Se il Papa va a fare visita a Victor Orban…

Il Pontefice è volato in Ungheria, dove ha ufficialmente incontrato il premier più estremista, omofobo, xenofobo e pericoloso d'Europa.

Se il Papa va a fare visita a Victor Orban... - Ungheia Papa - Gay.it
2 min. di lettura

Papa Francesco è atterrato a Budapest, con il suo primo volo internazionale dopo il ricovero al Gemelli dello scorso luglio. Il Pontefice ha quindi scelto l’omotransfobica e xenofoba Ungheria, con tanto di incontro ufficiale con il primo ministro ungherese Viktor Orbán e il presidente della Repubblica János Áder, come prima tappa del suo viaggio apostolico. Presenti anche il segretario di Stato Pietro Parolin e il segretario per i Rapporti con gli Stati, Paul Gallagher, per un colloquio durato circa 40 minuti. Il Vaticano, scrive Repubblica, non vuole che l’incontro con Orbán sia strumentalizzato politicamente. Peccato che tutto ciò che faccia il Pontefice venga automaticamente ‘strumentalizzato politicamente’. È così da sempre. Soprattutto se il Papa va a trovare il premier più estremista d’Europa, censurato e minacciato dalla stessa UE. “Dobbiamo vigilare, dobbiamo pregare e impegnarci a promuovere insieme una educazione alla fraternità, così che i rigurgiti di odio che vogliono distruggerla non prevalgano. Penso alla minaccia dell’antisemitismo, che ancora serpeggia in Europa e altrove. E’ una miccia che va spenta“, ha detto il Papa dinanzi ai vescovi e ai Rappresentanti del Consiglio ecumenico delle Chiese e di alcune Comunità ebraiche dell’Ungheria, Paese in cui l’odio serpeggia più che mai.

La legge omotransfobica ungherese ‘contro la propaganda LGBT’ in stile putiniano ha sconvolto l’Europa, con Orban inflessibile nel tenere la propria posizione tanto dall’aver chiesto un referendum popolare. Una legge, lo ricordiamo, che equipara l’omosessualità alla pedofilia, censurando qualsivoglia “contenuto” considerato a tinte LGBT. Da anni il mondo guarda con paura all’estremismo del premier ungherese, che ha cancellato le persone trans per via costituzionale, sottolineando come “La famiglia” sia “solo uomo e donna”. La stessa Ungheria che censura Billy Elliot perché “promuove l’omosessualità”. L’Ungheria che multa la Coca Cola a causa di uno spot con coppie gay al suo interno, che “danneggia i minori”. L’Ungheria che ordina un disclaimer sui libri con contenuti LGBT, etichettati con la dicitura “comportamenti non tradizionali”. L’Ungheria che vuole “proteggersi dai migranti”, dopo il ritorno dei talebani al potere in Afghanistan. L’Ungheria a cui guardano e ammiccano Matteo Salvini e Giorgia Meloni.

Proprio quel Paese lì è stato visitato da Papa Francesco, a cui Orbán ha chiesto “di non far perire il cristianesimo in Ungheria“. Tra i vari argomenti trattati con Bergoglio, “il ruolo della Chiesa nel Paese, l’impegno per la salvaguardia dell’ambiente, la difesa e la promozione della famiglia“. Quello stesso Pontefice che sul fronte dei diritti LGBT ha comunicato di tutto e di più, alternando la faccia buona a quella cattiva, tra bastone e carota. Ma certo è che a pochi mesi dall’ingerenza vaticana sul DDL Zan, con tanto di nota minatoria inviata al Governo Draghi per cestinare una volta per tutte la legge contro l’omotransfobia, misoginia e abilismo, questo viaggio ufficiale in Ungheria da parte di Papa Bergoglio suona come un clamoroso endorsement al premier più pericoloso del Vecchio Continente.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
burg333 13.9.21 - 16:54

Assolutamente d'accordo con maschioroma e QaF. L'Italia a rischio di convertirsi in una prossima nuova Ungheria/Polonia e massima ipocrisia della Chiesa transomofoba e doppiogiochista. Smussare la clava restando la guida dei cavernicoli, omofobi e ignoranti, questo è la Chiesa. Nuova faccia, stessa sostanza. Molto più pericoloso di prima però, perché l'omofobia rischia di non essere più riconoscibile se così subdola e velata da una finta tolleranza strumentale. Così la violenza continuerà a crescere e a normalizzarsi, mentre chi la perpetua non avrà responsabilità apparenti e quindi non ci sarà un colpevole. La nostra vita e sicurezza per il loro dominio, questa è l'offerta. C'è un bisogno estremo di una legge che ci tuteli in un contesto culturale così cronico. L'omotransfobia non si risolverà mai da sola, resterà attiva e verrà anche alimentata per questioni ideologiche (di egemonia culturale cristiana patriarcale), e senza una protezione legale le persone LGBTQ ne pagheranno sempre il prezzo. E a queste aggiungiamo anche le donne in totale e le persone disabili. Facciamo attenzione a chi votiamo, la nostra libertà non è gradita al mondo patriarcale cristiano machista, eteronormativo ed omotransfobico. E probabilmente non lo sarà mai. Lottiamo da anni eppure, paradossalmente mentre la società sembra avanzare, dobbiamo ancora guadagnarci il diritto all'incolumità, non abbiamo ancora finito di lottare. Chi si è rilassato in questi anni, si rimbocchi le maniche perchè si ricomincia.

