Cassils sfida gli stereotipi e mostra la comunità trans*: “Perché il mio corpo è il problema?”

Artisita di origini canadesi, Cassils è un uomo transgender che con la sua arte vuole far “vedere” realmente il corpo della comunità.

ascolta:
0:00
-
0:00
Cassils Gay.it
Un esempio della performance art di Cassils, in cui l'artista si dà letteralmente fuoco
4 min. di lettura

Cassils Gay.it

Una delle prerogative della body art, o performance art, – una delle avanguardie storiche della storia dell’arte nata nella seconda metà del Novecento – è sempre stata quella di coinvolgere direttamente gli spettatori, suscitando in loro emozioni anche estreme e costringerli a riflettere attivamente su ciò che la performance include. E se è vero, come è vero, che molto spesso l’arte è un riflesso dell’umanità, allora quella di Cassils è esemplare di come tutti quei limiti all’identità e all’espressione del proprio genere che la società impone in realtà non esistano.

Di origine canadese, l’artista, che si identifica come uomo trans*, ha scoperto l’arte contemporanea solo in età adulta. Provenendo da un’educazione ortodossa, l’idea che aveva dell’arte era una molto classica, per cui essere un artista significava essere un pittore. Le cose sono cambiate quando è entrato alla NSCAD (Nova Scotia College of Art and Design). Lì, l’influenza degli artisti più concettuali e underground degli anni Settanta l’ha colpito come un fulmine a ciel sereno, dando il via a quella che sarebbe stata la carriera di uno degli artisti performativi più controversi delle nuove generazioni.

Cassils Gay.it
Un esempio della performance art di Cassils, in cui l’artista si dà letteralmente fuoco

L’arte di Cassils si basa sullo scardinare tutti gli stereotipi che circondano la comunità LGBTQ+, e in particolare quella transgender.

«Perché per identificarmi come maschio, devo per forza rimuovere chirurgicamente il mio seno? Perché devo accettare un approccio binaristico che si basa sul patriarcato e l’oppressione? Perché il mio corpo è il problema?»

“Cuts: A Traditional Sculpture” è probabilmente la performance più indicativa della sua idea sulla questione. L’obiettivo era sfidare la convinzione per cui le persone trans* non possono essere considerate a pieno tali a meno che non si siano sottoposte a interventi chirurgici di riassegnazione del sesso. Come sappiamo, ci sono tanti modi per esprimere la propria transessualità, e non tutti includono cambiare chirurgicamente il proprio aspetto fisico.

Così, per sei mesi Cassils si è allenatə in palestra, per cinque giorni a settimana, fino ad ottenere una corporatura molto simile a quella di una statua greca. 23 settimane di allenamenti raccontate in altrettante fotografie che testimoniavano il suo cambiamento fisico. Alla fine, una in cui mostra tutta la sua muscolatura e sfoggia un rossetto rosso fuoco.

Cassils Gay.it
Cuts: A Traditional Sculpture

L’ultima sua performance risale allo scorso anno: una toccante ed emotiva coreografia realizzata in protesta alle numerose leggi anti-trans che stanno spuntando in ogni parte degli Stati Uniti. Un vero e proprio assalto che però, Cassils sostiene, non è ancora preso con la giusta serietà. Non quando molti si vantano della crescente rappresentazione trans* nei media: «Cosa significa creare una rappresentazione in questo momento in cui abbiamo una società che sta attivamente cercando di distruggerci e cancellarci?»

Cassils Gay.it
Human Measure

La sua arte sa però essere anche molto politica e – giustamente – polemica. Il suo pezzo più controverso e dibattuto, intitolato “Pissed”, risale al 2017. Quando l’amministrazione Trump rovesciò la legge che consentiva alle persone trans* di utilizzare i bagni del proprio genere, Cassils collezionò per 200 giorni la propria urina. Il risultato, un centinaio di bottiglie, fu esposto in una mostra: mostrava esplicitamente il disagio e l’ingombro fisici di una persona quando il diritto di accedere a un bagno veniva limitato.

