Matteo Renzi e Alessandro Zan, botta e risposta sulla legge contro l’omotransfobia

Italia Viva accusa il PD e il PD accusa Italia Viva. Il DDL Zan è morto e volano stracci tra i due partiti.

Matteo Renzi e Alessandro Zan, botta e risposta sulla legge contro l'omotransfobia - Zan vs Renzi - Gay.it
3 min. di lettura

A pochi giorni dall’affossamento in Senato del DDL Zan, caduto al cospetto del voto segreto per mano di 154 anonimi senatori, è ancora bagarre politica tra Partito Democratico e Italia Viva. Perché entrambi gli schieramenti si scambiano accuse al vetriolo, colpevolizzando l’altro per la morte della legge contro l’omotransfobia, la misoginia e l’abilismo.

In tal senso Matteo Renzi e Alessandro Zan hanno preso carta e penna per scrivere due lettere a LaRepubblica. Il primo a farlo è stato il leader di Italia Viva, assente mercoledì scorso in Senato perché in Arabia Saudita. L’ex sindaco di Firenze parla di “campo dei progressisti” divisi in due. “Da un lato i riformisti, che vogliono le leggi anche accettando i compromessi“, scrive Renzi facendo riferimento al proprio partito. “Dall’altro i populisti, che piantano bandierine e inseguono gli influencer, senza preoccuparsi del risultato finale“, insiste il senatore guardando al Pd. “I primi fanno politica, gli altri fanno propaganda“. Renzi accusa il Partito Democratico di aver “deliberatamente scelto di rischiare sulla pelle delle persone omosessuali, transessuali, con disabilità. I dirigenti Dem hanno preferito scrivere post indignati sui social anziché scrivere leggi in Gazzetta Ufficiale. E naturalmente si è scatenata la campagna di aggressione contro chi proponeva il compromesso, a cominciare da Italia Viva“.

L’ex presidente del Consiglio, a questo punto, torna ancora una volta a rivendicare la legge sulle unioni civili, approvata dal suo governo nel 2015. Una legge, rimarca Renzi, “figlia del compromesso e della scelta di mettere la fiducia fatta dall’allora governo. Fino ad allora e dopo di allora la sinistra preferiva e anche oggi preferisce riempire le piazze, fare i cortei, cullarsi nella convinzione etica di rappresentare i buoni, il popolo, contro i cattivi, il Parlamento. Additare il Parlamento come il luogo dei cattivi e la piazza come il luogo dei buoni: anche questo è populismo”. Renzi ribadisce che il DDL Zan è “fallito per colpa di chi ha fatto male i conti e ha giocato una battaglia di consenso sulla pelle di ragazze e ragazzi che non si meritavano questa ferita“.

Rinunciare al compromesso possibile per sognare la legge impossibile è stata una scelta sbagliata, figlia dell’incapacità politica del Pd e dei Cinque Stelle“, conclude il leader IV. “La sbandierata presunta superiorità morale, il rifiuto aprioristico di qualsiasi mediazione, la scelta di mettersi a posto la coscienza senza sporcarsi le mani: queste le caratteristiche di una sinistra che, in tutto il mondo, fa prevalere l’ansia di visibilità mediatica e social alla fatica dei risultati concreti. Noi siamo altrove“.

Passate 24 ore, Alessandro Zan ha replicato a Renzi sempre dalle pagine de LaRepubblica, con un’altra lettera fiume in cui il deputato Pd accusa il senatore di Italia Viva di “tatticismo“, perché dopo aver “sostenuto la legge alla Camera” ha poi deciso di “metterla in discussione e farla morire al Senato“. Una scelta, scrive Zan, che “non ha solo fatto vergognare l’Italia, ma ha anche nutrito la delusione cronica di ragazze e ragazzi che avvertono la politica come una pratica lontana, distante, aliena“.

Il senatore Renzi ci accusa di populismo, ma non tutto quello che è popolare è populista“, insiste il deputato Pd. “Non tutto quello che sta a cuore ai cittadini è populista. La verità è che chi diceva di voler mediare in realtà mirava a cancellare l’identità di genere, ovvero escludere le persone trans da ogni tutela. La nostra fermezza non era per inseguire il consenso, ma per non lasciare indietro una delle comunità più vulnerabili e marginalizzate“. Zan ricorda come il presidente degli Stati Uniti Joe Biden stia lottando per i diritti delle persone transgender. “Se Renzi ha voglia di conoscere il populismo, può guardare alla Polonia o all’Ungheria dove Orbán – i cui alleati italiani sono Matteo Salvini e Giorgia Meloni, con i quali Renzi suggeriva di trattare – ha compresso prima le libertà civili e poi quelle democratiche“, continua il deputato.

