Un anno fa il Senato affondava il DDL Zan tra gli indegni applausi del centrodestra

Il 27 ottobre del 2021 il DDL Zan cadeva sulla famigerata ‘tagliola’ voluta da Lega e Forza Italia. Un anno dopo chi applaudiva gaudente si ritrova al governo.

ascolta:
0:00
-
0:00
Un anno fa il Senato affondava il DDL Zan tra gli indegni applausi del centrodestra - senato applauso ddl zan - Gay.it
3 min. di lettura

288 senatori presenti, 287 senatori votanti. 154 favorevoli, 131 contrari, 2 astenuti.

Esattamente un anno fa, era il 27 ottobre del 2021, il Senato uccideva il DDL Zan, legge contro l’omotransfobia, la misoginia e l’abilismo, votando a scrutinio segreto la famigerata ‘tagliola’ voluta da Lega e Forza Italia.

Pur essendoci i numeri per superare lo scoglio della tagliola, al cospetto del voto segreto, concesso tra le polemiche dalla presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati, la legge contro l’omotransfobia venne pavidamente impallinata. A due anni dalla sua presentazione, ad un anno dalla sua approvazione a Montecitorio, dopo 12 mesi di sfiancanti polemiche e fake news, il DDL Zan cadde a pochi passi dal traguardo. Inevitabili i sospetti sui senatori di Italia Viva, che da settimane chiedevano a gran voce modifiche a quel DDL da loro già votato alla Camera dei Deputati.

Eppure il Gruppo Misto e la stessa Italia Viva, con il senatore Matteo Renzi assente perché volato in Arabia Saudita, avevano annunciato il voto contrario alla tagliola, così come Pd, LEU e Movimento 5 Stelle. Forza Italia, per bocca di Anna Maria Bernini e Licia Ronzulli, aveva invece convintamente votato a favore insieme a Lega e Fratelli d’Italia, portando Elio Vito alle dimissioni da responsabile del Dipartimento Difesa e sicurezza. Alla fine della conta furono 23 i franchi tiratori. Amaro il commento social di Alessandro Zan: “Chi per mesi, dopo l’approvazione alla Camera, ha seguito le sirene sovraniste che volevano affossare il ddl Zan è il responsabile del voto di oggi al Senato. È stato tradito un patto politico che voleva far fare al Paese un passo di civiltà. Le responsabilità sono chiare“.

Dai banchi di centrodestra si levò un indegno applauso, una standing ovation che fece il giro del mondo. Senatori della repubblica sorridenti, felici e plaudenti per aver affossato una legge di civiltà, presente in tutte le democrazie occidentali del mondo, Italia esclusa. Un anno dopo quegli applausi fanno ancora più male, perché quel governo è caduto, la legislatura è finita e le elezioni ci hanno donato una nuova maggioranza, la più a destra della storia repubblicana, la più ostentatamente omotransfobica, con una premier, un vicepremier, un presidente della camera e una ministra per le pari opportunità dichiaratamente contrari alle famiglie arcobaleno e a qualsivoglia diritto LGBTQI+.

Nel frattempo le aggressioni omotransfobiche proseguono, a cadenza quotidiana, il clima sociale è peggiorato, l’odio nei confronti dei cosiddetti ‘diversi’ si fa sempre più acceso e quasi rivendicato, a causa di una classe dirigente che non sente neanche più la necessità di indossare maschere, di fingere, con l’incubo di una regressione sul piano dei diritti tutt’altro che campata in aria.

Un anno fa il DDL Zan cadde al Senato perché chi l’aveva votato alla Camera pochi mesi prima decise improvvisamente che non andasse più bene, che fosse necessario modificarlo, cancellando quell’identità di genere che avrebbe discriminato la comunità trans, lasciata ai margini come precedentemente accaduto con i bimbi delle famiglie acobaleno, con quella stepchild adoption stralciata ad un niente dal traguardo ai tempi delle unioni civili.

Scottati da quell’abdicazione, comunità e movimento si sono compattati chiedendo una buona legge. Non una legge qualsiasi. L’aberrante dibattito ascoltato in aula, prima a Montecitorio e successivamente a Palazzo Madama, aiutò i traditori a giustificare un voltafaccia che nessuno mai dimenticherà. Perché probabilmente dovranno passare altri 5 anni, prima che in Italia si possa tornare a parlare di legge contro l’omotransfobia, la misoginia e l’abilismo.