Cassils Gay.it
Pissed

Cassils usa tutti gli elementi a sua disposizione: il fuoco, l’argilla, i pesi, il proprio corpo e i suoi gesti sono i mezzi con cui parla dell’esperienza di essere transgender e risponde agli attacchi di una società che, nonostante i passi avanti, ancora non è in grado di comprendere del tutto. Ma per capire, bisogna prima essere consapevoli di cosa si ha davanti. Per questo le sue performance, così estreme, insegnano prima di tutto a guardare. Vedere davvero la persona che si ha davanti, vedere il corpo transgender per ciò che veramente è, e non uno stereotipo ideologizzato dietro cui molte opinioni si nascondono.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

La Rappresentante di Lista, "Paradiso" è il nuovo singolo

La Rappresentante di Lista ci porta in “Paradiso” con il nuovo singolo. Ascolta l’anteprima

Musica - Emanuele Corbo 16.4.24
Estranei di Andrew Haigh arriva su Disney+ - 003 001 S 02013 - Gay.it

Estranei di Andrew Haigh arriva su Disney+

Culture - Redazione 18.4.24
Challengers Guadagnino Josh O Connor Mike Faist Zendaya

Challengers, lo sceneggiatore Justin Kuritzkes: “Il tennis è davvero omoerotico”

Cinema - Mandalina Di Biase 15.4.24
Guglielmo Scilla, intervista: "Mi sconsigliarono di fare coming out. Potessi tornare indietro lo farei prima" - Guglielmo Scilla foto - Gay.it

Guglielmo Scilla, intervista: “Mi sconsigliarono di fare coming out. Potessi tornare indietro lo farei prima”

Culture - Federico Boni 18.4.24
Charli XCX e Troye Sivan partono in tour insieme

Charli XCX e Troye Sivan annunciano un tour insieme: “È l’evento gay della stagione”

Musica - Emanuele Corbo 18.4.24
Jakub Jankto coming out

Jakub Jankto: “Agli altri calciatori gay dico di fare coming out. Non abbiate paura, non succede nulla”

Corpi - Redazione 17.4.24

Hai già letto
queste storie?

Jennifer Garner e Ben Affleck, il coming out del figliə come persona non binaria: "Mi chiamo Fin" - fin affleck ben affleck e jennifer garner - Gay.it

Jennifer Garner e Ben Affleck, il coming out del figliə come persona non binaria: “Mi chiamo Fin”

Culture - Redazione 11.4.24
Elliot Page denuncia la “devastante” eliminazione dei diritti LGBTQIA+ in tutto il mondo durante i Juno Awards (VIDEO) - Elliot Page 1 - Gay.it

Elliot Page denuncia la “devastante” eliminazione dei diritti LGBTQIA+ in tutto il mondo durante i Juno Awards (VIDEO)

News - Redazione 25.3.24
tdor-2023-torino

TDOR Torino 2023: “Marciamo per noi stessə, per chi non può farlo e per chi non c’è più”

News - Francesca Di Feo 13.11.23
Dolly Parton in difesa della comunità trans: "Siamo tuttə figli di Dio e il modo in cui siamo è ciò che siamo" - Dolly Parton - Gay.it

Dolly Parton in difesa della comunità trans: “Siamo tuttə figli di Dio e il modo in cui siamo è ciò che siamo”

Musica - Redazione 6.11.23
Jonathan Bailey a difesa delle persone trans* (Foto: ES Magazine)

Jonathan Bailey a difesa dellə adolescenti trans*: “Oggi più urgente che mai”

Cinema - Redazione Milano 18.12.23
alfortville arrestato 14enne bullo che insultava 15enne transgender

I suicidi delle persone transgender sono omicidi di Stato

News - Redazione Milano 7.11.23
Elliot Page: "Hollywood è tossica. La comunità LGBTQIA+ non è una nicchia" - close to you 01 - Gay.it

Elliot Page: “Hollywood è tossica. La comunità LGBTQIA+ non è una nicchia”

Cinema - Redazione 19.3.24
Jacob Elordi Frankestein Giullermo Del Toro

Jacob Elordi sarà Frankenstein nel 2024, cosa sappiamo del cult queer diretto da Guillermo Del Toro.

Cinema - Redazione Milano 8.1.24