19 anni senza Sylvia Rivera, il ricordo di una vera eroina LGBT

Sylvia Rivera è stata un'importantissima icona LGBT per la comunità, a cominciare dall'epocale rivolta allo Stonewall Inn di New York. Ci lasciava 19 anni fa.

sylvia rivera
3 min. di lettura

Sylvia Rivera moriva il 19 febbraio 2002, per un tumore al fegato. Aveva 50 anni. A 19 anni di distanza, il suo nome ci rimanda immediatamente ai Moti di Stonewall. O dovrebbe farlo.

Sylvia Rivera è stata l’icona LGBT per eccellenza, insieme a tanti altri personaggi che hanno lottato metaforicamente e fisicamente per l’affermazione dei diritti della comunità LGBT. E se oggi possiamo semplicemente andare a un evento LGBT senza essere arrestati, è anche per merito suo.

In occasione dell’anniversario della sua morte, ricordiamo 4 fatti di questa eroina LGBT, che ha passato la sua vita a combattere per tutti noi.

4 punti su Sylvia Rivera da scoprire a 19 anni dalla sua morte

19 anni senza Sylvia Rivera, il ricordo di una vera eroina LGBT - rivera - Gay.it

Conosciamo tutti la storia di Sylvia Rivera. Sappiamo che era presente allo Stonewall Inn il 28 giugno 1962, quando la comunità LGBT si ribellò all’ennesima retata della Polizia. Sappiamo che era presente a tutte le proteste per richiedere pari diritti. Ma cerchiamo di conoscere questo personaggio.

Non voleva essere donna, ma essere semplicemente sé stessa

Sylvia Rivera aveva iniziato la terapia ormonale, ma dopo alcuni mesi decise di interromperla, poiché non voleva essere una donna a tutti gli effetti. Lei stessa aveva affermato “Arrivai alla conclusione che non volevo essere una donna. Volevo soltanto essere me. Volevo essere Sylvia Rivera. […] Non voglio essere una donna. Perché? Non potrei metterlo nel c*lo a nessuno. Due buchi? No, no, no. Non li avranno“.  (dal libro Stonewall di Martin Duberman, 1994)

Nonostante i traumi da bambina e da adulta, non si è mai arresa

La sua vita non è stata semplice. A 3 anni, la madre tentò il suicidio, portando con sé anche la piccola. Dopo aver bevuto il latte con il veleno per topi, cercò di farlo bere anche a Sylvia. Lei si oppose per via del gusto, e solo scappando di casa e avvertendo i vicini, riuscì a salvarsi. La madre invece morì. Affidata all nonna, Sylvia Rivera passò poi a un’amica della parente, che la picchiava e a 10 anni cercò di violentarla. Nello stesso periodo, ebbe un rapporto anche con un cugino, mentre un uomo vicino di casa la molestava continuamente. (all’epoca era ancora un ragazzo fisicamente, e iniziarono a pensare che fosse gay, rifiutandolo).

A 11 anni scappò di casa, trovando riparo nella 42esima strada di New York. Un noto luogo di ritrovo per persone gay. Solo in questi anni, la donna decise di cambiare il suo nome in Sylvia Rivera. Per sopravvivere, iniziò a prostituirsi e a drogarsi. Nel corso degli anni venne stuprata, picchiata e umiliata innumerevoli volte tanto da chi odiava la comunità quanto dalla Polizia, ma non ha mai ceduto. Ha sempre continuato a lottare, senza mai mostrare un momento di debolezza.

La sua relazione con Julia Murray

Trovato rifugio alla Transie House, a Brooklyn, conobbe Julia Murray, una donna transgender. Le proteste, le manifestazioni, il sostegno reciproco fece scattare un forte legame tra le due, che iniziarono a frequentarsi, nel 1999. La vicinanza di Julia aiutò Sylvia a disintossicarsi, sostenendosi a vicenda.

La prostituzione per realizzare la STAR House

Sylvia Rivera non si prostituì solo per sopravvivere. Ma anche per realizzare un rifugio per tutte le donne transgender senzatetto. E’ in questi anni che conobbe Marsha P. Johnson, e solo grazie ai soldi guadagnati attraverso la prostituzione riuscirono a rendere abitabile una roulotte, dove iniziarono da subito a ospitare alcune senzatetto. La STAR House si trasferì poi in un edificio abbandonato, appartenente però a un boss mafioso, che chiamò la Polizia dopo 3 mesi di affitto non pagato.