Dinanzi alle unioni civili approvate dall’allora Governo Renzi, Zan si dice ovviamente grato, se solo “non ci fossero ogni volta ricordate come una magnanima concessione, come se dovessimo imparare ad accontentarci, a stare al nostro posto in attesa della prossima congiuntura favorevole, che potrebbe benissimo arrivare tra una generazione“.  Un DDL Zan, quello approvato alla Camera un anno fa, già “frutto di tante mediazioni“, ricorda Zan, “molte delle quali proposte proprio da Iv, ed eravamo disposti a raggiungere altre mediazioni”. “Quel che non avremmo potuto accettare era approvare una legge discriminatoria. Siamo andati sotto al Senato non perché non conosciamo la matematica, ma perché avevamo riposto fiducia in certi nostri compagni di strada. Fiducia forse mal riposta, ma ampiamente compensata dall’entusiasmo delle centinaia di migliaia di persone che in questi giorni riempiono le piazze italiane. Continueremo a portare la loro voce in Parlamento“.

Ad oggi, 31 ottobre 2021, appare praticamente impossibile immaginare una futura alleanza elettorale tra Italia Viva e Partito Democratico. Queste due lettere hanno probabilmente tracciato un solco irrecuperabile.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

HUGO™ 2: recensione dei due nuovi massaggiatori prostatici della LELO (che gli uomini sposati amano) - 1000056146 01 - Gay.it

HUGO™ 2: recensione dei due nuovi massaggiatori prostatici della LELO (che gli uomini sposati amano)

Corpi - Gio Arcuri 29.1.24
Ambra e il body shaming da parte della stampa quando aveva 17 anni: "Sottolineavano ovunque quanto fossi diventata grassa" - Ambra e il body shaming da parte della stampa quando aveva 17 anni - Gay.it

Ambra e il body shaming da parte della stampa quando aveva 17 anni: “Sottolineavano ovunque quanto fossi diventata grassa”

Culture - Redazione 22.5.24
Nemo vincitore Eurovision 2024

Nemo dopo l’Eurovision vola alla conquista degli States, ma “The Code” (per ora) non fa il botto

Musica - Emanuele Corbo 20.5.24
La Lega presenta una proposta di legge per "vietare l'insegnamento delle teorie gender nelle scuole" - Laura Ravetto - Gay.it

La Lega presenta una proposta di legge per “vietare l’insegnamento delle teorie gender nelle scuole”

News - Redazione 24.5.24
“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Piper, Lamoglia, Ghali e altri - Specchio Specchio - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Piper, Lamoglia, Ghali e altri

Culture - Redazione 23.5.24
Billie Eilish, è uscito il nuovo album "Hit Me Hard and Soft"

Billie Eilish ritrova se stessa e plasma di nuovo il pop alla sua (gigante) maniera

Musica - Emanuele Corbo 21.5.24

Continua a leggere

Erika Hilton è la seconda deputata trans del Brasile.

“Avete il potenziale per cambiare”, così parla Erika Hilton, deputata trans* del Brasile

News - Redazione Milano 5.12.23
sondrio-manifesti-provita

Sondrio, anche qui spuntano i manifesti ProVita: “Basta confondere l’identità sessuale dei bambini”

News - Francesca Di Feo 11.12.23
Via all'iter per il riconoscimento della Carriera Alias al personale dipendente di Roma Capitale - Carriera Alias - Gay.it

Via all’iter per il riconoscimento della Carriera Alias al personale dipendente di Roma Capitale

News - Redazione 24.4.24
Tim Walberg, bufera sul repubblicano che difende l'omofoba legge dell'Uganda "Kill the Gay" - Tim Walberg - Gay.it

Tim Walberg, bufera sul repubblicano che difende l’omofoba legge dell’Uganda “Kill the Gay”

News - Redazione 29.12.23
Famiglie Arcobaleno dopo la sentenza della Corte d'Appello: "Ci vuole una legge, è palese discriminazione omofobica" - Famiglie Arcobaleno Sentenza Cassazione - Gay.it

Famiglie Arcobaleno dopo la sentenza della Corte d’Appello: “Ci vuole una legge, è palese discriminazione omofobica”

News - Federico Boni 6.2.24
Gabriel Attal, il nuovo premier di Francia è il primo dichiaratamente gay nonché il più giovane di sempre - Gabriel Attal - Gay.it

Gabriel Attal, il nuovo premier di Francia è il primo dichiaratamente gay nonché il più giovane di sempre

News - Redazione 9.1.24
decreto genitori

Corte d’Appello smentisce il decreto Salvini sulle carte d’identità dei minori: “Applicare la dicitura “genitori””

News - Redazione 15.2.24
Caitlyn Jenner sostiene ancora Donald Trump e dispensa ancora transfobia - Caitlyn Jenner - Gay.it

Caitlyn Jenner sostiene ancora Donald Trump e dispensa ancora transfobia

News - Redazione 19.3.24