5 anni in trincea con il sordo rumore di quell’infame applauso a risuonare nelle orecchie di chi quotidianamente subisce discriminazioni e violenze solo e soltanto perché LGBTQI+, donna, disabile. Chi dimentica è complice.

 

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Omar Rudberg, la "salatissima" vacanza social della star di Young Royals - Omar Rudberg 0 - Gay.it

Omar Rudberg, la “salatissima” vacanza social della star di Young Royals

Culture - Redazione 17.7.24
Discorso di Re Carlo terapie di conversione farmaci bloccanti

Gran Bretagna, Re Carlo “Divieto assoluto alle terapie di conversione incluse le persone trans”: il discorso scritto dai Laburisti vincitori alle elezioni

Corpi - Redazione Milano 17.7.24
Kit Connor di Heartstopper sarà Hulkling, supereroe gay, nel Marvel Cinematic Universe? - Kit Connor di Heartstopper sara Hulkling supereroe gay nel Marvel Cinematic Universe - Gay.it

Kit Connor di Heartstopper sarà Hulkling, supereroe gay, nel Marvel Cinematic Universe?

Culture - Redazione 17.7.24
Vladimir Luxuria Isola dei Famosi 2024

Palinsesti Mediaset 2024/2025. Vladimir Luxuria non condurrà più l’Isola dei Famosi. Verissimo incontra Amici

Culture - Redazione 17.7.24
spiagge gay italiane spiagge queer lgbtqia

Speciale Spiagge 2024: 100 spiagge gay in Italia da non perdere

Viaggi - Redazione 1.7.24
Rocco Barocco attacca il Pride

Rocco Barocco, lo stilista apertamente gay attacca il Pride

News - Mandalina Di Biase 17.7.24

Continua a leggere

Roberto Vannacci

500.000 voti spediscono Roberto Vannacci in Europa, il generale eletto con la Lega

News - Redazione 10.6.24
Europee 2024, il Pd e Tarquinio. Lui insiste: "Il DDL Zan non mi piace, sulle unioni civili dico "a ciascuno si dia il suo"" - Marco Tarquinio - Gay.it

Europee 2024, il Pd e Tarquinio. Lui insiste: “Il DDL Zan non mi piace, sulle unioni civili dico “a ciascuno si dia il suo””

News - Federico Boni 5.4.24
Carolina Varchi (FDI) attacca i Pride e getta la maschera sulla GPA: "È ideologia LGBT, mai legge le loro rivendicazioni" - Carolina Varchi - Gay.it

Carolina Varchi (FDI) attacca i Pride e getta la maschera sulla GPA: “È ideologia LGBT, mai legge le loro rivendicazioni”

News - Federico Boni 24.6.24
Venerdì 5 aprile ore 12 a Roma flashmob contro il DDL Varchi "GPA reato universale" del governo Meloni - famiglie arcobaleno parlamento - Gay.it

Venerdì 5 aprile ore 12 a Roma flashmob contro il DDL Varchi “GPA reato universale” del governo Meloni

News - Redazione 4.4.24
Roma, intesa sulla delibera che punisce le discriminazioni verso le persone LGBT+ con 500 euro di multa - Roma intesa sulla delibera che punisce le discriminazioni verso le persone LGBT con 500 euro di multa - Gay.it

Roma, intesa sulla delibera che punisce le discriminazioni verso le persone LGBT+ con 500 euro di multa

News - Redazione 20.6.24
Careggi Transgender Triptorelina affermazione di genere Gasparri

Triptorelina, la malafede ideologica del governo italiano che fa propaganda sulla vita delle persone: anticipati i risultati dell’ispezione al Careggi di Firenze, ma qualcosa non quadra

Corpi - Francesca Di Feo 8.4.24
molise-pride-francesco-roberti

Molise, il presidente regionale Francesco Roberti attacca il Pride: “Vanno lì vestiti come pagliacci”. La risposta di Arcigay.

News - Francesca Di Feo 24.6.24
tweet transfobico casa editrice libertà di parola rowling

J.K. Rowling attacca la nuova legge scozzese contro l’omobitransfobia: “Arrestatemi”. E il premier inglese è con lei

News - Federico Boni 2.4.24