Senegal, folla aggredisce turista sospettato di essere gay: “Non merita di vivere”

Il Senegal è uno dei Paesi in cui le leggi anti-LGBT costringono la comunità a nascondersi, governo e popolazione sono uniti contro l’omosessualità

ascolta:
0:00
-
0:00
Attacco omofobo Senegal Gay.it
3 min. di lettura

Una folla di 100 persone si è accanita su un turista – la cui provenienza non è ancora stata confermata, anche se le fonti indicano che si tratti di un americano – perché vestito con abiti considerati da omosessuale. È successo a Dakar, capitale del Senegal, lo scorso 17 maggio. L’uomo si trovava nel Paese per partecipare alla Biennale, l’evento di arte contemporanea, quando, passeggiando per la città, è stato improvvisamente aggredito.

Il video dell’aggressione è circolato velocemente in rete: all’uomo vengono strappati violentemente i vestiti mentre viene anche percosso alla testa. Il tutto mentre si sentono le voci della folla inveire contro l’omosessualità con frasi come “Non merita di vivere”, “Sporco omosessuale”, “Uccidiamolo prima che arrivi la polizia” e “L’omosessualità non sarà mai accettata in Senegal”.

La situazione nel Paese, ex colonia francese a maggioranza musulmana, per la comunità LGBTQ+ è a dir poco critica. La delicata situazione ha spinto la comunità a passare alla clandestinità, tenendo nascosta la propria identità e il proprio orientamento sessuale. L’omosessualità viene punita fino a cinque anni di reclusione e il recente inasprimento delle leggi ha dato vita a un’ondata omofoba senza precedenti. Non solo, infatti, il governo perseguita le persone queer, ma anche la maggior parte della popolazione è contro “l’agenda” LGBT, contro cui non sono mancate anche proteste e manifestazioni.

Attacco omofobo Senegal Gay.it
Le proteste contro la comunità LGBTQ+ in Senegal

Solo lo scorso dicembre, infatti, dopo l’annuncio da parte del governo di voler raddoppiare la pena per questo reato, la popolazione si è trovata a chiedere una punizione ancora più forte. Media locali e internazionali hanno intervistato i protestanti, raccogliendo alcune dichiarazioni terrificanti. Una studentessa universitaria ha spiegato: «Vogliamo semplicemente che il governo criminalizzi l’omosessualità come criminalizza lo stupro, come criminalizza il furto di bestiame»; un’altra donna ha orgogliosamente affermato: «Vogliamo che vengano imprigionati, anche per sempre. Il Senegal è un Paese omofobo, e ne siamo fieri». Un altro uomo gridava a pieni polmoni che era pronto a uccidere qualsiasi omosessuale avesse incontrato.

Attacco omofobo Senegal Gay.it
In Senegal la comunità LGBTQ+ è clandestina, costretta a nascondersi

Il precipitare della situazione ha spinto anche le Nazioni Unite e la Human Rights Watch ad esprimersi sulla faccenda, invitando il governo senegalese a rivalutare le sue posizioni, ma gli appelli non hanno trovato riscontro e i casi di attacchi, violenze, uccisioni e minacce sono ancora all’ordine del giorno. Un portavoce ha spiegato:

«I media e la società sono apertamente contro la comunità LGBT+ e i gruppi di vigilanti fanno regolarmente irruzione nelle case di coloro che sospettano essere gay»

Nei giorni successivi all’aggressione, sono scoppiate nuove proteste. L’odio per le persone LGBT si era anche recentemente riacceso dopo che il calciatore senegalese Idrissa Gueye si era rifiutato di giocare una partita del campionato francese quando ha saputo che avrebbe dovuto indossare un completo da gioco arcobaleno a sostegno dei diritti LGBTQ+. La decisione, come prevedibile, ha ottenuto il massimo appoggio in patria.

