Eugenia Roccella: “La sinistra privilegia le richieste LGBT tradendo i diritti delle donne. Che errore il DDL Zan”

"Il DDL Zan introduce il genere percepito", ha ribadito a Libero la neo ministra per le pari opportunità. Ma non è vero.

ascolta:
0:00
-
0:00
Eugenia Roccella: “La sinistra privilegia le richieste LGBT tradendo i diritti delle donne. Che errore il DDL Zan" - Eugenia Roccella 1 - Gay.it
2 min. di lettura

Eugenia Roccella, la scorsa settimana eletta Ministra per le pari opportunità, la natalità e la famiglia, si è concessa una lunga intervista a Fausto Carioti del quotidiano Libero in cui è tornata a parlare di diritti LGBTQ+, aborto, femminismo e DDL Zan.

Roccella, che vuole essere chiamata “ministra” (“termine che troviamo anche in Dante“), ha difeso la volontà espressa da Giorgia Meloni nel farsi chiamare “il presidente”, attaccando da subito e del tutto gratuitamente la comunità trans: “La critica è partita da chi difende la possibilità di farsi chiamare al maschile mantenendo un corpo di donna e viceversa: sono le meravigliose contraddizioni della sinistra”.

La neo ministra per le pari opportunità ha poi rivendicato la propria dichiarata vicinanza a J.K. Rowling, da due anni accusata di essere TERF, dichiaratamente e orgogliosamente transfobica: “Non c’è dubbio, sto con Rowling. E l’attacco durissimo che una donna famosa come lei ha subito fa capire la potenzia di fuoco di chi, a livello internazionale, sostiene la fluidità di genere. Le donne, in tutto il mondo, sono oppresse perché hanno un corpo sessuato, in grado di dare la vita, un corpo “pericoloso”, che va mantenuto sotto controllo“. Curioso che simili parole siano state pronunciate da una pro-life anti-abortista, che il controllo del corpo femminile vorrebbe indirizzarlo, negando a costoro la possibilità di scelta.

Un femminismo “trasversale”, quello rivendicato da Roccella, che la sinistra a suo dire avrebbe provato a far suo: “Ha ritenuto di averne il monopolio, soprattutto dopo battaglie come quella sull’aborto, e non vuole perderlo. Anche se in realtà l’ha già perso, perché oggi privilegia le richieste delle associazioni LGBT anche quando sono in netto contrasto con l’interesse delle donne“. Ed è qui che la neo ministra per le pari opportunità è tornata ad attaccare il DDL Zan, legge contro l’omotransfobia, la misoginia e l’abilismo un anno fa affossata al Senato, mentendo sui suoi reali contenuti.

“Il DDL Zan introduce il “genere percepito”, come se essere donna fosse una opzione a disposizione di chiunque, a prescindere dal corpo sessuato. Questa impostazione è molto ideologica e non c’entra affatto con la questione della transizione sessuale, con i problemi veri e gravi di chi si sente a disagio nel corpo in cui è nato. Ma mi riferisco pure all’ambiguità della sinistra sul mercato del corpo, la compravendita degli ovociti e l’utero in affitto, sui cui pochissimi, come Stefano Fassina, hanno preso una posizione contrari”.

Immediata la replica di Zan: “Roccella continua a diffondere fake news: non esiste scontro tra diritti delle persone e non esiste alcun self-id nel Ddl Zan che abbiamo già ripresentato. Si occupi, come impone la sua delega, di contrasto a ogni discriminazione. Tanta voglia di protagonismo e poca di lavorare”.

