Venezia: “Pride influenzati da multinazionali, come target da vendere”, la rivolta intersezionale e radicale del Laguna Pride – intervista

Intrecciando e stringendo rapporti con le varie realtà della provincia e tutte quelle persone che il territorio lo vivono quotidianamente, il Laguna Pride va ben oltre i luoghi comuni.

ascolta:
0:00
-
0:00
Laguna Pride
Laguna Pride
2 min. di lettura

Siamo in pieno Pride Month, e l’Italia non si ferma fino a Settembre.

Più di 50 parate LGBTQIA+ –di cui qui potete trovare ogni tappa con info – tra grandi città (qui trovate tutto sul Roma Pride) a comunità locali, tutte accomunate dallo stesso obiettivo: lottare per i propri diritti e riprendere i nostri spazi queer, facendo da reminder per il resto dell’anno (anche senza sponsor).

Una rivolta che crea punti d’incontro anche con quelle località esterne alle metropoli ma che hanno sempre più urgenza di prendere parola, senza lasciare più nessunə ai margini.

Abbiamo realizzato interviste al Piacenza Pride 2023, Novara Pride 2023, Pavia Pride 2023, Lecco Pride 2023, Cuneo Pride 2023, Roma Pride 2023, Pordenone Pride 2023, Foggia Pride 2023,  Liguria Pride 2023, e Marche Pride 2023.

Questo sabato 24 Giugno sarà il turno anche di Venezia con il Laguna Pride.

Non solo un’altra manifestazione tra le tante, ma il primo primo Pride sul territorio veneziano dopo quello regionale del 2014 e il Pride nazionale de 1996.

Quest’anno anche Venezia sente la necessità di tornare in piazza, dando voce a una realtà sfaccettata che da Mestre alla Riviera del Brenta, torna a prendere sempre più piede, attraverso serate queer, incontri, assemblee e manifestazioni transfemministe: dal centro storico alla provincia, tuttə accomunatə da una lente radicale e fortemente intersezionale.

Come molti altri (tipo il Priot di Roma, lo scorso 1 Giugno) il Laguna Pride si discosta dalla logica ultra-sponsorizzata degli ultimi anni, e riporta la rivolta LGBTQIA+ alle sue origini:  una lotta che parte dal basso, svincolata da rainbow-washing o derive ultracapitaiste, e inclusiva non solo a parole ma soprattutto nei fatti: “I primi Pride erano dei corpi dissidenti e contro le forze dell’ordine, e se molti anche oggi cercano di mantenere questo spirito, tanti altri sono invece influenzati da multinazionali e piattaforme che rendono il mese del Pride un target da vendere a futuri acquirenti” spiegano lə attivistə del Laguna Pride, ribadendo che solo un’ottica davvero anticapitalista può permettere la liberazione di tutti i  corpi.

Un Pride che risparmia il concetto di ‘love is love‘,  e si muove su molti più piani: dalla sicurezza di ogni persona marginalizzata sul territorio alla salute delle persone neurodivergenti, ai diritti delle famiglie arcobaleno fino all’educazione affettiva, svincolata dalle logiche etero-patriarcali.

Un Pride sovversivo che denuncia anche l’inaccessibilità della città veneziana, con una marcia agibile anche a persone con disabilità o difficoltà motorie: “Siamo riuscitə a garantire solo metà del percorso, partendo da Campo Santa Margherita, dove verranno accolte tutte le persone in carrozzina,  fino a Zattere seguendo un percorso sicuro e libero per tuttə”.

All’ondata di icone e madrine esterne alla comunità (che rischiano spesso di occupare il posto delle categorie già marginalizzate), il Laguna Pride ha messo su una corporal artist, lasciando il palco aperto a tutte quellə artistə interessatə a partecipare o esprimersi: dalla House of Serenissima, a ballerinə di voguing, fino al trap transfemminista di Yung Paninaru e il coro LGBTQIA+ di Padova.

Intrecciando e stringendo rapporti con tutte quelle persone che il territorio veneziano lo vivono quotidianamente, il Laguna Pride va ben oltre i luoghi comuni, dando voce e spazio a una comunità queer veneziana stratificatissima, pronta a farsi sentire ancora più di prima.

 

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Carmine Alfano, le frasi choc del candidato sindaco di Torre Annunziata: "I ricchi*ni nel forno crematorio" - Carmine Alfano - Gay.it

Carmine Alfano, le frasi choc del candidato sindaco di Torre Annunziata: “I ricchi*ni nel forno crematorio”

News - Redazione 18.6.24
Guglielmo Scilla e la trasformazione fisica: "Allenarmi è diventato un viaggio liberatorio, ho faticato ad accettarmi" (VIDEO) - Guglielmo Scilla 2 - Gay.it

Guglielmo Scilla e la trasformazione fisica: “Allenarmi è diventato un viaggio liberatorio, ho faticato ad accettarmi” (VIDEO)

Corpi - Redazione 19.6.24
Mahmood per Paper Magazine

Mahmood apre il dibattito: “Sputo o lubrificante?”, e i fan si scatenano. I commenti più divertenti

Musica - Emanuele Corbo 19.6.24
Tormentoni Queer estate 2024

Estate 2024, quali sono i tormentoni queer? La playlist di Gay.it

Musica - Luca Diana 4.6.24
Calciatori Gay Italia Nazionale Europei 2024

“Uno o due calciatori gay nella Nazionale italiana agli Europei di Germania 2024”

Lifestyle - Redazione Milano 18.6.24
11 sportivi lgbt

Sport e comunità LGBTIQ+: 14 storie che devi conoscere

News - Gio Arcuri 18.6.24

Hai già letto
queste storie?

Emma Stone in Poor Things (2023)

Emma Stone difende le scene di sesso in Povere Creature

Cinema - Redazione Milano 19.1.24
parma pride 2024, sabato 18 maggio

Parma Pride 2024: sabato 18 maggio

News - Redazione 18.3.24
calta pride, caltagirone pride 2024

CaltaPride 2024: il primo pride di Caltagirone, sabato 20 luglio

News - Redazione 29.5.24
Malika Ayane madrina del Napoli Pride 2024: "Profondamente orgogliosa" - Malika Ayane - Gay.it

Malika Ayane madrina del Napoli Pride 2024: “Profondamente orgogliosa”

News - Redazione 23.4.24
Lodi Pride 2024: sabato 22 giugno - lodipride2024 sabato22 giugno 1 2 - Gay.it

Lodi Pride 2024: sabato 22 giugno

News - Redazione 8.5.24
belluno pride 2024, sabato 13 luglio

Belluno Pride 2024: sabato 13 luglio

News - Redazione 25.3.24
bergamo pride 2024, intervista

Bergamo Pride 2024, l’intervista: “È importante riconoscere che questo governo sta attaccando la comunità transgender”

News - Gio Arcuri 12.6.24
Barbara Masini Azione Elezioni Europee

Europee 2024, intervista a Barbara Masini di Azione: “Italia peggiorata sui diritti, le famiglie sono tutte uguali”

News - Federico Boni 14.5.24