Attacco omofobo Senegal Gay.it
Idrissa Gueye, calciatore senegalese

Il 23 maggio la polizia di Dakar ha annunciato di aver arrestato tre uomini, che sarebbero i diretti responsabili dell’aggressione. Non sono emerse però novità, né è stato reso noto se i tre sospettati verranno puniti dovessero le indagini incriminarli. Il Senegal resta però uno dei Paesi con le leggi anti-LGBT più accanite del mondo, in un clima di vera e propria persecuzione. Come è accaduto per il turista americano, basta solo il sospetto di essere gay per essere presi di mira.

I paesi in cui essere omosessuali è un crimine >

5 libri da paesi in cui essere queer è illegale >

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Steven Miles, il pornodivo bisessuale, Proud Boy e trumpiano, condannato a 24 mesi di carcere per l'assalto a Capitol Hill - Steven Miles - Gay.it

Steven Miles, il pornodivo bisessuale, Proud Boy e trumpiano, condannato a 24 mesi di carcere per l’assalto a Capitol Hill

News - Redazione 20.2.24
I film LGBTQIA+ della settimana 19/25 febbraio tra tv generalista e streaming - film 2024 - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 19/25 febbraio tra tv generalista e streaming

Cinema - Federico Boni 19.2.24
teen-star-educazione-affettiva-sessuale

Teen Star, infiltrazioni di integralismo cattolico nella scuola italiana, i genitori ritirano i figli

News - Francesca Di Feo 19.2.24
BigMama

BigMama vola a New York, interverrà all’Assemblea generale delle Nazioni Unite: le ultime news

Musica - Luca Diana 20.2.24
aromanticismo-cosa-vuol-dire

Come l’aromanticismo può aiutarci a decostruire la nostra concezione imposta dell’amore

News - Francesca Di Feo 20.2.24
CameraModaUnarAFG photo da IG: Tamu McPherson

Milano Fashion Week e lotta alla discriminazione, siglato accordo tra Unar e Camera della Moda

Lifestyle - Mandalina Di Biase 20.2.24

Leggere fa bene

giugno 2021

Trento, violenza omofoba. Due giovani aggrediti e minacciati con un coltello

News - Redazione 3.11.23
Perugia, in otto a processo per insulti omofobi sui social: “Odiare costa!” - Perugia Pride 2019 - Gay.it

Perugia, in otto a processo per insulti omofobi sui social: “Odiare costa!”

News - Redazione 26.1.24
Russia LGBTI donna arrestata per orecchini rainbow

Russia: iniziano gli arresti alle persone LGBTI+, una donna incriminata per gli orecchini arcobaleno

News - Francesca Di Feo 2.2.24
“Voglio sfondare come Mahmood”, la commovente storia di Feisal, 16 anni, su un barchino dalla Tunisia in Europa

“Voglio sfondare come Mahmood”, la commovente storia di Feisal, 16 anni, su un barchino dalla Tunisia in Europa

Musica - Mandalina Di Biase 12.10.23
senegal corpo bruciato presunto gay

Senegal, riesumato e bruciato perché presunto gay e considerato “mezzo uomo e mezzo donna” – VIDEO

News - Giuliano Federico 31.10.23
Romania, il premier Ciolacu chiude alle unioni civili: "La nostra società non è pronta" - Marcel Ciolacu - Gay.it

Romania, il premier Ciolacu chiude alle unioni civili: “La nostra società non è pronta”

News - Redazione 24.11.23
Matteo Bassetti vs. Fedez: "Parla di salute mentale ma quanti danni psichici avrà causato baciando Rosa Chemical" - fedez matteo bassetti - Gay.it

Matteo Bassetti vs. Fedez: “Parla di salute mentale ma quanti danni psichici avrà causato baciando Rosa Chemical”

News - Federico Boni 31.10.23
sondrio-manifesti-pro-vita-risposta-lgbtqia

“Manifesti Pro Vita disumani” la risposta LGBTQIA+ a Sondrio è esemplare

News - Francesca Di Feo 12.12.23