le persone trans e di genere non conforme sono aumentati del 33% nel 2022

News - Federico Boni 19.10.23