Perché ecologia e comunità queer vanno di pari passo

La salvaguardia del nostro Pianeta e le battaglie LGBTQIA+ non sono affatto così distanti, e dovrebbero coinvolgerci tuttǝ.

Perché ecologia e comunità queer vanno di pari passo - truth and beauty painting conservation 1 0 - Gay.it
3 min. di lettura

C’era un periodo che mi credevo davvero Greta Thunberg.

Ho cominciato ad andare ai Friday For The Future, ho smesso di lasciare lo spinotto della ciabatta acceso tutta la notte, ho controllato come fare l’indifferenziata, e smesso di comprare l’acqua in plastica: meglio la mia borraccia termica, decorata con fiori fiamminghi, che porto dove voglio io.

Ho anche smesso di comprare nei grandi centri: preferisco quel negozio dell’usato, il capo vintage rovistato nella cesta. Ci vanno tutti ormai a comprare all’usato, anche i borghesi come te. 
Ho comprato uno spazzolino di bambù.

Poi un giorno la mia Greta Thunberg ha cominciato a vacillare: ripulire per bene il barattolo della Nutella mi pesa più del previsto, dimentico le buste della spesa a casa ogni singola volta e quindi accumulo mille inutili sacchetti di plastica, consumo più carne del consentito.

Alcune cose le trova solo nel negozio fast-fashion.

La mia Greta ci tiene all’ecosistema solo quando è comoda e non viene privata dei suoi privilegi, non compromettendo le sue abitudini dure a morire.

Quando ho cominciato e smesso di impegnarmi all’ecosistema? Da dov’è cominciato e finito?

Tutto è iniziato con il senso di colpa e i cazziatoni di una quattordicenne finlandese che ha attirato l’attenzione del mondo intero. Ma oltre il senso di colpa misto all’innegabile fascino dell’intera operazione, forse non ho davvero capito cosa stavo facendo. C’era sempre altro a cui pensare, battaglie diverse che mi pesano sulla schiena ogni giorno.

La Terra può aspettare.

Ma le battaglie della comunità LGBTQIA+ e la salvaguardia del nostro pianeta sono davvero così distanti?



Recentemente sono incappato nel termine queer ecology” (ne parla anche il nostro Angelo Rosa in un altro nostro articolo), parola che in un primo momento può far rigirare le biglie degli occhi di trecentosessanta gradi, smussare qualche riflessione in più, o come nel mio caso, entrambe le cose.

Perché ecologia e comunità queer vanno di pari passo
Dipinto di Raphael Perez

Come la comunità queer in sé, anche l’ecologia queer smantella lo sguardo eteronormato che abbiamo della natura: anch’essa si oppone al modello binario, lo stesso che divide maschile e femminile in scompartimenti stagni e separa esseri umani da mondo naturale.

La natura come l’essere queer è imprevedibile, variabile, aperta ad ogni possibilità e completamente svincolata dalle leggi dell’uomo bianco. Semmai, rischia di esserne schiacciata e deturpata, per poi ribellarsi al sistema imperante.

Queer Ecology è un reminder che tutto quello che non sappiamo sul mondo naturale sarà sempre più grande di quello che pensiamo di conoscere” spiega lo scrittore ed ecologista Alex Johnson “e partendo da questa unica verità, ci supplica di agire”. 



In sostanza: alla base dell’intersezionalità (e quindi il principio che ogni causa per cui ci battiamo — protestando per strada o condividendo le iconografiche degli attivisti su Instagram — è concatenata all’altra) c’è il fatto che ogni movimento che ha come obiettivo cambiare la nostra società e renderla più vivibile per tutt*, parte da presupposti diversi – femminismo, razzismo, abilisimo, o diritti LGBTQIA+, body positivity – ma si batte per la stessa lotta.

Solo recentemente un articolo del Guardian, evidenziava come in seguito ad alcuni studi della Penn State University, alcuni uomini non sono propensi a fare la raccolta differenziata, o azioni considerate positive per l’ambiente, perché “li fa passare per gay”, che nel linguaggio della mascolinità tossica, significa “più femmina e anche più debole”.

Potrebbero esserci conseguenze subdole, legate al genere, quando inneschiamo determinati comportamenti a favore dell’ambiente.” spiega la psicologa Janet . Swim. “Se essere percepiti come eterosessuali è così importante per una persona, quella persona darà priorità a comportamenti considerati conformi al proprio genere piuttosto che essere pro-ambiente”.

