Regno Unito: come la destra del governo Sunak distrugge decenni di progressi LGBTIQ+

Attacchi alla comunità trans, "tasse sui gay" e omobitransfobia istituzionale a tutti i livelli: resoconto.

ascolta:
0:00
-
0:00
governo-sunak-lgbtqia
4 min. di lettura

All’inizio del mese avevamo affrontato le dichiarazioni altamente problematiche fatte dal Primo Ministro britannico, Rishi Sunak, riguardanti la comunità LGBTQIA+. In particolare, Sunak aveva focalizzato la sua attenzione sulle persone trans, utilizzando questo tema come punto di partenza per il suo discorso alla conferenza del Partito Conservatore.

Non dovrebbe essere controverso per i genitori sapere cosa viene insegnato ai loro figli a scuola sulle relazioni. I pazienti dovrebbero sapere quando negli ospedali si parla di uomini o donne.  Non dovremmo essere costretti a credere che le persone possano avere qualsiasi sesso vogliano avere. Non possono. Un uomo è un uomo, e una donna è una donna, questo è solo buon senso”.

In linea con la tradizione conservatrice, le oltraggiose osservazioni di Sunak erano state accolte da un’ondata di applausi. E anche se questa non è nemmeno lontanamente la prima volta che un importante politico britannico si mostra apertamente transfobico in pubblico, per molti versi sono state proprio queste dichiarazioni a cementare la situazione disastrosa per la comunità LGBTQIA+ in UK. 

Come l’Italia, anche il Regno Unito, un altro Stato appartenente al blocco occidentale europeo, sta quindi diventando un ambiente non sicuro per la comunità LGBTQIA+.

Governo Sunak: la storia della persecuzione LGBTQIA+ in UK fin’ora

Per un’analisi accurata delle evoluzioni più allarmanti, è indispensabile esaminare l’insieme delle recenti dichiarazioni di Sunak e dei membri del suo governo.

Questo ci permetterà di comprendere tutte le maniere in cui i diritti delle persone queer nel Regno Unito sono a rischio di essere progressivamente e irrevocabilmente erosi, ma anche di fare un paragone con la nostra situazione.

Innanzitutto, è cruciale sottolineare che durante il periodo della governance conservatrice, gli episodi di abusi omofobici hanno registrato un notevole incremento nel Regno Unito.

Secondo i dati, nel 2020 il numero totale di crimini d’odio ha superato per la prima volta la soglia dei 100.000 casi, segnando un picco mai raggiunto dalla prima raccolta di dati nel biennio 2011-2012.

Il più significativo aumento percentuale è stato riscontrato nei crimini d’odio transfobici, con un incremento del 16%, arrivando a 2.540 episodi.

Senza una legge contro i reati d’odio omobitransfobici, risulta difficile quantificare precisamente l’entità del fenomeno anche nel nostro paese. Tuttavia, le similitudini sono evidenti. 

In aggiunta, va considerata l’ampia gamma di politiche anti-LGBTQIA+ introdotte negli ultimi anni dal governo Sunak, tutte con l’obiettivo esplicito di erodere i diritti e l’esistenza delle persone queer, in particolare degli individui transessuali e non binari.

Durante la conferenza del Partito Conservatore tenutasi a Manchester, il Segretario alla Sanità Steve Barclay aveva annunciato di aver ordinato la rimozione dei “cambiamenti inaccettabili” apportati al sito web del servizio sanitario nazionale, che utilizzava un linguaggio di genere inclusivo per malattie come il cancro cervicale.

Barclay si era poi nuovamente scagliato sul servizio sanitario nazionale per aver istruito il personale a dichiarare i propri pronomi nell’approccio a un* nuov* paziente.

Una menzione particolare va poi a Suella “Cruella” Braverman – Segretaria per gli Interni – per aver lasciato intendere che i richiedenti asilo “fingano di essere gay” per entrare nel Regno Unito.

Sunak è stato altresì molto esplicito riguardo ai suoi progetti di eliminare i bagni neutri. Ad agosto, il governo britannico ha annunciato che tutti i nuovi edifici dovranno essere dotati di bagni separati in base al sesso biologico.

Una decisione che mette indiscutibilmente a rischio le persone trans, così come tutti gli individui queer con identità di genere fluide. La mossa rappresenta un ulteriore passo indietro nella salvaguardia dei diritti e dell’integrità delle persone appartenenti alla comunità LGBTQIA+, intensificando un contesto già di per sé ostile.

Vi è poi la delicata questione delle terapie di conversione. Da anni, le organizzazioni di difesa dei diritti LGBTQIA+ sollecitano il governo del Regno Unito a proibire questa pratica. Con l’arrivo del governo Sunak, l’ipotesi sembra però essere sfumata del tutto. 

Oltre a tutto ciò, recenti studi evidenziano come le coppie dello stesso sesso che ricorrono alla fecondazione in vitro nel Regno Unito siano obbligate a spendere migliaia di sterline per attestare la loro infertilità prima che il servizio sanitario nazionale consideri l’opzione di finanziare il trattamento.