Una posizione da subito fortemente ‘divisiva’, quella scelta da Roccella, volutamente pensata per mettere la comunità queer italiana da una parte e le donne dall’altra, come se non ci fosse posto per tuttə all’interno di un ministero che dovrebbe occuparsi anche di “pari opportunità”. Non a caso solo pochi giorni fa la neo ministra aveva annunciato che il suo dicastero senza portafoglio sarebbe “tornato ad occuparsi delle donne”. E le persone LGBTQI+? Non pervenute, scomparse. Anzi no, frontalmente attaccate.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
gianbax24gmailcom 2.11.22 - 6:53

Io direi che Orrore un ministro come questa emblema della destra omofoba e razzista

Trending

Challengers, recensione. Il travolgente ed eccitante triangolo omoerotico di Luca Guadagnino - TIRE TOWN STILLS PULL 230607 002 RC - Gay.it

Challengers, recensione. Il travolgente ed eccitante triangolo omoerotico di Luca Guadagnino

Cinema - Federico Boni 12.4.24
Leo Gullotta e l'amore per Fabio Grossi a Domenica In: "Stiamo insieme da 43 anni, anni rispettosi, affettuosi, amorosi" - Leo Gullotta - Gay.it

Leo Gullotta e l’amore per Fabio Grossi a Domenica In: “Stiamo insieme da 43 anni, anni rispettosi, affettuosi, amorosi”

News - Redazione 15.4.24
free willy, locali gay amsterdam

“Free Willy”, il nuovo locale queer ad Amsterdam dedicato agli amanti del nudismo

News - Redazione 19.4.24
Amadeus, Sanremo Giovani 2023

Sanremo verso Mediaset, Amadeus in onda sul NOVE già a fine agosto con tre programmi

Culture - Mandalina Di Biase 18.4.24
Angelina Mango Marco Mengoni

Angelina Mango ha in serbo una nuova canzone con Marco Mengoni e annuncia l’album “poké melodrama” (Anteprima Gay.it)

Musica - Emanuele Corbo 18.4.24
Federico Fashion Style vittima di omofobia in treno. Calci e pugni al grido "fr*cio di merd*" - Federico Fashion Style - Gay.it

Federico Fashion Style vittima di omofobia in treno. Calci e pugni al grido “fr*cio di merd*”

News - Redazione 19.4.24

Continua a leggere

Barbera, presidente Corte Costituzionale, al Parlamento: "Serve una legge sui figli delle famiglie arcobaleno" - Augusto Barbera - Gay.it

Barbera, presidente Corte Costituzionale, al Parlamento: “Serve una legge sui figli delle famiglie arcobaleno”

News - Redazione 18.3.24
Sardegna Partito Gay

Il Partito Gay Lgbt+ appoggia Alessandra Todde alle regionali in Sardegna

News - Lorenzo Ottanelli 23.1.24
vladimir putin russia

Russia, il movimento LGBTQIA+ ufficialmente equiparato alle organizzazioni terroristiche

News - Redazione 22.3.24
Erika Hilton è la seconda deputata trans del Brasile.

“Avete il potenziale per cambiare”, così parla Erika Hilton, deputata trans* del Brasile

News - Redazione Milano 5.12.23
monza-mozione-famiglie-arcobaleno-pd

Monza, la giunta PD spiega perché ha bocciato la mozione a favore delle famiglie arcobaleno

News - Francesca Di Feo 5.1.24
discorso-d-odio-politici-europei

Discorso d’odio anti-LGBTQIA+ in crescita nelle aule istituzionali europee: “I diritti umani sono in discussione”

News - Francesca Di Feo 1.3.24
Europee 2024, il Pd e Tarquinio. Lui insiste: "Il DDL Zan non mi piace, sulle unioni civili dico "a ciascuno si dia il suo"" - Marco Tarquinio - Gay.it

Europee 2024, il Pd e Tarquinio. Lui insiste: “Il DDL Zan non mi piace, sulle unioni civili dico “a ciascuno si dia il suo””

News - Federico Boni 5.4.24
Monza, consiglio comunale - La protesta durante la bocciatura della mozione "Caro Sindaco, trascrivi"

“A Monza il sindaco del PD ha abbandonato le famiglie omogenitoriali, serve un coraggio radicale”

News - Giuliano Federico 15.12.23