Perché ecologia e comunità queer vanno di pari passo
Apollo with Daphne as a Boy, di Hernan Bas (2004)

Non possiamo vincere una battaglia, senza portare avanti anche l’altra perché in entrambi i casi, il fine è sempre ribaltare il sistema di potere che persevera intolleranza e oppressione: come noi persone queer ci uniamo contro il sistema binario e i ruoli di genere, anche l’ecologia crea una comunità solida e unita che sfida le norme sociali mirate all’individualismo, la materialità e il consumismo.




Se smantellare una visione eteronormata non avviene dall’oggi al domani, non possiamo nemmeno sbarazzarci di tutte le nostre tendenze poco eco-friendly in uno schiocco di dita.

Ma l’ecologia, come il modello queer, insinua il seme del dubbio, della messa in discussione, confuta quelle presunte verità e ci risveglia dal torpore.

Anche senza essere Greta Thunberg.

Per saperne di più sulla Queer Ecology e lǝ attivistǝ ambientalistǝ queer:

Queer Ecology: la prossima generazione di attivistǝ ambientalistǝ è queer

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Paolo Camilli

Paolo Camilli: “La mia omosessualità? L’ho negata fino alla morte con me stesso” – intervista

Culture - Luca Diana 23.2.24
Eurovision 2024, Angelina Mango vola secondo i bookmakers. Le ultime quote - Angelina Mango - Gay.it

Eurovision 2024, Angelina Mango vola secondo i bookmakers. Le ultime quote

News - Redazione 23.2.24
transgender allattamento seno

Le mamme transgender e i genitori AMAB possono allattare: lo dice la scienza

Corpi - Francesca Di Feo 22.2.24
Ricky Martin: "Se avessi fatto coming out nel 1999 credo che non avrei avuto lo stesso successo" - Ricky Martin per GQ - Gay.it

Ricky Martin: “Se avessi fatto coming out nel 1999 credo che non avrei avuto lo stesso successo”

Culture - Redazione 23.2.24
John Cena è su Only Fans?

Ma John Cena è davvero su Only Fans?

Culture - Riccardo Conte 23.2.24
Foto: SchiDechDaily

Parità di genere nella Preistoria? Le donne erano cacciatrici come gli uomini (e anche meglio!)

News - Redazione Milano 20.2.24

Leggere fa bene

egualitario matrimonio gay matrimonio omosessuale

In Italia il 73% delle persone è favorevole al matrimonio egualitario

News - Federico Boni 30.11.23
Wonty Media, grande festa per la factory romana che ha Diversity e Inclusion come pilastri - Wonty Paolo Camilli Riccardo Pirrone Francesco Rellini 1 - Gay.it

Wonty Media, grande festa per la factory romana che ha Diversity e Inclusion come pilastri

Culture - Redazione 21.9.23
Veganuary - Di Pazza e la cucina vegetale

Di Pazza: cos’è il Veganuary e l’insostenibile leggerezza del vegetale

Culture - Emanuele Cellini 11.1.24
Galles, il 33% della popolazione si definisce queer - Galles - Gay.it

Galles, il 33% della popolazione si definisce queer

News - Redazione 21.12.23
Jamie Lee Curtis contro l’omobitransfobia in nome della religione: "Amore e umanità sono il centro della comunità gay e trans" - Jamie Lee Curtis - Gay.it

Jamie Lee Curtis contro l’omobitransfobia in nome della religione: “Amore e umanità sono il centro della comunità gay e trans”

Culture - Federico Boni 10.11.23
famiglie-arcobaleno

Padova, colpo di scena dalla Procura: si può tornare alla Corte costituzionale per difendere l’uguaglianza di tutte le famiglie

News - Redazione 14.11.23
Tango Queer Roma: il ballo fluido e liberato dagli stereotipi - maxresdefault - Gay.it

Tango Queer Roma: il ballo fluido e liberato dagli stereotipi

Culture - Emanuele Cellini 3.11.23
sex-worker-trans-argentina-rifugiata

Donna argentina, trans, sex worker: questa storia ci spiega perché dobbiamo tutelarla

News - Francesca Di Feo 28.10.23