Avatar
Anonimo 12.9.21 - 15:36

In queste ore si legge della recente visita di Salvini in Vaticano da cui è uscito con una rinnovata intesa sui "temi scottanti" (parole loro) e un assist politico notevole da parte del segretario di stato vaticano Parolin. Possiamo benissimo immaginare quali siano i "temi scottanti" su cui si sono trovati d'accordo... Se alle prossime elezioni vinceranno i fan di Orban Salvini e Meloni faremo la fine dell'Ungheria. Ricordiamolo al momento del voto.

Avatar
maschioroma 12.9.21 - 13:32

Non vedo cosa ci sia da meravigliarsi, la Chiesa Cattolica è da sempre la principale fonte di omofobia e di avversione contro i gay. Da quando nei paesi occidentali sono stati riconosciuti legalmente i diritti dei gay ha cambiato strategia, l'omofobia non è più esplicita ma subdola, cerca addirittura di accreditarsi come protettrice dei gay, ma ormai solo gli allocchi ci cascano. Non gli sembra quindi vero al Papa un paese europeo come l'Ungheria che nega i diritti gay, come non andare a omaggiarlo e onorarlo!

Trending

Marco Mengoni per un noto brand di gioielli

Marco Mengoni è un gioiello, ma la verità è che tutti guardano un’altra cosa

Musica - Emanuele Corbo 10.4.24
GialappaShow, Gigi è Mahmood con i ballerini cileni (VIDEO) - Gigi e Mahmood - Gay.it

GialappaShow, Gigi è Mahmood con i ballerini cileni (VIDEO)

Culture - Redazione 11.4.24
Ciao Maschio 2024, intervista alle Karma B: "Caro Salvini le facciamo questa domanda...." - Karma B Ciao Maschio 4 - Gay.it

Ciao Maschio 2024, intervista alle Karma B: “Caro Salvini le facciamo questa domanda….”

Culture - Federico Boni 12.4.24
Angelina Mango è pronta per l'Eurovision Song Contest che si terrà a maggio in Svezia

Perché Angelina Mango può vincere Eurovision 2024

Musica - Emanuele Corbo 11.4.24
Bradley Riches di Heartstopper annuncia il fidanzamento con Scott Johnston: "Ti amo immensamente" - heartstopper bradley riches engagement - Gay.it

Bradley Riches di Heartstopper annuncia il fidanzamento con Scott Johnston: “Ti amo immensamente”

Culture - Redazione 11.4.24
Victoria De Angelis dei Maneskin, vacanza romantica e baci social con l'amata Luna Passos (FOTO) - Victoria De Angelis dei Maneskin vacanza romantica e baci social con lamata Luna Passos FOTO - Gay.it

Victoria De Angelis dei Maneskin, vacanza romantica e baci social con l’amata Luna Passos (FOTO)

News - Redazione 9.4.24

Leggere fa bene

nichi-vendola-gestazione-per-altri

Nichi Vendola eletto Presidente di Sinistra Italiana, Paolo Mieli: “Ora dovrà dire quanto è costato suo figlio” (AUDIO)

News - Federico Boni 27.11.23
Elezioni USA 2024, Donald Trump vs. Ron DeSantis. È incubo omobitransfobia con il candidato repubblicano - donald trump vs. ron desantis - Gay.it

Elezioni USA 2024, Donald Trump vs. Ron DeSantis. È incubo omobitransfobia con il candidato repubblicano

News - Federico Boni 2.11.23
Florida legge anti-LGBT Gay.it

Roma, il Comune ipotizza corsi LGBTQIA+ nelle scuole. E la destra attacca

News - Redazione 20.10.23
alessia-crocini-mennuni

Alessia Crocini risponde alla senatrice Mennuni sulla maternità: “Le parole di una privilegiata”

News - Francesca Di Feo 28.12.23
I repubblicani d'America presentano legge per bandire le atlete trans dalla squadra olimpica - Laurel Hubbard 1 - Gay.it

I repubblicani d’America presentano legge per bandire le atlete trans dalla squadra olimpica

News - Federico Boni 7.2.24
La Cassazione rigetta il ricorso di Pillon. Definitiva la condanna per diffamazione ai danni di un'associazione LGBTQIA+ - Simone Pillon - Gay.it

La Cassazione rigetta il ricorso di Pillon. Definitiva la condanna per diffamazione ai danni di un’associazione LGBTQIA+

News - Redazione 23.11.23
elly schlein partio democratico

Elly Schlein: “Meloni ha giù fallito, l’alternativa è l’eguaglianza”

News - Redazione Milano 11.11.23
Chi è Mike Johnson, il nuovo speaker della Camera Usa che voleva bandire il sesso gay - Mike Johnson 2 - Gay.it

Chi è Mike Johnson, il nuovo speaker della Camera Usa che voleva bandire il sesso gay

News - Federico Boni 27.10.23