Per sostenere le spese, erano molte le donne transgender che si prostituivano assieme a Rivera e Johnson, una condizione che dovettero subire per tutta la vita, in decenni in cui essere LGBT significa essere dei malati.

Fonte: Every Feminism

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
Renzo Loi 19.2.20 - 12:54

questa persona è un vero attivista . tanto di capello.. ce ne fossero come lui.riposa in pace.

Trending

Papa Francesco Dignitas Infinita - Chiesa Cattolica - Vaticano

Papa Francesco e l’attacco ai seminaristi gay, le reazioni della comunità LGBTQIA+ italiana

News - Redazione 28.5.24
10 attori e attrici trans ad hollywood

10 star della comunità trans* che stanno rivoluzionando Hollywood

Cinema - Gio Arcuri 23.5.24
Culattone, checca, finocchio e gli altri: origine e storia degli insulti contro i gay - cover insulti - Gay.it

Culattone, checca, finocchio e gli altri: origine e storia degli insulti contro i gay

News - Redazione 28.5.24
Simona Fatima Cira Aiello

Chi è Simona Aiello donna trans candidata con Giorgia Meloni e Fratelli d’Italia alle comunali

News - Mandalina Di Biase 28.5.24
pride di modena, terni e alessandria

Come sono andati i Pride di Alessandria, Terni e Modena il 25 maggio – GALLERY

News - Gio Arcuri 28.5.24
L’Indonesia vuole vietare i media LGBTQIA+ e il giornalismo investigativo - indonesia gay protest - Gay.it

L’Indonesia vuole vietare i media LGBTQIA+ e il giornalismo investigativo

News - Redazione 29.5.24

Hai già letto
queste storie?

Nemo

Nemo, chi è l’artista non binario che rappresenta la Svizzera all’Eurovision 2024?

Culture - Luca Diana 9.5.24
Lance Bass degli NSYNC e il coming out: “Cambiò la mia carriera, nel bene e nel male” - Lance Bass foto cover - Gay.it

Lance Bass degli NSYNC e il coming out: “Cambiò la mia carriera, nel bene e nel male”

Culture - Redazione 7.3.24
Sanremo 2024, -1. Stasera il red carpet dei 30 BIG in diretta su Rai1 con il PrimaFestival di Paola & Chiara - Sanremo 2024 - Gay.it

Sanremo 2024, -1. Stasera il red carpet dei 30 BIG in diretta su Rai1 con il PrimaFestival di Paola & Chiara

Culture - Redazione 5.2.24
Karan Brar, l'ex stellina Disney tra salute mentale e coming out: "Sono bisessuale, vi racconto come mi sono trovato" - Karan Brar 2 - Gay.it

Karan Brar, l’ex stellina Disney tra salute mentale e coming out: “Sono bisessuale, vi racconto come mi sono trovato”

Culture - Redazione 1.12.23
Costantino della Gherardesca: "Non posso permettermi l'amore. Italia molto indietro nei diritti" - Costantino della Gherardesca - Gay.it

Costantino della Gherardesca: “Non posso permettermi l’amore. Italia molto indietro nei diritti”

Culture - Redazione 8.4.24
Guglielmo Scilla, intervista: "Mi sconsigliarono di fare coming out. Potessi tornare indietro lo farei prima" - Guglielmo Scilla foto - Gay.it

Guglielmo Scilla, intervista: “Mi sconsigliarono di fare coming out. Potessi tornare indietro lo farei prima”

Culture - Federico Boni 18.4.24
Celeste e Giulio nuova coppia di campioni di 100% Italia - Celeste e Giulio nuova coppia di campioni di 100 Italia foto - Gay.it

Celeste e Giulio nuova coppia di campioni di 100% Italia

Culture - Redazione 5.3.24
Michela Murgia, il queer, la famiglia, le relazioni, le madri, la GPA. Abbiamo letto "Dare la vita" - Sessp 21 - Gay.it

Michela Murgia, il queer, la famiglia, le relazioni, le madri, la GPA. Abbiamo letto “Dare la vita”

Culture - Federico Colombo 16.1.24