Senegal, folla aggredisce turista sospettato di essere gay: “Non merita di vivere”

Il Senegal è uno dei Paesi in cui le leggi anti-LGBT costringono la comunità a nascondersi, governo e popolazione sono uniti contro l’omosessualità

ascolta:
0:00
-
0:00
Attacco omofobo Senegal Gay.it
3 min. di lettura

Una folla di 100 persone si è accanita su un turista – la cui provenienza non è ancora stata confermata, anche se le fonti indicano che si tratti di un americano – perché vestito con abiti considerati da omosessuale. È successo a Dakar, capitale del Senegal, lo scorso 17 maggio. L’uomo si trovava nel Paese per partecipare alla Biennale, l’evento di arte contemporanea, quando, passeggiando per la città, è stato improvvisamente aggredito.

Il video dell’aggressione è circolato velocemente in rete: all’uomo vengono strappati violentemente i vestiti mentre viene anche percosso alla testa. Il tutto mentre si sentono le voci della folla inveire contro l’omosessualità con frasi come “Non merita di vivere”, “Sporco omosessuale”, “Uccidiamolo prima che arrivi la polizia” e “L’omosessualità non sarà mai accettata in Senegal”.

La situazione nel Paese, ex colonia francese a maggioranza musulmana, per la comunità LGBTQ+ è a dir poco critica. La delicata situazione ha spinto la comunità a passare alla clandestinità, tenendo nascosta la propria identità e il proprio orientamento sessuale. L’omosessualità viene punita fino a cinque anni di reclusione e il recente inasprimento delle leggi ha dato vita a un’ondata omofoba senza precedenti. Non solo, infatti, il governo perseguita le persone queer, ma anche la maggior parte della popolazione è contro “l’agenda” LGBT, contro cui non sono mancate anche proteste e manifestazioni.

Attacco omofobo Senegal Gay.it
Le proteste contro la comunità LGBTQ+ in Senegal

Solo lo scorso dicembre, infatti, dopo l’annuncio da parte del governo di voler raddoppiare la pena per questo reato, la popolazione si è trovata a chiedere una punizione ancora più forte. Media locali e internazionali hanno intervistato i protestanti, raccogliendo alcune dichiarazioni terrificanti. Una studentessa universitaria ha spiegato: «Vogliamo semplicemente che il governo criminalizzi l’omosessualità come criminalizza lo stupro, come criminalizza il furto di bestiame»; un’altra donna ha orgogliosamente affermato: «Vogliamo che vengano imprigionati, anche per sempre. Il Senegal è un Paese omofobo, e ne siamo fieri». Un altro uomo gridava a pieni polmoni che era pronto a uccidere qualsiasi omosessuale avesse incontrato.

Attacco omofobo Senegal Gay.it
In Senegal la comunità LGBTQ+ è clandestina, costretta a nascondersi

Il precipitare della situazione ha spinto anche le Nazioni Unite e la Human Rights Watch ad esprimersi sulla faccenda, invitando il governo senegalese a rivalutare le sue posizioni, ma gli appelli non hanno trovato riscontro e i casi di attacchi, violenze, uccisioni e minacce sono ancora all’ordine del giorno. Un portavoce ha spiegato:

«I media e la società sono apertamente contro la comunità LGBT+ e i gruppi di vigilanti fanno regolarmente irruzione nelle case di coloro che sospettano essere gay»

Nei giorni successivi all’aggressione, sono scoppiate nuove proteste. L’odio per le persone LGBT si era anche recentemente riacceso dopo che il calciatore senegalese Idrissa Gueye si era rifiutato di giocare una partita del campionato francese quando ha saputo che avrebbe dovuto indossare un completo da gioco arcobaleno a sostegno dei diritti LGBTQ+. La decisione, come prevedibile, ha ottenuto il massimo appoggio in patria.

Attacco omofobo Senegal Gay.it
Idrissa Gueye, calciatore senegalese

Il 23 maggio la polizia di Dakar ha annunciato di aver arrestato tre uomini, che sarebbero i diretti responsabili dell’aggressione. Non sono emerse però novità, né è stato reso noto se i tre sospettati verranno puniti dovessero le indagini incriminarli. Il Senegal resta però uno dei Paesi con le leggi anti-LGBT più accanite del mondo, in un clima di vera e propria persecuzione. Come è accaduto per il turista americano, basta solo il sospetto di essere gay per essere presi di mira.