Infatti, alcune coppie sono costrette a finanziare privatamente tra i tre e i dodici cicli di inseminazione artificiale. Alcune di queste hanno dichiarato di aver sostenuto spese superiori a 20.000 sterline per tali trattamenti. Contrariamente, per le coppie eterosessuali, il processo è notevolmente meno oneroso.

Questa disparità di trattamento economico è stata talmente evidente che diversi attivisti hanno iniziato a definirla come una “tassa sui gay”, mettendo in luce un altro aspetto della discriminazione sistematica nei confronti della comunità LGBTQIA+ nel Regno Unito.

In un’epoca contrassegnata dai devastanti effetti del cambiamento climatico, da una crisi economica senza precedenti e dai conflitti armati, sembra che le priorità dei partiti di orientamento conservatore, sia in Europa che altrove, siano focalizzate sulla persecuzione delle minoranze.

In Italia, gli incessanti attacchi alle famiglie arcobaleno, quelli alle carriere alias e un crescente clima di omofobia e transfobia istituzionali stanno compromettendo la qualità di vita di centinaia di migliaia di cittadini, oggi relegati a una condizione di “serie B”.

L’osservazione che una dinamica simile si manifesti anche in altri paesi europei come il Regno Unito, la Slovacchia e l’Ungheria costituisce un serio campanello d’allarme, che richiede un’analisi scrupolosa dei fattori che hanno condotto a situazioni analoghe.

La convergenza di queste tendenze in Europa rappresenta non solo un attacco ai diritti umani fondamentali, ma anche un segno preoccupante dell’indirizzo politico e sociale che alcune nazioni stanno prendendo.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Russia, arrestate due donne per un bacio e costrette alle scuse pubbliche: “Nuocete alla psiche dei minori” - Russia arrestate due donne per un bacio social e costrette alle scuse pubbliche - Gay.it

Russia, arrestate due donne per un bacio e costrette alle scuse pubbliche: “Nuocete alla psiche dei minori”

News - Redazione 19.2.24
taiwan-intervista-post-elezioni (5)

Taiwan: “La Cina una minaccia costante, soprattutto per la comunità queer” parla un’attivista LGBTIQ+

News - Francesca Di Feo 14.2.24
Eurovision 2024, Angelina Mango tra le favorite dei bookmakers. Le quote ufficiali - Angelina Mango 1 - Gay.it

Eurovision 2024, Angelina Mango tra le favorite dei bookmakers. Le quote ufficiali

Culture - Redazione 14.2.24
Sanremo 2025, a chi affidare il dopo Amadeus? Tutti i nomi in ballo, tra ipotesi concrete e utopistiche - Sanremo 2025 - Gay.it

Sanremo 2025, a chi affidare il dopo Amadeus? Tutti i nomi in ballo, tra ipotesi concrete e utopistiche

Culture - Federico Boni 15.2.24
Eurovision 2024, i BIG in gara per San Marino. Ci sono i Jalisse, Marcella Bella e (forse) Loredana Bertè - Una Voce per San Marino 2024 - Gay.it

Eurovision 2024, i BIG in gara per San Marino. Ci sono i Jalisse, Marcella Bella e (forse) Loredana Bertè

Culture - Redazione 19.2.24
I film LGBTQIA+ della settimana 19/25 febbraio tra tv generalista e streaming - film 2024 - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 19/25 febbraio tra tv generalista e streaming

Cinema - Federico Boni 19.2.24

I nostri contenuti
sono diversi

Marius Madalin Musat e Jonathan Bazzi

Jonathan Bazzi “Cos’ha Milano di inclusivo e anticlassista?”, aggredito in Porta Venezia con il suo compagno Marius Madalin Musat

News - Redazione Milano 4.1.24
"I gay sono dei perveriti", e la Corte bulgara dà ragione alla cantante Milena Slavova - Milena Slavova - Gay.it

“I gay sono dei perveriti”, e la Corte bulgara dà ragione alla cantante Milena Slavova

News - Redazione 13.10.23
omofobia melito napoli donna lesbica

Aggredita con pugni e schiaffi “Sei una sporca lesbica”: è l’Italia del Generale Vannacci

News - Giuliano Federico 23.8.23
Messico, il presidente Obrador definisce "un uomo vestito da donna" la deputata trans Salma Luevano - Andres Manuel Lopez Obrador - Gay.it

Messico, il presidente Obrador definisce “un uomo vestito da donna” la deputata trans Salma Luevano

News - Redazione 10.1.24
Suella Braverman elton john

Rifugiati LGBTIQ+ non sono da proteggere? Elton John risponde così alla ministra britannica

News - Francesca Di Feo 29.9.23
la-normalita-dell-amore

Il mio libro di risposta a Vannacci: “La normalità dell’amore”, così un ragazzo replica alle retoriche d’odio del generale

Culture - Francesca Di Feo 1.2.24
alfortville arrestato 14enne bullo che insultava 15enne transgender

Insulti e minacce di morte a una 15enne trans, arrestato a scuola un 14enne: polemiche in Francia

News - Giuliano Federico 22.9.23
Pasquale Ciano, aggressione omofoba a Sitges: "Ho rischiato di perdere l'occhio" - Pasquale Ciano 2 - Gay.it

Pasquale Ciano, aggressione omofoba a Sitges: “Ho rischiato di perdere l’occhio”

News - Redazione 13.12.23