I paesi in cui essere omosessuali è un crimine >

5 libri da paesi in cui essere queer è illegale >

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Pestaggio Roma Coppia Gay - La difesa dei 4 presunti aggressori smentisce l'omofobia "Non sapevamo fossero gay"

Pestaggio coppia gay a Roma, gli aggressori “Non abbiamo usato insulti omofobi”

News - Redazione 22.7.24
Roma Pestaggio Coppia Gay Siti In

“Guarda sti fr*c*” non è omofobia? Sit-in mercoledì 24 e polemiche sul pestaggio alla coppia gay di Roma, dopo che gli indagati respingono l’accusa

News - Redazione 22.7.24
Kamala Harris presidente, l'endorsement di Human Rights Campaign: "Campionessa per l'uguaglianza LGBT" - Kamala Harris - Gay.it

Kamala Harris presidente, l’endorsement di Human Rights Campaign: “Campionessa per l’uguaglianza LGBT”

News - Federico Boni 22.7.24
Carmine d'Anelli, insulti omotransfobici e sessisti dal sindaco di Rodi Garganico: "Mezza femmina" - Carmine dAnelli insulti omotransfobici e sessisti 11 - Gay.it

Carmine d’Anelli, insulti omotransfobici e sessisti dal sindaco di Rodi Garganico: “Mezza femmina”

News - Redazione 22.7.24
spiagge gay italiane spiagge queer lgbtqia

Speciale Spiagge 2024: 100 spiagge gay in Italia da non perdere

Viaggi - Redazione 1.7.24
Eurovision 2025 in Svizzera, è corsa a due tra Ginevra e Basilea per ospitare l’evento musicale - Nemo Eurovision - Gay.it

Eurovision 2025 in Svizzera, è corsa a due tra Ginevra e Basilea per ospitare l’evento musicale

Culture - Redazione 22.7.24

Leggere fa bene

Milano, insulti omofobi e pugni al Muro della Gentilezza da parte di neonazisti: "Gay di merd*" (VIDEO) - Milano insulti omofobi e pugni al Muro della Gentilezza - Gay.it

Milano, insulti omofobi e pugni al Muro della Gentilezza da parte di neonazisti: “Gay di merd*” (VIDEO)

News - Redazione 3.7.24
Antoine Dupont, il capitano francese di rugby "pronto ad interrompere una partita” per insulti omofobi - Antoine Dupont - Gay.it

Antoine Dupont, il capitano francese di rugby “pronto ad interrompere una partita” per insulti omofobi

Corpi - Redazione 20.6.24
Arcobaleno Busca B&B discriminazione omofobia

“Non accettiamo omosessuali”: Cuneo, coppia gay rifiutata in un B&B, abbiamo telefonato, ecco cosa ci hanno detto

News - Giuliano Federico 10.7.24
"Il primo che si muove è gay", polemiche sul siparietto tra Ibrahimovic e lo youtuber IShowSpeed (VIDEO) - Ibrahimovic e lo youtuber IShowSpeed VIDEO - Gay.it

“Il primo che si muove è gay”, polemiche sul siparietto tra Ibrahimovic e lo youtuber IShowSpeed (VIDEO)

Corpi - Redazione 11.7.24
georgia-legge-anti-lgbt

La Georgia si allontana dall’UE con una nuova legge anti LGBTI+ che piace a Putin

News - Francesca Di Feo 8.7.24
teramo-estorsione-uomini-gay-grindr

Reggio Calabria, uomo gay adescato tramite app picchiato, insultato e derubato da tre ragazzi

News - Redazione 28.5.24
sassuolo-violenza-polizia-coppia-gay-scalfarotto

Violenza e profilazione razziale su coppia gay, la procura archivia, ma arriva l’interrogazione parlamentare

News - Francesca Di Feo 1.3.24
georgia-legge-anti-lgbt

Legge anti-LGBTI, così La Georgia potrebbe sabotare il proprio ingresso nell’Unione Europea

News - Francesca Di Feo 2.5.24